Vai al contenuto
Rinaldino

Cinema

Recommended Posts

In questo periodo mi diverto a vedere alcune vecchie puntate della serie Derrick, le danno la sera sul tardi in televisione su TV2000, dopo la messa, il concerto o l'intervista alla famiglia cattolica :D, è bene ricordare che Derrick era la serie preferita da Giovanni Paolo II. Trame semplicissime, dialoghi "sticomitici", tedesconi con giacche di pelle e baffoni, femmine simil-fatali strette in colli di pelliccia, realismo e melodramma fassbinderiano. :o

alle 17:20 il sabato e la domenica invece c'è il programma sulle possessioni diaboliche :ninja:

io ogni tanto lo guardo (e poi non dormo la notte) :D

ma dove trovate il tempo di guardare tutti questi filmS?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

alle 17:20 il sabato e la domenica invece c'è il programma sulle possessioni diaboliche :ninja:

io ogni tanto lo guardo (e poi non dormo la notte) :D

Già, la rubrica si chiama significativamente: Vade retro. :D

L'hai visto questo film?

[media]http://www.youtube.com/watch?v=30KLEFl2Nvg

Gran bel film.

ma dove trovate il tempo di guardare tutti questi filmS?

Eh miroulina ma io non sono predisposto come te per il multitasking, non saprei mai gestire e neanche avrei risorse fisiche e mentali sufficienti per coro, univerisità, conservatorio, corso di tango, cucina, bridge ecc. Riservo le ore della sera fino alle 0.30 per ascolti-letture-visioni. Poi stop. :ninja:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Eh miroulina ma io non sono predisposto come te per il multitasking, non saprei mai gestire e neanche avrei risorse fisiche e mentali sufficienti per coro, univerisità, conservatorio, corso di tango, cucina, bridge ecc. Riservo le ore della sera fino alle 0.30 per ascolti-letture-visioni. Poi stop. :ninja:

ecco, così va meglio... ho eliminato parecchie zavorre negli ultimi mesi (e non so dire quanto mi senta meglio ora che ho mollato l'inutillimo conservatorio)

ciononostante riesco sì e no a guardarmi un film al mese, e quanto ad ascoltare musica non se ne parla proprio :o

Il filmS che dici non l'ho visto e qui in Lab non posso neanche guardare il video (siamo senza audio), ma quando vado a casa ci do un'occhiata ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Su RaiTre, ieri:

01D01484.jpg

Bellissimo poliziesco d'azione filmato dalle mani esperte del regista di tutti gli Arma Letale, Richard Donner, con un Bruce Willis che invecchia e migliora solo come il vino di qualità sa fare e per l'occasione anche ingrassato ed emaciato. Una storia ricca di tensione, corposa, che non lascia il tempo di riflettere data la sua vorticosa velocità e compattezza; lo script viene dritto dritto da una vecchia storia western e trasportato in una New York caotica e claustrofobica, delle piccole stradine, dei parcheggi squallidi, dei sotterranei polverosi. Il film mette sotto accusa alcune strutture dirigenziali della polizia statunitense e lo fa coniugando direi al massimo grado, le esigenze dello spettacolo insite nel genere e l'intelligenza dei temi di denuncia sociale in gioco.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest Carlin

Visto " Io ballo da sola".

Bertolucci non è mai stato un regista che mi attirasse particolarmente, l'ho sempre trovato un po' troppo pop per i miei gusti, in compenso questo film ispirato al Cinema francese ne riprende l'atmosfera intima e nonostante l'epilogo eccessivamente ottimista, da favola, mi è piaciuto.

In questo film la protagonista è Liv Tyler, forse anche il film che la rese famosa al grande pubblico, e io mi ricordo che quando vidi il signore degli anelli a tutti quelli che dicevano che era bellissima rispondevo, "ma bella dove?!". Guardando questo film mi sono totalmente ricreduto :ohno02: :

tumblrmcyqgxie2j1qmp3jb.jpg

Anzi, dai, dico la verità: se il film mi è piaciuto è sostanzialmente merito suo :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Stamani ho visto "La vita di Oharu" di Mizoguchi. Riesce difficile esprimere a parole la grandezza di questo film; la gestione della cinepresa in particolare è da antologia. Certo, di un'amarezza sconvolgente.

Recentemente ho visto anche "Scialla!", che mi ha piacevolmente sorpreso. Ennesima commedia menandrea dall'ineluttabile lieto fine e dagli artificiosi colpi di scena, è comunque ben recitata e non troppo pesante nell'esprimere la morale finale. Un'ora e mezza ben impiegate dopotutto.

Riguardo al Berto, non m'è mai riuscito di apprezzare in toto qualcuno dei suoi film, anche se secondo me almeno "L'ultimo imperatore" e soprattutto "Il conformista" sono ottimi film. Comunque, ha sempre avuto un ottimo gusto nello scegliere le protagoniste dei suoi film :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Visto Un esercito di cinque uomini di Italo Zingarelli (1969).

230px-EsercitoDi5Uomini_DatabasePage.jpg

Gustose le scene ferroviarie, girate nei dintorni di Roma (sulla linea Civitavecchia-Capranica, all'epoca gia' chiusa al traffico ma ancora percorribile da treni sporadici) con una poderosa locomotiva a vapore italiana "740"!

Il film e' gradevole e ben fatto, con Peter Graves (il protagonista delle serie televisive "Mission: Impossible") e Bud Spencer affiancato da Nino Castelnuovo (la coppia con Terence Hill non era ancora divenuta fissa e invariabile).

Alcune frasi, memorabili nel loro contesto, strizzano l'occhio al '68 e risultano oggi ormai datate, ma in fondo vedere Nino Castelnuovo barbuto che urla "Io sto con la rivoluzione!" fa ancora il suo effetto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Visto " Io ballo da sola".

Bertolucci non è mai stato un regista che mi attirasse particolarmente, l'ho sempre trovato un po' troppo pop per i miei gusti, in compenso questo film ispirato al Cinema francese ne riprende l'atmosfera intima e nonostante l'epilogo eccessivamente ottimista, da favola, mi è piaciuto.

In questo film la protagonista è Liv Tyler, forse anche il film che la rese famosa al grande pubblico, e io mi ricordo che quando vidi il signore degli anelli a tutti quelli che dicevano che era bellissima rispondevo, "ma bella dove?!". Guardando questo film mi sono totalmente ricreduto :ohno02: :

tumblrmcyqgxie2j1qmp3jb.jpg

Anzi, dai, dico la verità: se il film mi è piaciuto è sostanzialmente merito suo :D

Per me il capolavoro di Bertolucci rimane Novecento, se naturalmente lo si prende per quello che è: una favola estetizzante di un mondo defunto, quello contadino oppure mai realizzato, quello socialista. Bisogna rinunciare a scorgervi qualsiasi discernimento storico e godere della qualità pittorica del film.

Tra gli attori anche il grandissimo Romolo Valli e Dominique Sanda.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tra gli attori anche il grandissimo Romolo Valli e Dominique Sanda.

Nota Fig.A pure lei :D
/>http://www.youtube.com/watch?v=Y5jjAcvXUx4

(Tra l'altro la ricordo nel bel film di Bresson "Une femme douce", che mi introdusse all'opera di questo grande regista!)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Visto La custode di mia sorella, su Canale 5

Il classico esempio di come rovinare una bella storia. I manuali per scrivere una sceneggiatura "impongono" che bisogna avere il colpo di scena verso la fine. Ed è comprensibile. Tuttavia ci sono alcune storie talmente intense che non ne hanno bisogno. Questo era il caso.

Invece si è impiantato tutto il film sul patetico tentativo di nascondere ciò che era ovvio sin dall'inizio, per rivelarlo verso la fine, per di più in una situazione veramente ridicola (madre e figlia che si chiariscono davanti a un giudice, pur vivendo nella stessa casa... Ma che è, C'è posta per te?)

Comunque, al di la di questa ridicola forzatura che ha abbassato non poco il livello del film, una storia davvero struggente, raccontata con grande coinvolgimento emotivo - l'ho percepito distintamente - dal regista.

Bravissimi tutti gli attori che sono riusciti a caratterizzare più che egregiamente i rispettivi personaggi. Menzione speciale per la protagonista, una bambina malata. Un'espressività facciale come di rado capita di ammirare.

Davvero un peccato incentrare la storia su questo "mistero" che mistero non è affatto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nella breve carriera cinematografica di Beppe Grillo, spicca SCEMO DI GUERRA diretto da Dino Risi (1985). Anche se il film e' tutto incentrato sul personaggio interpretato da Coluche (il comico e filantropo francese d'origine italiana Michele Colucci, scomparso prematuramente pochi mesi dopo), l'interpretazione dimessa e intensa di Grillo e' notevole. Il film e' poco noto ed anche poco diffuso. Nonostante qualche lungaggine, non lascia indifferenti.

scemo_di_guerra_beppe_grillo_dino_risi_001_jpg_jvbr.jpg

se la foto non si vede, CLICCARE QUI

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

smith.jpg

Non è uno dei film più famosi del maestro, che in vecchiaia disse di averlo diretto solo per fare una cortesia a Carole Lombard. E' una commedia brillante che in alcuni punti fa alquanto ridere. Comunque, si tratta di buon film, che vale la pena di vedere. E' una commedia adorabile e graziosa, girata con gran classe da un'Hitchcock quasi à la Lubitsch, nel complesso meno frivola e più acuta di quanto possa sembrare, carica di umorismo sarcastico e maliziose metafore sessuali. Bravi e simpatici gli interpreti. Hitchcock si vede passeggiare su un marciapiede.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

smith.jpg

Non è uno dei film più famosi del maestro, che in vecchiaia disse di averlo diretto solo per fare una cortesia a Carole Lombard. E' una commedia brillante che in alcuni punti fa alquanto ridere. Comunque, si tratta di buon film, che vale la pena di vedere. E' una commedia adorabile e graziosa, girata con gran classe da un'Hitchcock quasi à la Lubitsch, nel complesso meno frivola e più acuta di quanto possa sembrare, carica di umorismo sarcastico e maliziose metafore sessuali. Bravi e simpatici gli interpreti. Hitchcock si vede passeggiare su un marciapiede.

Toh, non pensavo che Hitchcock avesse fatto anche commedie. Da quanto dici sembra carino.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Toh, non pensavo che Hitchcock avesse fatto anche commedie. Da quanto dici sembra carino.

in effetti anche La congiura degli innocenti (Trouble with Harry, 1955) e' una commedia, sebbene giri intorno a un fatto tragico... E' uno dei miei film preferiti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

in effetti anche La congiura degli innocenti (Trouble with Harry, 1955) e' una commedia, sebbene giri intorno a un fatto tragico... E' uno dei miei film preferiti.

Si, è una black-comedy impeccabile. Grottesca, cinica e deliziosa, ambientata nella splendida cornice dei paesaggi autunnali del New England. Film d'esordio per Shirley MacLaine, se non erro.

Per la precisione, nel genere commedia Hitchcock girò anche La moglie del fattore e Tabarin di lusso, ma sono film muti del periodo inglese quasi dimenticati, credo degli anni '30 o addirittura fine '20. Io non li ho mai visti, anche perchè difficilmente mi spingo così indietro negli anni. Esistono, comunque, in dvd con edizioni restaurate:

45127_LOC.jpg45125_LOC.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Su Rai 4:

BloodSimple_060607013725570_wideweb__300x421.jpg

Un noir dal contesto minimale, film d'esordio per i Coen. Quattro personaggi, quattro solitudini nel desolato e crudo Texas, dove sono i particolari che fanno la differenza e muovono la storia. Fra equivoci ed errori si sviluppa una storia torbida che sprizza humor nero in cui ognuno dei partecipanti agisce per conto proprio, rimanendo all'oscuro dell'agire altrui. Tutto il cast offre una buona prova e spicca ovviamente la McDormand (che sposò Joel Coen). Un esordio con i fiocchi per i Coen, tra Hithcock, Lynch e De Palma.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Su Rai 4:

BloodSimple_060607013725570_wideweb__300x421.jpg

Un noir dal contesto minimale, film d'esordio per i Coen. Quattro personaggi, quattro solitudini nel desolato e crudo Texas, dove sono i particolari che fanno la differenza e muovono la storia. Fra equivoci ed errori si sviluppa una storia torbida che sprizza humor nero in cui ognuno dei partecipanti agisce per conto proprio, rimanendo all'oscuro dell'agire altrui. Tutto il cast offre una buona prova e spicca ovviamente la McDormand (che sposò Joel Coen). Un esordio con i fiocchi per i Coen, tra Hithcock, Lynch e De Palma.

Per me è il più bel film dei Coen. L'unico veramente riuscito, compatto. Già al secondo film erano diventati dei manieristi di se stessi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per me è il più bel film dei Coen. L'unico veramente riuscito, compatto. Già al secondo film erano diventati dei manieristi di se stessi.

Molto bello, ma, secondo me, loro non hanno sbagliato un film...cioè è arduo trovare un prodotto mal riuscito dei Coen. Io, almeno, non ci riesco.

°°°°°°

luomo-dei-sogni-phil-alden-robinson-film-fant-L-mj1xbM.jpeg

L'uomo dei sogni, in italiano, è un bel film fantastico, un pò alla Frank Capra, forse molto retorico, ma assolutamente commovente. E' una vera favola liberal, sulla fantasia, lo sport, sull'America e sulla logica del profitto che la distrugge. Non privo di evidentissimi difetti, ma comunque riuscito nei suoi intenti. Parti di contorno per Ray Liotta e Burt Lancaster.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non sarà un film colto, nè particolarmente originale, ma a me è piaciuto molto (lo so, sono infantile u_u):

Ma che infantile e infantile, io non vedo l'ora di andare a vederlo (è che non ho mai tempo) :o:D

Comunque, devo anche trovare il modo di vedere al cinema Vita di Pi di Ang Lee. Credo che approfitterò del mio soggiorno milanese, visto che qui da me non lo proiettano :grrr:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

luomo-dei-sogni-phil-alden-robinson-film-fant-L-mj1xbM.jpeg

L'uomo dei sogni, in italiano, è un bel film fantastico, un pò alla Frank Capra, forse molto retorico, ma assolutamente commovente. E' una vera favola liberal, sulla fantasia, lo sport, sull'America e sulla logica del profitto che la distrugge. Non privo di evidentissimi difetti, ma comunque riuscito nei suoi intenti. Parti di contorno per Ray Liotta e Burt Lancaster.

Mi credi che l'ho cercato a lungo e in vano? L'ho visto e lo ricordo vagamente. Però ricordo che mi commosse tanto! Lo trasmattono su qualche canale in questi giorni o l'hai visto in dvd?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sempre una gioia vedere questa scena! :D :D


/>http://www.youtube.com/watch?v=8IMq6x9InFs

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi credi che l'ho cercato a lungo e in vano? L'ho visto e lo ricordo vagamente. Però ricordo che mi commosse tanto! Lo trasmattono su qualche canale in questi giorni o l'hai visto in dvd?

Lo hanno trasmesso qualche giorno fa in seconda serata su Iris. Io l'ho registrato e poi me lo sono rivisto.

°°°°°°

Ieri su Canale Italia 53, un classico senza tempo:

gli%20inesorabili.jpg

Grande opera di John Huston, spesso considerata "minore" nella sua fimografia. Il regista americano realizza un film realistico e dai toni accesi senza cadere nella retorica. Esce dai soliti canoni del western banditesco inoltrandosi in una tematica seria e umana. Presenta una questione razziale non di poco conto senza far piangere più del necessario gli interessati. Non conta di che colore è la pelle, ma chi ti ha cresciuto e voluto bene. Conta, in sintesi, la cultura (quella bianca, ovvio) più della natura (gli indiani). Quindi, il film è filoindiano fino a un certo punto e il finale è più problematico di quanto non sembri. Grandi interpreti con una leggendaria Lilian Gish nel ruolo della madre.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma che film incantevole!


/>http://www.youtube.com/watch?v=kPI1IRjonRE

Una giovanissima Diane Lane. Si vede da piccolo quando uno ha talento!

E Laurence Olivier... Quanto amo questo grandissimo!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×