Vai al contenuto

I più bei libretti d'opera


Recommended Posts

Non ti prende subito, è un puccini diverso dal solito,con una tecnica compositiva singolare. Le inflessioni melodiche e armoniche di quest'opera mi fanno accapponare la pelle...

Ci sono infatti poche frasi che ricordano il Puccini della Bohème o della Butterfly; sembra quasi un altro autore. Però è sempre lui, ed efficacissimo in quest'opera violenta e dalle tinte oscure.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • Risposte 62
  • Created
  • Ultima Risposta

Top Posters In This Topic

Sarò contro-corrente, come spesso mi capita, ma credo che i libretti di Wagner, tra i pochi che godono del vantaggio di essere stati concepiti dallo stesso autore della musica, siano letteralmente stupendi: ho l'imbarazzo della scelta. Sotto l'aspetto puramente poetico direi Tristano, sotto quello filosofico il Ring e il Parsifal, sotto quello teatrale ovviamente i Maestri Cantori.

Tuttavia, proprio per questo motivo, nel complesso si prestano poco alle mistificazioni da cui sono stati oggetto a partire dalla riapertura post-bellica del festival di Bayreuth. Fantasiose, belle o brutte quanto vogliamo, ma puntualmente fuorvianti dall'idea "totale" dell'arte che aveva Wagner.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vero, anche questo è molto bello. Mi sto anche guardando intorno per vedere di comprarmi una bella incisione.

51H9YINxqKL._SL500_AA240_.jpg

Io ho questa, credo sia una delle migliori. Comunque ho provato a seguirla con il libretto tradotto a fronte, ma mi son perso abbastanza presto durante il dialogo tra il barone e la marescialla. L'edizione in dvd di Karajan (Sony, 1984) com'è? E' sottotitolata in italiano? Non ho trovato un solo sito che riportasse tra le informazioni i sottotitoli.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Molto buono, devo dire, il libretto dell'Elisir d'amore. Note da un cd: "Essendo troppo tardi per la stesura di un nuovo libretto[,] F. Romani tradusse un lavoro di E. Scribe, dal titolo Le philtre, giungendo ad un risultato molto superiore rispetto a quello del collega francese, tale che L'Elisir venne considerato il suo miglior lavoro comico. Donizetti, abituato a comporre con notevole velocità, portò a termine la partitura in un lasso di tempo probabilmente superiore alle due settimane tradizionalmente attribuite alla composizione dell'opera."

Parti notevoli quelle del primo dialogo tra Nemorino e Adina, per non dire della pomposa presentazione di Dulcamara, personaggio che è, curiosamente, la risposta in rima alla domanda "Chi la mente mi rischiara? Chi m'insegna a farmi amar?"

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 4 weeks later...
  • 2 months later...
  • 1 month later...

Tristan Und Isolde senza ombra di dubbio !La Tosca e la Norma, per altri aspetti.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 4 weeks later...

A me piace tantissimo il libretto del Falstaff verdiano.

Le trovate di Boito e le acrobazie di Verdi per musicarle secondo me aggiungono un che di divertente all'opera...

"Sei la gaia comare, il compar gaio

son io, e fra noi due facciamo il paio."

"Udrai quanta egli sfoggia

Magniloquenza altera."

"Diceste ch'egli alloggia

Dove?"

"Alla Giarrettiera."

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ehm... Pelleas et Melisande? XD

ma anche noooo! XD

La prima volta che ascoltai quest'opera ne rimani abbastanza deluso.

Questa melisande, misteriosa... mica si capisce che le è successo.

Quest'anello... che cade nel pozzo... mah

Non so dal punto di vista della poetica, ma come trama è proprio flebile.

Penso che Debussy abbia utilizzato questo libretto appositamente

per cercare di colmare questo alone di mistero con la musica.

I misteri vengono sviluppati attraverso la musica, non è dato intenderli

razionalmente.

Il buon Claude poi se ne pentì pure... anche se per questioni

un po più di bassa lega :laughingsmiley:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho un debole per Francesco Maria Piave.

"Quanto male è stato detto del povero Piave! Ora udite questa quartina del primo Boccanegra, e dite se non è degna di Metastasio:

Ogni letizia in terra

E' menzognero incanto,

D'interminato pianto

Fonte è l'umano cor

[...]

A documentare la stupidità di Piave si cita 'Il balen del tuo [sic] sorriso', 'Raggiante di pallor', 'Sento l'orma dei passi spietati', 'Il raggio lunare del miele'. E pensare che se un giorno vorremo trovare un equivalente di Rimbaud, di Holderlin, di Nietzsche poeta, ci toccherà tirare fuori il povero Piave! [...] Quando Piave cadde morto giù dalla sedia, Verdi scrisse alla contessa Maffei: 'Povero Piave! Era buono!'".

(Alberto Savinio, "Verdi uomo quercia", in "Narrate, uomini, la vostra storia", Adelphi)

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 2 weeks later...
  • 3 weeks later...
  • 3 weeks later...

Mi scuso se un topic analogo è stato già aperto (in caso affermativo, chiudete pure); poiché ogni tanto succede anche che un'ottima musica sia accompagnata da un buon libretto (caso raro, ma non impossibile), m'interessava una discussione sui migliori testi destinati all'opera...

Per me: Otello e Falstaff di Boito (scelta quasi ovvia), ma anche La Bohème di Illica e Giacosa.

Ovviamente vale anche l'argomento opposto: quali sono secondo voi i peggiori libretti mai scritti?

quello di "così fan tutte" (l.da ponte) è semplicemente geniale :-)

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 3 months later...

tra i libretti d'opera poco conosciuti non

va dimenticato I Shardana di Ennio Porrino

dal primo atto:

ARIA DI NIBATTA (cantato da Oralia Dominguez)

NIBATTA, avanzando tutta tremante

di dolore e di terrore:

È sempre guerra,

e sangue sulle arene!

E ancor pensate di lasciar le case!

Chi le falci userà, ma chi l’aratro

per l’arsa zolla?

Chi poterà l’ulivo e il tralcio d’oro?

Chi darà dunque il farro?

Né più vedremo biondeggiar la spica

e il solco aperto non avrà più sementa!

UOMINI E DONNE DELLA TERRA

Madre Nibatta!

Madre d’ogni cuore!

Madre Nibatta!

NIBATTA

E quando a notte

nel silenzio la terra

si chiude cupa nel suo gran dolore,

solo il mastino s’udirà pei campi,

ed il cinghiale urtar contro il prunalbo.

ORZOCCO

Madre Nibatta!

TORBENO

Madre di dolore!

NIBATTA

Figli, miei figli!

Quanto la pena scava nel mio cuore!

Sfiorì la giovinezza mia veloce,

e senza premio.

ecc.

dal terzo atto:

NINNA-NANNA DELLA MADRE

NIBATTA, con espressione assente, come di persona che ha perduto la ragione:

La ninna-nanna, figlio mio adorato,

la ninna-nanna della madre tua!

Cento stelle rilucono nel cielo,

ma la più bella dorme nella culla.

Cento steli sorridono nel campo,

ma il più fiorito cresce nella casa.

Cento porti difendono le navi,

ma più sicuro è il cuore della mamma.

le 2 arie si possono ascoltare qui:

www.sardinnia.it

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A documentare la stupidità di Piave si cita 'Il balen del tuo [sic] sorriso', 'Raggiante di pallor', 'Sento l'orma dei passi spietati', 'Il raggio lunare del miele'. E pensare che se un giorno vorremo trovare un equivalente di Rimbaud, di Holderlin, di Nietzsche poeta, ci toccherà tirare fuori il povero Piave! [...] Quando Piave cadde morto giù dalla sedia, Verdi scrisse alla contessa Maffei: 'Povero Piave! Era buono!'".

(Alberto Savinio, "Verdi uomo quercia", in "Narrate, uomini, la vostra storia", Adelphi)

Non posso credere che il Savinio abbia fatto un errore tanto grossolano, poiché i due pezzi che ho nerettato vengono dal Ballo in maschera, che non è del Piave ma del Somma.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non posso credere che il Savinio abbia fatto un errore tanto grossolano, poiché i due pezzi che ho nerettato vengono dal Ballo in maschera, che non è del Piave ma del Somma.

Sì, Wittels, l'ha fatto. Scriveva andando a memoria, e di certo non controllava, Savinio era scrittore di immaginazione e di stile, dubito che si peritasse di controllare l'esattezza delle sue conoscenze. In questo era un po' arruffone. Comunque questa cosa di attribuire il libretto del Ballo a Piave dev'essere un errore popolare, se vai sul sito http://www.aria-database.com e cerchi le arie del Ballo, immancabilmente ti si dirà che le ha scritte Piave.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Approfitto di questo spazio per chiedere se qualcheduno sappia aiutarmi a reperire i libretti (tradotti in Italiano o Inglese) di Semyon Kotko e Matrimonio al Convento di Prokofjev. Altrimenti, verso chi potrei indirizzarmi per cercare aita? Grazie in anticipo

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Approfitto di questo spazio per chiedere se qualcheduno sappia aiutarmi a reperire i libretti (tradotti in Italiano o Inglese) di Semyon Kotko e Matrimonio al Convento di Prokofjev. Altrimenti, verso chi potrei indirizzarmi per cercare aita? Grazie in anticipo

Quello del Semyon Kotko lo trovi qui:


/>http://www.radio.rai.it/radio3/radio3_suite/archivio_2009/eventi/2009_04_22_semenkotko/libretto.pdf

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.


×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy