Vai al contenuto
Marilisa

L'annosa questione del flauto nuovo (da studio, professionale, etc.)

Recommended Posts

Qui non credo neanche ci sia qualcuno che affitta strumenti...

:(

Forse affittano di più strumenti "inusuali"... taglie diverse dello strumento (in sol, etc..).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma vi è mai capitato di sentire di casi di strumenti musicali (nella fattispecie, flauti traversi) taroccati? come per qualsiasi altra cosa, dagli occhiali da sole ai jeans: hanno il marchio magari yamaha ma sono cineserie pure, quindi scadenti e, appunto, finti? o il campo musicale non è ancora stato invaso da questo tipo di cose?

Impressioni sul Briccialdi? parto dalla fine: l'ho rispedito indietro e ora mi arriverà un pearl...speriamo bene.

A me sinceramente ha fatto una buona impressione, ma il mio parere si riferisce naturalmente all'estetica e a quanto letto in giro, non posso avanzare giudizi sulla costruzione o il suono emesso perché non sono assolutamente esperto. l'ho fatto provare al mio maestro che non mi è parso però tanto convinto.. o meglio, ha ammesso che comunque al momento suonava bene (lo ha testato anche con un aggeggio per verificarne l'intonazione delle note, lo abbiamo paragonato a livello di suono ad uno yamaha di un altra allieva, confermando che lo stesso yamaha ha un suono più pulito e pronto) ma che non può garantire per il futuro, visto che non conosceva il marchio. Ha naturalmente fatto decidere me sul da farsi e sinceramente mi son fidato di lui, visto che è mestro di flauto da anni, è nel settore e tutto ciò che ne consegue, e ho deciso di sostituirlo..

Ora non so se ho fatto la scelta giusta, spero di si per l'acquisto che ormai ho fatto ma spero comunque che questa briccialdi si affermi sul mercato e si sviluppi!

dite che col pearl vado sul sicuro?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

:scratch_one-s_head:

Non per essere polemico: ma è possibile che il termine di paragone (non solo per i flauti ma anche per altri strumenti) deve essere solo ed esclusivamente la Yamaha?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

:scratch_one-s_head:

Non per essere polemico: ma è possibile che il termine di paragone (non solo per i flauti ma anche per altri strumenti) deve essere solo ed esclusivamente la Yamaha?

Bhe, probabilmente il fatto che sia Yamaha il termine di paragone è perché sono, comunque, fra gli strumenti più utilizzati.

A detta di molti (se non di tutti) sono, assieme ai Pearl (per alcuni nemmeno i Pearl, ma qui credo si vada anche sui gusti personali), generalmente i più indicati come strumenti da studio, anche per il buon compromesso qualità-prezzo, nonostante non abbiano i prezzi più bassi del mercato.

Io piuttosto ricordo che a suo tempo, quando iniziai, il flauto (che iniziai davvero a 'suonare' almeno dopo 3 mesi di ascolto e di "boccoletta") me lo procurò direttamente il mio insegnante, usato e di marca pressoché sconosciuta (a memoria, mi sembra 'Artist II'), ma testato da lui e idoneo a iniziarmi allo studio (e che passò poi a un nuovo novellino quando dopo due/tre anni fu il turno dello Yamaha a tastiera aperta che ancora oggi ho).

Forse è un procedimento troppo impegnativo per un insegnante con troppi allievi, o forse son semplicemente stato fortunato a trovare la persona giusta, ma per iniziare lo trovo un metodo più che buono, un insegnante con alcuni allievi avrà sempre chi progredisce e passa da un flauto a uno superiore, è in grado di capire se il flauto in questione è una ciofeca o meno, e fa risparmiare qualcosa a entrambi gli acquirenti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Lo abbiamo testato con uno yamaha solo perché in quel momento c'era solo un allieva con uno yamaha. il tuo sarà stato un discorso generale, me ne rendo conto. Anche perché prima di acquistare su internet, mi sono fatto un giro per i negozi della mia zona e nei 4 negozi a cui mi son rivolto ho trovato SOLO yamaha... alla faccia della scelta! ad un prezzo che variava dai 610€ ai 660€ per lo yamaha 281 e 271.

vi ripropongo la domanda:

Ma vi è mai capitato di sentire di casi di strumenti musicali (nella fattispecie, flauti traversi) taroccati? come per qualsiasi altra cosa, dagli occhiali da sole ai jeans: hanno il marchio magari yamaha ma sono cineserie pure, quindi scadenti e, appunto, finti? o il campo musicale non è ancora stato invaso da questo tipo di cose?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ma è possibile che il termine di paragone (non solo per i flauti ma anche per altri strumenti) deve essere solo ed esclusivamente la Yamaha?

Sì, il colosso del mercato viene sempre scomodato... ^^ in tutti i campi!

Quando senti un brano puoi esclamare "Ma Mozart componeva meglio!" :lol:

Ma vi è mai capitato di sentire di casi di strumenti musicali (nella fattispecie, flauti traversi) taroccati?

Nel mercato di oggi no, non ancora in modo diretto... :D

ma ti posso dire che la "taroccatura" esiste dai tempi in cui è nato lo strumentaio stesso... anni, anni e anni fa'!

Plagi, falsi di -marchio di fabbrica- per intenderci non si limitano certo al flauto. (vogliamo parlare dei violini :lol: )

Comunque ti cito un esempio (forse lo avevo già scritto):

pare che James Watt prima di dedicarsi alle macchine a vapore faceva il costruttore di flauti, ma non li marchiava a proprio nome, bensì con quello molto più redditizio di Thomas Lot... siamo alla metà del Settecento! B)

Se poi oggi sia più difficile eludere i certificati di garanzia, etc... non saprei.

In genere del negoziante ti fidi, di aste Internettiane un po' meno.

Il metodo esposto da lucaflute penso sia ottimo! :smile_anim:

Soprattutto per chi inizia non dovrà così preoccuparsi subito del "flauto giusto".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Daccordissimo con Flaux :thumbsup_still:

Meno con Black Panter :sad01_anim:

Ciò che volevo dire è che spesso ci lasciamo trasportare dal marchio di questo o quel prodotto in modo non del tutto razionale e a priori reputiamo buono o cattivo un prodotto solo perchè è o non è di marca. Di case costruttrici di strumenti musicali e di flauti c'è ne sono tanti: francesi, tedeschi, italiani, inglesi, americani: gemeinhardt, armstrong ecc. ecc. non famosissimi ma certamente non hanno nulla di meno, anzi. Sottigliezze da "guerra tra poveri" (parliamo di flauti da studio e come tali destinati a chi è agli inizi) non portano a niente. Credo che con qualsiasi strumento, sia esso flauto o il tamburello, l'importante è suonare e divertirsi (personalmente faccio sempre uscire fuori di testa il maestro durante le prove con le mie spesso discutibili "variazioni sul tema" :confused02: )

Ci sarà poi sempre tempo di acquistare un Brannen da trentamila euro!

E poi sono convinto che persone come Pahud o Sir Galway riuscirebbero a tirar fuori una fantastica melodia anche da una grondaia bucata. :content_kid:

Tutto questo a che pro l'ho detto?

Non lo so neanche io.

Ora Vado...questa sera è serata di prove. Iniziamo a suonacchiare La cavalleria Rusticana di Mascagni :buba: Baciamolamano!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

prologo: ho una nuova allieva, una bellissima mamma quarantenne, che ha ripreso a suonare dopo più di vent'anni. ha il medesimo flauto di allora... uno Yamaha, manco a dirlo, quelli con la custodiona pesante :), che con 600 mila lire te lo portavi a casa. Suona benissimo, è intonato, i cuscinetti han retto e chiudono bene, ho solo dato un'ingrassata alla meccanica interna per evitare i vari crick crock.

Io credo che il primo flauto spesso rimane anche l'unico flauto, per molti. Non sono tutti propensi a diventar flautisti di professione, tanto più che con la riforma dei conservatori passa la voglia di indirizzare chiunque al diploma... e l'esigenza di cambiar strumento cambia di valore.

Lo Yamaha può durare tutta la vita, e per un amatore è una certezza. Altri flauti (ce ne capitano ogni giorno..) dopo qualche anno sono irriparabili, nel vero senso del termine, e inservibili anche per suonare Jingle bells sotto l'albero.

Per questo consiglio sempre agli allievi di prendere un buon flauto, perchè potrà aver mercato in un caso, come poterlo passare ai figli in un altro, o comunque potranno suonarlo anche al concertino in casa di riposo :D (come ho visto fare da un nonnino flautista delle mie parti).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma vi è mai capitato di sentire di casi di strumenti musicali (nella fattispecie, flauti traversi) taroccati? come per qualsiasi altra cosa, dagli occhiali da sole ai jeans: hanno il marchio magari yamaha ma sono cineserie pure, quindi scadenti e, appunto, finti? o il campo musicale non è ancora stato invaso da questo tipo di cose?

Impressioni sul Briccialdi? parto dalla fine: l'ho rispedito indietro e ora mi arriverà un pearl...speriamo bene.

A me sinceramente ha fatto una buona impressione, ma il mio parere si riferisce naturalmente all'estetica e a quanto letto in giro, non posso avanzare giudizi sulla costruzione o il suono emesso perché non sono assolutamente esperto. l'ho fatto provare al mio maestro che non mi è parso però tanto convinto.. o meglio, ha ammesso che comunque al momento suonava bene (lo ha testato anche con un aggeggio per verificarne l'intonazione delle note, lo abbiamo paragonato a livello di suono ad uno yamaha di un altra allieva, confermando che lo stesso yamaha ha un suono più pulito e pronto) ma che non può garantire per il futuro, visto che non conosceva il marchio. Ha naturalmente fatto decidere me sul da farsi e sinceramente mi son fidato di lui, visto che è mestro di flauto da anni, è nel settore e tutto ciò che ne consegue, e ho deciso di sostituirlo..

Ora non so se ho fatto la scelta giusta, spero di si per l'acquisto che ormai ho fatto ma spero comunque che questa briccialdi si affermi sul mercato e si sviluppi!

dite che col pearl vado sul sicuro?

Ricordiamo bene il Suo caso

purtroppo ogni tanto capita che qualche insegnante per "presa di posizione" preferisca Yamaha o Pearl (un po meno quest'ultima) piuttosto che una marca che non conosce. Tra l'altro con noi..il discorso del "potrebbe rompersi" concettualmente non regge assolutamente (tutti i flauti potrebbero rompersi, muramatsu incluso) ed è anche praticamente priva di fondamento visto che forniamo ben 2 anni di garanzia diretta al cliente (quindi senza tramiti del negoziante) e di conseguenza tempi di riparazione o sostituzione rapidissimi con pezzi di ricambio subito pronti in Italia. Addirittura siamo l'unico marchio al mondo che offre la prima revisione gratuita e sono gia numerosissimi gli studenti e professionisti che consigliano ed utilizzano i nostri flauti.

Nella fattispecie la Suberatum Music (il nostro venditore ufficiale su eBay) ci ha fatto provare il modello "Ravagli" da Lei restituito e abbiamo potuto constatare che suonava alla perfezione (come da Lei tra l'altro ammesso). Lei ha detto anche di aver provato il nostro flauto con l'accordatore elettronico e quindi avrà anche potuto notare l'intonazione esemplare! (cosa che non si trova sui classici flauti "cinesi" da 100 euro!)

Abbiamo anche fatto il paragone con il Pearl (quindi marca molto conosciuta e blasonata) che Le hanno spedito in sostituzione (ovviamente il nostro paragone è stato sia tecnico/strumentale che sonoro) e Le possiamo dire che il Pearl aveva un suono molto più chiuso e anche i tamponi montati peggio e mostravano chiaramente piccoli spiragli di luce (ovviamente la nostra tamponatura è artigianale quindi regolata alla perfezione). Però..insomma..se il Suo insegnante preferisce il Pearl... che faccia acquistare pure il Pearl. è pur sempre un ottimo strumento da studio. Peró spesso le prese di posizione rischiano di non far scegliere propriamente lo strumento migliore.

VENDITA ED ASSISTENZA DIRETTA

flauto traverso da studio e professionale

http://www.briccialdi.eu

http://www.briccialdi.it

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

...vorremmo esprimere anche il nostro giudizio rispetto alle altre marche di cui si è parlato:

Trevor James...ottimo flauto da studio

Jupiter... ottima tamponatura ...da preferire rispetto allo Yamaha.

(ovviamente diamo questi giudizi dopo aver perfettamente smontato e collaudato i flauti in questione).

Spesso sacrifichiamo qualche flauto di altre marche per cercare di "carpirne" i segreti ed imitarne i pregi. A volte ci riesce...altre volte no!

Per quanto riguarda il suono..credo sia anche una questione personale.

L'utente Prof.68 per esempio (ma ci sarebbero potuti essere stati anche tanti altri utenti che avrebbero potuto confermare...purtroppo la discussione relativa alle impressioni sul nostro marchio è stata chiusa) ha espresso un giudizio ottimo sul nostro flauto.

Posso confermare che ci sono anche altri flautisti che preferiscono lo Yamaha ed altri il Pearl.

Insomma...il suono è una materia abbastanza soggettiva.

VENDITA ED ASSISTENZA DIRETTA

flauto traverso da studio e professionale

http://www.briccialdi.eu

http://www.briccialdi.it

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L'ultima frase che ha scritto racchiude tutto: alla fine si tratta di una questione soggettiva. Le prove che ha fatto il mio maestro sono risultate positive, l'ha confermato anche lui che è un flautista esperto. Sull'insegnante si sa che ricadono responsabilità sull'acquisto di uno strumento per un allievo alle prime armi, non potendo garantire sul futuro dello strumento ha preferito non sbilanciarsi troppo,lo capisco benissimo. è ovvio poi che se avessi deciso di tenere il briccialdi, non avrebbe detto nulla, non ha nulla di personale contro la briccialdi :)

Quando avrò più competenza in materia da essere in un certo senso "indipendente" e avrò bisogno di un nuovo strumento, la briccialdi sarà sicuramente tra le mie opzioni di scelta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dimenticavo....vorremmo esprimere anche il nostro giudizio rispetto alle altre marche di cui si è parlato:

Trevor James... il migliore flauto da studio attualmente in circolazione.

Jupiter... ottima tamponatura ...da preferire rispetto allo Yamaha.

(ovviamente diamo questi giudizi dopo aver perfettamente smontato e collaudato i flauti in questione).

Spesso sacrifichiamo qualche flauto di altre marche per cercare di "carpirne" i segreti ed imitarne i pregi. A volte ci riesce...altre volte no! :)

Per quanto riguarda il suono..credo sia anche una questione personale.

L'utente Prof.68 per esempio (ma ci sarebbero potuti essere stati anche tanti altri utenti che avrebbero potuto confermare...purtroppo la discussione relativa alle impressioni sul nostro marchio è stata chiusa) ha espresso un giudizio ottimo sul nostro flauto.

Posso confermare che ci sono anche altri flautisti che preferiscono lo Yamaha ed altri il Pearl.

Insomma...il suono è una materia abbastanza soggettiva.

Visto e considerato che vengo chiamato direttamente in causa...

Premetto che nei precedenti interventi non ho voluto di proposito parlare del Briccialdi per due motivi:

1) non volevo sucitare nuovamente "l'ira funesta" dei moderatori dando l'idea di voler fare a tutti i costi publicità a questo marchio.

2)sin dalle prime battute la discussione avviata dalla neofita "pantera" mi è sembrata un tantino...curiosa. Comunque omnia munda mundis!

Io ho un Leonora della Briccialdi del quale mi trovo molto contento. Il flauto è stato anche provato da due insegnanti che lo hanno trovato ottimo come suono e bello come estetica.

Vorrei comunque ribadire alcune cose fondamentali: la qualità e la manifattura di uno strumento incide tanto sulla qualità del suono ma altrettanto importante è la bravura e l'abilità del flautista: se possedessi un Brannen da trentamila euro certamente la qualità del suona sarebbe diversa ma certamente non diventerei di punto in bianco Briccialdi (Giulio intendo)!

Qualche anno di scale, arpeggi, esercizi machiavellici ecc. ecc. e perchè no anche qualche figuraccia davanti a qualche centinaio di persone, credo comunque che sia la condizione necessaria....e non sufficiente per iniziare a cogliere qualche piccola sfumentura.

Ad maiora semper!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Visto e considerato che vengo chiamato direttamente in causa...

Premetto che nei precedenti interventi non ho voluto di proposito parlare del Briccialdi per due motivi:

1) non volevo sucitare nuovamente "l'ira funesta" dei moderatori dando l'idea di voler fare a tutti i costi publicità a questo marchio.

2)sin dalle prime battute la discussione avviata dalla neofita "pantera" mi è sembrata un tantino...curiosa. Comunque omnia munda mundis!

Io ho un Leonora della Briccialdi del quale mi trovo molto contento. Il flauto è stato anche provato da due insegnanti che lo hanno trovato ottimo come suono e bello come estetica.

Vorrei comunque ribadire alcune cose fondamentali: la qualità e la manifattura di uno strumento incide tanto sulla qualità del suono ma altrettanto importante è la bravura e l'abilità del flautista: se possedessi un Brannen da trentamila euro certamente la qualità del suona sarebbe diversa ma certamente non diventerei di punto in bianco Briccialdi (Giulio intendo)!

Qualche anno di scale, arpeggi, esercizi machiavellici ecc. ecc. e perchè no anche qualche figuraccia davanti a qualche centinaio di persone, credo comunque che sia la condizione necessaria....e non sufficiente per iniziare a cogliere qualche piccola sfumentura.

Ad maiora semper!

Curiosa? :unknw:

Condivido quanto hai detto, pur non capendone il senso sull'argomento..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La domanda di BlackPanther invece la vedo perfettamente in tema... non è "curiosa" http://www.musica-classica.it/forum/public/style_emoticons/#EMO_DIR#/smile.gif anzi!

è normale che un neofita voglia sapere ed informarsi al meglio sul tipo di flauto.

BlackPanther ha voluto documentarsi e non solo prendere la prima schifezza di flauto che gli veniva propinata. Il suo atteggiamento è lodevole.

http://www.briccialdi.eu

http://www.briccialdi.it

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1) non volevo sucitare nuovamente "l'ira funesta" dei moderatori dando l'idea di voler fare a tutti i costi publicità a questo marchio.

Abbiamo anche la faccina a tema... :girl_devil:

:lol:

Adesso mi viene il dubbio che il mio primo flauto fosse un Grassi... :ninja:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve a tutti ragazzi, bel forum!

Mi chiamo Salvatore, e sono un "flautista" dilettante.

Rapida presentazione, ho iniziato a 13-14 anni con il mio insegnante di sax e ne è venuto fuori un disastro perchè (naturalmente) l'impostazione della bocca era obbrobriosa e di conseguenza anche i progressi nella tecnica delle dita venivano molto rallentati. Purtroppo per me non ho avuto la possibilità di studiare in conservatorio (il più vicino era a 2 ore di auto) nè di avere un insegnante. Una volta trasferito per gli studi universitari avevo già superato il limite di età massimo. Solo 3 anni fa ho trovato un'insegnante disponibile per qualche lezione, che mi ha finalmente corretto e mi ha dato le basi che mancavano, da lì pian piano qualche progresso e la soddisfazione che possono dare quei piccoli passi in avanti.

Detto questo, resto un dilettante che suona per il puro piacere di farlo, ma vorrei passare ad uno strumento intermedio, possibilmente all silver.

Avendo sempre avuto strumenti yamaha mi viene naturale orientarmi in quel senso e ho adocchiato il modello yfl-471, anche perchè tra i più accessibili come fascia di prezzo.

So che è una delle domande più abusate, ma vorrei qualche parere su altre marche o modelli simili, diciamo per avere "il maggior risultato con il minimo sforzo" (economicamente parlando)...

Ringrazio chi ha avuto la pazienza di leggere fino a questo punto!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
So che è una delle domande più abusate, ma vorrei qualche parere su altre marche o modelli simili, diciamo per avere "il maggior risultato con il minimo sforzo" (economicamente parlando)...

Benvenuto Salvatore! welcome.gif

Ho unito la tua discussione a quella già esistente sulla questione "flauto nuovo".

Ti consiglio però eventualmente di fare un salto anche a scorrere l'indice generale: http://www.musica-classica.it/forum/index.php?showtopic=6687

... trovi la sezione "Marche e produttori". ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve a tutti, sono appena iscritta!Tra qualche giorno dovrei comprare un flauto nuovo, ma non ho ancora le idee chiare. Sono indecisa tra un Muramatsu Ex con meccanica aperta e sol in linea. Ho provato anche un Snkyo CF201 ma tutti mi consigliano Muramatsu. Voi cosa ne dite?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve a tutti, sono nuova di questo forum e vorrei farvi una domanda, dunque frequanto il quinto anno di conservatorio e qst come ben sapete è un anno imporante e quindi sarebbe il caso di cambiare flauto. :laughingsmiley: Il mio maestro mi ha detto ke dovrei spendere in media 5.000 euro, ma sono indecisa e non so verso quale flauto orientarmi, è una scelta importante e non vorrei pentirmi in futuro. Mi date una mano?

Mi consigliereste un buon flauto con un bel suono e belle caratteristiche?

vi ringrazio :thumbsup_still:

Premettendo che il flauto, come tutti gli strumenti, è personale, è quasi impossibile consigliare uno strumento specifico ad un'altra persona riuscendo a pensare al di fuori dei propri canoni.

Innanzitutto una scelta in termini "comuni" sono le varie opzioni:

- caminetti saldati/estratti

- trombino discendente al do/si

- meccanica con/senza mi snodato

- sol in/fuori linea (dipende dalla lungezza delle dita, dall'abitudine, dalla comodità)

- chiavi varie dei trilli

Personalmente mi sento di consigliare a qualsiasi flautista di questo mondo uno strumento con il trombino al si ed il mi snodato, i quali però alzano il prezzo (su un Muramatsu completamente in argento addio 5'000).

Passando alla mia esperienza personale posso dire che quando ho cambiato flauto sono "saltato" da un Pearl 505 (niente in argento con caminetti ovviamente estratti) con sol in linea, senza mi snodato, trombino al do ad un Muramatsu SR (tutto in argento massiccio con caminetti saldati) sol in linea, mi snodato, trombino al si. Il passaggio direi che è NOTEVOLE!

Questo a mio parere è uno strumento ottimo (come ogni musicista dice del proprio strumento: il mio flauto, proprio il mio esemplare unico ed irripetibile, è veramente ottimo!). unica "pecca": 14'600 €

Restando sui 5'000 posso comunque indirizzarti verso queste marche e modelli:

- Muramatsu DS

- Powell Signature

- Miyazawa (non conosco i modelli)

- Pearl Quantaz

oppure artigianali (un pochino più costosi)

- Kotato

- Mateky

BUONA FORTUNA ED IN BOCCA AL LUPO!!

RICORDA: E' UNA SCELTA DA FARE CON CALMA E ATTENZIONE!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno dopo aver studiato per tanti anni violino ho deciso di cambiare e vorrei iniziare a studiare il flauto traverso...non avendo però esperienza vorrei tanto che qualcuno mi suggerisse una buona marca (da studio possibilmente) per iniziare. da profano la lucien e la j. will non mi sembrano male...aiutatemi please :happystrange:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve a tutti, sono nuova di questo forum e vorrei farvi una domanda, dunque frequanto il quinto anno di conservatorio e qst come ben sapete è un anno imporante e quindi sarebbe il caso di cambiare flauto. :laughingsmiley: Il mio maestro mi ha detto ke dovrei spendere in media 5.000 euro, ma sono indecisa e non so verso quale flauto orientarmi, è una scelta importante e non vorrei pentirmi in futuro. Mi date una mano?

Mi consigliereste un buon flauto con un bel suono e belle caratteristiche?

vi ringrazio :thumbsup_still:

scusate se mi intrometto qui ma sono nuovo...e la mia questione è annosa pure lei ;P vorrei iniziare a studiare flauto traverso dopo tanti anni di violino...qualche suggerimento per uno strumento da studio buono e k nn mi costi un capitale?(quello magari qnd divento un bravo flautista, un magico Flötist :D) c'è k dice lucien o j. will aiutooooooooooooooooooooooooooo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

scusate se mi intrometto qui ma sono nuovo...e la mia questione è annosa pure lei ;P vorrei iniziare a studiare flauto traverso dopo tanti anni di violino...qualche suggerimento per uno strumento da studio buono e k nn mi costi un capitale?(quello magari qnd divento un bravo flautista, un magico Flötist :D) c'è k dice lucien o j. will aiutooooooooooooooooooooooooooo

per quanto riguarda le marche, ti consiglio di leggere quanto trovi a riguardo nella sezione produttori dell'indice del forum e se ancora non l'hai fatto di leggere per intero la discussione in cui stiamo scrivendo.

poi ci sarebbe da capire che tipo di uso vorresti fare del flauto (da studio buono perché hai intenzione di iniziare a studiarlo con serietà o perché vuoi comprarne uno "tanto per provare"?) e a che cifra pensi quando dici che non deve costare un capitale.

su lucien e j. will io (che comunque per conoscenza in questo campo non sono affatto attendibile) non so nulla

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Quoto Luca. :)

Da studio vanno bene Yamaha e Pearl... almeno dovresti poi poterli rivendere facilmente.

Altrimenti, se hai intenzione di studiare con un maestro, aspetta anche i suoi consigli... ^^

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Chi sta navigando   1 utente

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy