Vai al contenuto
Leoncavallo

Mahler

Recommended Posts

3 ore fa, Wittelsbach dice:

116962271.jpg

In questo periodo ho ascoltato, con qualche distrazione, il Mahler di Sinopoli.
Forse non è tutto sullo stesso livello. L'Ottava mi è rimasta poco impressa, e questo nonostante un cast di cantanti che annovera una celestiale Cheryl Studer. Ho amato, viceversa, Sesta e soprattutto Settima, che mi è piaciuta per la libertà ritmica.

Posseggo il cofanetto in questione tramite "acquisizione" da alcuni anni, ma non l'ho mai ascoltato per intero.

L'Ottava in potenza dovrebbe essere terreno fertile per Sinopoli e infatti a me è sempre piaciuta, ma qui si entra nel campo dei gusti personali.

Per quanto riguarda la Sesta, quella del direttore veneziano è la mia lettura preferita, soprattutto i due movimenti interni.

Altro non so, sinceramente ho problemi ad affrontare la Nona a meno che non sia Walter o Karajan

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma i mahleriani lo sapevano? io no:

La locandina dell'epoca:

Philharmonic-Society-of-New-York-program

Su youtube si trova l'intero programma diretto da Toscanini (!!), per farsi un'idea... :

Spoiler

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, superburp dice:

Che dirigesse molta musica italiana sì, lo sapevo. Se n'è parlato penso proprio in questa discussione.

No mi riferivo al fatto che il suo ultimo concerto (ammesso che sia stato davvero l'ultimo) è stato dedicato interamente al nostro paese. Una piacevole coincidenza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
49 minuti fa, Majaniello dice:

No mi riferivo al fatto che il suo ultimo concerto (ammesso che sia stato davvero l'ultimo) è stato dedicato interamente al nostro paese. Una piacevole coincidenza.

Dal suo punto di vista una bella sfiga, immagino sperasse di farne tanti altri di concerti :lol:.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, superburp dice:

Dal suo punto di vista una bella sfiga, immagino sperasse di farne tanti altri di concerti :lol:.

🤣 ahahha poveraccio... mi è venuta male la battuta :lol: . Che tu sappia online si trovano i programmi dei suoi concerti? 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Majaniello dice:

Che tu sappia online si trovano i programmi dei suoi concerti? 

Quelli di New York ci sono tutti, locandine comprese, nel fantastico archivio del sito della NYP. Ci si può navigare per ore e le informazioni interessanti non finiscono mai:
https://archives.nyphil.org/

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
13 ore fa, giobar dice:

Quelli di New York ci sono tutti, locandine comprese, nel fantastico archivio del sito della NYP. Ci si può navigare per ore e le informazioni interessanti non finiscono mai:
https://archives.nyphil.org/

Grazie giobar! in realtà googlando al volo si trova anche questo (che sicuramente sarà stato già segnalato):

https://gustav-mahler.org/mahler/dirigate2-e.cfm

E questo è ancora più completo e dettagliato:

https://www.gustav-mahler.eu/index.php/perioden

In effetti per le stagioni con la NYP Mahler aveva preparato dei programmi di musica "nazionale", quello italiano debuttò proprio nell'ultimo concerto, i seguenti in programma furono annullati.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
48 minuti fa, Ives dice:

Conosco la Sesta live a Monaco (quindi non con i Bostonians), non sembra che Leinsdorf abbia compreso a pieno le peculiarità della materia sonora mahleriana. Un pò come per Strauss appare ottimo nella trasparenza dell'intrico armonico/timbrico, ma tutta la pulsione ritmica è quantomai lasca e il "banale" mahleriano viene ridotto a caos sonoro e poco altro. Magari la Quinta era più nelle sue corde, chissà. Leinsdorf conosceva bene quel mondo viennese, infatti riesce ottimamente nella Seconda Scuola di Vienna.

Sai, neanche Bruno Walter - a dispetto della sua vicinanza all'autore - aveva compreso tutti gli aspetti della materia sonora mahleriana, però si teneva lontano da partiture per lui troppo complesse (7 e 8 ) oppure eccessivamente drammatiche (la 3 e la 6, che sono anche le sinfonie forse più incasinate). La 9, nonostante l'abbia tenuta a battesimo, mi è sempre parsa risolta semplicisticamente (prendo atto che piace molto), diversamente le altre riuscivano in qualche maniera: la 4 e la 5 erano impostate più classicamente, la 1 e la 2 più romanticamente (semplifico molto), così, tra leggenda e qualche interpretazione riuscita il nostro si è ritagliato la fama di grande mahleriano. Se le avesse dirette tutte avremmo detto che il suo Mahler è un hit and miss, ad esser buoni. Per dire che è anche una questione di scelte buone e scelte cattive.

Non ho capito perchè Leinsdorf, che ha nell'attenzione al dettaglio, nell'equilibrio e nella scrupolosità della concertazione il suo punto di forza, non certo nella personalità travolgente, si sia gettato in sinfonie come la 3 o la 6 che palesemente hanno bisogno di una forte impronta interpretativa che dia un senso a certi vaneggiamenti della scrittura, era chiaro che il risultato sarebbe stato loffio (e infatti lo è). Già la 1 riesce molto meglio, ma l'eccessiva concentrazione del direttore non consente quell'ariosità che si respira in certe altre interpretazioni (Kegel, ma anche Walter). La 5 è un po' un anello di congiunzione tra la classica 4 e la tragica 6, una sinfonia tanto bipolare nei suoi cambi d'umore quanto insolitamente ben proporzionata, studiata, e secondo me è nell'insieme che questa interpretazione vince, sceglie i tempi giusti, il giusto trasporto, la giusta energia, i giusti contrasti e i giusti colori (ascoltare la ripresa della marcia funebre "come una banda", che così non si sente da tutti). Poi ti direi che punto punto Leinsdorf magari non eccelle mai: R. Schwarz fa una marcia funebre più intensa, Solti un secondo movimento più aggressivo, Bernstein uno scherzo più idiomatico, Walter un adagietto più lirico ecc. ma ognuno di loro delude in qualche modo in uno degli altri movimenti, proprio a causa delle loro personalità così fortemente orientate. Questa non sarà "reference" ma nell'insieme mi pare che funzioni da capo a coda (sì, persino nel finale). Io un ascolto lo consiglio:

dalla traccia 6 in poi della playlist.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×