Vai al contenuto
Eduard Hanslick

Le migliori citazioni dai libretti d'opera

Recommended Posts

Vi sarà capitato spesso, credo, nella vostra vita quotidiana di trovarvi in una situazione in cui nulla si adattava al discorso o al frangente meglio di una citazione da un libretto d'opera.

Quali sono le frasi che vi tornano utili più spesso o che si sono rivelate perfettamente calzanti per la situazione?

Ovviamente riportiamo qui pure dei versi particolarmente belli, significativi e riusciti, anche non ci sono tornati utili nella vita reale e difficilmente lo faranno...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

"Del superbo è vana l'ira" (il Trovatore)

"E' fallace speranza" (Tosca)

"La brevità, gran pregio" (La Bohème)

"E' la fede delle femmine come l'araba fenice" (Così fan tutte)

"Meglio fora se avesse taciuto" (La Traviata)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
"La brevità, gran pregio" (La Bohème)

Quoto.

...e sempre dalla Bohème, un momento descrittivo

opportunamente corretto con rima stravolta:

Nei cieli bigi

guardo fumar dai mille

comignoli Parigi Milano

E' proprio perfetta. :smile_anim:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

se è per quello io rilancio col nome di un' opera perchè a me è capitato sentire dire: ehi, amico fritz!

A proposito!

"S'io non tornassi" e "vado fuori all'aperto" sono gettonatissime in casa mia! (Cavalleria Rusticana)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

"Uno alla volta, per carità!" (Berbiere di Siviglia)

"Sì vendetta, tremenda vendetta!" (Rigoletto)

"Nobili sensi invero:" (La traviata)

"Pace, mio Dio!" (La forza del destino)

"E' così dolce il suon della tua voce." (Tosca)

"Addio, senza rancor." ( La bohème)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

:laughingsmiley::laughingsmiley:

Io però qualche limite ogni tanto me lo pongo (niente Antonella Clerici, niente Wilma de Angelis...)

Anch'io, anch'io. Ma le volte che mi viene da citare questa frase non è riferito a gnocche varie :lol:.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ah beh, meglio della Santanchè senz'altro. Perfino io sono più femminile di colei! :laughingsmiley:

Mi è venuta in mente un'altra citazione che mi accompagna spesso.

"Quel vecchio maledivami" (il mio vicino di casa ottantenne che si imboia quando strimpello negli orari poco opportuni...)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sempre dalla Bohème, un momento descrittivo opportunamente corretto con rima stravolta:Nei cieli bigi guardo fumar dai mille comignoli Parigi MilanoE' proprio perfetta. :smile_anim:

"Pace, mio Dio!" (La forza del destino)

Quoto e aggiungo:

"Tosca* mi fai dimenticare Iddio!" (Tosca)

"Non si pasce di cibo mortale, chi si pasce di cibo celeste. Altre cure più gravi di queste, altra brama qua giù mi guidò" (Don Giovanni)

* dove per Tosca ci sono altri nomi, ovviamente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Aggiungiamo al catalogo:

" a donna bella non mi vendo a prezzo di moneta" ( Scarpia, Tosca, Atto secondo)

"Questa o quella per me pari sono" ( Duca,Rigoletto, Atto Primo)

"All'idea di quel metallo" ( Figaro, Il Barbiere di Siviglia, Atto Primo)

"Voglio fare il gentiluomo e non voglio più servir" ( Leporello, Don Giovanni, Atto Primo).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest zeitnote

"Lascia ch’io mangi,
E se ti piace,
mangia con me."

Don Giovanni, (A, II, Sc. XVII)

"Was anders ist, das lerne nun auch!" ("Ciò che è diverso ora ti tocca imparare")

Viandante/Wotan in Siegfired (A, II, Sc., I)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

"Sei treu, Hagen, mein Sohn!


Trauter Helde! Sei treu!


Sei treu! Treu!"



(Sii fedele, Hagen, figlio mio!


Caro Eroe! Sii fedele!


Sii fedele! Fedele!)



Alberich nel Crepuscolo degli Dei (Atto 2, scena 1)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest zeitnote

TRISTAN : "Und welchen Feind?" ("E quale nemico?")



ISOLDE : "Frag deine Furcht!" ("Chiedi alla tua paura!")



Tristano e Isotta, (A.,I, Sc.,V)


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest zeitnote

"...la cui virtù preclara

e i portenti infiniti
son noti in tutto il mondo...e in altri siti.
"

Dulcamara in Elisir d'Amore (A.,I, Sc.V)

"Was ein Dieb stahl,
das stiehlst du dem Dieb;
ward leichter ein Eigen erlangt?
"

"Ciò che un ladro sottrasse,

tu al ladro sottrai;

ci fu mai appropriazione più semplice?"

Loge in L'Oro del Reno (A.,I, Sc.,II)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nella vita quotidiana ci si potrebbe esprimere quasi unicamente tramite citazioni d'opera



Quando per esempio mia madre mi dice cose tipo "ti devo chiedere una cosa" o " ho bisogno di parlarti" a me vien da dire:



"..perché sento rizzarsi il crine?" (Verdi Macbeth, atto primo)





Oppure quando viene rinvenuto qualche raro oggetto in fondo ad un armadio è:



"L'ultimo avanzo di una stirpe infelice" (Donizetti, Lucia di Lammermoor, atto quarto)




E se vi ritrovate bloccati posta...



"Com'è lunga l'attesa, perché indugiano ancor?" (Puccini, Tosca, atto terzo)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E poi il compendio definitivo sulle donne, difficile a citarsi in un dialogo, ma sempre utile come linea guida



"Nell'acqua e in terra


appresi le maniere delle donne:


chi non si fida delle lor lusinghe,


lo spaventano con le minacce;


chi ardito le sfida,


gli piombano addosso i loro strilli."



(Wagner, Crepuscolo degli dei, atto terzo)


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vi sarà capitato spesso, credo, nella vostra vita quotidiana di trovarvi in una situazione in cui nulla si adattava al discorso o al frangente meglio di una citazione da un libretto d'opera.

Quali sono le frasi che vi tornano utili più spesso o che si sono rivelate perfettamente calzanti per la situazione?

Ovviamente riportiamo qui pure dei versi particolarmente belli, significativi e riusciti, anche non ci sono tornati utili nella vita reale e difficilmente lo faranno...

Mi sono spesso trovato in situazioni in cui calzava bene questa ''..purché porti la gonnella'' :pissy:

E anche: ''l'arte schermendo, l'arte adoprando, di qua pungendo, di là scherzando, tutte le macchine rovescerò..rovescerò.. rovescerò''..questa vien giù da sé nel traffico..quando tento di passare in modalità Hulk.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...