Vai al contenuto

Musica classica italiana del XX e XXI secolo


Madiel
 Condividi

Recommended Posts

On 26/7/2020 at 18:51, Majaniello dice:

 

Per il compleanno mi hanno regalato un proiettore, sicchè nelle vesti di un novello Guidobaldo Maria Riccardelli ho organizzato una serata-incubo in cui ho dato Todo Modo (una scelta sadicamente majaniellica). Nel film il maestro ci ridà dentro con l'organazzo, anche se a me questo cromatismo claustrofobico e senza via d'uscita ha ricordato più Reger che Messiaen (pare che Petri avesse il compositore francese in mente).

 

Non conosco il film, interessante, infatti sembra più un simil Reger. Io recentemente ho rivisto questo:

Anche qui musiche "folli" di Morricone, in gran parte notevoli e molto sperimentali.

Link al commento
Condividi su altri siti

  • Risposte 1,6k
  • Creato
  • Ultima Risposta

Top utenti di questa discussione

Top utenti di questa discussione

L'immagine può contenere: 1 persona, persona seduta e spazio al chiuso

Volevo segnalarvi questa curiosa fotografia scattata durante l'ultima guerra mondiale: Alfredo Casella e la principessa Maria Josè del Belgio suonano un pezzo per pianoforte a quattro mani per i soldati feriti, in un ospedale di Roma.

Link al commento
Condividi su altri siti

Lachenmann parla di Morricone in un'intervista di qualche anno fa:

YOU TRY AND AVOID THE CATEGORIES OF SERIOUS VERSUS ENTERTAINMENT MUSIC. INSTEAD, YOU TALK ABOUT MAGIC AND ART. BUT WHERE WOULD YOU PUT MORRICONE’S MUSIC ON THE SPECTRUM, IF YOU HAD TO?

Well, to be able to answer that quickly, I’ll turn to an observation I once made to [the late German music theorist] Heinz-Klaus Metzger. He was having a fit about the dishonest way Schlager music promises happiness. And I told him: “Entertainment lies, but it lies honestly. The so-called ‘serious’ composers, like us, keep trying to deceive ourselves.” That’s much worse. But Morricone’s deceit is brilliant. His work is haunted by so much expertise in the tradition, which then gets kind of heated up from the inside. And all of that is a part of the arrangements he makes, which, to me, are as interesting for their technical mastery as they are for the power of their melodic invention.

SO YOU’RE AN ADVOCATE FOR MELODY?

Why not? When I used to take my kids on vacation, it’s not like we were singing atonal songs in the car. But there’s something else about it that I don’t find anywhere else: Morricone’s music takes its sweet time. And each one of his film scores is different, which is radically different from most film composers, who are like music delivery boys. I got to know his music in 1961. “Once Upon a Time in the West” had just come out here. And I thought: who is that composer? He must have such a mastery of practical music theory. Now I know that he was a student of Goffredo Petrassi’s. And that he came to Darmstadt, in 1958.

AND IS IT ART?

Not as emphatically as, say, Ligeti’s “Apparitions,” or the movement “Träumerei” from Schumann’s “Kinderszenen.” But it’s art in the sense that it’s a combination of absolute mastery of craft, coupled with a deep originality. Morricone didn’t invent a new musical language. He’s also not a Structuralist or anything. But within the bounds of the old categories—melody, harmony, and rhythm—he found a way to charge them with an energy that I haven’t come across in any other music. For me, he’s a successor to Dimitri Tiomkin, Nino Rota, and Bernard Herrmann. He managed to discover new things in places where I thought everything had already been done to death—and for a long time already. There’s that famous basso ostinato in Pachelbel, and Morricone references it at the organ entrance in “Sacco and Vanzetti”…

Link al commento
Condividi su altri siti

3 ore fa, Majaniello dice:

Lachenmann parla di Morricone in un'intervista di qualche anno fa:

YOU TRY AND AVOID THE CATEGORIES OF SERIOUS VERSUS ENTERTAINMENT MUSIC. INSTEAD, YOU TALK ABOUT MAGIC AND ART. BUT WHERE WOULD YOU PUT MORRICONE’S MUSIC ON THE SPECTRUM, IF YOU HAD TO?

Well, to be able to answer that quickly, I’ll turn to an observation I once made to [the late German music theorist] Heinz-Klaus Metzger. He was having a fit about the dishonest way Schlager music promises happiness. And I told him: “Entertainment lies, but it lies honestly. The so-called ‘serious’ composers, like us, keep trying to deceive ourselves.” That’s much worse. But Morricone’s deceit is brilliant. His work is haunted by so much expertise in the tradition, which then gets kind of heated up from the inside. And all of that is a part of the arrangements he makes, which, to me, are as interesting for their technical mastery as they are for the power of their melodic invention.

SO YOU’RE AN ADVOCATE FOR MELODY?

Why not? When I used to take my kids on vacation, it’s not like we were singing atonal songs in the car. But there’s something else about it that I don’t find anywhere else: Morricone’s music takes its sweet time. And each one of his film scores is different, which is radically different from most film composers, who are like music delivery boys. I got to know his music in 1961. “Once Upon a Time in the West” had just come out here. And I thought: who is that composer? He must have such a mastery of practical music theory. Now I know that he was a student of Goffredo Petrassi’s. And that he came to Darmstadt, in 1958.

AND IS IT ART?

Not as emphatically as, say, Ligeti’s “Apparitions,” or the movement “Träumerei” from Schumann’s “Kinderszenen.” But it’s art in the sense that it’s a combination of absolute mastery of craft, coupled with a deep originality. Morricone didn’t invent a new musical language. He’s also not a Structuralist or anything. But within the bounds of the old categories—melody, harmony, and rhythm—he found a way to charge them with an energy that I haven’t come across in any other music. For me, he’s a successor to Dimitri Tiomkin, Nino Rota, and Bernard Herrmann. He managed to discover new things in places where I thought everything had already been done to death—and for a long time already. There’s that famous basso ostinato in Pachelbel, and Morricone references it at the organ entrance in “Sacco and Vanzetti”…

Fa tenerezza Lachemann, per il modo in cui cerca di dire che scrive musica del tutto inutile rispetto a quella di Morricone! :cat_lol:

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 3 weeks later...
  • 2 months later...

Buongiorno, segnalo che su Lezioni di Musica di Radio 3 Rai, è in corso un ciclo di otto puntate sulla Musica italiana del XX secolo, a cura di Alessandro Solbiati. Finora si è parlato di Giorgio Federico Ghedini e Bruno Maderna, le prossime quattro puntate saranno dedicate a Alfredo Casella e Francesco Pennisi.

https://www.raiplayradio.it/programmi/lezionidimusica/archivio/puntate/2020--ea6a97b0-8008-49ae-88eb-728f357196c1/1

 

 

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 5 weeks later...
On 30/11/2020 at 13:10, Yeats dice:

 

Dopo una diecina di minuti di encomiabile limpida lezione ho cominciato a sentirmi fisicamente male a vedere quel delizioso pianoforte muto inutilizzato... così ho cliccato sul primo video sotto proposto insieme da YouTube:

una asserita incisione di Ferruccio Busoni in persona su rullo... (il Welte Mignon No. 1321 del 16 marzo 1907: Réminiscences de Norma, di F. Liszt) o_O

Beh... qualsiasi dico qualsiasi sia il modo con cui è stata riversata, eventualmente riveduta poco importa, un qualcosa di splendido mirabile assolutamente eccezionale 🙂

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 10 months later...

Il mese prossimo uscirà per la Brilliant un box di 3 dischi con tutte le liriche per soprano e pianoforte di Gian Francesco Malipiero. Non è un repertorio che suscita in me un particolare interesse, ma credo copra un bel buco nella discografia di Malipiero.

https://www.brilliantclassics.com/articles/m/malipiero-complete-songs-for-soprano-and-piano/

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 1 month later...
  • 2 months later...
1 ora fa, il viandante del sud dice:

Mese prossimo mamma Naxos fa uscire un po' di musica italiana:

      MALIPIERO, G.F.: Cello Concerto / GHEDINI, G.F.: L'Olmeneta (Shugaev, D. Prokofiev, Rostov Academic Symphony, Uryupin)

Questo me lo compro subito! 😍 Contiene anche un pezzo di Casella che mi manca in discoteca: Notturno e Tarantella op.54 (1934)

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 3 weeks later...
  • 1 month later...
4 minuti fa, il viandante del sud dice:

In uscita mese prossimo:

Ghedini: Musica da Concerto, Musica Concertante, Hindemith: Fünf Stücke Op.44 No.4      MALIPIERO, G.P.: Violin Concertos Nos. 1 and 2 / Per una favola cavalleresca (Chiavacci, Orchestra Sinfonica di Roma, La Vecchia)  (attenzione agli interpreti di questo cd)

8007194200577.jpg

Tutto molto bello! Il cd di Malipiero è il ritorno di La Vecchia con la sinfonica di Roma dopo vari anni di oblio, bisticci e chissà cos'altro! Il pezzo di Malipiero "Per una favola cavalleresca" dovrebbe essere una prima incisione.

Link al commento
Condividi su altri siti

19 minuti fa, Madiel dice:

Tutto molto bello! Il cd di Malipiero è il ritorno di La Vecchia con la sinfonica di Roma dopo vari anni di oblio, bisticci e chissà cos'altro! Il pezzo di Malipiero "Per una favola cavalleresca" dovrebbe essere una prima incisione.

Immaginavo fosse di gradimento :)

Il ritorno di La Vecchia mi ha stupito, non me l'aspettavo proprio... Tanto meglio, si potrà sperare in una ripresa della serie italiana della Naxos!

Link al commento
Condividi su altri siti

14 minuti fa, il viandante del sud dice:

Immaginavo fosse di gradimento :)

Il ritorno di La Vecchia mi ha stupito, non me l'aspettavo proprio... Tanto meglio, si potrà sperare in una ripresa della serie italiana della Naxos!

Anche io sono rimasto meravigliato, sembrava che la sua carriera romana e discografica fosse "finita". Ricordando un vecchio post del forum, direi che stia riprendendo la serie italiana lasciata in sospeso, per cui tra non molto potremmo vedere la progettata integrale dei concerti per orchestra di Petrassi e molte altre sorprese.

Link al commento
Condividi su altri siti

3 ore fa, superburp dice:

Grande notizia!

Non c'è nessuna buona notizia. Basta guardare il retro di copertina nel sito Naxos (non posso linkarlo ora perché sono in giro col telefono) per apprendere che la registrazione risale esattamente a dieci anni fa per i primi due pezzi e al giugno 2013 per il terzo. La Vecchia è ancora disperso e non lascia tracce di sé e l'orchestra sinfonica di Roma non si è ricostituita. Del resto, una notizia del genere avrebbe avuto molto clamore, mentre sospetto che, purtroppo, molti degli ex orchestrali continuino a sbarcare il lunario con supplenze alla scuola media e ripetizioni di solfeggio. Il disco è, semplicemente, una registrazione pubblicata tardivamente, forse perché solo ora Naxos è riuscita a sbrogliare la grana dei diritti, dopo la sparizione di La Vecchia e lo scioglimento dell'orchestra

Link al commento
Condividi su altri siti

E' in uscita anche questo.

5028421965062.jpg

5028421965062.jpg

Viozzi è uno dei tanti compositori italiani del 900 che venivano promossi ai bei tempi delle quattro orchestre RAI e che in seguito sono caduti nel dimenticatoio. Peccato che venga ripescato per un repertorio del tutto marginale. 

Link al commento
Condividi su altri siti

11 ore fa, giobar dice:

Non c'è nessuna buona notizia. Basta guardare il retro di copertina nel sito Naxos (non posso linkarlo ora perché sono in giro col telefono) per apprendere che la registrazione risale esattamente a dieci anni fa per i primi due pezzi e al giugno 2013 per il terzo. La Vecchia è ancora disperso e non lascia tracce di sé e l'orchestra sinfonica di Roma non si è ricostituita. Del resto, una notizia del genere avrebbe avuto molto clamore, mentre sospetto che, purtroppo, molti degli ex orchestrali continuino a sbarcare il lunario con supplenze alla scuola media e ripetizioni di solfeggio. Il disco è, semplicemente, una registrazione pubblicata tardivamente, forse perché solo ora Naxos è riuscita a sbrogliare la grana dei diritti, dopo la sparizione di La Vecchia e lo scioglimento dell'orchestra

E va bene lo stesso, è comunque una buona ragione per salutare (e godere) una nuova registrazione della fu Orchestra Sinfonica di Roma, e chissà mai che non ce ne siano altre in attesa di "sblocco".

Ad ogni modo a quell'orchestra e al Maestro La Vecchia la mia riconoscenza per aver intrapreso questa più che encomiabile impresa, per aver dato lustro ai compositori nostrani ancora negletti a tante orecchie.

Link al commento
Condividi su altri siti

16 ore fa, il viandante del sud dice:

E va bene lo stesso, è comunque una buona ragione per salutare (e godere) una nuova registrazione della fu Orchestra Sinfonica di Roma, e chissà mai che non ce ne siano altre in attesa di "sblocco".

Certo, visto che saltano fuori registrazioni anche a distanza di dieci anni dalla loro realizzazione, si può sperare che ci sia ancora qualcosa non pubblicato, magari per problemi nello sblocco dei diritti. Se qualche forumista avesse contatti con ex orchestrali, solisti o tecnici che furono coinvolti nelle registrazioni effettuate poco prima del tracollo, forse se ne potrebbe sapere di più. 

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 1 month later...

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Condividi

  • Chi sta navigando   0 utenti

    • Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy