Vai al contenuto

Anton Bruckner


Recommended Posts

9 ore fa, Florestan dice:

Messo da parte il Giappone, dove conoscono autori che oggi non sono noti neanche da noi, io non ci giurerei che Bruckner sia così tanto eseguito nei paesi che tu citi: parlo relativamente, di sicuro non più eseguito di tanti altri compositori. Che Bruckner sia eseguito anche in Italia ci mancherebbe. Il punto è il seguente: qualcuno ricorda un disco anche solo decente di una sinfonia di Bruckner eseguita da un'orchestra italiana? Io ne ricordo solo uno decoroso, una Nona di Celibidache con l'Orchestra della Rai di Torino, e non so quanti di noi erano nati. Poi più nulla.

Quello che ha detto la violinista è interessante, se messo a confronto con quello che ha detto Barenboim qualche anno fa, non molti: e cioè che le resistenze maggiori a eseguire Bruckner le ha trovate in Italia da parte di orchestre italiane, perché, parole sue, viene considerato troppo faticoso da eseguire e poco interessante da ascoltare e da suonare. Ognuno può dire quello che vuole, ma io continuo a credere che Bruckner sia un autore molto più facile da sbagliare che da eseguire.

Sulle giovani generazioni ci sarebbe da aprire un capitolo che rischia di trasformarsi in un libro, ma preferirei restare al punto e mi chiedo: visto che i Furtwangler, i Klemperer, i Karajan, i Kleiber e i Giulini non ci sono più, che fare? Dopo di loro, inutile suonare Brahms? Non credo. Le innovazioni interpretative su alcuni autori non sono così radicalmente possibili come su altri, ma è possibile sempre dire qualcosa di originale. Le radicali innovazioni Harnoncourt le ha potute apportare in Beethoven, e si capisce. Ma Bruckner è un autore di un periodo molto più recente, e lo stesso Harnoncourt non ha apportato radicali innovazioni quando lo ha eseguito: anzi, per l'Adagio della Quinta si è rifatto addirittura a Knappertsbusch, che era il contrario di un filologo: a meno di non ritenere che Bruckner vada suonato come lo suona Norrington, che non è tanto giovane ed è pure detestato da Hurwitz. Insomma, io penso che la vera domanda non sia "perché tanto pessimo Bruckner", ma "perché tanta pessima musica" se per "pessimo" intendiamo "non radicalmente innovatore": ma sono davvero le radicali innovazioni quelle che Hurwitz cerca nell'interpretazione di Bruckner? Ma assolutamente no, tutt'altro. Eppure non ho mai sentito Hurwitz o altri chiedersi "perché tanto pessimo Beethoven" o "perché tanto pessimo Brahms": il che dimostra, ancora una volta, che c'è qualcosa che non si perdona agli interpreti di  Bruckner che invece si perdona volentieri agli interpreti di Beethoven o di Brahms, sempre per restare nell'ambito delle famose B. Agli interpreti: o all'autore? E torniamo a bomba: la violinista che sostiene che a eseguire Bruckner non ci vuol niente, pensa che eseguire Beethoven o Brahms sia più difficile?

 

Caro Florestan, ma qualcuno ricorda un disco decente di qualunque delle quattro B (Bach, Beethoven, Brahms o Bruckner) eseguito da un'orchestra italiana? Le orchestre italiane sono nate al servizio dell'opera lirica, le istituzioni sinfoniche sono lodevoli e molte hanno una storia prestigiosa, ma non hanno mai seriamente potuto competere con quelle estere dal punto di vista discografico nel campo sinfonico. Le orchestre Rai, che erano un fiore all'occhiello, sappiamo che fine hanno fatto nel nostro paese della Cultura. Quanto a Barenboim, tendo a dare più ascolto a una violinista dell'Accademia (concertino dei secondi violini) su Bruckner, che a Barenboim, che è un bruckneriano di vaglia ma è abituato a suonarlo con orchestre formidabili (Chicago, Berliner Staatskapelle ecc) e quando si trova alle prese con le orchestre italiane (che poi sarà stata solo quella della Scala) gli sembrerà di trovarsi sulla Luna.

Invece ti seguo quando domandi: visti che i grandi non ci sono più, che fare? Ecco la mia risposta: goderci il Nostro, ma evitando come la peste i "cicli" (e l'assurda fornitura di "doppioni" della stessa sinfonia eseguita da uno stesso interprete solo pochi anni o pochi mesi dopo), tanto nelle stagioni sinfoniche che, soprattutto, nelle pubblicazioni discografiche che, insisto, sono troppe e, in questa misura, non hanno altra ragion d'essere che quella della sopravvalutazione (che è anche, come tutte le sopravvalutazioni, un fraintendimento) di Bruckner. Se Kirill Petrenko, per dire, dovesse presentare una sinfonia di Bruckner, con qualunque orchestra, io lo andrei sicuramente ad ascoltare. Ma se incidesse un'integrale, credo che la lascerei sugli scaffali. I nostri amati "vecchi" non hanno mai inciso un'integrale (in quasi tutti i casi, per Furtwängler o Knappertsbusch ad esempio, sono state assemblate postume dalle case discografiche e sono beatamente incomplete) e perfino Karajan ha terminato l'integrale di Bruckner solo in tarda età. Qui ci sono ragazzini (Nelsons) lanciati nell'integrale alla velocità del suono con grandi etichette. E ci stupiamo che non siano all'altezza, che so, di Wand (pure lui completista tardo, a circa 70 anni) o Celibidache o Tintner? Questi sono i fenomeni che descrivo come sovrapproduzione e sovraesposizione.

Su Hurwitz non ho niente di nuovo da dire, rispetto a quanto già detto in passato. Non ho visto il suo video, non mi metto nemmeno a discutere con un sedicente critico (in realtà un amatore dilettante, anche peggio di noi) che si domanda: «perché tanto cattivo Bruckner?» che, in sé, è già un'affermazione non dimostrata o perlomeno, come giustamente rilevi, egualmente trasferibile anche a ogni altro compositore, se si vuole. Diciamo pure che la domanda è intelligente quanto colui che la pone.

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • Risposte 1,9k
  • Created
  • Ultima Risposta

Top Posters In This Topic

3 ore fa, giordanoted dice:

Caro Florestan, ma qualcuno ricorda un disco decente di qualunque delle quattro B (Bach, Beethoven, Brahms o Bruckner) eseguito da un'orchestra italiana? Le orchestre italiane sono nate al servizio dell'opera lirica, le istituzioni sinfoniche sono lodevoli e molte hanno una storia prestigiosa, ma non hanno mai seriamente potuto competere con quelle estere dal punto di vista discografico nel campo sinfonico. Le orchestre Rai, che erano un fiore all'occhiello, sappiamo che fine hanno fatto nel nostro paese della Cultura. Quanto a Barenboim, tendo a dare più ascolto a una violinista dell'Accademia (concertino dei secondi violini) su Bruckner, che a Barenboim, che è un bruckneriano di vaglia ma è abituato a suonarlo con orchestre formidabili (Chicago, Berliner Staatskapelle ecc) e quando si trova alle prese con le orchestre italiane (che poi sarà stata solo quella della Scala) gli sembrerà di trovarsi sulla Luna.

Invece ti seguo quando domandi: visti che i grandi non ci sono più, che fare? Ecco la mia risposta: goderci il Nostro, ma evitando come la peste i "cicli" (e l'assurda fornitura di "doppioni" della stessa sinfonia eseguita da uno stesso interprete solo pochi anni o pochi mesi dopo), tanto nelle stagioni sinfoniche che, soprattutto, nelle pubblicazioni discografiche che, insisto, sono troppe e, in questa misura, non hanno altra ragion d'essere che quella della sopravvalutazione (che è anche, come tutte le sopravvalutazioni, un fraintendimento) di Bruckner. Se Kirill Petrenko, per dire, dovesse presentare una sinfonia di Bruckner, con qualunque orchestra, io lo andrei sicuramente ad ascoltare. Ma se incidesse un'integrale, credo che la lascerei sugli scaffali. I nostri amati "vecchi" non hanno mai inciso un'integrale (in quasi tutti i casi, per Furtwängler o Knappertsbusch ad esempio, sono state assemblate postume dalle case discografiche e sono beatamente incomplete) e perfino Karajan ha terminato l'integrale di Bruckner solo in tarda età. Qui ci sono ragazzini (Nelsons) lanciati nell'integrale alla velocità del suono con grandi etichette. E ci stupiamo che non siano all'altezza, che so, di Wand (pure lui completista tardo, a circa 70 anni) o Celibidache o Tintner? Questi sono i fenomeni che descrivo come sovrapproduzione e sovraesposizione.

Su Hurwitz non ho niente di nuovo da dire, rispetto a quanto già detto in passato. Non ho visto il suo video, non mi metto nemmeno a discutere con un sedicente critico (in realtà un amatore dilettante, anche peggio di noi) che si domanda: «perché tanto cattivo Bruckner?» che, in sé, è già un'affermazione non dimostrata o perlomeno, come giustamente rilevi, egualmente trasferibile anche a ogni altro compositore, se si vuole. Diciamo pure che la domanda è intelligente quanto colui che la pone.

 

Io sì, ricordo due ottimi Beethoven, uno integrale di Peter Maag con l'Orchestra di Padova e del Veneto e dei dischi di Giulini con la Scala.

Le sinfonie di Bruckner stabilmente in cartellone nei Paesi non anglosassoni e non germanici sono sostanzialmente tre: Quarta, Settima e Nona. Già l'Ottava è meno proposta, le altre lasciamo stare. In Italia Bruckner ha cominciato a diventare parte integrante del repertorio proprio a Santa Cecilia, ma l'affermazione di quella violinista tradisce i suoi gusti: Bruckner più facile da eseguire di Brahms o di Beethoven proprio non si può sentire, persino Hurwitz la pensa in modo opposto.

Anch'io sono d'accordo sull'inutilità artistica di molti cicli moderni, con qualche riserva. Tu, Giordano, non fosse stato per il ciclo di Karajan, probabilmente non avresti mai sentito una Seconda diretta da lui; stesso dicasi di Wand che la ha incisa solo nell'integrale con i Kolner; l'eccezione è Giulini che non ha mai inciso cicli bruckneriani, e la sua grandissima Seconda con i "fratelli minori" dei Filarmonici di Vienna; a volte opere come la Seconda di Bruckner le possiamo ascoltare soltanto all'interno di cicli.

Infine, condivido sui giovani: anch'io guardo con attenzione Petrenko a Berlino, ma anche Currentzis a Stoccarda, Ivan Fischer a Budapest, e poi Honeck o Rattle ovunque vadano (questi ultimi tre un po' meno giovani).

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Florestan dice:

Io sì, ricordo due ottimi Beethoven, uno integrale di Peter Maag con l'Orchestra di Padova e del Veneto e dei dischi di Giulini con la Scala.

Bene, ma sono eccezioni - il primo tra l'altro per un'etichetta minore e un'orchestra non tra le migliori - e sono dischi finiti inesorabilmente fuori catalogo, né li si trovano mai citati nelle discografie delle interpretazioni consigliate, cosa che certo non vuol dire nulla quanto alla loro qualità, ma alla loro ricezione (molto limitata) sì.

Cita

Le sinfonie di Bruckner stabilmente in cartellone nei Paesi non anglosassoni e non germanici sono sostanzialmente tre: Quarta, Settima e Nona. Già l'Ottava è meno proposta, le altre lasciamo stare. In Italia Bruckner ha cominciato a diventare parte integrante del repertorio proprio a Santa Cecilia, ma l'affermazione di quella violinista tradisce i suoi gusti: Bruckner più facile da eseguire di Brahms o di Beethoven proprio non si può sentire, persino Hurwitz la pensa in modo opposto.

La violinista non ha detto che "è più facile da eseguire", ma che è più facile che "riesca bene in concerto", che "sia apprezzato dal pubblico", con ciò intendeva appunto rimarcare che con Bruckner, in Italia, il pubblico ha fatto pace non meno che con Brahms e Beethoven, e la situazione non è affatto quella di un compositore clandestino e ricevuto con freddezza e riserve, come accadeva anche solo 40 anni fa. Forse prima ho riportato male il suo esatto pensiero.

Cita

Anch'io sono d'accordo sull'inutilità artistica di molti cicli moderni, con qualche riserva. Tu, Giordano, non fosse stato per il ciclo di Karajan, probabilmente non avresti mai sentito una Seconda diretta da lui; stesso dicasi di Wand che la ha incisa solo nell'integrale con i Kolner; l'eccezione è Giulini che non ha mai inciso cicli bruckneriani, e la sua grandissima Seconda con i "fratelli minori" dei Filarmonici di Vienna; a volte opere come la Seconda di Bruckner le possiamo ascoltare soltanto all'interno di cicli.

Vero, ma ora, che ce ne sono ad abundantiam, che ce ne facciamo di un altro ciclo?

Cita

Infine, condivido sui giovani: anch'io guardo con attenzione Petrenko a Berlino, ma anche Currentzis a Stoccarda, Ivan Fischer a Budapest, e poi Honeck o Rattle ovunque vadano (questi ultimi tre un po' meno giovani).

Di Honeck ho appena ascoltato il primo movimento della Nona. Mi sembra molto bravo, credo che abbia meditato a lungo sull'opera e questo si sente. L'orchestra, poi, suona divinamente.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, giordanoted dice:

Bene, ma sono eccezioni - il primo tra l'altro per un'etichetta minore e un'orchestra non tra le migliori - e sono dischi finiti inesorabilmente fuori catalogo, né li si trovano mai citati nelle discografie delle interpretazioni consigliate, cosa che certo non vuol dire nulla quanto alla loro qualità, ma alla loro ricezione (molto limitata) sì.

Però sono ottimi dischi, e ricordo anche delle ottime esecuzioni sia di Beethoven sia di Brahms anche con le orchestre della RAI: decenni fa, certo.

La violinista non ha detto che "è più facile da eseguire", ma che è più facile che "riesca bene in concerto", che "sia apprezzato dal pubblico", con ciò intendeva appunto rimarcare che con Bruckner, in Italia, il pubblico ha fatto pace non meno che con Brahms e Beethoven, e la situazione non è affatto quella di un compositore clandestino e ricevuto con freddezza e riserve, come accadeva anche solo 40 anni fa. Forse prima ho riportato male il suo esatto pensiero.

Ah, ecco: questo sì.

Vero, ma ora, che ce ne sono ad abundantiam, che ce ne facciamo di un altro ciclo?

Magari niente, ma io una Seconda o una numero 0 fatta da qualche nuova leva vorrei sentirla, perché non mi pare che siano tantissime quelle buone né dell'una né dell'altra.

Di Honeck ho appena ascoltato il primo movimento della Nona. Mi sembra molto bravo, credo che abbia meditato a lungo sull'opera e questo si sente. L'orchestra, poi, suona divinamente.

Honeck è una garanzia. E quando puoi, senti anche la Nona di Ivan Fischer: è su YouTube.

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, Florestan dice:

Io sì, ricordo due ottimi Beethoven, uno integrale di Peter Maag con l'Orchestra di Padova e del Veneto e dei dischi di Giulini con la Scala.

 

E poi c'è lui:

R-4703449-1372777000-4732.jpeg.jpg

Entra di corsa fra le mie copertine preferite :D

 

E a dire il vero ci sarebbe anche l'integrale LvB di Muti con la Filarmonica della Scala. Ma forse su questa è meglio che cali l'oblio...:crying_anim02:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, giobar dice:

E poi c'è lui:

R-4703449-1372777000-4732.jpeg.jpg

Entra di corsa fra le mie copertine preferite :D

 

E a dire il vero ci sarebbe anche l'integrale LvB di Muti con la Filarmonica della Scala. Ma forse su questa è meglio che cali l'oblio...:crying_anim02:

... e a gennaio quest'anno Chailly e la Filarmonica della Scala erano in tour in Germania proprio con le sinfonie di LvB, che sono da almeno mezzo secolo stabilmente nel repertorio dell'orchestra.

Delman non lo conosco come interprete di Bruckner, ma hai senz'altro ragione sulla copertina :D

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 19/5/2020 at 17:07, giobar dice:

E poi c'è lui:

R-4703449-1372777000-4732.jpeg.jpg

Entra di corsa fra le mie copertine preferite :D

Questa potrebbe essere interessante, per lo meno per Delman, che in vita fu molto amato in Italia.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho ascoltato la Nona diretta da Delman. In linea generale, non posso che concordare con @Madielche, riferendosi al primo movimento, l'ha definito "sfiancante, molto episodico, privo della ben che minima scintilla e fluidità,  oppure di una qualche esaltazione mistica o eroica". Lo Scherzo è molto convenzionale e anche un po' trasandato (ma tutta l'esecuzione si segnala negativamente per questo aspetto) e il Finale, uno degli Adagi gloriosi di Bruckner (che per altro nel video postato a un certo punto "salta") è adeguato, anche poetico nel suo sommesso spegnersi dove Delman riduce il volume a un sussurro, ma non cancella un'impressione generale di perplessità e dubbio. Perché sulla personalità di Delman ci scommetterei, sulla sua capacità di portare gli orchestrali esattamente dove vuole, e da pochi, brevi guizzi si nota l'originalità di una lettura tutta antieroica, che a tratti sfiora il Celibidache "mistico" ma invece non assurge alla trascendenza, rimane sempre un misticismo umano, terreno. 

In sintesi, per me, un ascolto interessante per chi voglia conoscere un approccio assai personale a Bruckner. Ma è vero che bisogna avere una certa pazienza, per non dire tenacia, e forse aggiungere alle note anche alcune considerazioni extra-musicali (a me, per esempio, è venuto in mente come avrebbe potuto dirigere Bruckner un ipotetico "mistico" dostoevskjiano anche un po' ubriacone...), altrimenti arrivare in fondo è dura, e ben a ragione.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Appena posso cerco di dare anch'io un ascolto a Delman. E' stata una settimana di lavoro abbastanza dura, e ne prevedo altre, quindi il tempo è quello che è: ho in programma anche di ascoltare il Mahler di Zinman e postare le mie impressioni sulla discussione apposita, ma per adesso ho potuto solo ascoltare la sua Prima.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E così, buon ultimo, arrivo al Bruckner di Rosbaud, con questa magnifica Terza, suonata stupendamente da una grande orchestra (fondata, credo, dallo stesso Rosbaud, e comunque da lui portata a perfezione). 

Rosbaud, è vero, dà una lettura senza enfasi, ma sarebbe sciocco parlare di antiromanticismo: il Bruckner di Rosbaud conserva intatta la sua atmosfera leggendaria, e la sua fantasia esploratrice e anche un po' vagabonda. Tuttavia quello che Rosbaud apporta è una chiarezza assoluta e soprattutto una logica implacabile nel raccordare tutti gli episodi, senza mai suonare eccentrico, arbitrario. Insomma tutto il contrario di quello che si poteva deplorare nella sfibrata Nona di Abendroth. I tempi sono leggermente più svelti della tradizione, ma nulla di provocatorio: Rosbaud non fa nulla che non sia pienamente giustificato dallo spirito dell'opera.

 10 e lode.

Signori, questo è stato un eccelso bruckneriano!

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 27/9/2008 at 00:28, dwaltz dice:

Per quanto mi riguarda penso sia certamente uno dei compositori più impegnativi da ascoltare.
Più lo ascolto e più, un po' alla volta, imparo ad apprezzarne la musica.

La difficoltà secondo me nasce da come Bruckner tratta il materiale musicale. Mi spiego: a volte ho l'impressione che i temi spariscano e si disssolvanno in una sorta di susseguirsi di immagini.
Come se fossimo di fronte a svilluppi di temi che non sono stati esposti.

Quasi a fare da ponte tra il leitmotive di wagner e la musica impressioninstica.

Voi come ascoltate Bruckner?

Bruckner è uno dei miei compositori preferiti, e soprattutto credo sia il mio sinfonista preferito assieme a Mahler, il quale però deve molto all’opera di Bruckner.

Le sue sinfonie sono dei veri e propri viaggi spirituali che vanno avanti attraverso piccoli processi che, fusi insieme, ribollono di un’epicità che a me cattura ed emoziona ogni volta che lo ascolto. I colori orchestrali che creano sono pazzeschi, danno un senso di ampiezza e vastità notevole, e rendono anche grazie alle lungaggini che crea ogni volta che cresce in drammaticità. Ed è fantastico come riesca a non rendere l’opera prolissa. In più, si sente l’anima organistica del compositore: lui spesso fa a sezioni di strumenti, come nei registri di un organo. Infine, le armonie e il linguaggio ricco e mai banale fa il resto, capace di passare da una tonalità all’altra distantissima rapidamente anche nello stessa frase.

è secondo me attraverso i suoi adagi che noi sentiamo la crescita spirituale e stilistica del compositore: sempre più dissonanze, sempre più tensioni, più climax drammatici. 

Come classificherei le sue sinfonie?

8 (che è anche la mia sinfonia preferita di sempre. Ritengo l’adagio il movimento più bello mai scritto)

9 (dove veramente rompe i canoni della sinfonia romantica attraverso dissonanze che ancora oggi, dopo tre anni che l’ascolto, mi mettono i brividi)

7 (la più ricca di espressività, soprattutto in toccanti e commuoventi sezioni soprattutto dei primi due movimenti)

4 (indipendentemente dalle versioni)

5 (un capolavoro contrappuntistico, con il finale quasi interamente fugato)

3 (dove lo stesso Wagner abbracciò Bruckner per la bellezza di quella musica) 

1 (dove Bruckner stava mettendo a fuoco le potenzialità del suo stile)

2 (lui stesso disse di fare un qualcosa di più “accessibile” rispetto alla drammaticità della Prima)

6 (purtroppo, anche io penso che manchi di quell’epicità e ampiezza che criticano in tanti, per lo meno negli ultimi due movimenti)

0 (il primo movimento però mostra tanti aspetti che Bruckner ci offrirà in seguito)

00 (senza dubbio gradevole ma ovviamente si sente che è un lavoro giovanile)

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
46 minuti fa, Domila dice:

Bruckner è uno dei miei compositori preferiti, e soprattutto credo sia il mio sinfonista preferito assieme a Mahler, il quale però deve molto all’opera di Bruckner.

Le sue sinfonie sono dei veri e propri viaggi spirituali che vanno avanti attraverso piccoli processi che, fusi insieme, ribollono di un’epicità che a me cattura ed emoziona ogni volta che lo ascolto. I colori orchestrali che creano sono pazzeschi, danno un senso di ampiezza e vastità notevole, e rendono anche grazie alle lungaggini che crea ogni volta che cresce in drammaticità. Ed è fantastico come riesca a non rendere l’opera prolissa.

è secondo me attraverso i suoi adagi che noi sentiamo la crescita spirituale e stilistica del compositore: sempre più dissonanze, sempre più tensioni, più climax drammatici. 

Come classificherei le sue sinfonie?

8 (che è anche la mia sinfonia preferita di sempre. Ritengo l’adagio il movimento più bello mai scritto)

9 (dove veramente rompe i canoni della sinfonia romantica attraverso dissonanze che ancora oggi, dopo tre anni che l’ascolto, mi mettono i brividi)

7 (la più ricca di espressività, soprattutto in toccanti e commuoventi sezioni soprattutto dei primi due movimenti)

4 (indipendentemente dalle versioni)

5 (un capolavoro contrappuntistico, con il finale quasi interamente fugato)

3 (dove lo stesso Wagner abbracciò Bruckner per la bellezza di quella musica) 

1 (dove Bruckner stava mettendo a fuoco le potenzialità del suo stile)

6 (anche secondo me il tono generale risponde meno all’idea delle sue sinfonie)

2 (lui stesso disse di fare un qualcosa di più “accessibile” rispetto alla drammaticità della Prima)

0 (il primo movimento però mostra tanti aspetti che Bruckner ci offrirà in seguito)

00 (senza dubbio gradevole ma ovviamente si sente che è un lavoro giovanile)

Benvenuto (o benvenuta!?)

Indubbiamente gli Adagi bruckneriani sono la punta di diamante delle sue sinfonie, le parti dove maggiormente emerge la sua profondità e grandezza.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ascoltata la Nona di Delman, impressioni a caldo: sinceramente mi aspettavo una lettura diversa, più vicina ai connazionali Rozhdestvensky o Mravinsky. Invece Delman ricerca il lirismo rallentando al limite dell'intelligibilità i momenti melodici, e questo è evidente soprattutto nel secondo tema del primo movimento; questo rallentamento in particolare, dove anziché suonare all'unisono la linea dei violoncelli è preminente su quella dei violini primi e secondi, lo costringe ad accelerare molto sensibilmente per tornare quasi in tempo nei momenti più drammatici, comunque più lenti della norma. Una lettura lontana dal tutto lento di Celibidache ma anche da Giulini, che nella sua solennità ha invece la misura dell'ineluttabile che altre incisioni non rendono in questa misura. Nella Nona neanche Bernstein aveva osato tanto in termini di intensificazione dell'elemento puramente lirico: un Bruckner alla Ciajkovskij insomma, molto personale e molto poco attendibile, ma pur sempre interessante.

Benvenuto a @Domila le cui osservazioni condivido a parte qualche variazione nella "classifica".

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 27/5/2020 at 19:16, Ives dice:

Interessante e curiosa la scelta di Ormandy....nome che mai, almeno per me, si assocerebbe a Bruckner.

Beh dai, qui ha fatto delle scelte condivisibili e in qualche caso anche obbligate (Jochum in qualunque versione nella Quinta è una sicurezza, Wand pure, quel disco di Abbado con i Wiener è oro puro fin dalla copertina...); più personale Ormandy, soprattutto perché preceduto da Harnoncourt che dà della Quinta una lettura molto diversa. Ma io credo che qui Hurwitz non abbia voluto dire "come deve suonare la Quinta" o indicare un modo di interpretarla di sua preferenza, quanto semplicemente le migliori registrazioni all'interno di un range interpretativo a suo modo di vedere non snaturante come gli ensemble ridotti che cita alla fine del video (pensa alla quinta con la Tapiola Sinfonietta?). Le raccomandazioni più personali in realtà sono proprio Skrowaczewski, amato da Hurwitz, e Sawallisch, generalmente considerato un buon Kapellmeister e niente di più: ma basta sentire i loro dischi per rendersi conto da soli che sono delle interpretazioni gigantesche, tant'è vero che io ho inserito proprio Sawallisch assieme a Karajan e Jochum fra i miei riferimenti nella Quinta.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
23 ore fa, Florestan dice:

Beh dai, qui ha fatto delle scelte condivisibili e in qualche caso anche obbligate (Jochum in qualunque versione nella Quinta è una sicurezza, Wand pure, quel disco di Abbado con i Wiener è oro puro fin dalla copertina...); più personale Ormandy, soprattutto perché preceduto da Harnoncourt che dà della Quinta una lettura molto diversa. Ma io credo che qui Hurwitz non abbia voluto dire "come deve suonare la Quinta" o indicare un modo di interpretarla di sua preferenza, quanto semplicemente le migliori registrazioni all'interno di un range interpretativo a suo modo di vedere non snaturante come gli ensemble ridotti che cita alla fine del video (pensa alla quinta con la Tapiola Sinfonietta?). Le raccomandazioni più personali in realtà sono proprio Skrowaczewski, amato da Hurwitz, e Sawallisch, generalmente considerato un buon Kapellmeister e niente di più: ma basta sentire i loro dischi per rendersi conto da soli che sono delle interpretazioni gigantesche, tant'è vero che io ho inserito proprio Sawallisch assieme a Karajan e Jochum fra i miei riferimenti nella Quinta.

Si-si concordo con te, mi riferivo alla citazione di Ormandy. Le altre citate da Hurwitz le conosco e tutto sommato le apprezzo (forse l'unico che mi dice poco e Harnoncourt). Certo che Abbado e Dohnanyi svettano come qualità tecnica dell'orchestra. Io non amo Sawallisch, ma in Bruckner lo trovo meraviglioso, tra i suoi dischi migliori (ed eseguito neanche con una grande orchestra, cioè quella di stato bavarese).

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
11 ore fa, Ives dice:

 

Anche qui i punti di vista di D. H. sono abbastanza condivisibili. Non ricordo chi in questa discussione diceva che una volta ascoltata la prima versione della Terza (del 1873) con Tintner e la Scottish, non ne avremmo più volute sentire altre: oggi ci sono diversi direttori che eseguono proprio quella versione, e fra le registrazioni più recenti mi pare vada segnalata almeno quella di Blomstedt con la Gewandhaus di Lipsia. Qui invece Hurwitz dice la stessa cosa che aveva detto anche @Bogen e che condivido, e cioè che dopo tanti anni in cui è stata eseguita soltanto l'ultima versione, oggi possiamo affermare che l'edizione di riferimento è piuttosto quella del 1877, che lo stesso Autore diresse, donò a Mahler e che si trova alla Biblioteca Imperiale; di questa versione Hurwitz propone diverse registrazioni, ma io penso siano migliori le mie tre poposte, la prima è questa:

Screenshot-2020-06-01-Bruckner-Anton-Lov

Matacic è stato un grande bruckneriano, spesso ha lavorato con orchestre minori ma non qui. La versione eseguita è quella con la coda dello Scherzo, poi tagliata dall'Autore per questioni che hanno a che fare con una specie di nevrosi scaramantica che lo accompagnò per tutta la vita e lo portò a ripetere ossessivamente alcune idee portanti. In qualità molto bassa, l'audio di questo disco è anche su Youtube.

La seconda è questa:

Screenshot-2020-06-01-Bruckner-Symphony-

Su Amazon UK si trova ancora a una ventina di sterline, mentre il superaudio della Audite con stesso direttore e stessa orchestra in un live degli anni Settanta, credo dunque dieci anni prima, è ovunque a prezzi da collezionisti.

La terza infine non può che essere:

Screenshot-2020-06-01-Anton-Bruckner-Ber

Relativamente facile trovarla a pochi spiccioli, se si vuole una Terza diretta da Haitink non c'è ragione per non scegliere la sua versione migliore, ed è indubbiamente questa, con i Wiener che in Bruckner fanno davvero tutta la differenza del mondo, con tutto il rispetto per il Concertgebouw: qui inoltre la visione di Haitink è più matura e rilassata rispetto all'integrale giovanile. Se poi si vuole solo la Terza di Haitink, perché prendere tutta la sua integrale sia pure rimasterizzata e spendere di più? Anche l'audio di questo disco, con le ovvie riduzioni di qualità, è disponibile per l'ascolto su Youtube.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, giordanoted dice:

Commento di Hurwitz sulla Terza di Solti:

«My God [...] it's fast, it's furious...»

Non sarà mai troppo tardi quando abbandonerete questo divoratore di hamburger e ciambelle caramellate al suo destino.

Perché, quando nel video sulla Quinta ha detto che "il tema per ottoni del finale" (che poi sarebbe l'Hauptthema di tutta la sinfonia nella terzultima e penultima variazione...) assomiglia alla sigla dei Flintstones? Ti era sfuggito? 🤣🤣🤣

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
16 ore fa, Florestan dice:

 

La seconda è questa:

Screenshot-2020-06-01-Bruckner-Symphony-

Su Amazon UK si trova ancora a una ventina di sterline, mentre il superaudio della Audite con stesso direttore e stessa orchestra in un live degli anni Settanta, credo dunque dieci anni prima, è ovunque a prezzi da collezionisti.

Oppure, senza troppa fatica e a prezzo minimo qui dentro

81G-0THi+RL._AC_SL1500_.jpg

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
33 minuti fa, Florestan dice:

Perché, quando nel video sulla Quinta ha detto che "il tema per ottoni del finale" (che poi sarebbe l'Hauptthema di tutta la sinfonia nella terzultima e penultima variazione...) assomiglia alla sigla dei Flintstones? Ti era sfuggito? 🤣🤣🤣

Sì, ma ora lo recupero, una hurwitzata di tali proporzioni non posso perdermela.

Come scrive su quella caricatura di sito dove si è fatto la dubbia fama: TERRIFIC!

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.


×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy