Vai al contenuto

Glenn Gould


kraus
 Condividi

Recommended Posts

Mi sembra che non sia stato aperto un topic specifico su Glenn Gould; in questi giorni sto approfondendo le sue interpretazioni e m'interessava un giudizio in proposito da parte dei forumisti... A voi la parola!

Link al commento
Condividi su altri siti

Mi sembra che non sia stato aperto un topic specifico su Glenn Gould; in questi giorni sto approfondendo le sue interpretazioni e m'interessava un giudizio in proposito da parte dei forumisti... A voi la parola!

Per me è semplicemente il più geniale pianista del secolo scorso. Ineguagliabile. Non c'è una sola interpretazione - sì, forse c'è, la suites di Handel al clavicembalo non mi hanno mai conquistato - che non reputi come discesa dall'iperuranio. Credo che fosse in diretto contatto con le idee platoniche dei pezzi che eseguiva. Capisco che, partitura alla mano, molte sue esecuzioni siano a dir poco deliberate, se non arbitrarie, ma perfino le sonate di Mozart o l'Hammerklavier - che peraltro non amava - sono, a loro modo, perfette. Aveva un'idea molto personale e raffinata di bellezza, parlava spesso di sintesi tra spiritualità e sensualità, estasi, era uno strano miscuglio di asceta sensibilissimo sullo stile di Baudelaire (che infatti cita in un suo saggio sulle variazioni Goldberg). Non è mai esistito uno staccato più intenso, controllato, drammatico come lo suonava Gould. A volte, ebbene sì, era un po' freddo: come se si fosse persuaso di una strategia interpretativa a priori e l'avesse voluta applicare incondizionatamente, per puro scrupolo di dimostrazione. Ma le suite francesi di Bach, così fuori dal tempo, così pure, platoniche appunto, sono una folgorazione. Poi può darsi che invece piaccia immaginarsi Bach in parrucca e un salotto del XVIII secolo quando le si ascolta, e allora meglio rivolgersi altrove. Glenn, in fondo, era un estremista.

Link al commento
Condividi su altri siti

in fondo, era un estremista.

in modo provocatorio G.G. affermò che incidere, per chi aveva una mentalità abbastanza aperta per riconoscerlo, era il mezzo ideale di comunicazione musicale e che poteva offrire all'ascoltatore un contatto piu diretto, piu intimo, piu concentrato e piu puramente estetico con la musica di quanto si potesse durante le esecuzioni in pubblico.

criticando la sala da concerto come un focolaio di distrazioni contro la musica, G. sferrò un'accusa secondo la quale l'eccitazione dell'esecuzione dal vivo, troppo spesso era il prodotto spititualmente degradante del modo di pensare della massa, irrilevante, ricca soltanto di stimoli visivi, un attegiamento ripugnante dell'esecutore di mettersi in posa, un comportamento sociale arido ed un gusto retrogrado di voler mettersi in una competizione critica.

asserendo che le incisioni, che in passato erano aspetti collaterali della vita musicale, ora erano diventate un elemento centrale, G. predisse l'obsolescenza, entro breve termine dei concerti in pubblico.

i musicisti del futuro avrebbero esercitato la loro professione completamente all'interno dello studio di registrazione, approfittando completamente delle manipolazioni sonore per ottenere bellezze impossibili da raggiungere durante le registrazioni dal vivo.

anche per questo è da ritenersi straordinario.

paolo

Link al commento
Condividi su altri siti

Anche a me piace particolarmente (con Perahia è il mio pianista preferito). Per Natale ho ricevuto la miniedizione Sony (12 CD) delle sue interpretazioni bachiane, un'affascinante anteprima di quella che un giorno spero di poter acquistare (la Complete Jacket Collection dedicata al nostro esecutore).

Impressionante il Wohltemperierte Klavier.

Link al commento
Condividi su altri siti

Anche a me piace particolarmente (con Perahia è il mio pianista preferito). Per Natale ho ricevuto la miniedizione Sony (12 CD) delle sue interpretazioni bachiane, un'affascinante anteprima di quella che un giorno spero di poter acquistare (la Complete Jacket Collection dedicata al nostro esecutore).

...anch'io ho messo gli occhi su...

51WCF2lN6aL._SS500_.jpg

Così forse capirò perchè non sopporto Glen Gould.

Tempo fa la Rai trasmise una serie di trasmissioni a lui dedicate. Ricordo bene il titolo con le lettere del nome inserite in una tastiera di pianoforte. Chissà se su Youtube...

Link al commento
Condividi su altri siti

:thumbsup_still:

Meno male che è stato aperto un topic su di esso, mi sembrava scontato che l' avessi aperto io essendone un grosso fan......

Pianista celebre anzi famosissimo ha inciso una marea e partecipato a molte registrazioni live ed intervista ,il suo carattere eclettico non gli faceva disdegnare la presenza dei media o della stampa, per questo se ne parlato molto su di lui.

Una delle più belle interviste a parer mio è stata fatta da B.Monsaingeon dove spiega il suo approccio le sue impressioni le sue motivazione sul suo compositore preferito Bach.

è reperibile su youtube ne metto la prima parte la consiglio vivamente.

[media]http://www.youtube.com/watch?v=thPd18JGvbE

pianista spesso associato a Bach, ma che conoscendolo meglio non disdegnava gli altri generei e tra le sue altr incisioni quelle che più mi hanno interessato sono senza dubbio quelle di Brahms e Scriabin

2i8g314.jpg

sul lato del Gould uomo la sua straordinaria capacità nel suonare e la sua stranezza nel comportamento e nel portamento hanno fatto pensare che fosse autistico o malato ma comunque la sua vita privata non è molto conosciuta.

Link al commento
Condividi su altri siti

Me lo stavo chiedendo pure io...

O mondo distratto!

Come dicevo nel mio post precedente - che ovviamente pretendevo avesse lasciato attonito l'universo intero, e tutti giù a prendere nota nelle loro agendine - Glenn ha inciso per clavicembalo alcune suite di Handel, ma, come appunto scrivevo, è l'unico disco in cui non mi conquista. Secondo me il clavicembalo (mentale) di Glenn era il suo Steinway prima e il suo Yamaha poi. Quanto all'arte della fuga su pianoforte: sì, esiste il cd con la registrazione dei soli contrapuncti da 1 a 9 (ma ci si può accontentare, data la qualità) su pianoforte, molto bello e consigliatissimo.

Link al commento
Condividi su altri siti

Grande interprete.

Piccoli, viceversa, i suoi fan più sentenziosi, quelli che sdottoreggiano per ogni dove finendo per trasformarlo in una specie di entità dello spirito.

Ma il vecchio Glenn non ha colpa delle loro malefatte.

Link al commento
Condividi su altri siti

Ascoltate oggi le partite (eseguite al pianoforte)... Non posso però che sconsigliare il cofanetto "Glenn Gould plays Bach": non c'è neanche la metà delle incisioni bachiane e la Toccata in mi minore è presente, identica, in due dei CD. Meglio piuttosto tutta la Jacket Edition o i singoli CD Sony che si dovrebbero trovare in giro per la nostra beneodiata penisola... to_become_senile.gif (faccina a caso)

Link al commento
Condividi su altri siti

Ascoltate oggi le partite (eseguite al pianoforte)... Non posso però che sconsigliare il cofanetto "Glenn Gould plays Bach": non c'è neanche la metà delle incisioni bachiane e la Toccata in mi minore è presente, identica, in due dei CD. Meglio piuttosto tutta la Jacket Edition o i singoli CD Sony che si dovrebbero trovare in giro per la nostra beneodiata penisola... [i

attenzione alle Jacket Edition della Sony/RCA ecc... per quanto l'iniziativa sia lodevole sono quasi sempre delle fregature...in quanto riportano il contenuto originale dei vecchi vinili, tralasciando tutte le altre cose pubblicate dopo in seguito su cd...e vi ritroverete magari con cd da 40 minuti...quando magari lo stesso disco pubblicato su cd ha abbinato altre cose inedite.

io per fortuna comprai a suo tempo tutta la Gould Edition della Sony (quella con le copertine bianche)...

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 2 weeks later...

Sarà stato anche autistico e strano, ma io lo trovo, oltre che il mio pianista preferito, un essere delzioso


/>http://www.youtube.com/watch?v=5uS3Zr_egjI
/>http://www.youtube.com/watch?v=rAHhBsaqs8Q&feature=related
/>http://www.youtube.com/watch?v=bSRC3G1y7dA&feature=related
/>http://www.youtube.com/watch?v=eEtmifxrdsw&feature=related
/>http://www.youtube.com/watch?v=UKOtAHY_XII&feature=related

Link al commento
Condividi su altri siti

Qui "canta" un Lied di Mahler a beneficio di un pubblico speciale :lol:

Non è da dimenticare la sua attività di divulgazione, efficace a mio avviso quanto quella di Bernstein.
/>http://www.youtube.com/watch?v=VbLw2Mfa2NA

e il suo apostolato a favore della musica contemporanea
/>http://www.youtube.com/watch?v=DhKWTVTl5Y4&feature=related

Glenn Gould è stato uno straordinario utilizzatore e "manipolatore" di media. Realizzò documentari televisivi e radiofonici, uno dei quali, The Idea of North, veramente innovativo:
/>http://www.youtube.com/watch?v=Snt35m2fzBw

E guardate qua fino a che punto conosceva gli aspetti tecnici dell'incisione in studio:
/>http://www.youtube.com/watch?v=chHJdmyIiRk

Link al commento
Condividi su altri siti

Per me è semplicemente il più geniale pianista del secolo scorso. Ineguagliabile. Non c'è una sola interpretazione - sì, forse c'è, la suites di Handel al clavicembalo non mi hanno mai conquistato - che non reputi come discesa dall'iperuranio. Credo che fosse in diretto contatto con le idee platoniche dei pezzi che eseguiva. Capisco che, partitura alla mano, molte sue esecuzioni siano a dir poco deliberate, se non arbitrarie, ma perfino le sonate di Mozart o l'Hammerklavier - che peraltro non amava - sono, a loro modo, perfette. Aveva un'idea molto personale e raffinata di bellezza, parlava spesso di sintesi tra spiritualità e sensualità, estasi, era uno strano miscuglio di asceta sensibilissimo sullo stile di Baudelaire (che infatti cita in un suo saggio sulle variazioni Goldberg). Non è mai esistito uno staccato più intenso, controllato, drammatico come lo suonava Gould. A volte, ebbene sì, era un po' freddo: come se si fosse persuaso di una strategia interpretativa a priori e l'avesse voluta applicare incondizionatamente, per puro scrupolo di dimostrazione. Ma le suite francesi di Bach, così fuori dal tempo, così pure, platoniche appunto, sono una folgorazione. Poi può darsi che invece piaccia immaginarsi Bach in parrucca e un salotto del XVIII secolo quando le si ascolta, e allora meglio rivolgersi altrove. Glenn, in fondo, era un estremista.

i gouldiani sono tutti dei rokkettari.

basta aprire le orecchie.

[media]http://www.youtube.com/watch?v=WD6pGV69fJI gould/kempff [media]http://www.youtube.com/watch?v=O6txOvK-mAk&feature=related

[media]http://www.youtube.com/watch?v=GXjM2hrqO54 gould/hess [media]http://www.youtube.com/watch?v=UNlyxn2Y4_E

[media]http://www.youtube.com/watch?v=CUWeszHMJpU&feature=related gould/michelangeli [media]http://www.youtube.com/watch?v=EtbPhECJg7Q&feature=related

se l'iperuranio è a sinistra è proprio una mXXXa

Link al commento
Condividi su altri siti

Da profano nel campo dell'interpretazione devo dire che si tratta semplicemente di interpretazioni diverse: l'Appassionata eseguita da Gould può sembrare folle all'inizio (così mi è parso anche per il 1° movimento della KV 331 di Mozart, sulle prime di una lentezza esasperante), poi mi sono reso conto che è un'altra possibilità rispetto alle altre interpretazioni di questa sonata le quali - sia detto fra noi, anche se mi sbaglierò senz'altro vista la mia scarsa sensibilità in materia di esecuzione - a me sembrano tutte terribilmente simili. Beninteso, non è detto che quella di Gould sia migliore, però l'attenzione riesce ad attirarla.

Altro esempio: uno ascolta il primo Preludio del CBT di Bach eseguito da Gould e dice: sembra una presa in giro (al primo ascolto), poi ti rendi conto che sembra davvero un'altra musica o almeno un altro modo di leggerla, mentre le altre versioni che ho non riesco a distinguerle. Comunque, anche per quanto riguarda il Chiaro di luna ammetto che la resa gouldiana sembra addirittura scolastica, mentre non noto niente di particolare in merito al Quarto concerto.

Ultima nota a titolo puramente personale: diciamo che, senza esaltarlo, Gould è per me un pianista estremamente interessante (e non sempre soltanto per l'originalità delle sue interpretazioni). Pur disapprovando in pieno le sue critiche a Mozart, alcune delle quali veramente acide e di cattivo gusto, non posso che ammirarlo almeno quando esegue Bach, che pure non è autore tra i miei preferiti.

Link al commento
Condividi su altri siti

Sir Vui, definirla propio me**a.... :scratch_one-s_head: non sò anche se sono un sostenitore di Golud ammetto e sono sincero che Beethoven lasciamolo ad Arrau, Kempff, Hess e compagnia...... avendo ascoltato le sue incisioni, sconvolge forse un pò troppo, ma se no non era Glenn Gould

mmmmm e poi si, ho ascoltato tanta musica Rock e sono un Gouldiano :sarcastic_hand: ma apprezzo un Busoni o un Liszt anche se sono un Gouldiano, a volte sembra che si considerino sciocche delle persone solo perchè ascoltano e apprezzano quello a cui non piace la maggioranza :on_the_quiet2:

Link al commento
Condividi su altri siti

Sir Vui, definirla propio me**a.... :scratch_one-s_head: non sò anche se sono un sostenitore di Golud ammetto e sono sincero che Beethoven lasciamolo ad Arrau, Kempff, Hess e compagnia...... avendo ascoltato le sue incisioni, sconvolge forse un pò troppo, ma se no non era Glenn Gould

mmmmm e poi si, ho ascoltato tanta musica Rock e sono un Gouldiano :sarcastic_hand: ma apprezzo un Busoni o un Liszt anche se sono un Gouldiano, a volte sembra che si considerino sciocche delle persone solo perchè ascoltano e apprezzano quello a cui non piace la maggioranza :on_the_quiet2:

infatti a te piace glenn per partito preso quindi non preoccuparti perché non sarai mai considerato uno sciocco!!!

Link al commento
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Condividi

  • Chi sta navigando   0 utenti

    • Nessun utente registrato visualizza questa pagina.
×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy