Vai al contenuto

Cosa state ascoltando ? Anno 2012


Madiel
 Condividi

Recommended Posts

Malipiero, sinfonie del silenzio e della morte (Almeida). Seguiranno le n.°1-2. A Evangelion, Madiel, miasko, L'Orfeo, street e chi altro vuole.

grazie ! Ricambio con questo primo ascolto

Andrei Eshpai: Concerto per viola e orchestra (1987)

Yuri Bashmet, viola

una orchestra russa con un direttore russo dal cognome impronunciabile

Link al commento
Condividi su altri siti

  • Risposte 11,9k
  • Creato
  • Ultima Risposta

Top utenti di questa discussione

Top utenti di questa discussione

Mi riferisco al fatto che nella sua musica non compaiono fugati né procedimenti imitativi, melodie che si rincorrano a distanza su più voci. In una parola: Bach.

Se non ricordo male l'ultimo movimento del quartetto "Rosamunde" è in fugato, o ha un episodio in fugato. E ci saranno sicuramente altri esempi...

-------------

Ludwig van Beethoven

String Quartet op.130 (con la Grosse Fugue come ultimo movimento)

Tokyo String Quartet

2-piranesi-appia-ideale1.jpg

Giovanni Battista Piranesi (1720–1778)

Link al commento
Condividi su altri siti

Se non ricordo male l'ultimo movimento del quartetto "Rosamunde" è in fugato, o ha un episodio in fugato. E ci saranno sicuramente altri esempi...

Schubert non era molto ferrato nel contrappunto, e lo sapeva. Negli ultimi anni di vita espresse il desiderio di studiare con il famoso teorico Simon Sechter, che fu anche il maestro di contrappunto di Bruckner. Non c'è modo che potesse comporre alcunché di contrappuntisticamente elaborato quanto Bach o l'ultimo Beethoven. I suoi punti di forza, come si sa, sono altri.

Mi correggo, Nel suo ultimo anno di vita, Schubert prese lezioni da Sechter, non si limitò a desiderarlo. Sfortunatamente, era tardi.

Modificato da giordanoted
Link al commento
Condividi su altri siti

Ti dedico questo se gradisci:
/>http://www.youtube.com/watch?v=gP1es9Gx0N8

Estendo al tenente pink.

Merci.

Gedda, caro Cadetto,è rifinito e morbido, ma stacca un tempo troppo lento, ha voce frigida e nell'insieme appare un po' imbambolato.

Ti controdedico un Pavarotti annata '89, certo più sbrigativo ma limpidissimo e tirato a lucido come da tempo non lo si sentiva. Arie come queste erano congeniali alla sua voce,

altro che Aida e Trovatore!


/>http://www.youtube.com/watch?v=R5f1nKU3r-A&feature=related

Estendo a kraus, Pazzoperilpianoforte, Rubicon, desaparecidos, Endymion e alla dolce noone.

Link al commento
Condividi su altri siti

Merci.

Gedda, caro Cadetto,è rifinito e morbido, ma stacca un tempo troppo lento, ha voce frigida e nell'insieme appare un po' imbambolato.

Ti controdedico un Pavarotti annata '89, certo più sbrigativo ma limpidissimo e tirato a lucido come da tempo non lo si sentiva. Arie come queste erano congeniali alla sua voce,

altro che Aida e Trovatore!

http://www.youtube.c...feature=related

Estendo a kraus, Pazzoperilpianoforte, Rubicon, desaparecidos, Endymion e alla dolce noone.

Grazie mille Pink, ricambio con Die Frau ohne Schatten di Strauss (ediz. Brilliant - Keilberth alla guida della Bayerisches Staatsorchester; Thomas, Bjoner, Moedl, Fischer-Dieskau, Borkh, Hotter, Hallstein, Paskuda & altri).

Link al commento
Condividi su altri siti

[media]http://www.youtube.com/watch?v=_uI931h5TA4

Ma che è :lol: :lol: ?!? Beethoven eseguito con gli Archi "in parti reali", cioé, và benissimo la filologia, ma questa mi sa giusto una provocazione :mellow: :mellow: .

"In parti reali" vuol dire un solo strumento che esegue ciascuna voce? In effetti fa un po' ridere..... Ma almeno è davvero filologicamente corretto? ^__^

Link al commento
Condividi su altri siti

[media]http://www.youtube.com/watch?v=_uI931h5TA4

Ma che è :lol: :lol: ?!? Beethoven eseguito con gli Archi "in parti reali", cioé, và benissimo la filologia, ma questa mi sa giusto una provocazione :mellow: :mellow: .

Secondo la terminologia ortologistica quest'esecuzione può definire in tre modi in base al metodo aut aut:

1) Una figata;

2) Un'operazione di recupero ontoforicamente corretta;

3) Un esempio di trascrizione biomaticamente discutibile.

Ad ogni modo un esperimento affascinante. Pare che alcuni concerti di Mozart (se non erro grazie a Hummel) siano diventati dei comodi quartetti con pianoforte.

Link al commento
Condividi su altri siti

Ludwig van Beethoven

String Quartet op.130 (con la Grosse Fugue come ultimo movimento)

Tokyo String Quartet

E beh, diciamo che è una composizioncina di poco impegno :D

Lo Schubert in salsa fugata devo ripescarlo... In effetti dev'essere un caso abbastanza raro.

Link al commento
Condividi su altri siti

Però il Beeth con le parti reali non è suonato male. Lo sto ascoltando in questo periodo e il suono del fortepiano con gli archi di contorno in corde di budello fa la sua figura. La Brilliant, dopo aver pubblicato la raccolta Enlightmenment, dovrebbe pubblicare appositamente per me un altro boxone (un cofanetto dalla forma di particella, ndt) intitolato Fortepiano collection - only for philological purposes, or if you prefer for Kraus and friends only, ma ho l'impressione che sarebbe un titolo un po' troppo lungo.

Assieme al Beeth fortepianizzato e parti-realizzato ascolto, nella stessa tonalità:

[media]http://www.youtube.com/watch?v=E0oNTYvRD10

Giusto per non sfasarsi e tenere solo il fa# come nota nera.

Link al commento
Condividi su altri siti

Grazie Rinaldino e Pinkerton per le splen di de de di che

Ricambio con la Sonata D960 di Schubert Suonata da Richter

estendo sperando apprezzino (otherwise I'm sorry) a Giordano, miasko, viandante, Nitriero, desaparecidos, 97clarinet

Mettici pure kraus, vai, ho anche preso il numero :)

Bella la firma buscaroliana, a propos. Ve lo immaginate in un mondo parallelo un Beeth non sordo che ha appena finito la 111 e il pubblico che gli chiede il bis? Lui si gira inviperito e fa: "Zitti là! Non ho avuto il tempo di scriverlo".

Link al commento
Condividi su altri siti

D960 di Schubert Suonata da Richter


/>http://www.youtube.com/watch?v=0SdGrAXetDQ&feature=BFa&list=PL9E6F96B64B2A8926

estendo sperando apprezzino (otherwise I'm sorry) a Giordano, miasko, viandante, Nitriero, desaparecidos, 97clarinet

Grazieeeee

Ricambio con:

[media]http://www.youtube.com/watch?v=vIzSYELWY9o

Facile.... :laughingsmiley:

Link al commento
Condividi su altri siti

Attacchiamo stamattina con

Pergolesi (coloro che han subito danni al balcone)

La serva padrona

(la bellissima Anna Moffo + Montarsolo, Orch. Fil. di Roma diretta da Franco Ferrara).

Link al commento
Condividi su altri siti

Un Beethoven trascritto e dedicato a Super:

Trio in fa per violino, vc e fortepiano (dal Quartetto op. 18 n. 1)

Trio in sol per violino, vc e fortepiano (dal Quartetto op. 18 n. 2)

Trio in do min. per violino, vc e fortepiano (dal Quartetto op. 18 n. 4)

Trio Palladium

Nessuno sfasamento, nonostante la riduzione e le modifiche timbriche (fatte da non si sa chi, perché la trascrizione venne affidata dall'editore Simrock a qualcuno, né ci è dato sapere se Beethoven abbia almeno dato una controllatina a questi trii). Il pianoforte sostituisce perfettamente gli archi in queste opere non certo profonde, appartenenti ancora a un Beethoven in rapida formazione.

Peccato che il disco sia singolo, ovvero che presenti solo 3 dei 6 quartetti rivoltati in trio (vennero trascritti infatti anche il terzo, il quinto e il sesto).

Link al commento
Condividi su altri siti

Ospite
Questa discussione è chiusa.
 Condividi

  • Chi sta navigando   0 utenti

    • Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy