Vai al contenuto

l'ultimo cd acquistato (musica jaZz)


Recommended Posts

  • 2 months later...
  • Risposte 82
  • Created
  • Ultima Risposta

Top Posters In This Topic

Ho comprato i seguenti cd:

steve lacy soprano sax
Jimmy Rushing lullaby
Miles Davis Tutu
Due di Dave Brubeck (Dave Digs Disney e Jazz Goes e jazz goes to junior college)
Lou Basch detto Joe "Finger" Carr 
Buddy defranco borinquin
Massimo Faraò Trio live at blue bird
Enrico Rava Animals (firmato da Rava e Furio Di Castri)

Se riesco entro la prossima settimana voglio prendermi un cd che ho trovato a poco di John Coltrane Live at village avanguard, qualcosa del mio mito Ornette Coleman, qualche cd di Yusef Lateef e di Ahmad Jamal e sempre di Roland Kirk e di Sun Ra. 
 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 8 months later...
  • 1 month later...

hqdefault.jpg

 

Scopro ora che ha ricevuto il premio della rivista specializzata Musica Jazz come Miglior album 2008.

L'ho trovato in offerta in un negozio della mia zona a 5 Euro e così mi è parso un delitto lasciarselo scappare. ;)

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, jazzofilo dice:

hqdefault.jpg

 

Scopro ora che ha ricevuto il premio della rivista specializzata Musica Jazz come Miglior album 2008.

L'ho trovato in offerta in un negozio della mia zona a 5 Euro e così mi è parso un delitto lasciarselo scappare. ;)

Li ho sentiti dal vivo proprio con questo progetto dedicato a Mingus. Sicuramente sono bravi, hanno una strumentazione particolare e scarna in riferimento alla musica di Charles (e vedo che per il disco si sono avvalsi infatti di ospiti, che in concerto non c'erano) ma il risultato è stato efficace.
Non vorrei che con una formazione più allargata abbiano ceduto alla tentazione di riproporre i pezzi in maniera troppo imitativa dell'originale... quel concerto mi piacque proprio perché era impossibile, con sax-piano-violoncello-contrabbasso, riproporre gli impasti magniloquenti delle composizioni di Mingus e si fece ricorso al minimo indispensabile... con esiti formidabili.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, Nitriero Cavalleone dice:

Li ho sentiti dal vivo proprio con questo progetto dedicato a Mingus. Sicuramente sono bravi, hanno una strumentazione particolare e scarna in riferimento alla musica di Charles (e vedo che per il disco si sono avvalsi infatti di ospiti, che in concerto non c'erano) ma il risultato è stato efficace.
Non vorrei che con una formazione più allargata abbiano ceduto alla tentazione di riproporre i pezzi in maniera troppo imitativa dell'originale... quel concerto mi piacque proprio perché era impossibile, con sax-piano-violoncello-contrabbasso, riproporre gli impasti magniloquenti delle composizioni di Mingus e si fece ricorso al minimo indispensabile... con esiti formidabili.

Non l'ho ancora sentito; quindi, mi astengo dall'esprimere qualsivoglia giudizio. Quando ho visto il disco, un motivo che mi ha spinto al suo acquisto è attribuibile alla presenza di ospiti di solida reputazione e spesso capaci di trasporre nei brani eseguiti una fertile ispirazione andando oltre il "compito" del turnista, penso soprattutto a Salis.

Del resto, osservando il percorso stilistico dei Quintorigo, è palese l'ambizione di scrollarsi almeno parzialmente il retroterra pop quantunque nobilitato dal profilo autoriale per approdare ad opere di maggiore complessità per quanto proposte con una strumentazione prevalentemente acustica ed appunto scarna come notavi tu.

Ho anche appreso che la cantante Laura Cottifogli, presente in questo album e pochi mesi dopo dimissionaria, fu felicemente sostituita nei concerti seguiti all'uscita dell'album nientemeno che da Maria Pia De Vito.

Ti saprò dire se ho speso bene i pochi euro sborsati. ;)

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 20/2/2017 at 20:17, Nitriero Cavalleone dice:

Sicuramente sono spesi bene. ;)

Sì. Li ho spesi bene. confesso che ero un poco prevenuto nei riguardi dei Quintorigo. Non li ho mai approfonditi e, a questo punto, me ne dolgo.

La freschezza degli arrangiamenti proposti si giova dell'apporto degli ospiti. In particolare, la torrenzialità di Salis così contrastante con l'asciuttezza della sezione ritmica costituisce un punto di forza. Degni di menzione i due principali solisti della formazione: Andrea Costa al violino e Valentino Bianchi al sassofono tenore, con una lieve preferenza per il primo, - ma si sa, i sassofonisti proliferano, mentre i violinisti (jazz) scarseggiano  -  Entrambi impreziosiscono i classici mingusiani, tra cui spiccano Pithecantropus Erectus e Fables of Faubus.

Nutro un piccolo rimpianto per non averli mai sentiti in concerto e, forse, ci sarebbe stata a pennello una loro interpretazione di Duke Ellington's Sound of Love, magari con il contributo misurato di Mirabassi al clarinetto.

Non ci sono cadute di tono, effettismi che la magniloquenza di Mingus avrebbe potuto suggerire ad una lettura superficiale.

Infine, dispiace che la vocalist Cottifogli abbia lasciato il gruppo, anche se penso che ne abbia guadagnato il teatro da ciò che ho letto di lei sul web. :)

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, jazzofilo dice:

Infine, dispiace che la vocalist Cottifogli abbia lasciato il gruppo, anche se penso che ne abbia guadagnato il teatro da ciò che ho letto di lei sul web. :)

Io li ho sentiti senza vocalist (a causa di un'indisposizione), fu un concerto tutto strumentale. Li ho trovati sicuramente diversi rispetto agli esordi, quando alla voce c'era John De Leo, che è comunque bravissimo anche se da solista si è forse un po' perso.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 3 months later...
  • 1 month later...
On 16/7/2017 at 19:35, jazzofilo dice:

Kamasi_Washington_The_Epic.jpg  51c5TFEtsDL._SX466_.jpg

Si è fatto un gran parlare di questo Kamasi Washington, indicato come nuovo che avanza nel mondo de sax tenore. Indubbiamente valido dal punto di vista tecnico e con un ottimo feeling (deve ovviamente tantissimo a John Coltrane e a Pharoah Sanders... e ci mancherebbe), ha sfornato questo album che preso a piccole dosi è sicuramente entusiasmante, ma nella sua interezza è (a mio avviso) a dir poco asfissiante. Lungo, interminabile (3 cd e non so quanti LP nel cofanetto con la versione in vinile)... una mistura di Jazz cosmico, soul e sprazzi di funk che dopo un po' inevitabilmente mi porta a sbirciare l'orologio e il timing dei pezzi sul display.

Se non altro, ha il merito di tenere viva la scena!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
20 ore fa, Nitriero Cavalleone dice:

Si è fatto un gran parlare di questo Kamasi Washington, indicato come nuovo che avanza nel mondo de sax tenore. Indubbiamente valido dal punto di vista tecnico e con un ottimo feeling (deve ovviamente tantissimo a John Coltrane e a Pharoah Sanders... e ci mancherebbe), ha sfornato questo album che preso a piccole dosi è sicuramente entusiasmante, ma nella sua interezza è (a mio avviso) a dir poco asfissiante. Lungo, interminabile (3 cd e non so quanti LP nel cofanetto con la versione in vinile)... una mistura di Jazz cosmico, soul e sprazzi di funk che dopo un po' inevitabilmente mi porta a sbirciare l'orologio e il timing dei pezzi sul display.

Se non altro, ha il merito di tenere viva la scena!

D'accordo con la tua ultima affermazione. Il concerto visto giovedì a Genova con il Saxophone Summit comprendente i veterani Dave Liebman, Joe Lovano, Greg Osby e una ritmica spettacolosa composta da Phil Markowitz, Cecil McBee e  Billy Hart anch'essi alquanto attempati, ha rafforzato in me il pensiero che il "ragazzo" , indubbiamente promettentissimo, abbia bisogno ancora di evolversi.

Sono venuto a conoscenza in maniera piuttosto casuale di questo disco grazie ad un'installazione multimediale in un museo.

Poi ho raccolto informazioni più dettagliate ed alcuni ascolti sul web mi hanno convinto ad acquistarlo, complice il buon prezzo di Ibs (€ 17,60).

Certo, non si ascolta tutto d'un fiato, ma non l'ho trovato fonte di pesantezza. Va detto che il caldo di questo luglio non favorisce in ogni caso ascolti prolungati. ;)

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 5 weeks later...
  • 3 weeks later...
5 ore fa, Nitriero Cavalleone dice:

I primi due sono splendidi, nulla da dire... quello di Hill poi è una pietra miliare... quello di Lovano non lo conosco, ma essendo un eccellente strumentista ci si può fidare. ;)

Mi trovavo in vacanza nella zona di Pescara e, dopo essermi documentato sui negozi di dischi della città abruzzese, ho fatto un'escursione proficua che ha fruttato ben quattro cd complessivi in due distinti negozi, di cui tre di Jazz. :)

Naturalmente, quando ho visto Our Man In Paris di Dexter Gordon a € 12 e Point Of Departure di Andrew Hill a € 10 non me li sono lasciati scappare dato che si tratta delle  rimasterizzazioni più recenti (RVG Edition) generalmente di buona fattura audiofila.

Per quanto riguarda il lavoro di Joe Lovano ero incuriosito sia dal combo, sia dalle composizioni di Schuller presenti in parte dell'album.

Ho appena cominciato ad ascoltarlo e, per quel poco che ho sentito, mi pare di ottima caratura; si ispira alle incisioni davisiane di fine anni '40 giustamente assurte al rango di leggenda e difatti allinea una formazione semi orchestrale che annovera solisti di razza quali Ralph Lalama, John Hicks, Tim Hagans, George Garzone ecc... Anch'esso era in offerta a € 10. ;)

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 5 weeks later...
  • 2 weeks later...
  • 1 month later...
  • 1 month later...

Molto crossover, irrobustito da consistenti influenze funky, contenente alcuni famosi temi musicali di serial tv, ma immensamente bello questo Smackwater Jack, titolo ripreso da una nota canzone della pop star Carole King che testimonia le notevoli doti di arrangiatore di Quincy Jones:

30276115735.jpg

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nel ricco catalogo dei dischi del grande Lee Morgan, chissà perché gli ultimi suoi due lavori targati Blue Note vengono ristampati con estrema parsimonia e spesso soltanto in Giappone.

Nel novembre 2017 in formato shm cd che per quanto mi riguarda avendo un impianto stereo di medio livello non differisce dal cd normale,  sono stati finalmente riediti Live At The Lighthouse (1971) e Lee Morgan (1972) conosciuto anche come The Last Session nelle ristampe di fine anni '90, le ultime non giapponesi.

Tuttavia è ancora da verificare la disponibilità del secondo... Speriamo! Quindi, per ora, dei due ordinati inserisco solo Live At The Lighthouse :P essendo in stock su JPC:

UCCQ3009.jpg

UCCQ3009-2.jpg

 

 

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@jazzofilo
Live At The Lighthouse è fantastico... ma con quel gruppo stellare non poteva essere altrimenti! Io lo presi anni fa usato su una bancarella, triplo cd carpiato :D
non sapevo fosse una rarità giapponese... peccato... comunque i nipponici sono anni luce avanti a noi, in fatto di ristampe... basti pensare che da loro è disponibile tutto il catalogo Impulse! che noi possiamo solo sognarci (molti titoli non li ho mai visti fisicamente).

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
14 ore fa, Nitriero Cavalleone dice:

@jazzofilo
Live At The Lighthouse è fantastico... ma con quel gruppo stellare non poteva essere altrimenti! Io lo presi anni fa usato su una bancarella, triplo cd carpiato :D
non sapevo fosse una rarità giapponese... peccato... comunque i nipponici sono anni luce avanti a noi, in fatto di ristampe... basti pensare che da loro è disponibile tutto il catalogo Impulse! che noi possiamo solo sognarci (molti titoli non li ho mai visti fisicamente).

Caro Nitriero, la versione che hai tu, che risale al '96, contenente materiale aggiuntivo per altri due cd (3cd) , credo sia questa:

https://www.discogs.com/it/Lee-Morgan-Live-At-The-Lighthouse/release/4460657

Dopodiché stando all'ottimo archivio Discogs ve ne fu un'altra giapponese del '96 che riproduce pari pari l'originario doppio vinile americano Blue Note del '71:

https://www.discogs.com/it/Lee-Morgan-Live-At-The-Lighthouse/release/11012786

Bisogna aspettare ventuno anni, fino al novembre 2017, per arrivare alla versione in shm cd https://www.discogs.com/it/Lee-Morgan-Live-At-The-Lighthouse/release/11311739 che ho trovato su JPC ad un prezzo più che soddisfacente, poco più di 21 Euro, spedizione inclusa.

La tua versione è, a dir poco, leggendaria.

Oggi si trova prevalentemente usata ad un prezzo variabile grossomodo dai 40 ai 150 Euro. Le poche copie nuove ancora reperibili non costano meno di 300 euro e possono arrivare a oltre 500 euro.

Puoi facilmente immaginare quale operatore di commercio on line arriva a tanto...:angry:

Mi accontento della riproposizione dell'album del '71. ;)

Strano, ma non troppo, tenendo conto che Blue Note è un marchio certamente secondario di Universal, che questa gemma del suo catalogo non sia stata inclusa nelle meravigliose Rudy van Gelder Editions che nel decennio scorso hanno rimesso in circolazione tanti suoi lavori pregiati sovente meno popolari (vocabolo comunque improprio in tema di Jazz...) di Lee Morgan.

 

 

 

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, jazzofilo dice:

Caro Nitriero, la versione che hai tu, che risale al '96, contenente materiale aggiuntivo per altri due cd (3cd) , credo sia questa:

https://www.discogs.com/it/Lee-Morgan-Live-At-The-Lighthouse/release/4460657

Dopodiché stando all'ottimo archivio Discogs ve ne fu un'altra giapponese del '96 che riproduce pari pari l'originario doppio vinile americano Blue Note del '71:

https://www.discogs.com/it/Lee-Morgan-Live-At-The-Lighthouse/release/11012786

Bisogna aspettare ventuno anni, fino al novembre 2017, per arrivare alla versione in shm cd https://www.discogs.com/it/Lee-Morgan-Live-At-The-Lighthouse/release/11311739 che ho trovato su JPC ad un prezzo più che soddisfacente, poco più di 21 Euro, spedizione inclusa.

La tua versione è, a dir poco, leggendaria.

Oggi si trova prevalentemente usata ad un prezzo variabile grossomodo dai 40 ai 150 Euro. Le poche copie nuove ancora reperibili non costano meno di 300 euro e possono arrivare a oltre 500 euro.

Puoi facilmente immaginare quale operatore di commercio on line arriva a tanto...:angry:

Mi accontento della riproposizione dell'album del '71. ;)

Strano, ma non troppo, tenendo conto che Blue Note è un marchio certamente secondario di Universal, che questa gemma del suo catalogo non sia stata inclusa nelle meravigliose Rudy van Gelder Editions che nel decennio scorso hanno rimesso in circolazione tanti suoi lavori pregiati sovente meno popolari (vocabolo comunque improprio in tema di Jazz...) di Lee Morgan.

Sì, è quella, tre cd in custodie slim in boxino cartonato.
Pazzesco... non ho parole sulla quotazione attuale... non ricordo quanto la pagai, ma di sicuro non più di un boccon di pane... una decina di euri al massimo...  :blink:
Comunque, in seguito alle ultime cose emerse nel topic degli ascolti jazzistici, mi è venuta voglia di implementare i dischi di Bobby Hutcherson nella mia collezione. Vorrei trovare Happenings su LP, vediamo cosa riesco a fare (tenendo conto del fatto che non compro su internet). :) 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, Nitriero Cavalleone dice:

Sì, è quella, tre cd in custodie slim in boxino cartonato.
Pazzesco... non ho parole sulla quotazione attuale... non ricordo quanto la pagai, ma di sicuro non più di un boccon di pane... una decina di euri al massimo...  :blink:
Comunque, in seguito alle ultime cose emerse nel topic degli ascolti jazzistici, mi è venuta voglia di implementare i dischi di Bobby Hutcherson nella mia collezione. Vorrei trovare Happenings su LP, vediamo cosa riesco a fare (tenendo conto del fatto che non compro su internet). :) 

La mia versione di Happenings è questa:

https://www.discogs.com/it/Bobby-Hutcherson-Happenings/release/8335497

Non dovresti incontrare problemi, essendo stato ristampato in vinile nel 2015:

https://www.discogs.com/it/Bobby-Hutcherson-Happenings/release/7806897

 

Vivendo in una cittadina, le mie opportunità di acquisto nei negozi sono alquanto modeste e la situazione è pressoché uguale a Savona. Genova dista circa ottanta chilometri, troppi per mettersi a fare ricerche che sarebbero in larga parte infruttuose. Peraltro, non vorrei che se ne dolessero utenti del forum, i liguri ed i genovesi in particolare, non brillano per simpatia e, dunque, per customer satisfaction come si suole dire oggi...:D

Un bel negozio condotto da persone competenti si trova a Cuneo, ma anche qui si parla di oltre ottanta chilometri. Torino non la prendo neppure in considerazione per svariati motivi.

Quindi, per me, al di là delle mie convinzioni nei riguardi del commercio on line per il quale non nutro antipatie ma neppure simpatie particolari, la scelta deve orientarsi verso internet a parte qualche occasionale acquisto passando davanti alla vetrina del negozio locale più per il rock e, paradossalmente, per la classica, mentre il jazz è roba da carbonari...o come è stato ad esempio la scorsa estate a Pescara che vanta due bei negozi forniti. ;)

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.


×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy