Vai al contenuto
piko

Xilofono e marimba

Recommended Posts

Vorrei chiedere a voi percussionisti una cosa forse un po' stupida: qual è la differenza tra xilofono e marimba? E cos'è una xilorimba (o xilomarimba)?

So che esiste una differenza di gamma (lo xilofono è più acuto) e di timbro (lo xilofono suona più "secco"), ma mi chiedevo quale fosse la differenza da un punto di vista costruttivo.

Ho letto che le piastre della marimba e quelle dello xilofono sono "accordate" diversamente (nel senso che sono costruite in modo da mettere in evidenza armoniche diverse), che hanno un aspetto anche fisicamente differente (quello dello xilofono dovrebbero essere più strette e più spesse a parità di nota - è vero?) e che i risuonatori posti sotto le piastre sono essenziali per la marimba mentre nello xilofono a volte mancano e comunque sono molto più piccoli.

Su internet altro non sono riuscito a trovare (a parte delle questioni piuttosto oscure sul fatto che l'accordatura delle piastre degli xilofoni prodotti in America e in Europa sarebbe differente - sarà vero?).

Sulla xilorimba invece ancora peggio: il Grove dice che è uno xilofono di 5 ottave (nel senso che si sovrappone parecchio al range di altezze della marimba ma ha il timbro dello xilofono), altrove invece ho letto che sarebbe una specie di "ibrido" tra xilofono e marimba non solo dal punto di vista del range delle altezze ma anche della costruzione e del timbro. Voi l'avete mai vista o sentita?

Al momento l'unica cosa abbastanza certa che ho appurato sono le gamme in suoni reali (C4 = Do3 = Do centrale):

Marimba (da 5 ottave): C2 - C7 (= Do1 - Do6)

Xilofono (da 4 ottave): C4 - C8 (= Do3 - Do7)

Xilorimba (da 5 ottave): C3 -C8 (= Do2 - Do7)

Questa fantomatica xilorimba l'ho sentita (e vista) più volte nel Marteau sans maitre di Boulez, ma non conoscendo granché gli strumenti a percussione posso dire che a me sembrava che suonasse come uno xilofono (anche se un po' meno "secco") e non come una marimba. Però potrebbe dipendere anche dalle bacchette dure, oppure dal fatto che la marimba riesco a distinguerla bene dallo xilofono soprattutto nel registro più grave.

Qualcuno mi può aiutare?

Grazie a tutti.

PS E' solo una curiosità, non sono né compositore né musicista, solo appassionato di musica barocca e contemporanea e studente di flauto a vita.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi sembra un'ottima domanda, decisamente ben posta. Quindi cerchiamo di fare chiarezza.

1) Differenza di registro. Lo xilofono ha normalmente un'estensione di 3 ottave e mezza (F4-C8), mentre la marimba esiste principalmente in 3 versioni: 4 ottave e 1/3 (A2-C7), 4 ottave e mezza (F2-C7) oppure 5 ottave (C2-C7). A questo si aggiunga che lo xilofono è uno strumento traspositore: i suoni reali sono un'ottava sopra quelli scritti.

2) Differenza di timbro. Il timbro dello xilofono, è secco, brillante, penetrante, molto asciutto e breve. Il suono della marimba è invece morbido, caldo, avvolgente, con un sustain decisamente più lungo. Naturalmente questo è vero in generale, ma poi dipende moltissimo dal tipo di bacchette che si usano (bacchette più dure=suono più secco, e viceversa) nonchè dal registro (il registro basso della marimba è molto morbido, mentre il registro acuto è più prossimo ad uno xilofono).

3) Le barre. Quelle dello xilofono sono più strette e più spesse, mentre quelle della marimba sono più larghe e sottili. Questo influenzail timbro di cui al punto 2.

4) I risonatori. Stretti e corti nello xilofono (comunque ci sono sempre), larghi e lunghi nella marimba. Per due motivi: il registro (suoni più bassi=risonatori più grandi) e timbro (punto 2).

5) Xilorimba, xilomarimba, marimba-basso ecc. sono tuttu strumenti ibridi a cavallo tra xilofono e marimba per timbro ed estensione. Ogni ditta produce le sue, ma a mio parere sono tutte piuttosto inutili: un buon xilofono ed una buona marimba coprono meglio di qualunque altra cosa tutte le partiture in cui sono richieste queste cose (anche perchè spessissimo chi compone non ha le idee molto chiare sulle percussioni...).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
5) Xilorimba, xilomarimba, marimba-basso ecc. sono tuttu strumenti ibridi a cavallo tra xilofono e marimba per timbro ed estensione. Ogni ditta produce le sue, ma a mio parere sono tutte piuttosto inutili: un buon xilofono ed una buona marimba coprono meglio di qualunque altra cosa tutte le partiture in cui sono richieste queste cose (anche perchè spessissimo chi compone non ha le idee molto chiare sulle percussioni...).

Sottoscrivo. L'unico compositore che secondo me è l'unico che ha saputo utilizzare meglio questi ibridi è stato Orff (Xilofono basso, Glockenspiel Soprano, Barre contrabbasso etc..), ma rimangono comunque strumenti inutili. Per quanto riguarda le differenze tra xilofono/marimba c'è anche da aggiungere la differenza di ruolo (anche se mi sembra cosa abbastanza ovvia) lo xilofono date le sue caratteristiche (suono brillante, secco etc..) è più adatto per far parte dell'orchestra, ed è per questo che le sue parti solistiche si contano sulle dita di una mano (ancora di meno sono i suoi concerti); la marimba invece sempre date le sue particolarità è più adatta per essere uno strumento solista (ha anche a disposizione qualche ottava in più) e il suo ruolo nell'orchestra potrebbe essere paragonato a quello del pianoforte (anche se in realtà la marimba è stata introdotta nella musica colta molto più tardi, nel novecento). Mi raccomando continua ad approfondire le tue conoscenze, scoprirai che quella delle percussioni è una famiglia di strumenti mooolto interessante! ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
5) Xilorimba, xilomarimba, marimba-basso ecc. sono tuttu strumenti ibridi a cavallo tra xilofono e marimba per timbro ed estensione. Ogni ditta produce le sue, ma a mio parere sono tutte piuttosto inutili: un buon xilofono ed una buona marimba coprono meglio di qualunque altra cosa tutte le partiture in cui sono richieste queste cose (anche perchè spessissimo chi compone non ha le idee molto chiare sulle percussioni...).

Sottoscrivo. L'unico compositore che secondo me è l'unico che ha saputo utilizzare meglio questi ibridi è stato Orff (Xilofono basso, Glockenspiel Soprano, Barre contrabbasso etc..), ma rimangono comunque strumenti inutili. Per quanto riguarda le differenze tra xilofono/marimba c'è anche da aggiungere la differenza di ruolo (anche se mi sembra cosa abbastanza ovvia) lo xilofono date le sue caratteristiche (suono brillante, secco etc..) è più adatto per far parte dell'orchestra, ed è per questo che le sue parti solistiche si contano sulle dita di una mano (ancora di meno sono i suoi concerti); la marimba invece sempre date le sue particolarità è più adatta per essere uno strumento solista (ha anche a disposizione qualche ottava in più) e il suo ruolo nell'orchestra potrebbe essere paragonato a quello del pianoforte (anche se in realtà la marimba è stata introdotta nella musica colta molto più tardi, nel novecento). Mi raccomando continua ad approfondire le tue conoscenze, scoprirai che quella delle percussioni è una famiglia di strumenti mooolto interessante! ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie mille a tutti e due, siete stati molto chiari.

Quindi, anche sulla base della descrizione dei tasti e dei risuonatori che ha dato Occhio, deduco che nel Marteau di Boulez ho visto (e sentito) suonare uno xilofono, che però è stato costruito con un'estensione "anomala" di 5 ottave (tra l'altro era decisamente enorme e immagino scomodo da spostare).

Ancora grazie

Piko

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Sottoscrivo. L'unico compositore che secondo me è l'unico che ha saputo utilizzare meglio questi ibridi è stato Orff (Xilofono basso, Glockenspiel Soprano, Barre contrabbasso etc..), ma rimangono comunque strumenti inutili.

Giustissimo.

la marimba invece sempre date le sue particolarità è più adatta per essere uno strumento solista (ha anche a disposizione qualche ottava in più) e il suo ruolo nell'orchestra potrebbe essere paragonato a quello del pianoforte

La marimba ha una vocazione ESSENZIALMENTE solistica, proprio in virtù del timbro, nonchè della peculiare tecnica. L'accostamento, come ruolo orchestrale, al pianoforte, mi sembra un po' esagerato. Mi spiego meglio: se parliamo di solista+orchestra, allora sì, ma se parliamo dell'integrazione della marimba in orchestra, allora no: il pianoforte emerge comunque molto di più, e gli possono essere assegnate parti di rilevanza armonica; al contrario lamarimba, in oarchestra, resta comunque uno strumento di colore (come tutte le percussioni, del resto).

anche se in realtà la marimba è stata introdotta nella musica colta molto più tardi, nel novecento

Una piccola specifica: la marimba come la conosciamo oggi è stata INVENTATA nella seconda metà del '900, quindi...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
La marimba ha una vocazione ESSENZIALMENTE solistica, proprio in virtù del timbro, nonchè della peculiare tecnica. L'accostamento, come ruolo orchestrale, al pianoforte, mi sembra un po' esagerato. Mi spiego meglio: se parliamo di solista+orchestra, allora sì, ma se parliamo dell'integrazione della marimba in orchestra, allora no: il pianoforte emerge comunque molto di più, e gli possono essere assegnate parti di rilevanza armonica; al contrario lamarimba, in oarchestra, resta comunque uno strumento di colore (come tutte le percussioni, del resto).

No, parlavo proprio dell'accostamento solista+orchestra.

Una piccola specifica: la marimba come la conosciamo oggi è stata INVENTATA nella seconda metà del '900, quindi...

Infatti. Prima era uno strumento popolare ( se non mi sbaglio africano :scratch_one-s_head: ) ed aveva comunque caratteristiche molto diverse, che incideva pesantemente anche sul timbro.

Grazie mille a tutti e due, siete stati molto chiari.

Quindi, anche sulla base della descrizione dei tasti e dei risuonatori che ha dato Occhio, deduco che nel Marteau di Boulez ho visto (e sentito) suonare uno xilofono, che però è stato costruito con un'estensione "anomala" di 5 ottave (tra l'altro era decisamente enorme e immagino scomodo da spostare).

Ancora grazie

Piko

Ma figurati, è stato un piacere. ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×