Vai al contenuto

Percussioni antiche


Rabo®
 Condividi

Recommended Posts

Qualcuno di voi suona musica antica (medievale-Rinascimentale-Barocca) con le percussioni???

io sarei tentato di iniziare questa nuova strada, ho comprato dei libri sulle percussioni antiche, ma vorrei saper eanche da voi cosa ne sapete,

strumenti

musica

utilizzo

tecniche

ditemi tutto ciò che sapete :) :) :) :)

Link al commento
Condividi su altri siti

Guest Andrew89
Qualcuno di voi suona musica antica (medievale-Rinascimentale-Barocca) con le percussioni???

io sarei tentato di iniziare questa nuova strada, ho comprato dei libri sulle percussioni antiche, ma vorrei saper eanche da voi cosa ne sapete,

strumenti

musica

utilizzo

tecniche

ditemi tutto ciò che sapete :) :) :) :)

A partire da Federico II c'è stata la tradizione di accogliere nelle corti i virtuosi percussionisti che venivano dalla Persia... questo fino al rinascimento circa (e in giro c'è ancora qualche iraniano che intraprende un viaggio iniziatico del genere)

Cmq un percussionista bravo, che riesce a tener testa al reperotrio antico, secondo me, non deve mai cadere nell'eccessivo... o ancor peggio nello sciatto... cosa molto facile che capiti

Per esempio un Pedro Estevan a volte riempie veramente troppo... nulla togliere alla sua eccezionalità :ph34r:

Molto bello l'apporto che danno le percussioni nel repertorio francese di fine '600... Nelle piéces teatrali, pezzi galanti per la corte, ecc... ^_^

Link al commento
Condividi su altri siti

Io sto studiando le percussioni applicate nella musica "antica".

Per il discorso fatto da Andrew89 (visrtuosi persiani alla corte di Federico II) gli strumenti più utilizzati sono proprio quelli della cultura arabo-persiana, e quindi Zarb, Duff, Ghaval, Riq (no a Darbouka e similari perchè hanno un suono decisamente troppo presente...), tutti rigorosamente suonati con le loro tecniche specifiche tradizionali.

Si possono anche utilizzare anche tamburelli e tammorre italiane, suonati con le loro tecniche tradizionali ma anche con tecniche miste (e.g. mischiare la tecnica della pizzica con quella della tarantella siciliana...).

Si presta molto bene a questo genere anche il Bodhràn irlandese, suonato con la tecnica tradizionale (con il battente) solo per musiche più recenti (roba da ballo dei primi ottocento) oppure con la meravigliosa tecnica Glen Velez, per chi la conosce...

Infine, ma solo per grossi ensemble, vanno bene anche vari tamburi di tipo imperiale-militare, con o senza cordiera, suonati con vari battenti.

Spero di esserti stato utile!

Link al commento
Condividi su altri siti

grazie mille per l'intervento...

da quello che ho sentito, gli strumenti a cornice sono molto presenti nella musica medievale e rinascimentale.....

tu stai studiando per i fatti tuoi o con qualcuno????

ho letto sul libro che ho preso( early percussion instrumento di J. Blades e J. montagu) che si usa anche un tamburo che lui chiama timbrels e che sarebbe praticamente un tamburello basco di oggi, però impugnato come la tammorra....

Link al commento
Condividi su altri siti

Posso dirti che è assolutamente impossibile studiare gli strumenti che ti ho elencato senza la guida di un maestro esperto.

Le tecniche impiegate sono molto particolari e complesse ed è veramente impensabile approcciare da soli queste cose...

Poi, una volta appresa la corretta tecnica tradizionale, sta a te saperla impiegare, secondo il tuo gusto e giudizio, nell'ambito della musica antica, e allora potresti anche far da solo (senza un maestro).

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 4 months later...

Penso che almeno due parole vadano spese per parlare del Dulcimer (o Salterio a martelletto)(foto)

Si tratta di uno strumento a suono determinato che ha origini molto antiche, da non confondere con il Salterio vero e proprio, che si suona pizzicando le corde (infatti: salterio=psalterion="psallein", cioè "pizzicare con le dita") e da cui deriva direttamente. Le casse armoniche possono essere di vario tipo (trapezoidale o quadrangolare); si può suonare in vari modi: poggiandolo sulle ginocchia, su di un tavolo e può essere tenuto anche a tracolla. Una cosa curiosa da menzionare e che questo strumento ha avuto origine in luoghi diversi indipendentemente, sviluppando però vari tipi di battenti a seconda della regione.

Questo è tutto quello che so... :)

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 9 months later...

Penso che almeno due parole vadano spese per parlare del Dulcimer (o Salterio a martelletto)(foto)

Si tratta di uno strumento a suono determinato che ha origini molto antiche, da non confondere con il Salterio vero e proprio, che si suona pizzicando le corde (infatti: salterio=psalterion="psallein", cioè "pizzicare con le dita") e da cui deriva direttamente. Le casse armoniche possono essere di vario tipo (trapezoidale o quadrangolare); si può suonare in vari modi: poggiandolo sulle ginocchia, su di un tavolo e può essere tenuto anche a tracolla. Una cosa curiosa da menzionare e che questo strumento ha avuto origine in luoghi diversi indipendentemente, sviluppando però vari tipi di battenti a seconda della regione.

Questo è tutto quello che so... :)

comuqneu volevo a distanza di quasi un anno tirare le somme :) :)

quest'estate ho studiato conosciuto e fatto un corso con pedro(estevan) persona squisita, grande musicista e cuore d'oro :)

forse se riesco continuo a studiare con lui....

poi ho fatto un corso con massimiliano dragoni di balli e bassedanze del 400 anche lui persona squisita, grande musicista e ora anche grande amico.

suono la musica italiana con la tecnica dei tamburi del sud italia 8 quella messinese soprattutto)

la spagnola suono darbuka riq e bendir che ho studiato con pedro.

e in più mi sono anche comprato il salterio... :)

ho fatto la tesi la settimana scorsa sulle percussioni antiche ed è andata benissimo :) :)

volevo solo comunicarvelo visto che tutto è un po' partito da qui :)

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 4 months later...

comuqneu volevo a distanza di quasi un anno tirare le somme :) :)

quest'estate ho studiato conosciuto e fatto un corso con pedro(estevan) persona squisita, grande musicista e cuore d'oro :)

forse se riesco continuo a studiare con lui....

poi ho fatto un corso con massimiliano dragoni di balli e bassedanze del 400 anche lui persona squisita, grande musicista e ora anche grande amico.

suono la musica italiana con la tecnica dei tamburi del sud italia 8 quella messinese soprattutto)

la spagnola suono darbuka riq e bendir che ho studiato con pedro.

e in più mi sono anche comprato il salterio... :)

ho fatto la tesi la settimana scorsa sulle percussioni antiche ed è andata benissimo :) :)

volevo solo comunicarvelo visto che tutto è un po' partito da qui :)

beh, complimenti vivissimi!! :)

Link al commento
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Condividi

  • Chi sta navigando   0 utenti

    • Nessun utente registrato visualizza questa pagina.
×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy