Vai al contenuto

Bocchino per staccare meglio


Recommended Posts

Salve a tutti, volevo qualche consiglio per la scelta di una nuova imboccatura che mi aiutasse in particolar modo nello staccato magari consigliandomi pure una legatura adatta. Fino ad ora ho suonato con un Vandoren B40 profilo 88 e ance 2 1/2

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Provane uno un po' più chiuso con ance un po' più dure, potrebbe funzionare... per esempio M30 con V12 n. 3/3,5, oppure M15 con V12 n. 3,5/4. Ma non è che il B40 sia un bocchino che non stacca, ovviamente...

In quanto alla legatura, credo che il guadagno sia veramente minimo, ma forse una legatura metallica aiuta un pelino.

Forse...

Ciao

Giuliano

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Provane uno un po' più chiuso con ance un po' più dure, potrebbe funzionare... per esempio M30 con V12 n. 3/3,5, oppure M15 con V12 n. 3,5/4. Ma non è che il B40 sia un bocchino che non stacca, ovviamente...

In quanto alla legatura, credo che il guadagno sia veramente minimo, ma forse una legatura metallica aiuta un pelino.

Forse...

Ciao

Giuliano

Per staccare meglio solitamente si consiglia di adottare un 'apertura piu' ampia :sad01_anim: !!!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mah... non dappertutto... :worried_anim:

Comunque, lo staccato dipende molto di più dalla tecnica che da imboccatura e ancia, quindi in definitiva il consoglio da dare è di fare molto esercizio, a prescindere dalle scelte "hardware".

Come sempre, questa è solo la mia esperienza :happystrange:

Ciao

Giuliano

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mah... non dappertutto... :worried_anim:

Comunque, lo staccato dipende molto di più dalla tecnica che da imboccatura e ancia, quindi in definitiva il consoglio da dare è di fare molto esercizio, a prescindere dalle scelte "hardware".

Come sempre, questa è solo la mia esperienza :happystrange:

Ciao

Giuliano

Si, in parte hai ragione perchè ci sono persone che con bocchini chiusi staccano a mitraglia , pero' generalmente , almeno della mia esperienza personale , quando metto bocchini chiusi essa rallenta , si "ingolfa" con una bella apertura invece scivola con piu' fluidità. Sono d'accordissimo con te che lo studio è NECESSARISSIMO !

ciao

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si, in parte hai ragione perchè ci sono persone che con bocchini chiusi staccano a mitraglia , pero' generalmente , almeno della mia esperienza personale , quando metto bocchini chiusi essa rallenta , si "ingolfa" con una bella apertura invece scivola con piu' fluidità. Sono d'accordissimo con te che lo studio è NECESSARISSIMO !

ciao

Io sono uno di quelli che fa meno fatica a staccare con le imboccature chiuse, è una cosa talmente personale che difficilmente si può dire cos'è meglio e comunque resta il fatto che serve l'eserczio, il bocchino aiuta un pò ma niente di più

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io sono uno di quelli che fa meno fatica a staccare con le imboccature chiuse, è una cosa talmente personale che difficilmente si può dire cos'è meglio e comunque resta il fatto che serve l'eserczio, il bocchino aiuta un pò ma niente di più

E' assolutamente vero, concordo. Senza fatica il bocchino migliore o il migliore, a mio modesto parere, non esiste. Potremmo anche suonare con il bocchino che usa Meloni o che usava Gualdi, oppure Goodman, ma otteremo sicuramente risultati peggiori (se non si addicesse alle nostre specifiche caratteristiche) di quelli che otteniamo con il bocchino (migliore per noi) che usiamo tutti i giorni, faccio un esempio. Io suonavo con un Bucchi n. 2 in cristallo e, a suo tempo, non aveva rivali (per me). Ora, dopo oltre venti anni di inattività, il Bucchi mi si è quasi rivoltato contro (si sarà offeso!). E, dopo aver fatto parecchi esperimenti e prove con tanti "ottimi" bocchini, compreso il Pomarico in cristallo nero sun open, suono con un Vandoren 5RV 88 che, per le mie capacità e caratteristiche, per la mia non più giovane età e per i denti che non sono più quelli di una volta, mi da i risultati migliori con minor fatica. Per cui dico, soprattutto agli studenti che non hanno soldi da buttare: cercate il bocchino che fa per voi facendolo sentire ai vostri insegnati, non cercate solo i grandi nomi. A volte anche un modesto bocchino poco blasonato, può essere il "migliore" con tanta abnegazione e volontà.

Saluti a tutti.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 2 weeks later...

Comunque fermo restando che ognuno ha i suoi gusti e le sue patologie , ieri ho suonato per 3 ore un Sun in cristallo scuro di Pomarico e facendo una semplice scala semitonata ho migliorato senza studio lo staccato semplice da 126 a 132 semicrome per minuto . Direi un buon bocchino anche se è da addomesticare con lo studio

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 2 weeks later...

..ieri ho suonato per 3 ore un Sun in cristallo scuro di Pomarico

Ciao clarinetto1.

Anch'io sto provando il sun in cristallo nero e mi piacerebbe leggere le tue opinioni, soprattutto, su di un particolare.

Trovi significative differenze rispetto al cristallo normale da un punto di vista timbrico?

Sto raccogliendo alcune opinioni e mi piacerebbe sentire anche la tua.

Pur essendo fuori tema in questo topic (ma trovo inutile aprirne un altro), ti chiederei anche quale sono le ragioniche ti hanno indotto ad orientarti verso i rosewood. Se non ricordo male tu prestavi particolare attenzione al volume e, quindi, sarei interessato a conoscere le ragioni della tua scelta.

Tra parentesi, a mio modetsissimo avviso, il connubio fra rosewood e cristallo è veramente fantastico.

ciao

p.w.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao clarinetto1.

Anch'io sto provando il sun in cristallo nero e mi piacerebbe leggere le tue opinioni, soprattutto, su di un particolare.

Trovi significative differenze rispetto al cristallo normale da un punto di vista timbrico?

Sto raccogliendo alcune opinioni e mi piacerebbe sentire anche la tua.

Pur essendo fuori tema in questo topic (ma trovo inutile aprirne un altro), ti chiederei anche quale sono le ragioniche ti hanno indotto ad orientarti verso i rosewood. Se non ricordo male tu prestavi particolare attenzione al volume e, quindi, sarei interessato a conoscere le ragioni della tua scelta.

Tra parentesi, a mio modetsissimo avviso, il connubio fra rosewood e cristallo è veramente fantastico.

ciao

p.w.

Solo esteticamente però e non con il cristallo nero ovviamente. I mie strumenti con il bocchino di cristallo perdono sensibilmente di sonorità perchè non gradiscono ance e bocchini dal suono troppo scuro

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao clarinetto1.

Anch'io sto provando il sun in cristallo nero e mi piacerebbe leggere le tue opinioni, soprattutto, su di un particolare.

Trovi significative differenze rispetto al cristallo normale da un punto di vista timbrico?

Sto raccogliendo alcune opinioni e mi piacerebbe sentire anche la tua.

Pur essendo fuori tema in questo topic (ma trovo inutile aprirne un altro), ti chiederei anche quale sono le ragioniche ti hanno indotto ad orientarti verso i rosewood. Se non ricordo male tu prestavi particolare attenzione al volume e, quindi, sarei interessato a conoscere le ragioni della tua scelta.

Tra parentesi, a mio modetsissimo avviso, il connubio fra rosewood e cristallo è veramente fantastico.

ciao

p.w.

Ciao Pee Wee , il sun cristallo nero è , a mio avviso , meno " sonoro" del cristallo jazz doppia stella , ed ha anche un suono piu' classico dolce e un tantino piu' scuro, lo suono con ance 3 leggere e generalmente vanno bene le 2 e mezzo . Prendendo confidenza con esso sto' riuscendo comunque a tirargli piu' sonorità modificando un po' l'impostazione e cioè abbassando un po' di piu' il mento e mettendo piu' dentro l'imboccatura (Mariozzi lo faceva fare sempre arrivando anche ad attaccare pezzetti di sughero sul becco per costringere a prendere piu' imboccatura). Facendo cosi ho visto che l'ancia vibra di piu' e quindi acquista piu' sonorità, sono comunque pronto a sacrificare qualche decibel pur di avere un suono a piu' avviso piu' affascinante e meno squillante. I bocchini in cristallo in genere richiedono piu' sacrificio, nel senso che non sono adatti a chi cerca un suono facile e subito e magari studia poco , sono oggetti che vogliono essere corteggiati ma dopo ti regalano grandi soddisfazioni. Ho notato che questa particolare apertura mi ha leggermente migliorato lo staccato , il che per me è una cosa buona , visto che esso non è stato mai il mio massimo punto di forza , allo staccato si aggiunge che il sun mi permette anche di avere un portamento del legato molto fluido . Lo continuo ancora a "studiare " . Gradirei anche sapere le tue considerzioni. Un abbraccio.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy