Vai al contenuto
mirougil

I nostri cori

Recommended Posts

Vibo sono perfettamente d'accordo con te sul fatto che si è sempre sotto giudizio se si fa parte di un gruppo che si esibisce di fronte un pubblico o di fronte una giuria...ma dopotutto il bello per noi che cantiamo è proprio questo, siamo un po' narcisisti e ci piace essere li sul palco a far agli altri quello di cui siamo capaci. Poi lo facciamo con grande soddisfazione personale, vero?

Aquila: posso farti una domanda? Ma se in una sezione venivano a mancare o non davano la disponibilità a partecipare al concorso un numero elevato di coristi, il concorso lo facevate lo stesso oppure il coro ci andava ugualmente a ranghi ridotti?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Un/a bravo/a corista canta senza leggere lo spartito, solo appoggiandolo sulle braccia per fare scena. Tutto questo indipendentemente dal numero di pezzi che deve cantare in una sola sera. :laughingsmiley:

sono d'accordo sul fatto che il bravo corista anziché tenere gli occhi spiaccicati sulla parte dovrebbe guardare il direttore.

Ma se il bravo corista in questione è costretto tre ore prima del concerto a imparare *per ogni pezzo* da due a quattro parti diverse per poter cantare nella sezione messa peggio al momento del concerto, converrai con me che è indispensabile avere sotto mano lo spartito e gettarci un'occhiata un po' più spesso di chi ha provato per mesi solo la parte della propria sezione!

Non so come capita nei vostri cori, ma ho visto coi miei occhi che qualche volta con chi sa la musica vengono applicati due pesi e due misure: quando non serve, il corista musicista viene considerato uguale a tutti gli altri, quando invece torna comodo lo stesso corista viene "sfruttato" in vari modi perché "tanto sa la musica", "tanto impara subito le parti" e cose così.

(Non c'è intento polemico.)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Vibo sono perfettamente d'accordo con te sul fatto che si è sempre sotto giudizio se si fa parte di un gruppo che si esibisce di fronte un pubblico o di fronte una giuria...ma dopotutto il bello per noi che cantiamo è proprio questo, siamo un po' narcisisti e ci piace essere li sul palco a far agli altri quello di cui siamo capaci. Poi lo facciamo con grande soddisfazione personale, vero?

...

Beh, certo: il bello è proprio poter condividere con il pubblico ore e ore di lavoro, oppure ricevere un giudizio critico da una giuria sul ciò che si è preparato, al fine di poter continuare a migliorarsi.

La soddisfazione viene come conseguenza ad una buona performance.

Dover penalizzare un intero coro a causa dei malanni di qualche corista sfortunato equivale a non veder riconosciuto il lavoro svolto.

@ Mirougil: si, i pochi che san leggere la musica vengono davvero schiavizzati. A volte mi è pure capitato di dover sostituire "al volo" il direttore di coro alle prove, senza neanche potermi preparare prima! :wacko:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie a santa cecilia e affini non ci siamo mai trovati nella condizione di dover saltare un concerto o simili... Nella malaugurata ipotesi di mancanza di voci non si va o si va cercando di sputare sangue...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Grazie a santa cecilia e affini non ci siamo mai trovati nella condizione di dover saltare un concerto o simili... Nella malaugurata ipotesi di mancanza di voci non si va o si va cercando di sputare sangue...

Mi fa piacere sapere che non vi siete mai trovati in questa situazione, ma ne avete mai discusso all'interno del vostro gruppo in modo da capire come affrontare l'eventualità. Noi ne abbiamo parlato e sono emersi tanti aspetti riguardo questo problema e abbiamo trovato un accordo comune, a 15 giorni dall'appuntamento si fa il punto della situazione su presenze e assenze ed eventualmente gli aiuti sono in tempo per prendere visione delle parti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Forse è vero.. Se ne dovrebbe parlare, ma forse è un modo per scongiurare il pericolo...

Venerdì scorso, ad esempio, abbiamo accompagnato una messa con un solo tenore che canta da circa due mesi e quindi non aveva quasi idea di cosa dovesse cantare. Cosè io e un basso abbiamo fatto da supporto. Il fatto che leggo a prima vista senza difficoltà (anni e anni di violino saranno pur serviti a qualcosa...) mi dà un sacco di facilità ad imparare i pezzi, ma forse è un'arma a doppio taglio perchè chi non legge le note una volta imparata a memoria non se la scorda più mentre io sono un po' più legata alla parte. Per anni, pur non guardandola mai durante i concerti, pensavo che se non avessi avuto la parte a cui dare un'occhiata nei momenti di "bisogno" non mi sarei ricordata cosa dovevo cantare.. E così avevo una paura folle!!! Con la nuova maestra, salvo in casi particolari, abbiam iniziato a fare i concerti senza parte e i vantaggi sono stati molti. tutti più attenti, attacchi e chiuse più precise e dinamiche esatte..

Qundi si alle parti in casi estremi, ma in linea di massima molto meglio senza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Forse è vero.. Se ne dovrebbe parlare, ma forse è un modo per scongiurare il pericolo...

Forse un po' di scaramanzia non guasta, ma non credi sia un rischio troppo alto affidarsi alla dea bendata?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Teoricamente si sfida la sorte ma in realtà santa cecilia ci ha sempre preservato dalla catastrofe.. Cq noi già di base non siamo molti quindi le nostre voci già sono ben amalgamate tra di loro e quindi riusciamo a sopperire le varie mancanze. In linea di massima quindi a meno di epidemie dell'ultimo secondo per i vari appuntamenti si sonda prima chi c'è e chi manca ed in base a quello si decide. Chiaro che le emergenze e i guai possono capitare ma per ora riusciamo a fare le cose lo stesso. Chiaramente nel tempo il repertorio è cambiato in base+anche+alle+voci.+Una+volta,+quando+eravamo+tantissimi,+facevamo+anche+belli

ssimi+brani+della+liturgia+ortodossa+russa.+Li+potremmo+fare+anche+adesso+anzi+o

g

ni+tanto+li+rispolveriamoma+le+sonorità+sono+diverse...+++

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest Andrew89
Hai ragione, sarebbe molto "comodo", solo che un basso a cantare da tenore e un tenore da basso la vedo complicata.

Utile sarebbe che chi ha la tessitura da baritono possa fare questi spostamenti...

Non è gioioso per un tenore cantare da basso... specialmente se arrivi a stento al La grave :to_pick_ones_nose2:

L'ho fatto per un anno buono... mai piùùù :laughingsmiley:

Scherzi a parte, nel coro in cui canto siamo soltanto due tenori, o meglio un tenore e un baritono (io). Perciò spesso e volentieri ci ritroviamo a dover cantare parti diverse da soli... combattendo contro 5 o 6 bassi...

Che bello... di solito nella mia formazione giovanile se i bassi erano più di due c'era abbondanza... :irritated_kid:

Vengo a cantare da te :cheerful_kid:

Friuli o non Friuli, la questione è che chi cerca di far bene e si mette in mostra sarà sempre soggetto al giudizio (più o meno a ragion veduta) della gente: so che è difficile ma tu non ci fare troppo caso, altrimenti ti rovini il fegato per niente! (e poi addio ai festini delle trasferte del tuo coro!!)

Il caro vecchio usci... Il friuli e le beghe e gli sguardi in cagnesco coristici sono come il pane ed il salame, gli scaricatori di porto e le bestemmie, Tom & Jerry :to_pick_ones_nose2: è nel Dna nostro

Venerdì scorso, ad esempio, abbiamo accompagnato una messa con un solo tenore che canta da circa due mesi e quindi non aveva quasi idea di cosa dovesse cantare. Cosè io e un basso abbiamo fatto da supporto. Il fatto che leggo a prima vista senza difficoltà (anni e anni di violino saranno pur serviti a qualcosa...)

Leggere a prima vista mi consente di economizzare molto sulle prove adesso che canto nella formazione virile... anzi, molte volte la leggo a prima vista in concerto (sono una specie di saltuario che arriva sempre quando ce n'è bisogno)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Beh... cantare a prima vista ti può aiutare con le note. Anche per me non ci sono problemi da quel punto di vista. Però cantare ad un concerto a prima vista senza conoscere le dinamiche studiate col maestro magari per mesi, beh quello non si può improvvisare ed è per questo che non mi piacciono gli aggiunti dell'ultim'ora... Io come dicevo essendo che ho studiato violino per molti anni, leggo tranquillamente le note a prima vista e anche se potrei saltare le prove di studio del pezzo non lo faccio perchè cantare sola è un conto, insieme agli altri è un'altra cosa.. Si chiama coro perchè è fatto da tante persone e l'insieme è un'altra cosa.....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest Andrew89
Si chiama coro perchè è fatto da tante persone e l'insieme è un'altra cosa.....

Esatto... è proprio questa l'anima che differenzia un coro da un Coro :cheerful_kid:

Trovassi qualcuno che fa l'università ed il conservatorio in mia vece... :worried_anim:

:content_kid:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho passato l'ultima settimana ad un corso per direttori di coro organizzato dall'Arcom (la sezione marchigiana della Feniarco) e sono stata bene.

La mia carriera di direttrice di coro è iniziata lunedì pomeriggio :D e ieri sera ho (molto presuntuosamente :ninja: ) diretto in concerto l'Ave Maria di Stravinsky :o . Mi sono un po' impapocchiata con gli schemi (cambia tempo ogni due o tre battute), ma da come ero partita pensavo di non farcela neanche a dare le note, e invece non solo ho dato la nota, ma sono riuscita a far attaccare tutti insieme e i coristi hanno anche finito tutti insieme :o . Per me è stato veramente un grande successo :D

Non penso che sarò mai una direttrice di coro, però questo corso è stato utilissimo perché mi ha aiutato a prendere consapevolezza della gestualità. La cosa più pazzesca è che anche quando non sapevo a cosa si riferisse esattamente ogni gesto, reagivo come se in realtà lo sapessi... mi spiego meglio: posso non sapere come si fa un crescendo, ma quando vedo il direttore fare il gesto corrispondente io il crescendo lo faccio lo stesso. (Lo so che sembra una cosa stupida ma non ci avevo mai pensato.)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bella l'Ave Maria. Noi l'abbiamo in repertorio da molti anni e da poco abbiamo aggiunto anche il pater noster che forse preferisco!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Lo so che sembra una cosa stupida ma non ci avevo mai pensato

Ciao, non ritengo sia una cosa stupida anzi la gestualità del maestro e di fondamentale importanza nella direzione di un coro perchè gli permette di aggiustare i piccoli particolari dovuti all'acustica della sala per esempio, capita spesso che l'accordo finale giri così bene in sala che il maestro lo tiene forte più del solito.

:rolleyes_anim:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ho passato l'ultima settimana ad un corso per direttori di coro organizzato dall'Arcom (la sezione marchigiana della Feniarco) e sono stata bene.

La mia carriera di direttrice di coro è iniziata lunedì pomeriggio :D e ieri sera ho (molto presuntuosamente :ninja: ) diretto in concerto l'Ave Maria di Stravinsky :o . Mi sono un po' impapocchiata con gli schemi (cambia tempo ogni due o tre battute), ma da come ero partita pensavo di non farcela neanche a dare le note, e invece non solo ho dato la nota, ma sono riuscita a far attaccare tutti insieme e i coristi hanno anche finito tutti insieme :o . Per me è stato veramente un grande successo :D

Non penso che sarò mai una direttrice di coro, però questo corso è stato utilissimo perché mi ha aiutato a prendere consapevolezza della gestualità. La cosa più pazzesca è che anche quando non sapevo a cosa si riferisse esattamente ogni gesto, reagivo come se in realtà lo sapessi... mi spiego meglio: posso non sapere come si fa un crescendo, ma quando vedo il direttore fare il gesto corrispondente io il crescendo lo faccio lo stesso. (Lo so che sembra una cosa stupida ma non ci avevo mai pensato.)

Ci sarai anche ai master dell'INCONTRO INTERNAZIONALE POLIFONICO Città di Fano ??

Se hai intenzione di approfondire la direzione cogli l'ottima opportunità per vedere il bravissimo M.o Graden al lavoro, oltretutto è anche simpatico!

Buon lavoro e raccontaci i tuoi progressi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ci sarai anche ai master dell'INCONTRO INTERNAZIONALE POLIFONICO Città di Fano ??

Se hai intenzione di approfondire la direzione cogli l'ottima opportunità per vedere il bravissimo M.o Graden al lavoro, oltretutto è anche simpatico!

Buon lavoro e raccontaci i tuoi progressi.

l'accademia per direttori di coro è a cadenza biennale. L'ultima c'è stata nel 2007, quindi per quest'anno si salta.

(per infoS --------> clicca qui)

Comunque sia andrò a sentirmi tutti i concerti ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
l'accademia per direttori di coro è a cadenza biennale. L'ultima c'è stata nel 2007, quindi per quest'anno si salta.

(per infoS --------> clicca qui)

Comunque sia andrò a sentirmi tutti i concerti ;)

Pensavo proprio che Graden abbinasse la discesa in Italia ad un master sulla direzione, peccato. In compenso ho visto che con il suo coro eseguirà la messa per doppio coro di Frank Martin, sarà un bel sentire.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest Norbe

Domenica alle 18.30 canterò per la prima volta come basso nel coro del Duomo di Muggia, il villaggio dove abito ^^ aiutoooooo :o

anche se non faccio nulla di eccezziunale sono un po'emozionato

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Frequento l'università di Roma3, dove ho scoperto esserci un coro che coinvolge studenti e altri "addetti" dell'università.

Mi piacerebbe partecipare ma non sono ancora riuscita ad andare a sentire uno dei concerti che tengono.

Qualcuno lo conosce? Sa se è frequentato più da studenti oppure da professori/addetti alla segreteria ecc.?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L'unico coro del mio comune è quello parrocchiale. Non è composto d'altro che da pensionati bigotti :bomb_phone: e frequenti disertori.

CON UN RAPPORTO MEDIO DI 5 DONNE PER UN UOMO. :hmmph:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy