Vai al contenuto
IlikeBeethoven

Pianoforti col sistema silent

Recommended Posts

Salve sono una ragazza di 25 anni suono e studio il pianoforte da un po' di anni.... 4 mesi fa ho installato il silent nel mio pianoforte a coda eccitata dall'idea di poter suonare con le cuffie,usare l'amplificatore ,avere a disposizione vari effetti sonori ,12 suoni ,120 timbri ecc ecc .... ora sono pentita! in pratica lo sto usando solo per fare esercizi di tecnica quale tausig, 5 dita ecc.... uno studio di Czerny col silent inserito viene uno schifo immaginatevi un valzer di Chopin...bleah! pensavo di avere una cosa in piu', il piano digitale in quello acustico ....Risultato: studio e suono senza silent ,,,il silent oltre alla tecnica delle dita come ho scritto mi serve solo per imparare un po' le note prima di "lanciarmi" nel pezzo. Che delusione :-( chi ha fatto la mia stessa"cazzata"? e come si trova con questo congegno elettronico???

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

:scratch_one-s_head: Sotto la mia richiesta hanno aggiunto il silent quando ho comprato il pianoforte...e purtroppo sono stata costretta a farlo <_<!

Meno male che il mio non è a coda :D

Edit:

4 mesi fa ho installato il silent nel mio pianoforte a coda eccitata dall'idea di poter suonare con le cuffie,usare l'amplificatore ,avere a disposizione vari effetti sonori ,12 suoni ,120 timbri ecc ecc ....

:scratch_one-s_head:

Il silent non è quello che lasci premuto fin quando vuoi e funziona come un normale pedale?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per Rachmaninov93

Io l'ho messo piu' che altro per poter studiare qualche ora di sera o di domenica mattina quando tutti dormono e rompono! serve se vuoi fare qualche ora in piu' di tecnica piu' che altro... Comunque se vuoi metterlo ho saputo che conviene piu' su quelli verticali e non a coda e poi meglio che "esce dalla fabbrica" e non che viene installato da un tecnico in un secondo momento .Ora provo a "sfruttare i vantaggi" di questo sistema visto che l'ho pagato" 1300 euro (si chiama piano -midi e la ditta sta a milano) .In poche parole se compro l'amplificatore posso suonare non so Bach con l'organo ,oppure provare gli altri timbri amplificati

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

la meccanica non ne risente lo ha provato la mia insegnante(dopo che ho inserito il silent) e anche io mi trovo benissimo in modalità acustica.In modalità digitale ne risente la dinamica e poi a volte i piano non si sentono molto e gli acuti "sparano"all'improvviso violentando l'orecchio:-(

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Che coincidenza me ne parlava proprio stamattina un mio amico diplomato. Lui me l'ha fortemente sconsigliato in quanto, oltre ad averci avuto problemi di udito, ha detto anche che il pianoforte deve subire delle modifiche se il silent viene installato successivamente, il che porta spesso ad una svalutazione dello strumento.

Anche io stavo pensando a prenderne uno con il sistema gia installato, perchè piu che altro vorrei fare qualche oretta di tecnica in pace senza rompere l'anima al mondo.. ma a sto punto non so che fare...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buon giorno a tutti,

E' da un po che sto pensando di installare un sistema Silent sul mio C3, ne ho parlato con il mio negoziante , lui nn me lo sconsiglia, addirittura la ditta che fa queste modifiche sta molto vicino a casa mia e so che lavoraro molto bene.

La cifra si aggira anche in questo caso intorno intorno ai 1.300,00 €, il mio negoziante ha detto che nn fanno modifiche importanti alla meccanica del piano, quindi in teoria nn si rovina nulla.

Ho chiesto info alla ditta che fa questi sitemi, in pratica ti vengo a prendere a casa la meccanica, te la sfilano via...e te la riportano dopo un paio di giorni modificata.

Poi poco tempo fa, la mia prof a cambiato casa e nn potendo più utilizzare liberamente il suo C3 (soliti problemi condominali del cavolo) è stata costretta a prendere a nolo un verticale Yamaha con sistema silent (di fabrica).

Paga un nolo al mese di 25,00 €.

Le sue considerazioni sono:

Per esercitarsi , stracciare un nuovo pezzo, per la tecnica , e soprattutto per nn rompere gli altri che ti stanno intorno...va bene...ma poi ti perdi tante cose che solo un piano (NATURAL) può farti godere!

A questo punto io credo che ...può andar bene anche una buona 88 tasti pesata (io ce l'ho)...e quando la utilizzo nn mi trovo male, ovvio nn e il C3...

ma si spende molto meno di 1.300,00 €

o in alternativa un silent a nolo....con quella cifra al mese....ci paghi appena una pizza e una birra per 2 persone.

:rolleyes_anim:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io che ho perso la mia vita sulle tastiere e robe digitali ed ho imparato a conoscere la bellezza di un piano acustico solo a 18 anni ho un pò di esperienza, e ve la riporto:

PIANO DIGITALE:

costa meno del silent. Per quanto ne dicono i tasti sono sempre un pò più "leggeri" del piano acustico, specie quando si tratta di suonare il forte. Si può ovviare a questo problema abbassando un pò il volume ( così per suonare forte dovrete impegnare un pò più di muscolatura ) ma la sensazione di leggerezza che si avverte sotto le dita rimane. Questo ha un'effetto negativo sulla muscolatura. Quando tornate sull'acustico pagate un pò la mancanza di allenamento muscolare e vi sembrerà di faticare un pò. Ci sono però dei vantaggi. In genere i tasti del digitale hanno una corsa più ampia. Questo vi costringe ad articolare un pò di più le dita e fare movimenti più ampi. Da ciò avrete un enorme vantaggio quando tornate sull'acustico, dove secondo me sono richiesti movimenti meno ampi per suonare, e vi sembrerà di sviluppare una velocità addirittura maggiore! Altro vantaggio è il suono. Rispetto sl silent il pianoforte digitale secondo me ha un software più avanzato, più elaborato ( ovviamente perchè tutto lo strumento è dedicato alla tecnologia digitale, dalle casse ad i vari componenti ecc.... e non è un ibrido come il silent ) e permette di riprodurre le dinamiche di un piano acustico quasi alla perfezione! i modelli più costosi ( da 2.000 3.000 in su... ) hanno una capacità di riprodurre le dinamiche, la timbrica ecc.... di un pianoforte acustico in modo davvero strabiliante!! rimane solo il discorso della leggerezza dei tasti che "disallena" la muscolatura. Conclusioni:

- un buon piano digitale ( dai 2.000 - 3.0000 in su!!! dicono che della kawai sono i migliori ) è ottimo, straottimo anche per studiare sulle dinamiche di un brano a PATTO CHE NON PERDIATE MAI LA CONFIDENZA CON UN PIANO ACUSTICO VERO. non si può studiare solo su un piano digitale, bisogna dedicarsi qualche oretta sempre all'acustico

SILENT:

costa di più, molto di più, ovviamente. Il vantaggio insdiscusso rispetto al digitale è questo: la sensazione tattile, la "pesatura" del tocco rimane quella di un piano acustico! allora tutto il discorso della perdita di allenamento muscolare che vale per il digitale in questo caso non c'è!! grande punto debole: la tecnologia della componente digitale è inferiore ad un piano digitale puro. E' intuitivo pensare che essendo un ibrido, i componenti dedicati alla parte digitale ( che so... software che elabora il suono, casse...ecc...!!! ) sono più "sacrificati" probabilmente per la contemporanea presenza della parte meccanica acustica che ne sacrifica spazio. Questo influisce molto sulle dinamiche. Il suono che otterrete non è così "bello" come quello di un digitale puro, ma soprattutto le dinamiche del tocco sembrano più scadenti ( ecco che una nota non la si sente, una all'improvviso si impenna e ti perfora il timpano, è difficilissimo fare il pianissimo ma è o tutto forte o niente!! ), questo fa si che il brano dovrà per forza essere curato sull'acustico, lasciando la funzione silent solo per la parte di studio in cui si deve esclusivamente "premere le note", tipo la lettura di un brano, la lettura a prima vista dei brani facili, le tecnica pura ( sempre che tecnica significhi "premere le note" ).

Cosa conviene? dipende da quello che voi volete fare quando siete in cuffia e gli altri non vi ascoltano!!

P.S: l'ideale sarebbe un silent la cui componente digitale è così perfetta e curata come quella di un piano digitale puro di ultima generazione. Esiste?

Ho sentito dire che gli ultimi silent della Kaway ( K5 - 3 Atx...o una roba del genere ) sono stupendi, la loro comonente digitale è quasi paragonabile a quella dei digitali puri di cui la STESSA KAWAY ne è produttrice. Allora si che sarebbe il massimo

Domani mattina vado proprio a Milano dalla Kaway per provarli!!! Wow.... forse trovo quello che fa per me.

E' sicuro che, e su questo ci gioco tutto: AGGIUNGERE IL SISTEMA SILENT SU UN PIANO ACUSTICO CHE NON CE L'HA FIN DALLA FABBRICAZIONE DA DEI RISULTATI PESSIMI, NEANCHE MINIMAMENTE PARAGONABILI AD UN SILENT DI FABBRICAZIONE!! Perchè?? Non lo so. Ma tutti mi hannno detto così e ci credo!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buon giorno a tutti,

E' da un po che sto pensando di installare un sistema Silent sul mio C3, ne ho parlato con il mio negoziante , lui nn me lo sconsiglia, addirittura la ditta che fa queste modifiche sta molto vicino a casa mia e so che lavoraro molto bene.

La cifra si aggira anche in questo caso intorno intorno ai 1.300,00 €, il mio negoziante ha detto che nn fanno modifiche importanti alla meccanica del piano, quindi in teoria nn si rovina nulla.

Mi sono informato per l'applicazione del silent sul C3, ma invece di 1.300€ me ne hanno chiesti 4.000€... però per il migliore sistema silent esistente e soprattutto senza praticamente nessun intervento sulla meccanica e regolazione del pianoforte, che devono rimanere tali e quali.

Poi poco tempo fa, la mia prof a cambiato casa e nn potendo più utilizzare liberamente il suo C3 (soliti problemi condominali del cavolo) è stata costretta a prendere a nolo un verticale Yamaha con sistema silent (di fabrica).

Paga un nolo al mese di 25,00 €.

WOW! Dove?!? Quale modello yamaha? A me hanno chiesto quattro volte tanto... €€€€...

Dimmelo via mp eventualmente...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Secondo me la soluzione più ovvia sarebbe avere un bel piano a coda acustico (senza nessuna manipolazione elettronica) per studiare "il suonare"; poi, eventualmente uno vuole studiare la tecnica o non scocciare i vicini si può comprare una di quelle belle tastiere digitali con i tasti pesati (max. 1000 euro) e studia lì quando vuole.

Così si risolvono 2 problemi: non si scassa il piano a coda visto che la tecnica e la tecnica sui pezzi la studio sulla tastiera elettrica; non si dà fastidio ai vicini perchè quando uno vuole suonare, ai vicini piace ascoltare le musica!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Secondo me la soluzione più ovvia sarebbe avere un bel piano a coda acustico (senza nessuna manipolazione elettronica) per studiare "il suonare"; poi, eventualmente uno vuole studiare la tecnica o non scocciare i vicini si può comprare una di quelle belle tastiere digitali con i tasti pesati (max. 1000 euro) e studia lì quando vuole.

Così si risolvono 2 problemi: non si scassa il piano a coda visto che la tecnica e la tecnica sui pezzi la studio sulla tastiera elettrica; non si dà fastidio ai vicini perchè quando uno vuole suonare, ai vicini piace ascoltare le musica!

Son d'accordissimo!! io però ho avuto l'impressione che i digitali puri abbiano i tasti un pò più leggeri del silent!! E' però verissimo che conviene comprarsi un piano che abbia già il silent montato ( per es. un any time della kawai ) e non farlo montare su un piano preesistente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Secondo me la soluzione più ovvia sarebbe avere un bel piano a coda acustico (senza nessuna manipolazione elettronica) per studiare "il suonare"; poi, eventualmente uno vuole studiare la tecnica o non scocciare i vicini si può comprare una di quelle belle tastiere digitali con i tasti pesati (max. 1000 euro) e studia lì quando vuole.

Non sono d'accordo.

Studio da un paio d'anni quasi soltanto su una tastiera con i tasti pesati, ma me ne pento quando metto le mani su un piano acustico. Quello che non mi va è che mi abituo a una tastiera che ha i tasti sì pesati, ma troppo leggeri e con una risposta al tocco troppo diversa da quelli di un piano "vero".

Sto infatti pensando di liberarmene e prendere un piano acustico col silent. Anche un piano usato o rigenerato, non nuovo, sarebbe già un bel miglioramento IMHO.

Ho provato alcuni verticali rigenerati con silent, e mi sono piaciuti un sacco di più della mia attuale tastiera.

E' però verissimo che conviene comprarsi un piano che abbia già il silent montato ( per es. un any time della kawai ) e non farlo montare su un piano preesistente.

In che senso conviene? Economico, oppure intendi dire che se è già stato fabbricato col silent funziona meglio?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non sono d'accordo.

Studio da un paio d'anni quasi soltanto su una tastiera con i tasti pesati, ma me ne pento quando metto le mani su un piano acustico. Quello che non mi va è che mi abituo a una tastiera che ha i tasti sì pesati, ma troppo leggeri e con una risposta al tocco troppo diversa da quelli di un piano "vero".

Sto infatti pensando di liberarmene e prendere un piano acustico col silent. Anche un piano usato o rigenerato, non nuovo, sarebbe già un bel miglioramento IMHO.

Ho provato alcuni verticali rigenerati con silent, e mi sono piaciuti un sacco di più della mia attuale tastiera.

In che senso conviene? Economico, oppure intendi dire che se è già stato fabbricato col silent funziona meglio?

Ciao guldo. Mi ritrovo pienamente in quello che dici. E faccio subito una premessa: l'ideale sarebbe suonare sempre solo e soltanto sul piano acustico!! anche la tecnica, perchè sappiam benissimo che la tecnica non è solo "premere le note" ma molto più, e son d'accordissimo che la tecnologia digitale per quanto avanzata e sofisticata non sarà mai identica alla risposta meccanica,tattile ecc.. del pianoforte acustico. il massimo della vita sarebbe avere una stanza insonorizzata, ma il progetto dovrebbe partire al momento della costruzione dell'edificio per poter inserire pannelli di piombo in TUTTE le mura della stanza, esclusa la finestra che deve essere su un muro esterno. Oppure vivere in una villetta da soli, però una villetta a prezzo accessibile la troviamo solo nel più sperduto paesino di periferia in mezzo alle montagne, e poi spero nessuno di noi ambisca a vivere da solo.

Allora dobbiamo ovviare al problema dell'impossibilità di suonare il pianoforte acustico la sera.

I digitali hanno i tasti sempre un pò più leggeri, e quando torni sull'acustico lo senti e lo paghi.

Il silent è un pianoforte!! c'è tutto il meccanismo del martelletto ecc...solo che il martelletto non tocca le le corde. Quinidi la pesatura, la corsa rimangono le stesse!! e quando disattivi il silent per tornare all'acustico non senti alcuna differenza di pesatura!! questo è un vantaggio formidabile rispetto alle tastiere digitali classiche ( anche quelle con i tasti in legno, perchè non è una questione di materiale, così come ci vogliono far credere i rivenditori maledetti ).

Mi hanno detto in molti che se monti il silent su un piano acustico non hai un buon risultato, ma parlo della qualità e della risposta sonora. Hai un suono scadente e soprattutto non modulabile, cioè "tutto o niente". Forse perchè la componente digitale che viene montata non è delle migliori, ma semplicemente una componente di "emergenza" che viene aggiunta ad uno strumento già pronto. I pianoforti che hanno già il silent incorporato forse ne montano una qualità migliore. Comunque credo che sia un concetto abbastanza intuitivo. non so spiegarmi meglio. E' lo stesso concetto per cui se vuoi insonorizzare una stanza conviene far tutto prima della costruzione della casa e non dopo quando si devono aggiungere dei pannelli esterni che non fanno niente. io ho il kawai anytime che oltre ad essere un ottimo piano acustico è anche avanzatissimo nel fare i piano digitali ed ho una risposta al tocco davvero ottima ( ma mai come quella di un acustico puro!! ), è modulabile, e con buona approssimazione può permettere uno studio serio anche nelle notturne. almeno voglio sperar così. quanto ad economia siamo sul versante opposto!! purtroppo sono costosi. un anytime costa il doppio di un acustico semplice. credo che aggiungere il silent ad un piano acusitco che hai già ti costi quanto una tastiera digitale pesata. forse è meglio una tastiera digitale pesata a questo punto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao guldo. Mi ritrovo pienamente in quello che dici.

[...]

I digitali hanno i tasti sempre un pò più leggeri, e quando torni sull'acustico lo senti e lo paghi.

[...]

Mi hanno detto in molti che se monti il silent su un piano acustico non hai un buon risultato, ma parlo della qualità e della risposta sonora. Hai un suono scadente e soprattutto non modulabile, cioè "tutto o niente".

[...]

purtroppo sono costosi. un anytime costa il doppio di un acustico semplice. credo che aggiungere il silent ad un piano acusitco che hai già ti costi quanto una tastiera digitale pesata. forse è meglio una tastiera digitale pesata a questo punto

Mi spieghi l'ultima frase? Rileggendo il tuo messaggio, quella conclusione alla fine mi spiazza... Forse dipende dal livello, ma io sinceramente, se fosse possibile, eviterei a tutti di usare le tastiere elettroniche o i pianoforti digitali per studiare pianoforte classico; sia per il bambino alle prime armi, sia per il diplomato che deve sempre esercitarsi, sono pallidi palliativi IMHO. Ma certo, di fronte alle necessità...

Cmq, io prima di andare a provare i pianoforti col silent mi sono informato un po', e ne ho sentite peste e corna.

Poi sono andato dal mio accordatore a provare alcuni verticali rigenerati (non nuovi) col silent applicato da lui (non di fabbrica):

1) inserendo il silent le caratteristiche meccaniche della tastiera non cambiano neanche un po';

2) si riesce benissimo a suonare tutto dal FFF al ppp col silent.

Questo almeno dal mio accordatore, che lavora bene.

Bye

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi spieghi l'ultima frase? Rileggendo il tuo messaggio, quella conclusione alla fine mi spiazza... Forse dipende dal livello, ma io sinceramente, se fosse possibile, eviterei a tutti di usare le tastiere elettroniche o i pianoforti digitali per studiare pianoforte classico; sia per il bambino alle prime armi, sia per il diplomato che deve sempre esercitarsi, sono pallidi palliativi IMHO. Ma certo, di fronte alle necessità...

Cmq, io prima di andare a provare i pianoforti col silent mi sono informato un po', e ne ho sentite peste e corna.

Poi sono andato dal mio accordatore a provare alcuni verticali rigenerati (non nuovi) col silent applicato da lui (non di fabbrica):

1) inserendo il silent le caratteristiche meccaniche della tastiera non cambiano neanche un po';

2) si riesce benissimo a suonare tutto dal FFF al ppp col silent.

Questo almeno dal mio accordatore, che lavora bene.

Bye

Si....so benissimo di essere contorto e che ineffetti sembro un pò contraddittorio...allora:

il problema del silent è che, se non è buono non lo usi. io avevo giù a casa da me un vecchio silent ( il night and day ) che fa schifo perchè il suono non è modulabile, o ti spara 1000 decibel o nonsi sente niente. alla fine non lo usi. mi hanno detto che se monti un silent su un piano che non ce l'ha di fabbrica ti montano un sistemache non è buonissimo e diventa come i vecchi night and day che alla fine non lo usi. allora a questo punto conviene usare un buon piano digitale ( clavinova o kaay della serie CA ) che rimane sempre MIGLIORE di un silent schifoso che finiresti per non usare. però se tu mi dici che lo hai provato e ti sei trovato bene, allora è un altro discorso. il mio accordatore che è uno che viene da generazioni di esperti nel settore, dopo le prime cagate ha deciso di non montare più i silent. consiglia al cliente di comprare un panoforte col silent già di fabbrica. ineffetti i kaway anytime montano sul piano acustico anche un piano digitale con le stesse ed identiche caratteristiche dei piani digitali puri della serie CA, che sono davvero belli. in più, come hai ben detto, la pesatura dei tasti è quella del pianoforte vero perchè tu di fatto suoni un pianoforte vero.

Ti faccio una classifica dal migliore al peggiore secondo me:

1 piano acustico con silent già montato di fabbrica ( tipo kaway anytime o quelli della yamaha che son buonissimi )

2 piano digitle ( kaway serie CA o yamaha )

3 montare il silent su un piano acustico che non lo aveva

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Probabilmente dipende dal fatto che i primi sistemi Silent non sono stati sviluppati dalle case che producevano pianoforti digitali, quindi erano sistemi molto grezzi...se invece a sviluppare il sistema è la stessa casa che produce pianoforti acustici e buoni pianoforti digitali allora ha conoscenze sufficenti per implementare i due sistemi. Non a casa questi pianoforti costano quanto un acustico più un buon digitale...io aspetto che scendano di prezzo, tra qualche anno poi cambio il mio :thumbsup_still:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma questi silent hanno anche alcuni dei pregi dei digitali (metronomo incorporato e soprattutto possibilità di connettersi al pc)?

Assolutamente si!!! hanno tutti i pregi dei digitali!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve a tutti, dovendo acquistare un pianoforte nuovo, vorrei applicare il silent ( ? ). Gentilmente, vorrei chiedere a tutti un consiglio circa un'ottima marca, appunto del silent, considerando sempre il rapporto qualità-prezzo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao, ti consiglio di comprarlo già con il sistema silent e di non farlo applicare dopo, non ne vedo proprio il motivo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao, condivido la maggior parte di quanto scritto. Preciso un problema riguardo al silent. Nonostante abbia ampia libertà di studiare su pianoforti acustici ho pensato pure io di alleggerire il carico di decibels sia a me stesso sia a quanti mi circondano con un silent su uno dei miei strumenti. Un venditore di pianoforti molto quotato dalle nostre parti ha un dipendente abile nell'installare i silent sui pianoforti acustici dei clienti. Questi mi ha segnalato le modifiche da portare alla meccanica e il loro effetto: la corsa del tasto rende più difficile calibrare il tocco tra pianissimi e il piano nelle esecuzioni acustiche. Mi sono, quindi, orientato sul pianoforte digitale Kawai CA. Avete ragione a dire troppo "leggera" la meccanica. Ha un costo, non è trasportabile e è limitato l'uso al pc. Non c'è il MIDI ma solo un USB per salvare file audio WAW su chiavetta. Nonostante questo assolve al suo compito. Una mia ex allieva scrive su internet un articolo vantando una terza opzione: il pianoforte ibrido AvantGrand N1 della Yamaha. Secondo me siamo alle solite, la pubblicità promette il tocco perfetto del gran coda ma la meccanica, come sempre, è più piccola del più piccolo dei verticali in commercio. I davvero grandi pianisti della pubblicità online non riescono a suonare in modo 100% professionale, demerito evidentemente dello strumento. Non è certo indifferente suonare sulla meccanica lunga del gran coda, quella media del mezza coda e quella piccola del quarto di coda. A confronto questi altri strumenti ci offrono solo dei pulsanti che un concertista rompe in poco tempo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy