Jump to content

Cosa state studiando....??


Chopin25

Recommended Posts

  • Replies 5.2k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

io sto studiando tra le altre cose il primo scherzo di chopin... al proposito volevo sapere se qualcuno di voi che l' ha fatto ha dei consigli da darmi... a parte il fatto che non riesco a velocizzarlo, ma spesso non riesco proprio a beccare le note, soprattutto nello sviluppo subito dopo la prima esposizione... come si fa a studiare quei salti? e dire che non ho la mano piccola... :( help... :girl_cray2:

Link to comment
Share on other sites

io sto studiando tra le altre cose il primo scherzo di chopin... al proposito volevo sapere se qualcuno di voi che l' ha fatto ha dei consigli da darmi... a parte il fatto che non riesco a velocizzarlo, ma spesso non riesco proprio a beccare le note, soprattutto nello sviluppo subito dopo la prima esposizione... come si fa a studiare quei salti? e dire che non ho la mano piccola... :( help... :girl_cray2:

Intendi il passaggio delle battute 27-28 e simili, con la sinistra che suona bicordi e note singole? (Mi sa di no, ma scrivo lo stesso :ninja:)

Devi prenderli con delle cadute di peso evitando qualunque altro genere di spinta, perché, oltre a rischiare inutili e dannose contrazioni del braccio, affondare in maniera così attiva il tasto non ti permette di raggiungere la velocità. Studia il passaggio lentamente e curando di utilizzare il movimento giusto, ossia lo stesso che userai in velocità. Puoi usare anche le varianti ritmiche (io facevo una nota lenta e due veloci e poi il contrario).

Link to comment
Share on other sites

Intendi il passaggio delle battute 27-28 e simili, con la sinistra che suona bicordi e note singole? (Mi sa di no, ma scrivo lo stesso :ninja:)

Devi prenderli con delle cadute di peso evitando qualunque altro genere di spinta, perché, oltre a rischiare inutili e dannose contrazioni del braccio, affondare in maniera così attiva il tasto non ti permette di raggiungere la velocità. Studia il passaggio lentamente e curando di utilizzare il movimento giusto, ossia lo stesso che userai in velocità. Puoi usare anche le varianti ritmiche (io facevo una nota lenta e due veloci e poi il contrario).

in realtà mi riferivo alle battute 69 e seguenti (per sviluppo intendo fino alla 124, più o meno) ... cmq per quanto riguarda la parte che dici te anch'io ho usato le varianti ritmiche.. il vero problema sono le battute di cui sopra :(

Link to comment
Share on other sites

in realtà mi riferivo alle battute 69 e seguenti (per sviluppo intendo fino alla 124, più o meno) ... cmq per quanto riguarda la parte che dici te anch'io ho usato le varianti ritmiche.. il vero problema sono le battute di cui sopra :(

Uhm... In quella parte personalmente non ho avuto difficoltà particolari ò_ò Prova a studiare lentamente articolando abbastanza, per poter da focalizzare l'attenzione su ogni singola nota (naturalmente una volta in velocità non ci sarà nemmeno il tempo di articolare), magari prova con qualche variante ritmica. Fai molta attenzione, nella prima parte dell'Agitato, a non accentare la prima e la quarta croma, perché così sembrerebbe che tu stia suonando delle terzine e che il brano sia in 6/8

Link to comment
Share on other sites

Uhm... In quella parte personalmente non ho avuto difficoltà particolari ò_ò Prova a studiare lentamente articolando abbastanza, per poter da focalizzare l'attenzione su ogni singola nota (naturalmente una volta in velocità non ci sarà nemmeno il tempo di articolare), magari prova con qualche variante ritmica. Fai molta attenzione, nella prima parte dell'Agitato, a non accentare la prima e la quarta croma, perché così sembrerebbe che tu stia suonando delle terzine e che il brano sia in 6/8

si ma infatti mi sa che sono io un po' tonchia ^^ comunque grazie mille per i consigli!

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Ora sto studiando il Lied ohne worte n.°45, Op102/3 di Mendelssohn. Bellino, ma non riesco a capire a che velocità affrontarlo: c'è scritto 'Presto', ma se lo eseguo troppo rapidamente non mi pare renda benissimo. Allora, applico la regola aurea di Quantz (se un pezzo, suonato ad una certa velocità, non rende bene, rallentarlo od accelerarlo finché non sembra rendere bene)?

Link to comment
Share on other sites

Ora sto studiando il Lied ohne worte n.°45, Op102/3 di Mendelssohn. Bellino, ma non riesco a capire a che velocità affrontarlo: c'è scritto 'Presto', ma se lo eseguo troppo rapidamente non mi pare renda benissimo. Allora, applico la regola aurea di Quantz (se un pezzo, suonato ad una certa velocità, non rende bene, rallentarlo od accelerarlo finché non sembra rendere bene)?

L'ho studiata anche io quella e ricordo che la suonavo un po' più lenta di quanto indicato proprio per il motivo che hai detto tu.

Link to comment
Share on other sites

Ho sentito l'esecuzione di Glenn Gould. Molto più veloce di quella che facevo io.

Ogni volta che ascolto gould mi sembra di non riconoscere più i pezzi :D.

Comunque sto studiando uno nuovo bruttissimo studio di clementi(sono a quota 8), la fuga 8 del cbt primo volume(sto ancora a 7 :embarassed_kid: ) e finalmente l'ultimo movimento della tempesta che dura una vita.

Link to comment
Share on other sites

Bach: il calvicembalo ben temperato per l'esame

Clementi: gli studi del gradus per l'esame

Beethoven: sonata op. 2 n. 3

Chopin: concerto n. 1 op. 11

Chopin: studio op. 10 n. 2

Liszt: praticamente 5 dei 6 studia da concerto (uno l'ho finito)

poi altre cose di Chopin quà e là e altro ancora però non scrivo tutto perchè adersso sto concentrando il mio studio principalmente su questo.

Link to comment
Share on other sites

Chopin notturno op.9 n.2 in MIb

OK, lo so che è inflazionatissimo e facile (forse il brano più facile mai composto da Chopin?) però è davveromoltobello, e poi... avevo proprio bisogno di qualcosa di facile... :guiltysmiley: l'ho letto in mezz'ora.

e cmq, non c'è brano talmente facile che sia impossibile suonarlo male!

(almeno ogni tanto preferisco studiare bene qualcosa di facile piuttosto che sbattere la testa per mesi su qualcosa di difficile...)

Intanto continuo a studiare Bach cbt vol2 RE min e suite bergamasque (preludio e minuetto)... ^^'

Link to comment
Share on other sites

Chopin notturno op.9 n.2 in MIb

OK, lo so che è inflazionatissimo e facile (forse il brano più facile mai composto da Chopin?) però è davveromoltobello, e poi... avevo proprio bisogno di qualcosa di facile... :guiltysmiley: l'ho letto in mezz'ora.

e cmq, non c'è brano talmente facile che sia impossibile suonarlo male!

(almeno ogni tanto preferisco studiare bene qualcosa di facile piuttosto che sbattere la testa per mesi su qualcosa di difficile...)

Intanto continuo a studiare Bach cbt vol2 RE min e suite bergamasque (preludio e minuetto)... ^^'

Beh, ne ha scritte di cose più facili, come 2-3 preludi che si fanno bene a prima vista :P !

Poi non vale, tu puoi fermare il tempo trattenendo il respiro e intanto ti studi i pezzi :D

Io invece sto cercando disperatamente i preludi e fuga di shostakovich! Alcuni sono veramente stupendi.

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Dopo due-tre mesi da autoditatta, ho da poco iniziato a prendere lezioni (ieri ho fatto la seconda lezione), e con la prof sto lavorando su questi pezzi:

- marcia turca di mozart: l'ho quasi finita, devo giusto affinare la diteggiatura e qualche passaggio ostico;

- truman sleeps (se non lo conoscete andate qui:

) : anche questo quasi finito.

per la prossima lezione conto di finirli entrambi...

Link to comment
Share on other sites

Dopo due-tre mesi da autoditatta, ho da poco iniziato a prendere lezioni (ieri ho fatto la seconda lezione), e con la prof sto lavorando su questi pezzi:

- marcia turca di mozart: l'ho quasi finita, devo giusto affinare la diteggiatura e qualche passaggio ostico;

- truman sleeps (se non lo conoscete andate qui:

) : anche questo quasi finito.

per la prossima lezione conto di finirli entrambi...

tu dopo tre mesi di studio del pianoforte (da autodidatta) sei riuscito a finire la marcia alla turca? O_O

impressionante...

Link to comment
Share on other sites

tu dopo tre mesi di studio del pianoforte (da autodidatta) sei riuscito a finire la marcia alla turca? O_O

impressionante...

Bisogna anche vedere come: pure io dopo 1 paio di anni da autodidatta avevo imparato a memoria il sogno d'amore di liszt, ma se ora ripenso a come lo suonavo mi si accappona la pelle!

!!

Ora sto studiando il preludio e fuga n. 4 in mi minore di Shostakovich, sentitevelo è bellissimo!!

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy