Vai al contenuto
marcoap

Nocturnal Consolations

Recommended Posts

Guest Fede_Rinhos
Una lancia la voglio anche spezzare per il maestro Allevi: posso capire che possa piacere o no ma vi assicuro che ha avvicinato più gente lui alla musica classica che quanto non abbia fatto nessun altro compositore recente (obbietterete che la sua non è musica colta magari, ma il risultato è comunque questo...); ho amici che fuggivano solo al sentir nominare la musica classica e che, dopo aver ascoltato dei brani di Allevi, mi hanno chiesto di consigliargli dei buoni brani di musica classica perchè si sono interessati

beato te che conosci queste persone. A me sembra che più che avvicinare la gente alla classica, abbia avvicinato gente ad Allevi. Manifesti in giro per le città con lui che mo' si mette pure a dirigere, tutti quelli che conosco lo ammirano, talvolta vanno anche ai suoi concerti. E poi? Basta, finita lì. Poi magari il mondo è vario e la gente altrove si interessa alla musica colta ascoltando Allevi, ma io sono riuscito a fare ascoltare ai miei compagni di scuola, allergici alla classica come nessun altro mai, più Sostakovic che Allevi, e dopo Sostakovic gli veniva da chiedermi Prokof'ev, to'.

Ma in fondo è normale, mi sembra. Come fa uno che scrive musica come quella sua, a interessare la gente a un genere che non gli appartiente neanche di striscio? E' un controsenso. Sarebbe dire che io mi appassiono a Eros Ramazzotti e allora mi interesso del genere Funeral Doom Metal :rofl:

guarda, non ci vuole chissà quale genio per dare una definizione a quel prodotto. E nn girare attorno al solito discorsetto del tanto non lo hai ascoltato tutto. Ti rammento che ci sono tre persone che l'hanno definita musica di poche pretese. Tutti e tre d'accordo ? Magari siamo tre cloni :girl_impossible:

sisi, io sono la mamma di giulio, tu jolly e il Pac fa rosin :spiteful:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
un'altra vittima del ricciolino sincopato [(c.) Madiel 2008]

:D :D

"e allora non criticare il classico moderno, perchè vive di messaggi, evoca sentimenti e ha regole ben precise come la tua musica. Vedi, l'equivoco sta tutto qui. Ciò che avrebbe un suo senso come musica leggera si rovina in un altro contesto. Basta sapersi intendere sulle virgole e stare al proprio posto."

se leggessi con attenzione vedresti che non ho mai criticato il classico moderno in senso lato.

Potrei criticare alcune correnti di esso che trovano nell'innovazione sfrenata ogni loro compiacimento: musica scritta da compositori per loro stessi o pochi altri intellettuali (o che si vantano di essere tali il più delle volte) che di fatto vengono eseguite una-due volte e mai più; che alla scomparsa del compositore vengono messe nel cassetto; che attirano massimo 10-15 persone ai loro concerti. Ma dimmi un pò una cosa: in media quanti spettatori fanno concerti di questo tipo? quanta gente riesce a coinvolgere? ti renderai conto che con l'impoverimento culturale generale che c'è in Italia probabilmente molte correnti di quello che viene definito classico moderno andranno scomparendo o sopravviveranno solo nei conservatori forse.

Ripeto a scanso di equivoci: NON critico il classico moderno in senso lato ma solo una parte di esso: non si possono dare quattro testate al pianoforte e giustificare quello che ne esce fuori come classico moderno.

"guarda, non ci vuole chissà quale genio per dare una definizione a quel prodotto. E nn girare attorno al solito discorsetto del tanto non lo hai ascoltato tutto. Ti rammento che ci sono tre persone che l'hanno definita musica di poche pretese. Tutti e tre d'accordo ? Magari siamo tre cloni"

se leggessi con attenzione anche un "tuo clone" ha detto che hai esagerato e la condivisione con te probabilmente è parziale. Inoltre 3 persone a livello statistico non sono poi molto attendibili. Ti rammento anche che c'è chi l'ha trovata bella o interessante per cui il tuo parere conta come quello di tutti gli altri mentre invece da come ti sei posto nel primo post in particolar modo sembravi la verità indiscussa scesa sulla terra:

un pò di modestia e umiltà ci vuole sempre anche quando si critica un qualcosa anche perchè è molto facile criticare ma poi bisogna vedere anche quello che uno sa fare o si propone di fare nell'atto pratico. Ad esempio (senza ironia o malizia di sorta) sarei curioso di sapere se hai scritto qualcosa e se si di ascoltarla.

"E nn girare attorno al solito discorsetto del tanto non lo hai ascoltato tutto."

Ripeto: fortunato te che riesci a capire tutto il discorso musicale e la sua evoluzione basandoti su pochi secondi di ascolto.

"affatto, qua non ti ha insultato nessuno e ti sei beccato le critiche sulla qualità (modesta) della musica. Non è stato scritto alcun insulto specifico sulle persone..."

Allora ti rinfresco la memoria:

- Solo che, forse, questo signore ha avuto seria intenzione di scrivere capolavori (faccetta che ride)

- Su, non montarti la testa e impegnati meglio la prossima volta

- tutti hanno il diritto di lavorare e mangiare (sarcastico)

A parte il fatto che non sono tuo fratello quindi un minimo di rispetto ci vuole, ma poi ammetterai anche tu che affermazioni di questo tipo vanno al di là del discorso musicale. A dire il vero non mi dispiace della tua opinione che può essere condivisibile o meno ma piuttosto da come la poni: molto arrogantemente e con molta strafottenza.

E lo testimonia che anche il tuo "clone" (come lo chiami tu ma che secondo me è ben più aperto e oculato di te) ha detto che stavi esagerando.

"un'altra vittima del ricciolino sincopato"

questa affermazione fa capire di come vivi la cosa. Sappi che io non sto "gareggiando" con te, che non cerco il tuo consenso e che non voglio rifilarti la mia musica. Avevo solo il piacere di farla conoscere in giro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
"e allora non criticare il classico moderno, perchè vive di messaggi, evoca sentimenti e ha regole ben precise come la tua musica. Vedi, l'equivoco sta tutto qui. Ciò che avrebbe un suo senso come musica leggera si rovina in un altro contesto. Basta sapersi intendere sulle virgole e stare al proprio posto."

se leggessi con attenzione vedresti che non ho mai criticato il classico moderno in senso lato.

Potrei criticare alcune correnti di esso che trovano nell'innovazione sfrenata ogni loro compiacimento: musica scritta da compositori per loro stessi o pochi altri intellettuali (o che si vantano di essere tali il più delle volte) che di fatto vengono eseguite una-due volte e mai più; che alla scomparsa del compositore vengono messe nel cassetto; che attirano massimo 10-15 persone ai loro concerti. Ma dimmi un pò una cosa: in media quanti spettatori fanno concerti di questo tipo? quanta gente riesce a coinvolgere? ti renderai conto che con l'impoverimento culturale generale che c'è in Italia probabilmente molte correnti di quello che viene definito classico moderno andranno scomparendo o sopravviveranno solo nei conservatori forse.

Ripeto a scanso di equivoci: NON critico il classico moderno in senso lato ma solo una parte di esso: non si possono dare quattro testate al pianoforte e giustificare quello che ne esce fuori come classico moderno.

"guarda, non ci vuole chissà quale genio per dare una definizione a quel prodotto. E nn girare attorno al solito discorsetto del tanto non lo hai ascoltato tutto. Ti rammento che ci sono tre persone che l'hanno definita musica di poche pretese. Tutti e tre d'accordo ? Magari siamo tre cloni"

se leggessi con attenzione anche un "tuo clone" ha detto che hai esagerato e la condivisione con te probabilmente è parziale. Inoltre 3 persone a livello statistico non sono poi molto attendibili. Ti rammento anche che c'è chi l'ha trovata bella o interessante per cui il tuo parere conta come quello di tutti gli altri mentre invece da come ti sei posto nel primo post in particolar modo sembravi la verità indiscussa scesa sulla terra:

un pò di modestia e umiltà ci vuole sempre anche quando si critica un qualcosa anche perchè è molto facile criticare ma poi bisogna vedere anche quello che uno sa fare o si propone di fare nell'atto pratico. Ad esempio (senza ironia o malizia di sorta) sarei curioso di sapere se hai scritto qualcosa e se si di ascoltarla.

"E nn girare attorno al solito discorsetto del tanto non lo hai ascoltato tutto."

Ripeto: fortunato te che riesci a capire tutto il discorso musicale e la sua evoluzione basandoti su pochi secondi di ascolto.

"affatto, qua non ti ha insultato nessuno e ti sei beccato le critiche sulla qualità (modesta) della musica. Non è stato scritto alcun insulto specifico sulle persone..."

Allora ti rinfresco la memoria:

- Solo che, forse, questo signore ha avuto seria intenzione di scrivere capolavori (faccetta che ride)

- Su, non montarti la testa e impegnati meglio la prossima volta

- tutti hanno il diritto di lavorare e mangiare (sarcastico)

A parte il fatto che non sono tuo fratello quindi un minimo di rispetto ci vuole, ma poi ammetterai anche tu che affermazioni di questo tipo vanno al di là del discorso musicale. A dire il vero non mi dispiace della tua opinione che può essere condivisibile o meno ma piuttosto da come la poni: molto arrogantemente e con molta strafottenza.

E lo testimonia che anche il tuo "clone" (come lo chiami tu ma che secondo me è ben più aperto e oculato di te) ha detto che stavi esagerando.

"un'altra vittima del ricciolino sincopato"

questa affermazione fa capire di come vivi la cosa. Sappi che io non sto "gareggiando" con te, che non cerco il tuo consenso e che non voglio rifilarti la mia musica. Avevo solo il piacere di farla conoscere in giro.

l'auto promozione te la sei fatta abbastanza, non si capisce altrimenti che senso abbia la presente discussione. Ci manca solo che si trasformi in un topic-fiume come quello su Allevi. Tanto sai già tutto e sei convinto del tuo prodotto artistico a priori. Visto che non si parla di musica classica sposto in altra sezione del forum.

Chiudo, chi vuole ascoltarsi il cd se lo compri, l'indirizzo è nel link :hi:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Questa discussione è chiusa.

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy