Vai al contenuto

Rigotti?????


mazartkv622
 Condividi

Recommended Posts

Ciao.

Ultimamente sono rimasto molto deluso dal fatto che, pur avendo acquistato 3 confezioni di ance Vandoren n° 3 blu, ne ho trovata giusto 1 che andasse bene per un concerto. Scoraggiato dalla cosa, ho voluto nell'ultimo mese acquistare altre ance per capire se ci sono dei prodotti migliori. Ho acquistato delle Marca, e non mi hanno soddisfatto, ho preso delle Rico confezione da 5 e pure mi hanno deluso, infine ho preso delle Rigotti n° 3 e n° 3 1/2. Le sto usando in questi giorni.

Personalmente, trovo che richiedano un utilizzo maggiore di fiato rispetto alle Vandoren, ma devo dire che, per studio, vanno praticamente tutte bene. Apprezzo, inoltre, il fatto che danno un suono potente sia sui bassi che sugli acuti; ancora, non mi soddisfano sui piani (trovo che ci sia un fruscio di fondo che no nriesco ad eliminare). Inoltre le sento molto meno lisce rispetto alle Vandoren; non sono mai stato bravo a sistemare le ance, ma dovrò imparare, penso che sistemandole, le Rigotti aumentino decisamente le loro prestazioni.

Comunque, a conclusione di tutto, ritengo che, nel mio caso, le Vandoren rimangono il prodotto migliore, qualitativamente parlando; purtroppo, per una Vandoren che va bene, ce ne sono almeno 8/9 che non vanno bene. Ma, d'altra parte, quando ho la fortuna di trovare un'ottima Vandoren, la porto avanti un sacco di tempo.

Che dire, se vuoi provare fallo, e fammi poi aspere che cosa ne pensi.

Diego

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 1 month later...

Ciao.

Ultimamente sono rimasto molto deluso dal fatto che, pur avendo acquistato 3 confezioni di ance Vandoren n° 3 blu, ne ho trovata giusto 1 che andasse bene per un concerto. Scoraggiato dalla cosa, ho voluto nell'ultimo mese acquistare altre ance per capire se ci sono dei prodotti migliori. Ho acquistato delle Marca, e non mi hanno soddisfatto, ho preso delle Rico confezione da 5 e pure mi hanno deluso, infine ho preso delle Rigotti n° 3 e n° 3 1/2. Le sto usando in questi giorni.

Personalmente, trovo che richiedano un utilizzo maggiore di fiato rispetto alle Vandoren, ma devo dire che, per studio, vanno praticamente tutte bene. Apprezzo, inoltre, il fatto che danno un suono potente sia sui bassi che sugli acuti; ancora, non mi soddisfano sui piani (trovo che ci sia un fruscio di fondo che no nriesco ad eliminare). Inoltre le sento molto meno lisce rispetto alle Vandoren; non sono mai stato bravo a sistemare le ance, ma dovrò imparare, penso che sistemandole, le Rigotti aumentino decisamente le loro prestazioni.

Comunque, a conclusione di tutto, ritengo che, nel mio caso, le Vandoren rimangono il prodotto migliore, qualitativamente parlando; purtroppo, per una Vandoren che va bene, ce ne sono almeno 8/9 che non vanno bene. Ma, d'altra parte, quando ho la fortuna di trovare un'ottima Vandoren, la porto avanti un sacco di tempo.

Che dire, se vuoi provare fallo, e fammi poi aspere che cosa ne pensi.

Diego

se compro un pacco di ance Rigotti 3 la loro durezza è simile a quelle vandoren? direi che le migliori vandoren k ho provato sono le v12 (xk suonano molto bene) e le Rue La pic (anche se hanno bisogno di un po di lavoretti) e poi le Rico Reserve (anche se si sfibrano subito suonano bene).. le altre ance che dovrei provare sono le Giuliani ma prima penso di provare le Rigotti

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 4 years later...

Riapro questa discussione, perché ho provato anch'io le Rigotti. Premetto di essere un dilettante, che ha studiato un po' il sax e un po' il flauto, e solo di recente si è avvicinato al clarinetto. L'esperienza con gli altri strumenti mi ha permesso di "far suonare" il clarinetto, ma certo non di saper analizzare ogni sfumatura del suono.

Le Rigotti le conosco già dal sax soprano e contralto. Le Gold (o Gold Jazz) sono molto brillanti e facili, ma con molto corpo. Le Classic per soprano sono brillanti, ma anche dure e potenti (il suono che ottengo è più in direzione corno inglese che oboe). Le Classic per contralto non so ancora giudicarle.

Trovo nelle Rigotti per clarinetto le stesse qualità sonore delle Classic per sax soprano: brillanti, dure e potenti. Sono più dure delle Vandoren Blu, e l'impressione è che siano dure soprattutto in punta. Ho anch'io la sensazione che gli attacchi in dal nulla siano più difficili che con le Blu, ma è anche questione di supporto del fiato (quando ce l'ho, anche il dal nulla / al nulla viene bene).

Hanno molto carattere, e producono un suono solido, potente, con molta "massa". Le trovo versatili, capaci di essere morbide e rotonde (ma mai troppo spente) o diventare aggressive. Per un confronto, con le Blu io ho un suono un po' incolore, senza tanti armonici quando si spinge, più fragile. Il bocchino che uso è un Vandoren M30 Lyre, piuttosto lungo e aperto (secondo Vandoren, un 5 Lyre più aperto e più scuro).

La qualità delle Rigotti per sax è piuttosto uniforme. Su molte decine di ance, solo alcune hanno dato una resa inferiore. La scatola di ance per clarinetto che mi è arrivata contiene invece ance con la spalla piuttosto storta, ma l'ancia stessa sembra dritta. Suonano quasi tutte bene, ma è un difetto che mi ha colpito. Secondo Daniel Rigotti, è un'irregolarità della canna che non dovrebbe avere effetto sul suono, a meno che il vamp stesso non sia storto.

Paolo

 

Link al commento
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Condividi

  • Chi sta navigando   0 utenti

    • Nessun utente registrato visualizza questa pagina.
×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy