Vai al contenuto

Franz Schubert


ANCESTRALE
 Condividi

Recommended Posts

7 minuti fa, Majaniello dice:

gio visto che per te la qualità audio non è un limite mi meraviglio che tu non abbia pensato a lui:

81YLzlujQ6L._SL1425_.jpg

81MRjJbH31L._SL1500_.jpg

Un tempo c'era anche su cd singolo, ma il cofanetto non dovrebbe costare tanto.

Non voglio dire che in Schubert mi piaccia quasi più che in Beethoven, perchè sennò sembro il solito che vuol fare il bastian contrario per forza, ma diciamo che il suo Schubert non è da meno va!

Sennò io voto Brendel, ovviamente.

 

Pensa che uno dei miei cd della vita è un vecchio doppio cd EMI (trasferito da uno che di remastering ne capiva, Keith Hardwick, i suoi trasferimenti sono quasi sempre superiori a quelli fatti da tecnici EMI successivi) con lo Schubert di Schnabel, ma gli impromptus non ci sono. 

Su amazon lo si trova a 12 euro, un affarone.

Schnabel, poi, lo amo molto anche in Beethoven. La sua Hammerklavier è la mia preferita (anche se resta un pezzo che afferro a malapena).

 

Link al commento
Condividi su altri siti

  • Risposte 328
  • Creato
  • Ultima Risposta

Top utenti di questa discussione

Top utenti di questa discussione

4 minuti fa, Majaniello dice:

gio visto che per te la qualità audio non è un limite mi meraviglio che tu non abbia pensato a lui:

81YLzlujQ6L._SL1425_.jpg

81MRjJbH31L._SL1500_.jpg

Un tempo c'era anche su cd singolo, ma il cofanetto non dovrebbe costare tanto.

Non voglio dire che in Schubert mi piaccia quasi più che in Beethoven, perchè sennò sembro il solito che vuol fare il bastian contrario per forza, ma diciamo che il suo Schubert non è da meno va!

Sennò io voto Brendel, ovviamente.

 

Ci avevo pensato, ma la richiesta era per i soli Impromptus e mi son permesso di proporre anche Sokolov per la particolarità del prodotto

Link al commento
Condividi su altri siti

Ora comunque su Spotify sto ascoltando Zimerman, che ha miracolosamente confermato tutte le mie supposizioni di lui. Tecnica celestiale, suono cristallino, fatato, vezzosità e capricciosità un po' da primadonna, ma tutto un po' artificioso e forzato, affidato a un pianismo che ha poco di intimo, poco di schubertiano insomma...  Un grande disco, ma per me Schubert ha qualcos'altro che Zimerman non sa dare.

Mio piccolo miserabile parere, ovviamente.

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 1 month later...

Ho riscoperto il quartetto in sol maggiore D887, un pezzo un po' oscurato dai due celebri fratelli "Rosamunde" e "Der Tod un das Madchen" e che anche io personalmente ho trascurato in modo colpevole. E' un pezzo assolutamente straordinario dal punto di vista concettuale, e mi riferisco in particolare al primo movimento (e in parte al secondo). Ad un certo punto non molto dopo l'inizio del brano mi son detto: "sembra una sinfonia di Bruckner". E più ascoltavo più tutto quadrava. Per cominciare c'è un impianto complessivo smisurato. Il pezzo dura circa 17 minuti, 23 con la ripetizione dell'esposizione. I respiri del discorso musicale sono infiniti. Inoltre l'andamento agogico è quasi da adagio (qui molto similmente alle ultime sontate per pianforte). Il tono generale è assolutamente sinfonico, la massa compatta di suono è spesso preferita ad una scrittura contrappuntistica o all'interazione tra in quattro strumenti.  Ma anche nei dettagli gli elementi che mi hanno fatto pensare a Bruckner non sono pochi. Ci sono i tremoli degli archi (abbastanza insoliti in quartetto), gli stessi pizzicati, le reticenze, i silenzi, le iterazioni i blocchi contrapposti. Anche la costruzione di certe lunghe frasi misteriose mi ha ricordato molto da vicino le sinfonie di Bruckner. Mancano solo le colossali perorazioni finali, ma nonostante questo direi che è un pezzo molto più sinfonico della maggior parte dei movimenti delle sinfonie dello stesso Schubert. Questo brano mi aveva sempre lasciato un po' perplesso proprio per le ragioni per cui oggi mi stupisce.
Il discorso, come dicevo, vale almeno in parte anche per il secondo movimento, a cominciare dal fatto che ha un andamento e un tono tali da sembrare la prosecuzione del primo e fa uso di procedimenti ed elementi simili (tremoli, silenzi improvvisi dopo dei forti, etc). 

Link al commento
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Condividi

  • Chi sta navigando   0 utenti

    • Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy