Vai al contenuto
Simon's Solo Clarinet

Bocchini Lomax

Recommended Posts

Grazie clarinetto1,forse mi sono espresso male,cercavo le specifiche aperture in mm....

dopo avere speso migliaia di euro in bocchini ed accessori ho realizzato un principio di fondo ,

esso è riassumibile così:

tutti questi costruttori che producono in serie becchi in plastica che costano alla produzione 5 euro e che poi vogliono vendere a 250 euro fanno schifo.

E' inconcepibile l'aumento spropositato che mettono ad un accessorio di plastica seppur importante , vi saluto, vado a fare 4 note con il mio Pomarico in cristallo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
dopo avere speso migliaia di euro in bocchini ed accessori ho realizzato un principio di fondo ,

esso è riassumibile così:

tutti questi costruttori che producono in serie becchi in plastica che costano alla produzione 5 euro e che poi vogliono vendere a 250 euro fanno schifo.

E' inconcepibile l'aumento spropositato che mettono ad un accessorio di plastica seppur importante , vi saluto, vado a fare 4 note con il mio Pomarico in cristallo.

No comment...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
dopo avere speso migliaia di euro in bocchini ed accessori ho realizzato un principio di fondo ,

esso è riassumibile così:

tutti questi costruttori che producono in serie becchi in plastica che costano alla produzione 5 euro e che poi vogliono vendere a 250 euro fanno schifo.

E' inconcepibile l'aumento spropositato che mettono ad un accessorio di plastica seppur importante , vi saluto, vado a fare 4 note con il mio Pomarico in cristallo.

ciao

sono d'accordo sullo sproposito ed anche sul fatto che cristallo sia meglio e più dispendioso da produrre,ma penso (e spero)che a nessuno sfugga che non c'è mai rapporto tra il costo di produzione ed il prezzo di vendita e che tutto è regolato dal fattore "si vende non si vende".....tira non tira.......e tutti comprano la plastica e questa finisce per costare più del cristallo(in certi casi)e dell'ebano.

meglio per chi ,come te e me,fa scelte diverse.

ti saluto,torno a girare lo sterzo.(di plastica....a proposito,quanto costerà mai alla produzione un camion????)

il nero :to_become_senile:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Nero.

LA questione è stata proposta in modo, forse un po' ruvido ed estremista ma contiene, comunque, un nucleo di verità a mio avviso.

Vero tutto quello che dici.

Aggiungi poi i costi di pubblicità, di distribuzione, ecc.

Resta, però il fatto che la sproporzione di costo fra un legno pregiato e plastica, dovrebbe indurci a riflettere.

pee wee

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ciao Nero.

LA questione è stata proposta in modo, forse un po' ruvido ed estremista ma contiene, comunque, un nucleo di verità a mio avviso.

Vero tutto quello che dici.

Aggiungi poi i costi di pubblicità, di distribuzione, ecc.

Resta, però il fatto che la sproporzione di costo fra un legno pregiato e plastica, dovrebbe indurci a riflettere.

pee wee

ho voluto appositamente porre la questione in modo ruvido, per indurre a pensare prima di comprare alla cieca.

Se uno è veramente sicuro che un bocchino di qualsivoglia brand fa per lui allora è libero di comprarlo anche a 400 euro, , ma spendere un mazzo di soldi per poi scoprire che trattasi di uno stupido pezzo di plastica che sarà difficile a rivendere ...

quando ho comprato il mio Pomarico , anzi i miei Pomarico un amico ( amico a sua volta di Clerici) me ne fece provare tanti e solo dopo io comprai il cristallo ( che costa molto meno di un Lomax plastica) .

cordialità

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti,premesso che rispetto tutte le riflessioni espresse in merito,forse si è trasceso sulla mia richiesta che era espressamente informativa;cioè volevo solo sapere dove posso reperire le aperture in mm dei suddetti bocchini Lomax....questo non vuol dire che debba comprarli obbligatoriamente.Se qualcuno sà aiutarmi posti pure qua...Grazie a tutti.Saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ho voluto appositamente porre la questione in modo ruvido, per indurre a pensare prima di comprare alla cieca.

Se uno è veramente sicuro che un bocchino di qualsivoglia brand fa per lui allora è libero di comprarlo anche a 400 euro, , ma spendere un mazzo di soldi per poi scoprire che trattasi di uno stupido pezzo di plastica che sarà difficile a rivendere ...

quando ho comprato il mio Pomarico , anzi i miei Pomarico un amico ( amico a sua volta di Clerici) me ne fece provare tanti e solo dopo io comprai il cristallo ( che costa molto meno di un Lomax plastica) .

cordialità

Parlare di un Lomax come uno stupido pezzo di plastica mi sembra veramente eccessivo, inoltre l'ebanite non è plastica. Fuori dai tradizionali Vandoren come B40/B45 ecc... tutti i bocchini sono difficili da rivendere specialmente se si parla di cristallo (dalle mie parti li usano in pochissimi)

Condivido invece il fatto che i bocchini vanno provati e non bisogna seguire le mode, e non esiste un materiale migliore in assoluto rispetto ad un altro, esiste solo quello che a noi piace di più, con cui ci troviamo meglio e con il quale otteniamo il risultato migliore anche a dire della maggiorparte delle persone che ci ascoltano.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Parlare di un Lomax come uno stupido pezzo di plastica mi sembra veramente eccessivo, inoltre l'ebanite non è plastica. Fuori dai tradizionali Vandoren come B40/B45 ecc... tutti i bocchini sono difficili da rivendere specialmente se si parla di cristallo (dalle mie parti li usano in pochissimi)

Condivido invece il fatto che i bocchini vanno provati e non bisogna seguire le mode, e non esiste un materiale migliore in assoluto rispetto ad un altro, esiste solo quello che a noi piace di più, con cui ci troviamo meglio e con il quale otteniamo il risultato migliore anche a dire della maggiorparte delle persone che ci ascoltano.

Grazie per la tua dotta esperienza e saggezza , come potevamo fare senza di te e capire che dire "pezzo di plastica" era un modo come un altro per sottolineare che è cmq un oggetto di facile realizzazione , fatto con stampi, a un costo industriale di 5 euro e rivenduto a 250 ?

Non hai capito il senso del discorso !

saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Grazie per la tua dotta esperienza e saggezza , come potevamo fare senza di te e capire che dire "pezzo di plastica" era un modo come un altro per sottolineare che è cmq un oggetto di facile realizzazione , fatto con stampi, a un costo industriale di 5 euro e rivenduto a 250 ?

Non hai capito il senso del discorso !

saluti

Ho capito benissimo invece, ma non è certo il materiale che si paga, prima di tutto non è così semplice ideare la forma di un bocchino e crearlo con delle misure che possano dare dei buoni risultati, quindi c'è uno studio e una sperimentazione dietro che qualcuno dovrà ben pagare, poi c'è il discorso dei macchinari (alcuni bocchini sono rifiniti con una lama al laser) e della manodopera. Non trascurabile è anche la pubblicità che ha dei costi notevoli. Le tasse (per chi le paga) e infine cosa di cui nessuno tiene conto, le leggi del mercato. Più c'è domanda più il prezzo sale. Del resto se tu producessi bocchini e ti accorgessi che anche facendoli pagare il doppio la gente li compra, non alzeresti il prezzo? Ecco come si arriva da un pezzo di ebanite dal costo irrisorio alle cifre astronomihe di un Lomax (poi ce ne sono anche di più cari...)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao, scusate.

Posso dire la mia da ignorante e incompetente?

In primo luogo un saluto a Simon's che ha inaugurato inconsapevolmente questa discussione che, spero, sarà prolifica.

Mi dispiace, purtroppo, non posso aiutarti nell'indicazione delle aperture dei Lomax.

In secondo luogo

.....capire che dire "pezzo di plastica" era un modo come un altro per sottolineare che è cmq un oggetto di facile realizzazione , fatto con stampi, a un costo industriale di 5 euro e rivenduto a 250 ?

Mi dispiace, io starei esattamente sulla definizione pezzo di plastica

L'ebanite, infatti, è semplicemente un pezzo di plastica.

Questo, sia ben chiaro senza alcun intento elogiativo o dispregiativo.

Così è.

Forse, sarebbe opportuno appuntarsi sulla qualità del pezzo di plastica di cui si parla.

Intendo dire che l'ebanite che usa Zinner è diversa in modo palese da quella che usa VAndoren. Lo è per colore, olfattivamente, per consistenza, per suono.

Quindi, una prima domanda.

Quali sono le componenti che nobilitano l'ebanite?

In secondo luogo.

Tralasciando la vetusta ed inutile questione inerente la presunta superiorità di un materiale rispetto ad un altro...(ciascuno ha sue caratteristiche, sue peculiarità che lo rendono unico...forse, non sarebbe il caso di iniziare a parlare di diverso utilizzo dei materiali? Visto che abbiamo varie possibilità, perchè non ottimizzarle facendo riferimento a ...repertorio, luogo, interpretazione...anzichè fossilizzarci in inutili guerre di religione?)

...mi sembra sia stato posto un problema molto serio: il prezzo.

L'ebanite può essere lavorata in serie ed industrialmente.

Questo, in teoria, dovrebbe comportare massimizzazione dei profitti e riduzioni del prezzo.

Come mai non avviene?

Cristallo e legno devono essere lavorati in parte manualmente.

Come mai costano meno?

Pubblicità, costi di distribuzione?

Ma ne siamo davvero convinti?

Mi sembra che MAestro abbia centrato il problema: se la domanda sale, il costo sale.

Occorre, forse, fare un passo ulteriore.

Se la pubblicità indirizza, se i Conservatori impongono, se i maestri esigono...allora...?

Non so, che ne pensate?

pee wee

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ciao, scusate.

Posso dire la mia da ignorante e incompetente?

In primo luogo un saluto a Simon's che ha inaugurato inconsapevolmente questa discussione che, spero, sarà prolifica.

Mi dispiace, purtroppo, non posso aiutarti nell'indicazione delle aperture dei Lomax.

In secondo luogo

Mi dispiace, io starei esattamente sulla definizione pezzo di plastica

L'ebanite, infatti, è semplicemente un pezzo di plastica.

Questo, sia ben chiaro senza alcun intento elogiativo o dispregiativo.

Così è.

Forse, sarebbe opportuno appuntarsi sulla qualità del pezzo di plastica di cui si parla.

Intendo dire che l'ebanite che usa Zinner è diversa in modo palese da quella che usa VAndoren. Lo è per colore, olfattivamente, per consistenza, per suono.

Quindi, una prima domanda.

Quali sono le componenti che nobilitano l'ebanite?

In secondo luogo.

Tralasciando la vetusta ed inutile questione inerente la presunta superiorità di un materiale rispetto ad un altro...(ciascuno ha sue caratteristiche, sue peculiarità che lo rendono unico...forse, non sarebbe il caso di iniziare a parlare di diverso utilizzo dei materiali? Visto che abbiamo varie possibilità, perchè non ottimizzarle facendo riferimento a ...repertorio, luogo, interpretazione...anzichè fossilizzarci in inutili guerre di religione?)

...mi sembra sia stato posto un problema molto serio: il prezzo.

L'ebanite può essere lavorata in serie ed industrialmente.

Questo, in teoria, dovrebbe comportare massimizzazione dei profitti e riduzioni del prezzo.

Come mai non avviene?

Cristallo e legno devono essere lavorati in parte manualmente.

Come mai costano meno?

Pubblicità, costi di distribuzione?

Ma ne siamo davvero convinti?

Mi sembra che MAestro abbia centrato il problema: se la domanda sale, il costo sale.

Occorre, forse, fare un passo ulteriore.

Se la pubblicità indirizza, se i Conservatori impongono, se i maestri esigono...allora...?

Non so, che ne pensate?

pee wee

Intanto vorrei precisare che l'ebanite è di origine vegetale, è un materiale ottenuto dalla gomma e vegetale fatta indurire, mentre la plastica è un derivato del petrolio. Questa distinzione è molto importante, perchè la plastica non ha le stesse caratteristiche del legno, mentre l'ebanite ci si avvicina molto (anche se non è la stessa cosa).

Aggiungo anche che pure i bocchini in ebanite devono essere lavorati in parte manualmente e alcuni sono addirittura costruiti interamente a mano. (es: Bay)

Il discorso secondo me è tutto improntato tra gioco di domanda e offerta. Se i bocchini in cristalloe in legno (qualunque esso sia) vengono meno richiesti non possono avere un prezzo alto, mentre i bocchini in ebanite essendo molto richiesti possono essere commercializzati a prezzi alti. Ma queste sono regole di mercato che non hanno nulla a che vedere con la musica.

Infine il fatto di usare diversi bocchini a seconda del genere sarbbe auspicabile, ma poco praticabile. E' troppo difficile abituarsi a diversi tipi di imboccatura, si cerca sempre un becco con cui si possa eseguire la maggiorparte del repertorio che si ha in programma di eseguire

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Intanto vorrei precisare che l'ebanite è di origine vegetale, è un materiale ottenuto dalla gomma e vegetale fatta indurire, mentre la plastica è un derivato del petrolio. Questa distinzione è molto importante, perchè la plastica non ha le stesse caratteristiche del legno, mentre l'ebanite ci si avvicina molto (anche se non è la stessa cosa).

Aggiungo anche che pure i bocchini in ebanite devono essere lavorati in parte manualmente e alcuni sono addirittura costruiti interamente a mano. (es: Bay)

Il discorso secondo me è tutto improntato tra gioco di domanda e offerta. Se i bocchini in cristalloe in legno (qualunque esso sia) vengono meno richiesti non possono avere un prezzo alto, mentre i bocchini in ebanite essendo molto richiesti possono essere commercializzati a prezzi alti. Ma queste sono regole di mercato che non hanno nulla a che vedere con la musica.

Infine il fatto di usare diversi bocchini a seconda del genere sarbbe auspicabile, ma poco praticabile. E' troppo difficile abituarsi a diversi tipi di imboccatura, si cerca sempre un becco con cui si possa eseguire la maggiorparte del repertorio che si ha in programma di eseguire

Bay a mano fa solo gli scarabocchi per indicare le aperture !

li fa talmente male che a volte è pure difficoltoso capire se si tratta di un m.o.l o di un altro tipo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Bay a mano fa solo gli scarabocchi per indicare le aperture !

li fa talmente male che a volte è pure difficoltoso capire se si tratta di un m.o.l o di un altro tipo

Beh ultimamente non so come lavora, so che una volta erano fatti a mano. Cmq concordo, anch'io ho risocntrato che hanno delle aperture alquanto imprecise, c'è molta differenza tra becchi dello stesso tipo e le aperture non corrispondono quasi mai a quanto dichiarato, pensavo che il motivo fosse quello che li fanno a mano, se non è così sarebbe il caso di approfondire la questione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest Clarsax
Ciao a tutti,qualcuno di voi saprebbe dirmi quali sono o indicarmi dove posso trovare le aperture di tutti i modelli dei bocchini Lomax?

Grazie a tutti.Ciao.Simone

Ciao Simon, eccoti un link di un negozio negli USA che fornisce alcune aperture;

http://shop.weinermusic.com/LOMAX-BB-CLARI...uctinfo/MLOMS1/

Per quanto riguarda il prezzo, mi sembra che non siamo proprio sui 250 euro sia in Italia

http://www.dampi.it/index_4.php?pageNum_mo...d2=34&id3=L

che altrove

http://www.howarth.uk.com/clmouthpieces.html

Per quanto riguarda il resto, perchè non apriamo dei topic a parte che così ci divertiamo? :devil:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Simon, eccoti un link di un negozio negli USA che fornisce alcune aperture;

http://shop.weinermusic.com/LOMAX-BB-CLARI...uctinfo/MLOMS1/

Per quanto riguarda il prezzo, mi sembra che non siamo proprio sui 250 euro sia in Italia

http://www.dampi.it/index_4.php?pageNum_mo...d2=34&id3=L

che altrove

http://www.howarth.uk.com/clmouthpieces.html

Per quanto riguarda il resto, perchè non apriamo dei topic a parte che così ci divertiamo? :devil:

a me è costato 120€ , il fatto che il costo sia sproporzionato al suo materiale e realizzazione è un principio del capitalismo , ciò vale per qualsiasi prodotto , soprattutto se è molto ricercato

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao, scusate.

Posso dire la mia da ignorante e incompetente?

In primo luogo un saluto a Simon's che ha inaugurato inconsapevolmente questa discussione che, spero, sarà prolifica.

Mi dispiace, purtroppo, non posso aiutarti nell'indicazione delle aperture dei Lomax.

In secondo luogo

Mi dispiace, io starei esattamente sulla definizione pezzo di plastica

L'ebanite, infatti, è semplicemente un pezzo di plastica.

Questo, sia ben chiaro senza alcun intento elogiativo o dispregiativo.

Così è.

Forse, sarebbe opportuno appuntarsi sulla qualità del pezzo di plastica di cui si parla.

Intendo dire che l'ebanite che usa Zinner è diversa in modo palese da quella che usa VAndoren. Lo è per colore, olfattivamente, per consistenza, per suono.

Quindi, una prima domanda.

Quali sono le componenti che nobilitano l'ebanite?

In secondo luogo.

Tralasciando la vetusta ed inutile questione inerente la presunta superiorità di un materiale rispetto ad un altro...(ciascuno ha sue caratteristiche, sue peculiarità che lo rendono unico...forse, non sarebbe il caso di iniziare a parlare di diverso utilizzo dei materiali? Visto che abbiamo varie possibilità, perchè non ottimizzarle facendo riferimento a ...repertorio, luogo, interpretazione...anzichè fossilizzarci in inutili guerre di religione?)

...mi sembra sia stato posto un problema molto serio: il prezzo.

L'ebanite può essere lavorata in serie ed industrialmente.

Questo, in teoria, dovrebbe comportare massimizzazione dei profitti e riduzioni del prezzo.

Come mai non avviene?

Cristallo e legno devono essere lavorati in parte manualmente.

Come mai costano meno?

Pubblicità, costi di distribuzione?

Ma ne siamo davvero convinti?

Mi sembra che MAestro abbia centrato il problema: se la domanda sale, il costo sale.

Occorre, forse, fare un passo ulteriore.

Se la pubblicità indirizza, se i Conservatori impongono, se i maestri esigono...allora...?

Non so, che ne pensate?

pee wee

rispondo molto in ritardo... scusate... ma mi piace rileggere le discussioni.. cmq credo che il prezzo dei Pomarico (ebano o cristallo che sia) dipende dalla richiesta.. il cristallo è una cosa "antiquata", ovvero fino 20 anni fa tutte le grandi orchestre e tutti i bravi clarinettisti lo usavano (H. Gualdi suonava il cristallo, Tony Scoot suonava il cristallo-..ma anche tutti i vecchi prof -dico quelli che suonano da almeno 30 anni in quel periodo usavano il cristallo).. con il passare di questi 20-25 anni i clarinettisti hanno capito che il cristallo è poco "flessibile" agli stili musicali che gli vengono richiesti (dalla classica, alla moderna, al jazz, allo swing, ai klezmer) e hanno inoltre notato che l'ebanite (Vandoren principalmente, poi Zinner e Lomax e Charles Bay) era + adatta e "flessibile" ai loro bisogni.. non dipende dal materiale... il cristallo è fuori dalla scena musicale da 20 anni.. ormai tutti cercano i Vandoren o l'ebanite in generale.. è ovvio k qualsiasi commerciante, vedendo che si può guadagnare di + con l'ebanite, inizia ad alzare i prezzi ed ecco xk i Vandoren costano 80 euro circa.. Poi c'è pure da considerare la qualità del prodotto.. il suono del cristallo è un suono bello(detto da uno k suona un B40)soprattutto nella classica.. ma pure i Vandoren hanno un suono molto bello. Indipendentemente dal materiale tutto dipende dall'esecutore.. Se uno si mette a comprare bocchini di tutti i tipi legature strane barilotti e campane costosissime va a finire k non riesce a trovare, alla fin di tutto, il suo vero suono... quello k rimane invariato indipendentemente dal bocchino o dalla legatura.. prendete come esempio Meloni e E.M.Baroni e Calogero Palermo (alcuni tra i + bravi clarinettisti italiani) suonerebbero benissimo, cn un suono "particolare" che solo loro hanno (o altri pochi clarinettisti in Italia), con un qualsiasi bocchino o clarinetto .. Meloni usa il Pomarico in Ebano, Baroni con un Lomax A3, Palermo non lo so.. ma hanno tutti dei suoni diversi pur suonando con lo stesso materiale.. TUTTO DIPENDE DAL MUSICISTA.. è ovvio k ancora i prof di 20 anni fa k usavano il cristallo lo usano ancora (il mio prof ne è un esempio e nn lo cambierebbe x nessun altro bocchino).. suonate con quello che credete meglio, l'importante è raggiungere LA MUSICA..

Per la questione delle aperture se vai sul sito le trovi.. basta selezionarle e ci sn scritte pure le ance k devi usare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Palermo suona con un Licostini 5 German se non sbaglio,io ce l'ho e devo venderlo,non mi ci trovo. Suono con un Licostini che è la copia di un pomanico in cristallo con apertura modificata.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rispondo molto in ritardo... scusate... ma mi piace rileggere le discussioni.. cmq credo che il prezzo dei Pomarico (ebano o cristallo che sia) dipende dalla richiesta.. il cristallo è una cosa "antiquata", ovvero fino 20 anni fa tutte le grandi orchestre e tutti i bravi clarinettisti lo usavano (H. Gualdi suonava il cristallo, Tony Scoot suonava il cristallo-..ma anche tutti i vecchi prof -dico quelli che suonano da almeno 30 anni in quel periodo usavano il cristallo).. con il passare di questi 20-25 anni i clarinettisti hanno capito che il cristallo è poco "flessibile" agli stili musicali che gli vengono richiesti (dalla classica, alla moderna, al jazz, allo swing, ai klezmer) e hanno inoltre notato che l'ebanite (Vandoren principalmente, poi Zinner e Lomax e Charles Bay) era + adatta e "flessibile" ai loro bisogni.. non dipende dal materiale... il cristallo è fuori dalla scena musicale da 20 anni.. ormai tutti cercano i Vandoren o l'ebanite in generale.. è ovvio k qualsiasi commerciante, vedendo che si può guadagnare di + con l'ebanite, inizia ad alzare i prezzi ed ecco xk i Vandoren costano 80 euro circa.. Poi c'è pure da considerare la qualità del prodotto.. il suono del cristallo è un suono bello(detto da uno k suona un B40)soprattutto nella classica.. ma pure i Vandoren hanno un suono molto bello. Indipendentemente dal materiale tutto dipende dall'esecutore.. Se uno si mette a comprare bocchini di tutti i tipi legature strane barilotti e campane costosissime va a finire k non riesce a trovare, alla fin di tutto, il suo vero suono... quello k rimane invariato indipendentemente dal bocchino o dalla legatura.. prendete come esempio Meloni e E.M.Baroni e Calogero Palermo (alcuni tra i + bravi clarinettisti italiani) suonerebbero benissimo, cn un suono "particolare" che solo loro hanno (o altri pochi clarinettisti in Italia), con un qualsiasi bocchino o clarinetto .. Meloni usa il Pomarico in Ebano, Baroni con un Lomax A3, Palermo non lo so.. ma hanno tutti dei suoni diversi pur suonando con lo stesso materiale.. TUTTO DIPENDE DAL MUSICISTA.. è ovvio k ancora i prof di 20 anni fa k usavano il cristallo lo usano ancora (il mio prof ne è un esempio e nn lo cambierebbe x nessun altro bocchino).. suonate con quello che credete meglio, l'importante è raggiungere LA MUSICA..

Per la questione delle aperture se vai sul sito le trovi.. basta selezionarle e ci sn scritte pure le ance k devi usare.

Sante parole: "l'importante è raggiungere la musica" !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Palermo suona con un Licostini 5 German se non sbaglio,io ce l'ho e devo venderlo,non mi ci trovo. Suono con un Licostini che è la copia di un pomanico in cristallo con apertura modificata.

E' sbagliatissimo scegliere un bocchino solo perchè lo suona un grande clarinettista. Ognuno di noi ha una conformazione fisica diversa e deve trovare il suo giusto setup. Calogero Palermo ha un bel suono e suona bene perchè è bravo, non perchè suona con un Licostini 5. Fai bene invece a suonare con la copia del Pomarico se ti ci trovi bene.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

il ragazzo,chiedeva se qualcuno di voi saggi,oltre che criticare e colpevolizzare chi produce i bocchini,lomax vandoren o altro,se poteva avere delle indicazioni per quanto riguarda le aperture,nel particolare dei bocchini lomax.Se potete aiutarlo,bene,altrimenti intervenite se il discorso verte sui materiali bocchini o altro.Le sapete o no le aperture?Questa era la domanda!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

il ragazzo,chiedeva se qualcuno di voi saggi,oltre che criticare e colpevolizzare chi produce i bocchini,lomax vandoren o altro,se poteva avere delle indicazioni per quanto riguarda le aperture,nel particolare dei bocchini lomax.Se potete aiutarlo,bene,altrimenti intervenite se il discorso verte sui materiali bocchini o altro.Le sapete o no le aperture?Questa era la domanda!

La discussione è abbastanza remota (ultima risposta quattro anni fa).

Non so se l'hai ripresa perché sei personalmente interessato all'apertura dei bocchini Lomax, nel qual caso, le informazioni si trovano nel sito del produttore: vedi qui.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×