Vai al contenuto

Impianti audio per ascoltare la musica classica


Bernardo
 Condividi

Recommended Posts

  • Risposte 804
  • Creato
  • Ultima Risposta

Top utenti di questa discussione

8 ore fa, Alucard dice:

uppo perché a breve ho intenzione di prendere un set di componenti entry level di buona qualità per godere della musica liquida in formati in alta definizione (studio master).

 

I 3 componenti scelti sono

 

FiiO E10K "OLYMPUS 2" DAC USB per computer con Amplificatore per cuffie

 

Scythe SDAR-2100-BK Amplificatore

 

Scythe SCBKS-1100 Kro Craft Speaker Rev. B

Però essendo la mia prima volta non ho idea di come collegare il tutto. Un aiuto? Connetto il DAC tramite USB al pc, in modo che questo funzioni in modalità kernel streaming e che il segnale digitale audio vada diretto dalla sorgente al DAC. Il dac però sul retro ha solo l'uscita coassiale? Come lo connetto dunque all'ampli? E le casse immagino di connetterle semplicemente alle uscite right speaker e left speaker dell'amp no? Però cosa indicano i + e i -? La mia intenzione come ho specificato è di voler usare un dac esterno per convertire il segnale digitale in alta definizione evitando di usare la scheda integrata del pc, altrimenti a quel punto amp e casse sono soldi buttati. Dovrei usare un cavo Coassiale > 2 RCA? Ma in quel caso il segnale si trasmette con la massima qualità o, come temo, viene riconvertito?

Il coassiale trasporta il segnale digitale mentre gli RCA il segnale analogico. Quindi un connettore coassiale - RCA non esiste, a meno che non si inserisca in mezzo un DAC.
Se intendi collegare il FiiO ad un ad un amplificatore puoi usare l'uscita "line out" sul retro. Sembrerebbe un comune jack a 3.5, quindi un cavo jack 3.5 - RCA dovrebbe essere sufficiente (es. AudioQuest TOWER). Nelle specifiche tecniche non indica il livello di uscita, quindi difficile dire se sia in grado di pilotare dei diffusori. Essendo "line" non credo, anche se i Kro Craft sono un carico facile. Io le uso (con soddisfazione) come casse da scrivania pilotate da un Dayton Audio DTA-100a (che mi sono portato a casa da un viaggio di lavoro negli USA qualche anno fa) collegato al computer.

Cita

E le casse immagino di connetterle semplicemente alle uscite right speaker e left speaker dell'amp no?

Esatto. Puoi usare un semplice cavo audio spellato bloccato nei morsetti a vite, oppure forcelle o banane.

Cita

Però cosa indicano i + e i -?

Devi seguire i colori. Rosso ampli dx nel rosso cassa dx. Bianco ampli dx nel bianco cassa dx. Stessa cosa per la sx.
Mi raccomando, a spina disinserita dalla corrente. A volte i morsetti sono così vicini che è un attimo che ti scappi di mano qualcosa e ....

Link al commento
Condividi su altri siti

grazie mille. Comunque probabile prenda questo al posto del fiio

https://www.amazon.it/gp/product/B01C2OAANI/ref=ox_sc_mini_detail?ie=UTF8&psc=1&smid=AX9Y3H1JHXJ2E

siccome l'ho visto recensito positivamente su qobuz.

 

Qui dettagli più approfonditi

https://it.aliexpress.com/item/2016-NEW-SMSL-M3-HIF-2-0-24bit-192kHz-DAC-USB-optical-coaxial-Decoder-Headphone-audio/32585427085.html

Questo ha più tipi di entrate quindi in futuro potrei connetterci altre periferiche. Però non ha il line out ma i connettori RCA. In questo caso dovrei fare PC > USB > DAC > RCA L/R > Ampli > RCA L/R > Casse. Andrebbe bene ugualmente?

Link al commento
Condividi su altri siti

13 minuti fa, Alucard dice:

grazie mille. Comunque probabile prenda questo al posto del fiio

https://www.amazon.it/gp/product/B01C2OAANI/ref=ox_sc_mini_detail?ie=UTF8&psc=1&smid=AX9Y3H1JHXJ2E

siccome l'ho visto recensito positivamente su qobuz.

 

Qui dettagli più approfonditi

https://it.aliexpress.com/item/2016-NEW-SMSL-M3-HIF-2-0-24bit-192kHz-DAC-USB-optical-coaxial-Decoder-Headphone-audio/32585427085.html

Questo ha più tipi di entrate quindi in futuro potrei connetterci altre periferiche. Però non ha il line out ma i connettori RCA. In questo caso dovrei fare PC > USB > DAC > RCA L/R > Ampli > RCA L/R > Casse. Andrebbe bene ugualmente?

Certo, però le uscite dell'ampli non sono RCA ma dei normali morsetti a vite, come in quasi tutti gli amplificatori:

Kama-Bay-AMP-2000-Rev_B-ViewBack_02.jpg

ai quali puoi collegare forcelle:

51W3aFFJUPL.jpg

banane:

71Vng3ceZEL._SL1500_.jpg

o semplicemente il cavo spellato:

91g-jNzCaML._SL1500_.jpg

Sono gli stessi morsetti a vite che trovi montati anche sulle casse Kro Craft, quindi puoi comprarti 2 cavi di potenza con gli stessi terminali (forcelle, banane, ecc...) e andranno benissimo.

Link al commento
Condividi su altri siti

I cavi per gli altoparlanti sono già inclusi sia nelle casse che nell'ampli mi pare. I più comodi da installare sembrano i connettori a banana

https://www.amazon.it/Nakamichi-High-End-connettori-placcati/dp/B00ETJNCIK/ref=sr_1_5?ie=UTF8&qid=1464271329&sr=8-5&keywords=nakamichi+banana

Link al commento
Condividi su altri siti

7 ore fa, Geralt dice:

Il FIIO è sia DAC che Ampli, non so se ne puoi attaccare un altro a questo. Nel caso, suppongo lo si faccia tramite il "line out", con un cavo RCA.

E' ampli solo per le cuffie. Comunque alla fine prendo il SMSL M3 (vedi miei post sopra)!

 

7 ore fa, zeitnote dice:

Io per il PC (solo con cuffie) utilizzo questo:
https://www.amazon.it/Creative-SB1240-Sound-Blaster-X-FI/dp/B00GMDWNJK/ref=sr_1_2?s=pc&ie=UTF8&qid=1464244734&sr=1-2&keywords=creative+sbx+pro+studio

Come puoi vedere è dotato anche di uscita RCA verso eventuale ampli. La qualità del suono è più che buona.

 

Se vuoi una soluzione "compatta" di ottimo livello, c'è l'ampli/DAC della TEAC:
https://www.amazon.it/Teac-Amplificatore-Convertitore-Digitale-Analogico/dp/B005YV919Q/ref=sr_1_2?s=musical-instruments&ie=UTF8&qid=1464244551&sr=1-2&keywords=dac+teac

eh quella soluzione compatta è un po' fuori budged visto che devo riammodernare tutto il pc. Sono 10 anni che uso casse scrause creative, i soliti mattoncini di plastica 5.1 che ormai mi suonano talmente male che ascolto tutto in cuffie. Alla sound blaster esterna ci avevo pensato ma non so se più fidarmi di queste marche mainstream che puntano tutto sul "gaming". Tra l'altro ho sempre avuto problemi con drivers creative e windows. 

 

Grazie a tutti per l'aiuto!

Link al commento
Condividi su altri siti

Guest zeitnote
1 ora fa, Alucard dice:

E' ampli solo per le cuffie. Comunque alla fine prendo il SMSL M3 (vedi miei post sopra)!

 

eh quella soluzione compatta è un po' fuori budged visto che devo riammodernare tutto il pc. Sono 10 anni che uso casse scrause creative, i soliti mattoncini di plastica 5.1 che ormai mi suonano talmente male che ascolto tutto in cuffie. Alla sound blaster esterna ci avevo pensato ma non so se più fidarmi di queste marche mainstream che puntano tutto sul "gaming". Tra l'altro ho sempre avuto problemi con drivers creative e windows. 

 

Grazie a tutti per l'aiuto!

Mah, come detto sono molto soddisfatto di quella scheda che anche a livello di driver non ha dato nessun problema. La uso ormai da tre anni senza problemi. Sai, onestamente distinguere in quella fascia di prezzo tra mainstream e "di nicchia" è un pochino azzardato.

Link al commento
Condividi su altri siti

On 26 maggio 2016 16:03:53, Alucard dice:

I cavi per gli altoparlanti sono già inclusi sia nelle casse che nell'ampli mi pare. I più comodi da installare sembrano i connettori a banana

https://www.amazon.it/Nakamichi-High-End-connettori-placcati/dp/B00ETJNCIK/ref=sr_1_5?ie=UTF8&qid=1464271329&sr=8-5&keywords=nakamichi+banana

Se può servirti.

Banane:

Speaker_banana_plugs.jpg

Forcelle:

new-spade-plate-500.jpg

Cavo spellato:

TechTuesday_Facebook.jpg

 

Link al commento
Condividi su altri siti

grazie mille. Prima della tua spiegazione qualche giorno fa nemmeno avevo idea che i cavi venissero collegati con cavo elettrico. Vado per le banane che sembrano le più comode. Non ho i materiali necessari per lavorare seriamente sul filo spellato (cioè la forbicetta per rimuovere la guarnizione di plastica) e non voglio rischiare di trovarmi qualcosa in cortocircuito nel caso un baffetto di un filo finisca a toccare quello della polarità opposta.Ho visto alcuni video sulle banane e sono semplicissime! Vi si avvita il filo praticamente come una normale presa/frutto/portalampada. E sembrano comode da sconnettere in caso di problemi.

Link al commento
Condividi su altri siti

Io ho un sistema molto semplice. Ho acquistato da un amico un amplificatore usato NAD C320BEE (a mosfet), gli ho collegato un lettore CD Harman Kardon HD-970 e due monitor da studio KRK K-Rok. Tutto molto lineare, molto semplice. Il lettore CD (che usava ancora convertitori HK concepiti per l'audio e non per il multimediale) deve avere un bel livello di uscita, e riesce a farmi ascoltare distintamente e con il giusto peso i contrabbassi. Non uso un sub, perché il sistema riesce a riprodurmi i bassi senza impastare. La separazione tra strumenti è eccellente, il piano sonoro profondo. Ho speso poco, dopo lunghe sedute di ascolto e confronto, ma all fine sono contento.

Paolo

 

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 5 months later...

Ciao a tutti.

Normalmente ascolto la musica classica (che poi è l'unica musica che ascolto) con il mio sopraffino impianto di serie Dynaudio Premium Sound System (nel 1998 era il miglior impianto hi fi automotive di serie al mondo, dove Dynaudio progettò insieme a Volvo anche l'abitacolo dell'auto e ne fa dei pannelli casse di risonanza) a bordo della Volvo C70 coupè.

Ma a me serve un hi fi da casa. Quando voglio ascoltare musica non posso andare in auto!

Siccome al momento non ho un buon budget da dedicarci avevo pensato a qualche impianto hi fi stereo degli anni 80 o 90 o 2000.

A me serve che mi deve suonare la musica classica e bene nel mio laboratorio di 16 metri quadrati.

Essendo che suonerà solo pianoforte principalmente (Chopin) credo che le casse debbano essere in legno.

O almeno se so le marche che sono rinomate per una buona resa del pianoforte cerco modelli inerenti a quel marchio.

Non  so se un impianto fatto da amplificatore e lettore CD Denon sia indicato. Cosa mi consigliate?

Link al commento
Condividi su altri siti

2 ore fa, viandante_errante dice:

Ciao a tutti.

Normalmente ascolto la musica classica (che poi è l'unica musica che ascolto) con il mio sopraffino impianto di serie Dynaudio Premium Sound System (nel 1998 era il miglior impianto hi fi automotive di serie al mondo, dove Dynaudio progettò insieme a Volvo anche l'abitacolo dell'auto e ne fa dei pannelli casse di risonanza) a bordo della Volvo C70 coupè.

Ma a me serve un hi fi da casa. Quando voglio ascoltare musica non posso andare in auto!

Siccome al momento non ho un buon budget da dedicarci avevo pensato a qualche impianto hi fi stereo degli anni 80 o 90 o 2000.

A me serve che mi deve suonare la musica classica e bene nel mio laboratorio di 16 metri quadrati.

Essendo che suonerà solo pianoforte principalmente (Chopin) credo che le casse debbano essere in legno.

O almeno se so le marche che sono rinomate per una buona resa del pianoforte cerco modelli inerenti a quel marchio.

Non  so se un impianto fatto da amplificatore e lettore CD Denon sia indicato. Cosa mi consigliate?

Ciao viandante, ho spostato il tuo quesito in questo topic, appropriato.
Benvenuto in forum.

Link al commento
Condividi su altri siti

23 ore fa, viandante_errante dice:

Ciao a tutti.

Normalmente ascolto la musica classica (che poi è l'unica musica che ascolto) con il mio sopraffino impianto di serie Dynaudio Premium Sound System (nel 1998 era il miglior impianto hi fi automotive di serie al mondo, dove Dynaudio progettò insieme a Volvo anche l'abitacolo dell'auto e ne fa dei pannelli casse di risonanza) a bordo della Volvo C70 coupè.

Ma a me serve un hi fi da casa. Quando voglio ascoltare musica non posso andare in auto!

Siccome al momento non ho un buon budget da dedicarci avevo pensato a qualche impianto hi fi stereo degli anni 80 o 90 o 2000.

A me serve che mi deve suonare la musica classica e bene nel mio laboratorio di 16 metri quadrati.

Essendo che suonerà solo pianoforte principalmente (Chopin) credo che le casse debbano essere in legno.

O almeno se so le marche che sono rinomate per una buona resa del pianoforte cerco modelli inerenti a quel marchio.

Non  so se un impianto fatto da amplificatore e lettore CD Denon sia indicato. Cosa mi consigliate?

Ci sono diverse questioni da considerare.

Personalmente ti sconsiglio vivamente di puntare a impianti di 20-30 anni fa per due ordini di motivi:
1. il tempo è tiranno. I componenti elettrici (specie i condensatori) si degradano col tempo. Per non parlare delle parti in movimento, come negli altoparlanti, dove le membrane di gomma si seccano e si irrigidiscono e i coni pure.
2. la tecnologia ha fatto passi da gigante e oggi puoi avere un impianto che suona meglio (anche paragonato al nuovo di 20-30 fa) senza bisogno di sborsare i milioni di allora.

Detto questo, devi stabilire quali componenti ti servono e fissare un budget. Se non ho capito male hai bisogno di lettore CD, amplificatore e casse. Di solito si ripartisce il budget in modo da riservare la parte maggiore alle casse. Ad esempio, 40% casse, 30% amplificatore, 20% lettore, 10% cavi.
Evita di acquistare cose che non ti servono o addirittura inutili. Ad esempio se non ascolti dischi in vinile, ne prevedi di farlo in futuro, non hai necessità di un pre-amplificatore. Quindi puoi cercare il solo amplificatore invece dei due (pre + ampli) o di un amplificatore integrato (cioè pre+ampli nello stesso componente). A parità di costo la qualità sarà in genere più elevata.
La cosa migliore sarebbe riuscire ad ascoltare qualche impianto o componente, da amici, conoscenti o al limite in qualche negozio (senza farsi abbindolare dal negoziante ;)), anche solo per farsi un'idea. Puoi anche cercare persone disponibili a farti ascoltare i loro impianti nella tua zona, cercali sui forum sul mondo audio hi-fi.
Inoltre è molto importante curare la disposizione dell'impianto e del punto d'ascolto nella stanza, molto di più di quanto si crede.

Discorso "casse da pianoforte". Personalmente non conosco marchi e/o modelli specializzati in uno strumento. Al limite possono essere considerati più adatti per un particolare genere di musica, ad esempio classica invece di rock. Ho scritto considerati perché alla fine tutto dipende dal nostro orecchio, dal tipo di suono che ci aspettiamo.

E qui arriviamo all'ultimo punto, il tipo di suono che ci aspettiamo. Non ho capito se l'impianto auto di cui parli è l'unico dal quale eri abituato ad ascoltare la musica. Se punti a riprodurre nel tuo laboratorio lo stesso suono o la stessa impostazione sonora è una gara persa in partenza. Sono due ambienti totalmente diversi. Inoltre gli impianti audio per le auto di solito hanno un'impostazione tutt'altro che neutra per cercare di compensare gli spazi ridotti, il rumore, ecc... Detto tra noi, per quanto buono sia quell'impianto, un'auto non è il posto più adatto ad ascoltare musica in modo attento, concentrato. Lo dico perché se sei abituato a quel tipo di suono potrebbe essere molto difficile "resettarsi" ed abituarsi ad uno diverso. Si corre il rischio di restare delusi dall'impianto hi-fi domestico e rincorrere un ideale di suono irraggiungibile.

Non ho esperienza diretta della Denon. Da quanto ne so hanno un buon rapporto qualità/prezzo, ma a seconda della spesa che intendi fare potrebbero esserci altri componenti più competitivi.

Prenditi il tuo tempo per valutare, non avere fretta e scolta qualcosa se riesci.
Spero di esserti stato utile.

Link al commento
Condividi su altri siti

Grazie per l'accoglienza e le risposte.

Io infatti pensavo al fatto che gli impianti automotive e home sono piuttosto diversi per appunto la questione spazi e il tipo di resa cambia appunto per le dimensioni della "sala d'ascolto".

Siccome a causa di determinate spese che ultimamente ho dovuto affrontare il mio budget si è ulteriormente ridotto.

Pensavo quindi, momentaneamente, di spostare la mia attenzione su 2 buoni spaker per PC.

Il PC essendo un ottimo Dell XPS 710 H2C Full Tower con annessa una scheda audio separata Creative X-Fi Extreme Audio (full lenght, di quelle grandi) con connettori speaker placcati in oro, pensavo appunto di sfruttarla per collegarci 2 buoni speaker. Anni fa ricordo che si parlava a bene degli speaker Scythe e di altri marchi simili.

Quindi ora come ora mi occuperei dell'audio sul PC nel mio laboratorio.

In futuro opterei per un lettore SACD, amplificatore, speaker. Prevedo di ascoltare la musica prevalentemente con i SACD con l'impianto hi fi home.

Link al commento
Condividi su altri siti

18 ore fa, viandante_errante dice:

Grazie per l'accoglienza e le risposte.

Io infatti pensavo al fatto che gli impianti automotive e home sono piuttosto diversi per appunto la questione spazi e il tipo di resa cambia appunto per le dimensioni della "sala d'ascolto".

Siccome a causa di determinate spese che ultimamente ho dovuto affrontare il mio budget si è ulteriormente ridotto.

Pensavo quindi, momentaneamente, di spostare la mia attenzione su 2 buoni spaker per PC.

Il PC essendo un ottimo Dell XPS 710 H2C Full Tower con annessa una scheda audio separata Creative X-Fi Extreme Audio (full lenght, di quelle grandi) con connettori speaker placcati in oro, pensavo appunto di sfruttarla per collegarci 2 buoni speaker. Anni fa ricordo che si parlava a bene degli speaker Scythe e di altri marchi simili.

Quindi ora come ora mi occuperei dell'audio sul PC nel mio laboratorio.

In futuro opterei per un lettore SACD, amplificatore, speaker. Prevedo di ascoltare la musica prevalentemente con i SACD con l'impianto hi fi home.

Le Scythe Kro Craft Rev. B le uso anche io come casse per il portatile in una stanza molto piccola e per quello che costano vanno più che bene. Considera però che sono casse passive, hanno quindi bisogno di un amplificatore per suonare, non credo proprio che la sola scheda audio sia in grado di pilotarle. Io uso un amplificatore Dayton Audio DTA-100A connesso all'uscita audio del portatile.

Link al commento
Condividi su altri siti

1 ora fa, viandante_errante dice:

Schythe vende sia le casse che l'amplificatore. Sarebbe una buona soluzione. Ho visto che anche Edifier fa delle gran belle casse, credo amplificate, ma ho letto che hanno dei bassi troppp forti.

Si, la Scythe dovrebbe avere anche il pacchetto ampli+casse e se non ricordo male l'ampli è fatto in modo da poterlo inserire in un PC tower, come se fosse un masterizzatore.
La Edifier non la conosco.

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 1 month later...
Guest zeitnote

Poiché sono refrattario all'ascolto in cuffia e amo invece il suono che si distende nello spazio, ho comprato questo per le mie esigenze musicali fuori casa. Funziona una meraviglia. Mia moglie ed io l'abbiamo appena testato con Sibelius/Davis/Boston.

Bose_SoundLink_Bluetooth_speaker_III_358

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 5 weeks later...

Complice problemi con la vicina ho deciso per la prima volta nella mia vita di lanciarmi nel mondo delle cuffie nonostante creda che il suono aperto sia impagabile sotto molti punti di vista. Dopo aver fatto un po' di prove qua e là e dopo essermi informato in rete come cuffia avrei optato per la AKG K702 definita anche "la regina della Classica", differente dal modello precedente solo per la presenza del cavo di collegamento rimovibile ma con lo stesso prezzo. La mia decisione si basa (ma accetto consigli ovviamente se no non mi troverei qui) sulle sue qualità audio analitiche quasi chirurgiche e per il fatto che sia una cuffia dal suono neutro come piace a me (e come a mio avviso dovrebbe essere una cuffia dedicata all'ascolto quasi prevalentemente della classica). Nonostante abbia un impendenza bassa (62 ohm) è una cuffia che richiede oltre ad un buon rodaggio anche di essere pilotata da un ampli con buona potenza e dinamica. E qui veniamo al nocciolo.

Non vorrei spendere tanto al momento (considerando che si è sempre in tempo ad intervenire successivamente) e il mio dilemma di fondo è ampli transistor o valvolare? sono tentato da quest'ultimo e una soluzione low cost ma allo stesso tempo bomba a quanto leggo in rete è il BRAVO AUDIO V2, cinesata di quelle atomiche ma molto interessante per rapporto qualità prezzo e possibilità di ugradarlo con facilità. Come coppia le AKG K702 potrebbe andare bene? qualcuno lo conosce? mi segnalano un suono caldo "valvolare" insomma che ben si sposa con la sonorità della cuffia tedesca. Se no avete altro da consigliare.

51CV4EXJUzL.jpg

A dimenticato il mio lettore cd/sacd/blu-ray è il seguente 

https://www.sony.it/electronics/lettori-blu-ray-disc/uhp-h1

 

Link al commento
Condividi su altri siti

Guest zeitnote
2 ore fa, Adam84 dice:

Complice problemi con la vicina ho deciso per la prima volta nella mia vita di lanciarmi nel mondo delle cuffie nonostante creda che il suono aperto sia impagabile sotto molti punti di vista. Dopo aver fatto un po' di prove qua e là e dopo essermi informato in rete come cuffia avrei optato per la AKG K702 definita anche "la regina della Classica", differente dal modello precedente solo per la presenza del cavo di collegamento rimovibile ma con lo stesso prezzo. La mia decisione si basa (ma accetto consigli ovviamente se no non mi troverei qui) sulle sue qualità audio analitiche quasi chirurgiche e per il fatto che sia una cuffia dal suono neutro come piace a me (e come a mio avviso dovrebbe essere una cuffia dedicata all'ascolto quasi prevalentemente della classica). Nonostante abbia un impendenza bassa (62 ohm) è una cuffia che richiede oltre ad un buon rodaggio anche di essere pilotata da un ampli con buona potenza e dinamica. E qui veniamo al nocciolo.

Non vorrei spendere tanto al momento (considerando che si è sempre in tempo ad intervenire successivamente) e il mio dilemma di fondo è ampli transistor o valvolare? sono tentato da quest'ultimo e una soluzione low cost ma allo stesso tempo bomba a quanto leggo in rete è il BRAVO AUDIO V2, cinesata di quelle atomiche ma molto interessante per rapporto qualità prezzo e possibilità di ugradarlo con facilità. Come coppia le AKG K702 potrebbe andare bene? qualcuno lo conosce? mi segnalano un suono caldo "valvolare" insomma che ben si sposa con la sonorità della cuffia tedesca. Se no avete altro da consigliare.

51CV4EXJUzL.jpg

A dimenticato il mio lettore cd/sacd/blu-ray è il seguente 

https://www.sony.it/electronics/lettori-blu-ray-disc/uhp-h1

 

Non ho idea di come suoni il cinesino, ma una cosa è certa : l'oggetto è molto simpatico. Vedo che viene dichiarato in "Classe A" che senza la presenza di un trasformatore toroidale a garantire livelli contenuti di distorsione e rumore mi pare un pochino velleitario.

Io, intanto, ho mandato in pensione il mio NAD e oggi ho ordinato costui:

Evolution_50A_Black_Front.jpg

Link al commento
Condividi su altri siti

5 ore fa, Adam84 dice:

Complice problemi con la vicina ho deciso per la prima volta nella mia vita di lanciarmi nel mondo delle cuffie nonostante creda che il suono aperto sia impagabile sotto molti punti di vista. Dopo aver fatto un po' di prove qua e là e dopo essermi informato in rete come cuffia avrei optato per la AKG K702 definita anche "la regina della Classica", differente dal modello precedente solo per la presenza del cavo di collegamento rimovibile ma con lo stesso prezzo. La mia decisione si basa (ma accetto consigli ovviamente se no non mi troverei qui) sulle sue qualità audio analitiche quasi chirurgiche e per il fatto che sia una cuffia dal suono neutro come piace a me (e come a mio avviso dovrebbe essere una cuffia dedicata all'ascolto quasi prevalentemente della classica). Nonostante abbia un impendenza bassa (62 ohm) è una cuffia che richiede oltre ad un buon rodaggio anche di essere pilotata da un ampli con buona potenza e dinamica. E qui veniamo al nocciolo.

Non vorrei spendere tanto al momento (considerando che si è sempre in tempo ad intervenire successivamente) e il mio dilemma di fondo è ampli transistor o valvolare? sono tentato da quest'ultimo e una soluzione low cost ma allo stesso tempo bomba a quanto leggo in rete è il BRAVO AUDIO V2, cinesata di quelle atomiche ma molto interessante per rapporto qualità prezzo e possibilità di ugradarlo con facilità. Come coppia le AKG K702 potrebbe andare bene? qualcuno lo conosce? mi segnalano un suono caldo "valvolare" insomma che ben si sposa con la sonorità della cuffia tedesca. Se no avete altro da consigliare.

51CV4EXJUzL.jpg

A dimenticato il mio lettore cd/sacd/blu-ray è il seguente 

https://www.sony.it/electronics/lettori-blu-ray-disc/uhp-h1

 

Ahaha guarda io proprio ieri ho ordinato K612 pro dopo aver vagliato tra varie altre ipotesi: K701 (bella), K702 (cavo staccabile), K712 (comoda), e varie Beyer.

Ho praticamente girato una decina di siti inglesi, italiani, francesi, tedeschi e polacchi leggendo qualsiasi parere. Non posso aiutarti ma il tuo post mi ha ricordato quante risate a leggere i pareri da "audiofili" che si fanno seghe mentali oscene e senza basi scientifiche. Di fatti in uno dei forum inglesi più popoloso, head-fi, è addirittura bannabile parlare di blind test e di scientificità nelle discussioni generiche. Non mi stupisco, ché se la gente iniziasse a farne chi rimarrebbe a sborsare 1000 euro per l'ennesima revisione di cuffie di 20 anni fa spacciate per nuove solo perché gli hanno aumentato il basso di qualche dB? Da notare che ho anche contattato personalmente AKG e il loro rappresentante italiano ufficiale (kenwood italia) che mi hanno, questi ultimi, esplicitamente scritto che i vari drivers dei vari modelli akg K7 (e probabilmente anche gli altri) sono praticamente gli stessi, semplicementi calibrati in modo da esaltare questa o quella frequenza. Insomma, 90% marketing, 10% audio, 99% fanatismo, 1% di verità scientifica.

E quelli che invece si fanno le seghe con DAC e AMP?  Ho letto di gente affermare esplicitamente che senza un amplificatore da 400-500 euro le AKG non suonano. Però, la cosa più ridicola: chiedo in un forum consiglio di acquisto, specifico necessità e budget (150euro~), mi consigliano di risparmiare "un po' ed acquistare senn 800S che ne costa 1000+. Vabbeh. La verità è che molti di questi prodotti hi-fi sono prodotti in cina dalle stesse ditte che producono i proprio prodotti di sottomarca vendendoli a 1/3 del prezzo: vedi superlux.

E chiedere pareri audiofili in quei posti è inutile in quanto ognuno ti consiglierà ciò che è in loro possesso in modo da auto-confermare le proprie scelte. 

 

Ciò detto mi interesserebbe sapere il tuo parere sul soundstage della K702, io l'avrei voluta prendere apposta per l'ascolto di musica policorale rinascimentale, ma piuttosto risparmio e compro 2 monitor JBL in futuro e faccio sentire Monteverdi fino al palazzo affianco. 

Link al commento
Condividi su altri siti

7 ore fa, Alucard dice:

Ahaha guarda io proprio ieri ho ordinato K612 pro dopo aver vagliato tra varie altre ipotesi: K701 (bella), K702 (cavo staccabile), K712 (comoda), e varie Beyer.

Ho praticamente girato una decina di siti inglesi, italiani, francesi, tedeschi e polacchi leggendo qualsiasi parere. Non posso aiutarti ma il tuo post mi ha ricordato quante risate a leggere i pareri da "audiofili" che si fanno seghe mentali oscene e senza basi scientifiche. Di fatti in uno dei forum inglesi più popoloso, head-fi, è addirittura bannabile parlare di blind test e di scientificità nelle discussioni generiche. Non mi stupisco, ché se la gente iniziasse a farne chi rimarrebbe a sborsare 1000 euro per l'ennesima revisione di cuffie di 20 anni fa spacciate per nuove solo perché gli hanno aumentato il basso di qualche dB? Da notare che ho anche contattato personalmente AKG e il loro rappresentante italiano ufficiale (kenwood italia) che mi hanno, questi ultimi, esplicitamente scritto che i vari drivers dei vari modelli akg K7 (e probabilmente anche gli altri) sono praticamente gli stessi, semplicementi calibrati in modo da esaltare questa o quella frequenza. Insomma, 90% marketing, 10% audio, 99% fanatismo, 1% di verità scientifica.

E quelli che invece si fanno le seghe con DAC e AMP?  Ho letto di gente affermare esplicitamente che senza un amplificatore da 400-500 euro le AKG non suonano. Però, la cosa più ridicola: chiedo in un forum consiglio di acquisto, specifico necessità e budget (150euro~), mi consigliano di risparmiare "un po' ed acquistare senn 800S che ne costa 1000+. Vabbeh. La verità è che molti di questi prodotti hi-fi sono prodotti in cina dalle stesse ditte che producono i proprio prodotti di sottomarca vendendoli a 1/3 del prezzo: vedi superlux.

E chiedere pareri audiofili in quei posti è inutile in quanto ognuno ti consiglierà ciò che è in loro possesso in modo da auto-confermare le proprie scelte. 

 

Ciò detto mi interesserebbe sapere il tuo parere sul soundstage della K702, io l'avrei voluta prendere apposta per l'ascolto di musica policorale rinascimentale, ma piuttosto risparmio e compro 2 monitor JBL in futuro e faccio sentire Monteverdi fino al palazzo affianco. 

Grazie Alu per la risposta approfondita e puntuale anche se non ho capito bene il succo del tuo discorso. In poche parole non serve a niente spendere vagonate di soldi per componenti elettronici? Beh io ritengo che una qualità esista come in tutte le cose di questo mondo e che si paghi poi l'assioma prodotto caro uguale prodotto di valore non è sempre valido ovviamente. Recentemente ho preso il lettore Sony UHP-H1 top di gamma della casa giapponese che legge praticamente ogni disco sul mercato (esclusi i Blu-ray UHD 4K fa solo upscala grazie da DVD e Blu-ray standard), che è certificato Hi-Res e upscala musica mp3 (che non ascolto mai) ma anche CD ad una qualità audio vicina all'alta risoluzione. L'ho pagato qualcosa in più rispetto ai miei lettori del passato ma ti posso assicurare che la differenza si sente non solo ascoltando musica hi-res (che ce n'è ancora poco in giro sul mercato) ma anche con i normali CD, è come sittiporlu ad una ristrutturazione totale. E stiamo parlando di differenze di prezzo sui 100/200 euro figuriamoci quando arriviamo a tre zeri.

Una domanda: come mai hai optato per le AKG K612? Mi interessa conoscere il ragionamento alla base della tua scelta. 

Link al commento
Condividi su altri siti

Guest zeitnote

@Adam84 sottolinea l'aspetto più importante : l'investimento primario va fatto sulla sorgente, origine del segnale e della sua qualità! Inutile far passare il segnale da un ampli valvolare e farlo arrivare a cuffie stellari se è stato prodotto da uno stadio d'uscita audio da quattro soldi dentro un portatile di plastica.

Link al commento
Condividi su altri siti

3 ore fa, Adam84 dice:

Grazie Alu per la risposta approfondita e puntuale anche se non ho capito bene il succo del tuo discorso. In poche parole non serve a niente spendere vagonate di soldi per componenti elettronici? Beh io ritengo che una qualità esista come in tutte le cose di questo mondo e che si paghi poi l'assioma prodotto caro uguale prodotto di valore non è sempre valido ovviamente. Recentemente ho preso il lettore Sony UHP-H1 top di gamma della casa giapponese che legge praticamente ogni disco sul mercato (esclusi i Blu-ray UHD 4K fa solo upscala grazie da DVD e Blu-ray standard), che è certificato Hi-Res e upscala musica mp3 (che non ascolto mai) ma anche CD ad una qualità audio vicina all'alta risoluzione. L'ho pagato qualcosa in più rispetto ai miei lettori del passato ma ti posso assicurare che la differenza si sente non solo ascoltando musica hi-res (che ce n'è ancora poco in giro sul mercato) ma anche con i normali CD, è come sittiporlu ad una ristrutturazione totale. E stiamo parlando di differenze di prezzo sui 100/200 euro figuriamoci quando arriviamo a tre zeri.

Una domanda: come mai hai optato per le AKG K612? Mi interessa conoscere il ragionamento alla base della tua scelta. 

Che nel mondo audiofilo c'è tanta fuffa. La qualità esiste ovunque ma spendere di più non ti dà necessariamente il meglio, ma solo qualcosa di diverso. Le K712 pro per esempio sono = alle altre K ma con +3dB basso e pad diversi. Si tratta effettivamente di pagare 2 volte il prezzo di una K702 per un re-styling estetico. Ci sono tanti fattori esterni che influenzano le nostre percezioni ma la verità è che in un blind test è impossible differenziare un 24bit/192 da un normale CD 16/44 a parità di mastering. Eppure c'è chi paga 2000 euro per un DAC 32/384. Comprendo più spendere tanto per impianti di altoparlanti perché quelli sì sono complicati.

http://www.head-fi.org/t/415361/24bit-vs-16bit-the-myth-exploded

Nel tuo caso hai scelto un valvolare e anche lì paghi effettivamente per un suono colorato, insomma per preferenze qualitative relative non assolute. Ma un concerto dal vivo suona come se fosse filtrato da un valvolare? 

 

Le K612 sono la versione economica delle K712, praticamente la stessa risposta in frequenza salvo le alte apparentemente meno enfatizzate.

http://www.innerfidelity.com/images/AKGK612.pdf

http://www.innerfidelity.com/images/AKGK712.pdf

Insomma, secondo me, se paghi qualcosa in più per una riproduzione effettiva (leggi scientificamente) più FEDELE (non colorata in alto o basso o medie o altro) comprendo, pagare 1000 euro per un dac/amp più "caldo" e poi scrivere che è meglio è ridicolo, è come se io dicessi che la pizza con lo zucchero è meglio perché mi piace di più.

Ci sarebbe anche da discutere sull'uso degli EQ. Non ha senso cambiare cuffie se puoi, spesso, ottenere gli stessi risultati equalizzando. In fondo i tecnici del suono equalizzano eccome.

 

Link al commento
Condividi su altri siti

3 ore fa, Alucard dice:

Che nel mondo audiofilo c'è tanta fuffa. La qualità esiste ovunque ma spendere di più non ti dà necessariamente il meglio, ma solo qualcosa di diverso. Le K712 pro per esempio sono = alle altre K ma con +3dB basso e pad diversi. Si tratta effettivamente di pagare 2 volte il prezzo di una K702 per un re-styling estetico. Ci sono tanti fattori esterni che influenzano le nostre percezioni ma la verità è che in un blind test è impossible differenziare un 24bit/192 da un normale CD 16/44 a parità di mastering. Eppure c'è chi paga 2000 euro per un DAC 32/384. Comprendo più spendere tanto per impianti di altoparlanti perché quelli sì sono complicati.

http://www.head-fi.org/t/415361/24bit-vs-16bit-the-myth-exploded

Nel tuo caso hai scelto un valvolare e anche lì paghi effettivamente per un suono colorato, insomma per preferenze qualitative relative non assolute. Ma un concerto dal vivo suona come se fosse filtrato da un valvolare? 

 

Le K612 sono la versione economica delle K712, praticamente la stessa risposta in frequenza salvo le alte apparentemente meno enfatizzate.

http://www.innerfidelity.com/images/AKGK612.pdf

http://www.innerfidelity.com/images/AKGK712.pdf

Insomma, secondo me, se paghi qualcosa in più per una riproduzione effettiva (leggi scientificamente) più FEDELE (non colorata in alto o basso o medie o altro) comprendo, pagare 1000 euro per un dac/amp più "caldo" e poi scrivere che è meglio è ridicolo, è come se io dicessi che la pizza con lo zucchero è meglio perché mi piace di più.

Ci sarebbe anche da discutere sull'uso degli EQ. Non ha senso cambiare cuffie se puoi, spesso, ottenere gli stessi risultati equalizzando. In fondo i tecnici del suono equalizzano eccome.

 

Io parlavo di un valvolare da 60 euro non da mille se non dovesse piacermi il suono lo potrei cambiare senza problema e senza troppe remore e poi chiedevo se aveste alternative da propormi proprio perché sono tutt'altro che sicuro.

Per quanto riguarda l'alta risoluzione io sento eccome la differenza. Tu con che cosa piloti le tue K612?

Le Philips Fidelio x2 invece come vi sembrano avete feedback?

Link al commento
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Condividi

  • Chi sta navigando   0 utenti

    • Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy