Vai al contenuto

Anton Bruckner


Recommended Posts

A proposito di Bruckner e di Celibidache, che ne è stato del critico musicale Paolo Isotta? Vent'anni fa conduceva un programma pomeridiano di musica sinfonica su Rai3 e prediligeva Bruckner diretto da Celibidache, ricordo una Nona di Bruckner diretta da Celi introdotta da Isotta (che iniziò dicendo ''La Nona di Bruckner, grande monumento sinfonico, tra i maggiori della storia musicale''), un'esecuzione che mi piacque. Eh, quando la Rai trasmetteva molta più cultura musicale.....Ricordo le belle lezioni di Roman Vlad su Mozart.....


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • Risposte 1,9k
  • Created
  • Ultima Risposta

Top Posters In This Topic

A proposito di Bruckner e di Celibidache, che ne è stato del critico musicale Paolo Isotta? Vent'anni fa conduceva un programma pomeridiano di musica sinfonica su Rai3 e prediligeva Bruckner diretto da Celibidache, ricordo una Nona di Bruckner diretta da Celi introdotta da Isotta (che iniziò dicendo ''La Nona di Bruckner, grande monumento sinfonico, tra i maggiori della storia musicale''), un'esecuzione che mi piacque. Eh, quando la Rai trasmetteva molta più cultura musicale.....Ricordo le belle lezioni di Roman Vlad su Mozart.....

Paolo Isotta è il critico musicale del Corriere della Sera da molti anni. Se ti interessa puoi leggere i suoi articoli sull'archivio del giornale qui

http://archiviostorico.corriere.it/#

scrivendo "Isotta" nella ricerca per autore. Ricordo anche io quelle trasmissioni.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Diciamo tutte le possibilità: a) se ti interessa; B) se sei masochista; c) se ami incavolarti. Si potrebbe ipotizzare anche "se non hai di meglio da fare", ma fa parte di un periodo ipotetico dell'irrealtà :laughingsmiley:

Isotta è quasi sempre livoroso e i suoi scritti denotano troppo spesso uno spreco di intelligenza. Poverino. Hai letto il suo ultimo ego-libro? E' una miniera di perle, volgarità, basso trivio, aneddoti e, appunto, livore. Imperdibile. L'ultima sparata in ordine di tempo era su Sir Pappano: Ma il Pappano come fa a dirigere un teatro, il Covent Garden, ignorando la natura del teatro musicale. Se c'è un campo dove Pappano ha dato il suo meglio è proprio quello del teatro d'opera. E secondo me nemmeno sa tanto scrivere, dopotutto. Cioè, col suo italiano finto aulico abbindola il borghese di media cultura, ma se becca chi legge davvero il bell'italiano (quello di Gadda e Longhi, per dirne una) non la passa certo liscia.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Hai letto il suo ultimo ego-libro?

No, non ho tempo da perdere e spero che nessuno sprechi denaro per regalarmelo a Natale!

E secondo me nemmeno sa tanto scrivere, dopotutto. Cioè, col suo italiano finto aulico abbindola il borghese di media cultura, ma se becca chi legge davvero il bell'italiano (quello di Gadda e Longhi, per dirne una) non la passa certo liscia.

Un mio amico ha coniato una bellissima definizione per quel modo di scrivere - ahimè diffuso in certa intellighenzia - ripiegato su se stesso, volutamente contorto e ricco di astrusità di cui il nostro eroe è un campione: scrittura onanistica. :sarcastic:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 1 month later...

In uscita a marzo:

janowski_bruckner_boxset.jpg

Assemblaggio in cofanetto di questi SACD dell'olandese Pentatone:

16340514368_fa3aafe1c0.jpg

Nella Guida alla Musica Sinfonica a cura di Ettore Napoli parlano molto bene di questo ciclo come pure del suo Brahms, definito il migliore dell'era digitale. :ohno01:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nella Guida alla Musica Sinfonica a cura di Ettore Napoli parlano molto bene di questo ciclo come pure del suo Brahms, definito il migliore dell'era digitale. :ohno01:

ascoltai la prima sinfonia su spotify e mi piacque, impostazione moderna, non molti fronzoli, forse non molta fantasia, ma una lettura scattante e rigorosa. Sulle altre sinfonie (invero molto diverse) non saprei...

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nella Guida alla Musica Sinfonica a cura di Ettore Napoli parlano molto bene di questo ciclo come pure del suo Brahms, definito il migliore dell'era digitale. :ohno01:

Non sono un esperto bruckneriano, ma ritengo sia un'integrale di buon livello: onesto professionismo, condotta solida, gusto, concretezza, buon senso delle proporzioni, valido magistero dell'orchestra. Qualche sinfonia, come capita in ogni integrale, viene meno bene delle altre, soprattutto la Quinta e la Nona (aggiungo purtroppo perchè, per me, sono le più belle e intricate), parecchio loffie. Le prime quattro sono ottime, così come l'Ottava. Il suo Brahms recente non lo conosco, ma è suonato live con l'orchestra di Pittsburgh, di cui però consiglio questa dirompente versione della Fantastique, proprio con Janowski sul podio e sempre per Pentatone:

MI0002963791.jpg?partner=allrovi.com

Diretta da Janowski ho pure la Messa No. 3 di Bruckner, bel disco:

MI0003497487.jpg?partner=allrovi.com

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 7 months later...

Girovagando senza meta nella discografia di Thielemann mi sono imbattuto in questo bel boxone. Qualcuno lo possiede o ha dischi che sono ivi contenuti? Sembra molto interessante

71sKXMBr6dL._SL1200_.jpg

Ho il cd con la musica per pianoforte. Una curiosità con molte danze e qualche pezzo più impegnato. Carino.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Girovagando senza meta nella discografia di Thielemann mi sono imbattuto in questo bel boxone. Qualcuno lo possiede o ha dischi che sono ivi contenuti? Sembra molto interessante

71sKXMBr6dL._SL1200_.jpg

Sicuramente interessante. Tennstedt, Wand, Haitink, Sanderling (che come bruckneriano per me è il migliore di questi quattro), Karajan, direi che già questi nomi garantiscono la bontà dell'acquisto. Thielemann come bruckneriano, a mio parere, è poco ispirato. Mi pare poi si tratti di incisioni abbastanza rare, che possono aggiungere un elemento di curiosità.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sicuramente interessante. Tennstedt, Wand, Haitink, Sanderling (che come bruckneriano per me è il migliore di questi quattro), Karajan, direi che già questi nomi garantiscono la bontà dell'acquisto. Thielemann come bruckneriano, a mio parere, è poco ispirato. Mi pare poi si tratti di incisioni abbastanza rare, che possono aggiungere un elemento di curiosità.

Ma Karajan dove l'hai letto? Io non lo vedo.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 5 weeks later...
7 hours ago, LudwigII said:

Coniugando qualità e prezzo, penso ci sia per esempio l'integrale Eugen Jochum della Brilliant Classics. Ma non essendo un appassionato bruckneriano, lascio la parola agli esperti.

613NZR4CHXL._SX355_.jpg

vabbè escludiamo le 2 di jochum, wand, Karajan, celi, che ho già. Volevo una 00 e una 0. Che non sia solti o Chailly o haitink. Resta tintner (però non lo conosco)

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.


×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy