Vai al contenuto
Renato Colculli

Andrea Bocelli

Recommended Posts

Mi spiace ridare pubblicità al Bocelli nazionalpopolare ma ieri ho ascoltato qualcosa per radio e oggi ho avuto la conferma della mia pessima impressione quando mio zio, appassionato ma profano come il sottoscritto, per telefono m' ha detto: ma quel Bocelli si sentiva proprio che in alcuni frangenti non ce la faceva. Allora se proprio è vietato invitare tenori professionisti, avrebbero fatto meglio a invitare I Volo che almeno sono giovani...

I tre ragazzetti purtroppo rispetto agli esordi hanno ormai mutato la loro impostazione vocale in senso prettamente leggero-pop.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

È così a settembre ci sarà l' evento "bocelliano" all' Arena. Ne scrivo ma non lo guarderò perché già so che non si limiterà a promuovere il suo nuovo disco, ma farà anche il "tenore". Ad es tra gli ospiti ci sarà anche l' eterno Nucci. L' ho già scritto altre volte": non sono contrario al fatto che lui ci canti qualche aria e lo stesso vale x i ragazzi del volo, ma che sia lui che i volo siano considerati l' attuale massima espressione della lirica italiana, mi rattrista

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, alfiocarrettiere dice:

È così a settembre ci sarà l' evento "bocelliano" all' Arena. Ne scrivo ma non lo guarderò perché già so che non si limiterà a promuovere il suo nuovo disco, ma farà anche il "tenore". Ad es tra gli ospiti ci sarà anche l' eterno Nucci. L' ho già scritto altre volte": non sono contrario al fatto che lui ci canti qualche aria e lo stesso vale x i ragazzi del volo, ma che sia lui che i volo siano considerati l' attuale massima espressione della lirica italiana, mi rattrista

Un momento Alfio, distinguiamo. Bocelli è un tenore di mediocre livello, con degli evidenti limiti, superpagato, supervalutato, ma pur sempre un professionista. I tre guaglioni del Volo sono poco piu' che dilettanti, artisticamente quasi delle nullità. Vociferanti, effettistici, poveri di basi tecniche. Buon per loro che hanno trovato la formula per fare quattrini.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sono considerati addirittura la massima espressione della lirica in Italia? Quando? Da chi?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L’avevo vista, non credere. L’unica che riesce a fare in modo non troppo spiacevole è la Boheme. La peggiore, stando al poco che ho udito, direi Turandot. Sono registrazioni concepite stile anni Cinquanta, o tipo le ridicolaggini della Gruberova con la sua etichetta di proprietà. In certi casi, chi circonda Bocelli (la Mei, la Frittoli...) è il vero motivo di interesse.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Aggiungo che i Volo vocalmente in dieci anni sono peggiorati parecchio, passando molto di più a un’emissione smaccatamente da musica pop o comunque ibridata. Se non altro uno di loro, Ginoble, ha finalmente accettato di essere un baritono (o meglio, un baritonuccio) invece che un tenore. Ma dietro di loro, se non ho capito male, c’era (o c’è) l’immarcescibile Torpedine, a suo tempo producer di Bocelli.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho citato anche i volo (i quali forse, ma non ne sono sicuro, negli Usa sono anche sponsorizzati da Tony Renis, la cui lunga mano credo arrivi sino a Bocelli) perché non voglio che la mia sembri una crociata contro Bocelli, che apparentemente mi pare anche una brava persona, ma io sono contro il sistema discografico che ha decretato che lui debba essere l' erede lirico di Pavarotti, o comunque della parte nazionale popolare del medesimo. È vero, attualmente i tenori di punta sono per lo più stranieri e stranieri che magari, e giustamente, non vogliono assolutamente raccogliere il testimone dell' ultimo Pavarotti, dei 3 tenori e compagnia bella. Secondo me poi ormai Bocelli, inteso non come egli stesso ma come entourage,collaboratori etc, è un gruppo di potere ed economico tale x cui a un cantante lirico non conviene nemmeno rifiutare collaborazioni col Bocelli, pure se lo volesse. Ma non gli conviene nemmeno a un cantante pop. Prendiamo  ed Sheeran e la sua perfect  fatta con bocelli. La canzone era già una hit ma perché precludersi un tale matrimonio di convenienza ? È un po' come la situazione che si era creata coi Pavarotti and friends, che se rifiutavo l' invito finivi x passare x il cattivone antibeneficenza etc. Mi rendo conto che ora son finito a fare il cane che abbaia alla luna sul potere delle case discografiche etc

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, alfiocarrettiere dice:

 Mi rendo conto che ora son finito a fare il cane che abbaia alla luna sul potere delle case discografiche etc

Non sei solo Alfio ad abbaiare alla luna. Ci siamo anche io e il Principe di Baviera.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La differenza è che Pavarotti era un cantante lirico con incursioni pop, Bocelli un cantante leggero con incursioni liriche.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
24 minuti fa, Wittelsbach dice:

La differenza è che Pavarotti era un cantante lirico con incursioni pop, Bocelli un cantante leggero con incursioni liriche.

Almeno fosse così,Wittel. Purtroppo Bocelli non è  neppure un cantante leggero. È uno che vorrebbe essere un grande tenore e che pensa di esserlo perché gli hanno detto che è bravissimo. Invece è un mediocre tenore lirico che,in sopramercato, vuole fare il tenore eroico.Un velleitario insomma. Invece i tre del Volo sono solo dei pagliacci.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma io francamente se Bocelli e i volo restassero sul loro repertorio che x me è una sorta di continuazione della tradizione melodica italiana, non ci troverei nulla di male. Alcune canzoni di Bocelli mi piacciono pure. Non obietterei nemmeno a fugaci escursioni nella lirica. Anche Claudio Villa le fece, ma pure uno con un ego smisurato come Claudio villa, correttamente, affrontò la lirica in punta di piedi ...forse non è nemmeno colpa loro ma del sistema che li propone x quello che non sono.. eppure ci sarebbero anche cantanti lirici maschi e femmine, fascinosi, glamour e pure più bravi di loro da eventualmente promuovere...Bocelli ormai sembra in tutto e x tutto la copia, ma comunque sempre inferiore, dell' ultimo Pavarotti. Purché lo paghino canta ovunque (se non erro s'è visto anche all' ultima finale di Champions) e tutto allo stesso modo (solo che big Luciano lo faceva x pigrizia senile e non per incapacità tecnica), concludendo sempre questo tutto con l' acuto anche quando non ci vorrebbe

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bocelli è uno che ha fatto lo Chénier con risorse vocali e tecniche che vanno sì e no per il ruolo dell’Incredibile...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, alfiocarrettiere dice:

Bocelli ormai sembra in tutto e x tutto la copia, ma comunque sempre inferiore, dell' ultimo Pavarotti.

Molto inferiore. Anzi, proprio un'altra cosa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 1/8/2018 at 17:39, Ives dice:

81jEoHMSSWL._SL1500_.jpg

:wacko:

Pur sforzandomi, non capisco quale sia il target di un prodotto del genere...:wacko:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
42 minuti fa, Pinkerton dice:

Molto inferiore. Anzi, proprio un'altra cosa.

Concordo.
Ricordo ancora un'esibizione patetica da Pavarotti & Friends, naturalmente patetica nel complesso. Un Nessun Dorma cantato dal cantante dei Deep Purple, che nonostante "cantasse" (diciamo così) col microfono in bocca emetteva soltanto suoni putrefatti, mentre il buon vecchio Luciano teneva banco.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io forse l' ho già scritto ma da quando lucianone iniziò a propinarci ovunque e x chiunque il nessun dorma (con Bocelli che ha proseguito questa pessima abitudine), quest' aria non riesco più ad ascoltarla. Ma è possibile che il Bocelli discografico sia ritoccato in studio ? Diciamocelo chiaramente: coi mezzi tecnici attuali pure i cantanti lirici professionisti possono aggiustarsi qualcosa in disco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
13 ore fa, Wittelsbach dice:

Se qualcosa hanno fatto, è servito comunque a poco.

Concordo Principe. Come disse Re Franceschiello: "Se uno nasce quadrato, non può morire tondo". Nemmeno se passa in sala di registrazione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
20 ore fa, Wittelsbach dice:

La differenza è che Pavarotti era un cantante lirico con incursioni pop, Bocelli un cantante leggero con incursioni liriche.

 

19 ore fa, Pinkerton dice:

Almeno fosse così,Wittel. Purtroppo Bocelli non è  neppure un cantante leggero. È uno che vorrebbe essere un grande tenore e che pensa di esserlo perché gli hanno detto che è bravissimo. Invece è un mediocre tenore lirico che,in sopramercato, vuole fare il tenore eroico.Un velleitario insomma. Invece i tre del Volo sono solo dei pagliacci.

 

Io mi sono interrogato più volte sulla notorietà di costui. Non se ne parla mai esplicitamente penso per pudore, o per non fare la parte dei malpensanti, ma quanto merito ha avuto il suo handicap nella costruzione della fama che si è (o gli hanno) costruito addosso? Assodato che Bocelli non ha particolari doti artistiche (è un tenorino come un altro, in fondo), a me sembra che, almeno all'inizio, sia stato trattato come una specie di fenomeno, della serie "il cantante lirico che non vede", su una fetta di pubblico 'sta cosa deve aver avuto un impatto. Anche perchè di cantanti con voce lirica che fanno musica leggera ce n'è sempre stati, così pure di cantanti leggeri non vendenti (Ray Charles, Stevie Wonder, per citare i più famosi), l'inedito era proprio il mix. Mi chiedo, se Bocelli non avesse avuto quell'handicap e fosse stato un tenorino come un altro, senza particolari "caratteristiche di riconoscibilità", sarebbe diventato così famoso?

16 ore fa, Snorlax dice:

Pur sforzandomi, non capisco quale sia il target di un prodotto del genere...:wacko:

Ecco, questa è una considerazione interessante... se gli hanno fatto registrare così tante opere  vuol dire che c'è un mercato, qualcuno le avrà comprate! un melomane? dubito, questi sono chiaramente prodotti mainstream... un fan di Bocelli? (e quindi un ascoltatore pop, in definitiva) allora vuol dire che c'è qualcuno che non ascolta abitualmente la classica e che, per amore di Andrea, si è sorbito tutto il Trovatore o tutta Turandot. In questo senso Bocelli potrebbe addirittura avere una funzione divulgativa, anche se lo scopo delle incisioni non mi pare certo filantropico :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, Majaniello dice:

 

Io mi sono interrogato più volte sulla notorietà di costui. Non se ne parla mai esplicitamente penso per pudore, o per non fare la parte dei malpensanti, ma quanto merito ha avuto il suo handicap nella costruzione della fama che si è (o gli hanno) costruito addosso? Assodato che Bocelli non ha particolari doti artistiche (è un tenorino come un altro, in fondo), a me sembra che, almeno all'inizio, sia stato trattato come una specie di fenomeno, della serie "il cantante lirico che non vede", su una fetta di pubblico 'sta cosa deve aver avuto un impatto. 

La massa, Maja, vuole lo spettacolo, il teatro, qualcosa di insolito, qualcosa che la gratifichi. Panem et circenses. Per Bocelli lo spettacolo è "lui che canta qualcosa" non "come canta qualcosa". Dire che Bocelli è un grande ci fa sentire magnanimi, buoni, generosi, umani; in più è di moda e poi "lo dicono tutti". Meno Wittel e Pink naturalmente ( ma loro sono due snob, due criticoni, gelidi e presuntuosi).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per quanto ne so io il primo colpo di fortuna o altro di bocelli fu quando venne scelto da zucchero x cantare live il miserere con conseguente sponsorizzazione in ogni dove di Pavarotti. È mi va bene così. Non è bello non vederci, quindi un po' di fortuna non guasto'. Dopodiché tra Tony renis, torpedine e altri gli hanno costruito la carriera americana. Nel frattempo Pavarotti è morto e quindi ha potuto prenderne il posto nei concertono, incensato anche dagli stessi cantanti lirici (va bene che ad es un Domingo pur di respirare ancora l' aria del palcoscenico canterebbero pure con me ...). Io sono anche contento del successo boccelliano. Mi secca però che il grande pubblico lo identifichi come cantante lirico senza nemmeno sapere chi è un Kaufman o un Florez, che magari poi qua critichiamo, ma son comunque veri cantanti lirici

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
16 minuti fa, alfiocarrettiere dice:

 Nel frattempo Pavarotti è morto e quindi ha potuto prenderne il posto nei concertoni, incensato anche dagli stessi cantanti lirici 

Se ricordi Alfio, lo stesso Pavarotti era un sostenitore di Bocelli.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ah sì sì. Lo prese sotto la sua ala protettrice, il che lo posso anche capire. Trovo però strano che andasse a dire in giro a destra e a manca che si trattasse di un grande tenore, ma, come si dice: anche i migliori sbagliano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
8 ore fa, Majaniello dice:

Io mi sono interrogato più volte sulla notorietà di costui. Non se ne parla mai esplicitamente penso per pudore, o per non fare la parte dei malpensanti, ma quanto merito ha avuto il suo handicap nella costruzione della fama che si è (o gli hanno) costruito addosso?  A me sembra che, almeno all'inizio, sia stato trattato come una specie di fenomeno, della serie "il cantante lirico che non vede", su una fetta di pubblico 'sta cosa deve aver avuto un impatto. [...]  Mi chiedo, se Bocelli non avesse avuto quell'handicap e fosse stato un tenorino come un altro, senza particolari "caratteristiche di riconoscibilità", sarebbe diventato così famoso?

Eh, penso che chiunque sia incappato in una performance del Bocelli, e ne abbia notato le miserie artistiche, si sia posto in cuor suo questa domanda. Per me, anche se non vorrei mai ammettere una cosa del genere, la cecità è stata, e continua ad essere, un fattore fondamentale del suo successo. E purtroppo ci si continua a marciare su questo -  e sarebbe ancor peggio pensare che ci marci lui stesso - vedasi il patetico e agiografico biopic che è passato in Rai pochi mesi fa. Evidentemente certo pubblico - che siano santini o cantantini - ha bisogno di essere rassicurato con personaggi e storie di un certo tipo...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...