Vai al contenuto
Ale

Labbra

Recommended Posts

dopo anni in cui ho suonato con i denti sopra al bocchino sono tornato a suonare con il doppio labbro.. voi cosa ne pensate? sinceramente sono diventato un sostenitore di questa "tecnica".. ero troppo ragazzo e troppo inesperto x capire le differenze quando sono passato ai "denti".. :rolleyes:B);)

a volte suono con il doppio labbro ma per allenare i muscoli labiali superiori

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ragazzi, avete sollevato un discorso molto interessante.

Da piccolo mi sono posto molte volte il problema ma la risposta è sempre stata che se il professore ha detto i denti sopra è giusto e basta,

quindi mi sono posto il problema della stabilità e della forza del labbro superiore e della capacità del controllo del suono.

Leggendo la descrizione di ermanno invece ho avuto delle intuizioni.

Primo la stabilità, se fosse realmente vero,

fagotto ed oboe allora?

Però in effetti il modo con cui mettere il palato, cambia il suono e quello proposto da ermanno è senza dubbio più giusto.

Vi siete mai chiesti come mai l'oboe nonostante una cameratura così piccola spesso ha un suono ben più scuro del medioso che ci si aspetta?

oltre che alla notevole spinta del diaframma che lavora in modo perfetto,

la posizione del palato.

In passato parlai dell'importanza di non andare alla ricerca di ance durissime,

per imparare a non stringere ed avere una posizione migliore delle labbra e contenere il suono con le labbra,

questa potrebbe essere una tecnica ancora migliore per cercare il suono migliore.

Ripeto la ignoro come tutti voi,

ma il fatto del palato è vero,

provate a mettere la posizione con tutte le due labbra sul becco,

vi viene da spingere la lingua in giù ed ampliare il palato.

E' proprio questa la differenza tra una persona e l'altra,

le ampiezze interne,

oltre alla differente pressione ovvio.

Ma ogni uno di noi ha una cavità orale differente,

per questo c'è chi ha un suono chiaro e chi uno scuro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

GHuardate che la teoria del labbro più dentro è ultra collaudata.

Pensate che nel sax è la più valida.

I sassofonisti mettono più becco dentro di noi clarinettisti.

é una tecnica che non apprezzo tanto perchè ovviamente aumenta la colonna d'aria da utilizzare,

aumenta la difficoltà di gestione dell'ancia, ma il mio caso non è nella norma,

a me non interessa il volume, quindi.

Quindi fidatevi che è correttissimo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

non mi aspettavo che a mesi di distanza questa discussione tornasse in "prima linea" sono contento che qualcuno di voi abbia "sperimentato" il doppio labbro.. io ci sto suonando tutt'ora e riesco sempre di più ad ottenere ciò che voglio dallo strumento.. è faticoso ma da anche molte soddisfazioni.. chi mi ha ascoltato ultimamante è subito venuto a farmi i complimenti x la bellezza del suono, la sua corposità, la sua fluidità, ecc.. anche se devo dire che all'ultima lezione che ho fatto con il m° Meloni sono stato oltre 20 minuti a suonare x trovare un suono come lo voleva lui(in pratica ho suonato solo una facciato del 1° concerto di Weber).. ma alla fina anche lui mi ha detto di continuare cosi che sono migliorato molto rispetto a 4 mesi fa

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ciao Ermanno70 solo una curiosità: ma tu sei "nato" con il doppio labbro o ci sei arrivato in un secondo momento?

devo dire che l'idea di suonare con il doppio labbro mi affascina ma visto che non ho molta esperienza non vorrei crearmi ulteriori difficoltà...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ciao clany.. io ci sono nato poi quando ho cominciato a studiare in conservatorio mi hanno cambiato tutto.. ora ci sono ritornato da 4 anni a questa parte.. cioè da quando ho conosciuto il m° Meloni.. comunque suonare cosi all'inizio da abbastanza fastidio ma poi tutto si supera e secondo me si hanno maggiori soddisfazioni

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti,

come qualcuno saprà sono alle prime armi con il clarinetto. Diciamo che da principiante ho ovviamente molte difficoltà con lo strumento e sto provando piano piano a risolverle. Ora è giunto il momento di risolvere il problema al labbro inferiore. Mi spiego.

Ho un labbro inferiore abbastanza pronunciato, direi carnoso, e mentre per baciare le ragazze va benissimo :laughingsmiley: , per imboccare lo strumento mi sta dando delle noie. Tenerlo in tensione come mi ha spiegato il mio maestro mi costa molta fatica ma ho notato che il suono (soprattutto il registro acuto) migliora notevolmente. Il problema è che in pochissimo tempo suonare mi diventa doloroso, soprattutto perchè il labbro copre i denti e la pressione dell'ancia lo comprime troppo. Mi sono anche accorto che quasi involontariamente per sostenere le note acute ed evitare la fatica di un labbro molto teso uso la lingua per comprimere il labbro e fare pressione sull'ancia, il che migliora molto il suono ma mi provoca forti dolori dopo appena due righe.

Immagino di dover cambiare imboccatura perchè non riesco proprio a suonare più di qualche minuto consecutivamente.

Su youtube quando guardo i clarinettisti la prima cosa che osservo è proprio il labbro inferiore e con mio grande disappunto ho notato che la maggior parte (da Meloni a Meyer, Bliss ecc.) ha labbra molto sottili. Il mio non sarà un limite fisico spero. Rassicuratemi!!! :worried_anim:

P.S. Mi scuso per i moderatori se ci fosse già un'altra discussione simile ma non l'ho trovata

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ciao a tutti,

come qualcuno saprà sono alle prime armi con il clarinetto. Diciamo che da principiante ho ovviamente molte difficoltà con lo strumento e sto provando piano piano a risolverle. Ora è giunto il momento di risolvere il problema al labbro inferiore. Mi spiego.

Ho un labbro inferiore abbastanza pronunciato, direi carnoso, e mentre per baciare le ragazze va benissimo :laughingsmiley: , per imboccare lo strumento mi sta dando delle noie. Tenerlo in tensione come mi ha spiegato il mio maestro mi costa molta fatica ma ho notato che il suono (soprattutto il registro acuto) migliora notevolmente. Il problema è che in pochissimo tempo suonare mi diventa doloroso, soprattutto perchè il labbro copre i denti e la pressione dell'ancia lo comprime troppo. Mi sono anche accorto che quasi involontariamente per sostenere le note acute ed evitare la fatica di un labbro molto teso uso la lingua per comprimere il labbro e fare pressione sull'ancia, il che migliora molto il suono ma mi provoca forti dolori dopo appena due righe.

Immagino di dover cambiare imboccatura perchè non riesco proprio a suonare più di qualche minuto consecutivamente.

Su youtube quando guardo i clarinettisti la prima cosa che osservo è proprio il labbro inferiore e con mio grande disappunto ho notato che la maggior parte (da Meloni a Meyer, Bliss ecc.) ha labbra molto sottili. Il mio non sarà un limite fisico spero. Rassicuratemi!!! :worried_anim:

P.S. Mi scuso per i moderatori se ci fosse già un'altra discussione simile ma non l'ho trovata

ciao

ci vuole del tempo per fare "il labbro",e,dopo un pò farà male comunque,dopo mezz'ora se suoni poco,dopo quattro ore se sei un demonio......io non posso darti consigli perché non sono professionista però per quel che mi riguarda ho scoperto che è meglio non stringere mai,nemmeno per gli acutissimi......con me ed il mio labbro carnoso funziona.per evitare di stringere imbocco molto,cosa che rende il suono più difficilmente controllabile ma,col tempo,più bello e profondo;i fischi,però,almeno all'inizio sono sempre in agguato:insistere e perseverare.

P.S. se guardi su you tube ci sono anche clarinettisti che sembrano avere Canotti invece che labbra....eppure....

un saluto

il nero :to_become_senile:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io penso che non tutti i clarinettisti possono suonare con il dobbio labbro cioè, per me lo può fare chi suona tutti giorni e per tante ore. Chi invece come me, che ora suona solo per diletto e per poco ogni giorno, non potrà mai, come si dice "fare il callo" con questa tecnica. Concordo tuttavia con chi sostiene che il suono con il doppio labbro e più dolce.

Ciao a tutti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ormai sono al secondo anno di conservatorio per clarinetto,

ma ho un problema ,

non resisto più di 3 ore (o 3 ore e mezza) , dopo mi fa male il labbro, oltre ad altri problemi di respirazione e postura in generale

Col tempo riuscirò a farmeli passare? anche perchè vorrei cambiare ancie, attualmente uso le Rico Reserve 3.5 , vorrei passare alle 4 perchè sono troppo leggere per il mio bocchino (lomax A2)

E in piu vorrei prendere un B1 ,ancora piu chiuso (ha un suono piu bello)

quindi se suono 3 ore circa, tra qualche settimana potrò fare almeno 4 ore? per indurire le ancie è meglio aspettare?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ormai sono al secondo anno di conservatorio per clarinetto,

ma ho un problema ,

non resisto più di 3 ore (o 3 ore e mezza) , dopo mi fa male il labbro, oltre ad altri problemi di respirazione e postura in generale

Col tempo riuscirò a farmeli passare? anche perchè vorrei cambiare ancie, attualmente uso le Rico Reserve 3.5 , vorrei passare alle 4 perchè sono troppo leggere per il mio bocchino (lomax A2)

E in piu vorrei prendere un B1 ,ancora piu chiuso (ha un suono piu bello)

quindi se suono 3 ore circa, tra qualche settimana potrò fare almeno 4 ore? per indurire le ancie è meglio aspettare?

Secondo me, dovresti iniziare a risolvere quei problemi di respirazione e postura di cui parli, che dopo due anni di

conservatorio il tuo insegnante avrebbe già dovuto provvedere a farti correggere. Una corretta respirazione, può

portare solo benefici, soprattutto per quanto riguarda l'irrigidimento della muscolatura, quella facciale in primis.

Se stringi troppo è normale che dopo ti fà male il labbro.

Passando ad un'ancia più dura, non risolvi il problema, anzi, lo amplifichi, ti sforzeresti molto di più e dureresti

molto di meno. Il cambio dell'ancia e del bocchino devono essere l'ultima spiaggia; correggendo i problemi di cui

parlavi sopra, puoi ottenere un buon suono anche con il setup attuale.

Ah... un'altra cosa. Ma tu suoni 3 ore di fila senza fermarti mai?

Sò che lo strumento richiede parecchie ore di studio giornaliere (anche più di 3),

ma penso anche che quando si inizia ad avvertire una certa stanchezza, ci si debba

fermare per qualche minuto e poi riprendere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

se tu hai bisogno di studiare più ore allora diminuisci il tempo delle applicazioni ed aumenta le applicazioni,

esempio,

se suoni due volte da un'ora ciascuna la mattina ed una l pomeriggio,

allora porta le applicazioni a 40 minuti o addirittura 30 minuti a distanza di mezz'ora l'una dall'altra e fanne di piu,

insomma abbassi la resistenza ma aumenti le ore di studio,fino a rimanere alle tre ore e poi aumentare gradualmente.

Prtova e vedi se funziona.

E' importante non stancarsi molto,

ne risente la postura , se suoni sotto sforzo come puoi suonare con una buona impostazione,

in'oltre suonando per meno tempo , piano piano aumenterai la potenza dell'emissione , suoni sempre con meno stanchezza quindi....

Per l'impostazione e la respirazione concordo con giovanni.

Dedicati a fondo a risolvere i tuoi problemi,

più approfondisci e più vantaggi ne trovi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

i problemi di respirazione non li ho sempre, solo quando sono stanco,

Il bocchino lo volevo cambiare per migliorare il suono, sopratutto le ance, perchè sono troppo leggere,

ma per ora lascerò perdere

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ormai sono al secondo anno di conservatorio per clarinetto,

ma ho un problema ,

non resisto più di 3 ore (o 3 ore e mezza) , dopo mi fa male il labbro, oltre ad altri problemi di respirazione e postura in generale

Col tempo riuscirò a farmeli passare? anche perchè vorrei cambiare ancie, attualmente uso le Rico Reserve 3.5 , vorrei passare alle 4 perchè sono troppo leggere per il mio bocchino (lomax A2)

E in piu vorrei prendere un B1 ,ancora piu chiuso (ha un suono piu bello)

quindi se suono 3 ore circa, tra qualche settimana potrò fare almeno 4 ore? per indurire le ancie è meglio aspettare?

ciao frenk, anche io ho il tuo stesso problema. Stringo molto e poi mi fa male il labbro,con il mio insegnante sono riuscita a stringere di meno, ma comunque dopo un pò mi fa male.

io la soluzione lo trovata con delle cartine plastificate salva bocca, quando strudio le uso sempre. Con quelle vai tranquillo, poi suonare quanto vuoi.

Devi però avere già un'impostazione corretta e devi essere consapevole che non devi stringere di più anche se non senti dolore.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho provato ad acquistare 2 pacchi di ance n. 4 , ma ancora non mi sono arrivati!

il taglio delle rico reserve è comunque quello normale, le rico mitchell lurie sono più corte

A me davano un suono molto pulito, la prossima volta che ordino provo a prendere un pacco da 5 per provarle ora

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

io personalmente sono contrario a bocchini chiusi e ance durissime.

è una mia scuola di pensiero,

ma soprattutto se dovrai passare un domani al clarinetto basso o

anche al sax avrai problemi e scoprirai che la tua impostazione non è delle migliori.

I bocchini chiusi e le ance dure abituano a fare forza sulla morza delle labbra,

con grande aiuto dei denti che pian piano tagliano il labbro,e ti capiterà probabilmente di non riuscire piu a suonare perchè ti si chiude l'ancia.

è tutta questione di forza, serve a poco cambiare bocchino ance ecc, quello che ti succede oggi ti risuccederà domani se continui ad incrementare la stretta delle labbra.

Ho avuto per un anno un insegnante in conservatorio che suonava con un bocchino pomarico 2c e ance 2.5.

Tutti sorpresi del suo set up cosi' soft, era uno che aveva vinto molti primi premi ed era solista internazionale.

Lui mi spiegò che la pressione addominale con un setup morbido deve essere maggiore,

in oltre devi veramente avere una buona respirazione se vuoi cacciare un bel suono,

proprio perchè non ti puoi aiutare con il morso.

A distanza di anni continuo a condividere la cosa, però continuo a fare dei virtuosismi che altri miei compagni di studio,

pur avendo continuato a suonare,

non riescono a fare più.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

io personalmente sono contrario a bocchini chiusi e ance durissime.

è una mia scuola di pensiero,

ma soprattutto se dovrai passare un domani al clarinetto basso o

anche al sax avrai problemi e scoprirai che la tua impostazione non è delle migliori.

I bocchini chiusi e le ance dure abituano a fare forza sulla morza delle labbra,

con grande aiuto dei denti che pian piano tagliano il labbro,e ti capiterà probabilmente di non riuscire piu a suonare perchè ti si chiude l'ancia.

è tutta questione di forza, serve a poco cambiare bocchino ance ecc, quello che ti succede oggi ti risuccederà domani se continui ad incrementare la stretta delle labbra.

Ho avuto per un anno un insegnante in conservatorio che suonava con un bocchino pomarico 2c e ance 2.5.

Tutti sorpresi del suo set up cosi' soft, era uno che aveva vinto molti primi premi ed era solista internazionale.

Lui mi spiegò che la pressione addominale con un setup morbido deve essere maggiore,

in oltre devi veramente avere una buona respirazione se vuoi cacciare un bel suono,

proprio perchè non ti puoi aiutare con il morso.

A distanza di anni continuo a condividere la cosa, però continuo a fare dei virtuosismi che altri miei compagni di studio,

pur avendo continuato a suonare,

non riescono a fare più.

Concordo sul fatto che non bisogna stringere, anch'io sono dell'idea che un'impostazione non rigida possa dare grandi vantaggi, ma questo non vuol dire che non la si possa avere con ance medio dure e bocchino chiuso, basta non esagerare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dipende.

Se parti dall'idea che appena si alleggerisce l'ancia devi incrementare il tutto,

ti ritroverai a non rriuscire a suonare perchè tappi l'ancia,

prima o poi capita.

Poi ci sono discorsi come le sfumature , la precisione, la pulizia del suono, lo staccato,

insomma un'ancia meno dura si controlla meglio in tutto.

Per un'emissione dura ci vuole un costante allenamento ed una fatica maggiore.

Più adatta alle situazioni che richiedono suono forte,

ma per il resto, melgio sempre non esagerare, sia in leggero che in duro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dipende.

Se parti dall'idea che appena si alleggerisce l'ancia devi incrementare il tutto,

ti ritroverai a non rriuscire a suonare perchè tappi l'ancia,

prima o poi capita.

Poi ci sono discorsi come le sfumature , la precisione, la pulizia del suono, lo staccato,

insomma un'ancia meno dura si controlla meglio in tutto.

Per un'emissione dura ci vuole un costante allenamento ed una fatica maggiore.

Più adatta alle situazioni che richiedono suono forte,

ma per il resto, melgio sempre non esagerare, sia in leggero che in duro.

Si è vero, staccato, pulizia del suono e sfumature sono più facili da ottenere con un'ancia tenera, ma il timbro con l'ancia dura è migliore e non si rischia mai (o quasi) di aprire troppo il suono, per quanto riguarda i bocchini chiusi invece posso dire che hanno una maggior proiezione (ma non tutti) e un suono più dolce, e spesso poca dinamica. Secondo me la cosa migliore è cercare sempre un compromesso tra le cose e poi naturlamente studiare con un concetto ben chiaro nella testa di ciò che si vuole ottenere, altrimenti è inutile stare a ragionare su queste cose.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tutto quello che si dice qui non fa una piega

io xò ho la mia idea personale.. attualmente suono con un B40 profile 88 e ance 3.5 vandoren classiche

mi sono registrato diverse volte e devo dire che il suono è molto corposo ricco di armonici e "viaggia"

è assurdo stringere più del dovuto(a parte che suono con il doppio labbro)

ma secondo me invece di suonare con le rico dovresti provare le vandoren o ancora meglio le ance pomarico(sono veramente buone ma difficili da reperire) le rico(x mia esperienza personale) non hanno consistenza cioè suonano bene subito ma poi cedono

cominciare a cambiare bocchino oppure prendere ance sempre più duro lo trovo assurdo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tutto quello che si dice qui non fa una piega

io xò ho la mia idea personale.. attualmente suono con un B40 profile 88 e ance 3.5 vandoren classiche

mi sono registrato diverse volte e devo dire che il suono è molto corposo ricco di armonici e "viaggia"

è assurdo stringere più del dovuto(a parte che suono con il doppio labbro)

ma secondo me invece di suonare con le rico dovresti provare le vandoren o ancora meglio le ance pomarico(sono veramente buone ma difficili da reperire) le rico(x mia esperienza personale) non hanno consistenza cioè suonano bene subito ma poi cedono

cominciare a cambiare bocchino oppure prendere ance sempre più duro lo trovo assurdo

Io non so che Rico tu abbia provato perchè ne esistono molti tipi. Io è quasi un anno ormai che suono con le rico reserve (che sono anche quelle che usa Frenk) e non ho mai riscontrato quanto tu dici, anzi, le trovo decisamente migliori sia delle Vandoren che delle Pomarico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy