Vai al contenuto
enza

La prova delle tre ore

Recommended Posts

Scusate se non è proprio la discussione giusta,ma vi siete mai esercitati,prima dell'esame di VIII,per lo studio del pezzo in 3 ore?Se si,su che brani?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Scusate se non è proprio la discussione giusta,ma vi siete mai esercitati,prima dell'esame di VIII,per lo studio del pezzo in 3 ore?Se si,su che brani?

bhe dipende un po dai conservatori....tuttavia 3 ore generalmente sono fin troppe per studiare un pezzettino di media difficoltà...di massimo 2-3 pagine

cmq dipende sempre dai conservatori..... anche la prova a prima vista, può capitare una fesseria di 2 righe come qualcosa presa in prestito da qualche pezzo più o meno noto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Scusate se non è proprio la discussione giusta,ma vi siete mai esercitati,prima dell'esame di VIII,per lo studio del pezzo in 3 ore?Se si,su che brani?

no no, invece la discussione è giustissima, perché l'unica cosa che conta per fare bene la prova delle tre ore è avere una buona prima vista (oltre a saper suonare, ovviamente, ma se uno non lo sa fare non può certo impararlo nei mesi che precedono l'esame :ph34r: e comunque sono sicura che non sia il tuo caso ;) ).

Insomma, leggendo tanto a prima vista inneschi un meccanismo che ti permette di riconoscere quasi istantaneamente le direzioni in cui si deve spostare la mano e le posizioni che deve assumere: questo ti consente di impiegare pochissimo tempo nella lettura del pezzo. Una volta letto da capo a fondo (per sentire il pezzo come fa), fissa subito le diteggiature. Se ti sei esercitata con la prima vista, e in generale se hai suonato tanti pezzi, questa cosa ti verrà semplice, ma scrivi tutto quello che pensi possa esserti d'aiuto e anche qualcosa in più. Dopo le diteggiature inizia ad analizzare il pezzo frase per frase, non dovresti trovare difficoltà tecniche sia perché i pezzi sono generalmente ad un livello di terzo/quarto corso, sia perché ormai dopo Bach e Clementi tecnicamente hai già visto quasi tutto ;)

Alla fine metti il pedale, e scriviti pure questo.

Se ce la fai, impara tutto a memoria: io non sapevo che fosse necessario e di fatto non lo è, ma il non averlo fatto mi ha penalizzato di mezzo voto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
no no, invece la discussione è giustissima, perché l'unica cosa che conta per fare bene la prova delle tre ore è avere una buona prima vista (oltre a saper suonare, ovviamente, ma se uno non lo sa fare non può certo impararlo nei mesi che precedono l'esame :ph34r: e comunque sono sicura che non sia il tuo caso ;) ).

Insomma, leggendo tanto a prima vista inneschi un meccanismo che ti permette di riconoscere quasi istantaneamente le direzioni in cui si deve spostare la mano e le posizioni che deve assumere: questo ti consente di impiegare pochissimo tempo nella lettura del pezzo. Una volta letto da capo a fondo (per sentire il pezzo come fa), fissa subito le diteggiature. Se ti sei esercitata con la prima vista, e in generale se hai suonato tanti pezzi, questa cosa ti verrà semplice, ma scrivi tutto quello che pensi possa esserti d'aiuto e anche qualcosa in più. Dopo le diteggiature inizia ad analizzare il pezzo frase per frase, non dovresti trovare difficoltà tecniche sia perché i pezzi sono generalmente ad un livello di terzo/quarto corso, sia perché ormai dopo Bach e Clementi tecnicamente hai già visto quasi tutto ;)

Alla fine metti il pedale, e scriviti pure questo.

Se ce la fai, impara tutto a memoria: io non sapevo che fosse necessario e di fatto non lo è, ma il non averlo fatto mi ha penalizzato di mezzo voto.

Volevo chiedere una cosa anch'io su questa prova di tre ore: io non sono molto brava a prima vista perché -di contro- ho una buona memoria e studio molto*, quindi non mi trovo mai a dover fare "quasi" a prima vista come capita a tanti miei compagni o comunque in generale a suonare "al volo". Però ho notato che sono decisamente migliorata da quando faccio musica da camera, proprio perché lì invece passano una miriade di pezzi, devo accompagnare qualcuno leggendo alla cavolo -ad accordi soprattutto- e in ogni caso anche il pezzo che suono "ufficialmente" a 4 mani non ho mai tempo di approfondirlo e quindi mi devo decisamente inventare ogni volta qualcosa: è utile? O sarebbe sempre meglio studiare rigorosamente come faccio per i brani che devo portare a lezione? Ho notato che la vista migliora però non posso "limare" e perfezionare niente, ho paura di accumulare vizi o di diventare superficiale quando suono/leggo questi pezzi "satellite".

Se però mi dite che per la prova di tre ore questo tipo di lettura "veloce" può dare qualche frutto, non mi pongo più neppure il problema ;D

*Dopo aver letto due o tre volte una frase in genere è già memorizzata..tranne in Bach dove mi serve un po' più di pratica : O

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per me,la prima vista e lo studio in 3 ore sono due cose distinte,nel senso che,nel secondo caso,si richiede molto di più.Almeno è così con il mio insegnante.Per esempio,ho provato a studiare un brano in circa 2 ore,ma al mio insegnante non stava bene,in primis,la velocità: mentre io ero arrivata a 70 la croma,lui avrebbe voluto 108 la semiminima.Non penso che questo tipo di velocità si possa pretendere a prima vista.Non so se sono stata chiara.Infatti la mia domanda iniziale non era:come suddividete lo studio nelle tre ore,ma bensì se vi siete basati sulle vostra capacità già acquisite con lo studio,o se avete cercato di migliorarle esercitandovi in qualche modo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per quanto mi riguarda mi sono bastate le capacità già acquisite. Nel senso che nello studio che ti danno non c'è quella tecnica trascendentale da costringerti a stare giorni seduto a mani separate con il metronomo tacca per tacca. Il massimo che puoi trovare è qualche passaggio con doppie terze o doppie seste, qualche volatina, qualche scaletta....e al massimo la sinistra zompetta un pò....ma proprio ad essere cattivi.

Poi è ovvio se uno non ha mai visto una scala, non ha mai fatto seriamente le ottave, gli arpeggi e tutto il resto

metterseli a studiare in quel frangente può essere impegnativo. D'altronde lo studio tecnico puro serve proprio per diminuire le noiosissime ore di studio tecnico di un passaggio specifico e simili.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Volevo chiedere una cosa anch'io su questa prova di tre ore: io non sono molto brava a prima vista perché -di contro- ho una buona memoria e studio molto*, quindi non mi trovo mai a dover fare "quasi" a prima vista come capita a tanti miei compagni o comunque in generale a suonare "al volo". Però ho notato che sono decisamente migliorata da quando faccio musica da camera, proprio perché lì invece passano una miriade di pezzi, devo accompagnare qualcuno leggendo alla cavolo -ad accordi soprattutto- e in ogni caso anche il pezzo che suono "ufficialmente" a 4 mani non ho mai tempo di approfondirlo e quindi mi devo decisamente inventare ogni volta qualcosa: è utile? O sarebbe sempre meglio studiare rigorosamente come faccio per i brani che devo portare a lezione? Ho notato che la vista migliora però non posso "limare" e perfezionare niente, ho paura di accumulare vizi o di diventare superficiale quando suono/leggo questi pezzi "satellite".

Se però mi dite che per la prova di tre ore questo tipo di lettura "veloce" può dare qualche frutto, non mi pongo più neppure il problema ;D

la prova delle tre ore non è una prova di lettura, per cui se leggi velocemente buon per te ;) , ma oltre alla lettura ci vuole un certo grado di profondità. Non penso che i pezzi che "passano" a musica da camera facciano danni, perché l'importante è che tu sappia che pesci prendere quando hai un pezzo nuovo davanti. Non devi fare null'altro che desumere le regoline base dalla tua esperienza (un po' quello che scrivevo prima) e applicarle tutte per arrivare in tre ore alla risoluzione del busillis :D

Comunque tre ore sono tantissime, io sono entrata in aula con due panini al tonno e relativa acqua, e una Settimana Enigmistica che mi ha tenuto compagnia nell'ora e mezza in cui non ho suonato. I pezzi sono facilissimi, poco più di una sonatina di Clementi, per me è stata una delle prove più semplici e sicuramente quella in cui ho preso il voto più alto. Non so perché, ma molti si fanno prendere dal panico e fanno dei gran pasticci. Molti dei ragazzi che hanno fatto l'ottavo con me sono caduti clamorosamente sulle tre ore, mentre in realtà non è null'altro che una prova che deve dimostrare che hai imparato a studiare in maniera autonoma.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest Fede_Rinhos

chiedo scusa per l'intrusione nella discussione :D

be', io la prova delle tre ore (così come le simulazioni) l'ho affrontata così: è meglio, a parer mio, lasciare perdere la musicalità, il fraseggio e cose varie. L'importante è sbagliare meno note possibile, quindi io all'inizio lo leggo e mi metto le ditteggiature più comode, poi lo eseguo lento, poi sempre più veloce, finché non mi entra. Chiaro che se un passaggio continua a non venire, meglio studiarlo lentamente ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma davvero andrebbe imparato a memoria?!!?!?! cioè se Mirou è stata penalizzata significa che comunque andrebbe fatto no?

Per quanto mi riguarda è quasi impossibile...per mettere qualcosa in memoria in modo decente ho bisogno di diversi giorni, e non importa per quanto tempo studio. Inoltre più il pezzo è facile e più mi è difficile imparare a memoria: ad esempio sapevo già a memoria le prime pagine dello studio 11 di chopin dopo un paio di settimane, e invece sono 3 mesi che suono brahms in tutte le salse e non ricordo oltre le prime 2 righe.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

io per esercitarmi mi comprai il libro di longo, che si chiama "preoarazione del pezzo in 3 ore".

può essere utile perchè da molti consigli e va da un repertorio (ovviamente i pezzi sn scritti da Longo) barocco a post romantico.

ps cmq è una prova alla quale è facile prendere dieci, in quanto il pezzo nn presenterà particolarì difficoltà, specialmente dopo aver letto ben 55 pezzi!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ma davvero andrebbe imparato a memoria?!!?!?! cioè se Mirou è stata penalizzata significa che comunque andrebbe fatto no?

Per quanto mi riguarda è quasi impossibile...per mettere qualcosa in memoria in modo decente ho bisogno di diversi giorni, e non importa per quanto tempo studio. Inoltre più il pezzo è facile e più mi è difficile imparare a memoria: ad esempio sapevo già a memoria le prime pagine dello studio 11 di chopin dopo un paio di settimane, e invece sono 3 mesi che suono brahms in tutte le salse e non ricordo oltre le prime 2 righe.

Guarda io al pezzo in tre ore ho avuto 9,50. Alla fine dell'esame sono andata dal presidente di commissione a chiedere che mi spiegasse i voti delle diverse prove (il mio prof era in ospedale perché era stato investito due settimane prima dell'ottavo :ph34r: ) e arrivando alla prova delle tre ore il Presidente mi ha detto: "guarda, era fatto veramente molto bene... per il 10 mancava solo la memoria".

Più chiaro di così....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guarda io al pezzo in tre ore ho avuto 9,50. Alla fine dell'esame sono andata dal presidente di commissione a chiedere che mi spiegasse i voti delle diverse prove (il mio prof era in ospedale perché era stato investito due settimane prima dell'ottavo :ph34r: ) e arrivando alla prova delle tre ore il Presidente mi ha detto: "guarda, era fatto veramente molto bene... per il 10 mancava solo la memoria".

Più chiaro di così....

vabbè diciamo che ti hanno scorzata che è meglio.. :scratch_one-s_head: ..io ho preso 10 senza memoria.... :to_pick_ones_nose2:

però ho fatto a memoria la prima vista °_°

.... mi avevano dato la prima pagina della parafrasi dal rigoletto.... caso ha voluto che l'avevo studiato abbastanza bene qualche mese prima °_°

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
vabbè diciamo che ti hanno scorzata che è meglio.. :scratch_one-s_head: ..io ho preso 10 senza memoria.... :to_pick_ones_nose2:

però ho fatto a memoria la prima vista °_°

.... mi avevano dato la prima pagina della parafrasi dal rigoletto.... caso ha voluto che l'avevo studiato abbastanza bene qualche mese prima °_°

vabbè, ma la prima vista non ha il voto :to_pick_ones_nose2:

(e che significa "scorzare"? :ph34r: )

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
vabbè, ma la prima vista non ha il voto :to_pick_ones_nose2:

(e che significa "scorzare"? :ph34r: )

come no fa media con le scale...

scozare è un termine hem tecnico per dire hem che ti hanno fregato giusto quel poco che ti avrebbe reso felice °_°

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
come no fa media con le scale...

scozare è un termine hem tecnico per dire hem che ti hanno fregato giusto quel poco che ti avrebbe reso felice °_°

non all'ottavo!

Al quinto c'è il voto per scala e prima vista, mentre all'ottavo le tre prove

  • scala
  • prima vista
  • domande di teoria

rientrano nella Prova di Cultura che non ha voto ma solo l'idoneità o meno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
non all'ottavo!

Al quinto c'è il voto per scala e prima vista, mentre all'ottavo le tre prove

  • scala
  • prima vista
  • domande di teoria

rientrano nella Prova di Cultura che non ha voto ma solo l'idoneità o meno.

mmmmm potrebbe essere, francamente non ricordo...... :to_pick_ones_nose2:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Le prove con voto dell'ottavo sono sette:

  1. Sonata di Beethoven
  2. Pezzo romantico
  3. Pezzo moderno
  4. Sonata di Scarlatti
  5. Studio per il corso medio
  6. Bach e Clementi
  7. Pezzo in tre ore

Tutto il resto è l'idoneità di cui parlavo prima e che, diciamocelo francamente, è solo un pro forma.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ciao a tutti innanzitutto,da quanto tempo!!!

eeee un pò lungo da spiegare perchè non ci son stata comunque son qui :)

niente ci tenevo a commentare a questa discussione perchè mi trovo d'accordo con quasi tutti.

cioè la prova in 3 ore secondo me è una delle prove "piu fattibili" dell'esame.......!

non concordo giusto quando si dice che bisogna pensare solo a fare le note pulite,nel senso che è proprio il contrario di quello che è lo scopo della prova.

in3 ore non si può pretendere di imparare tutte le note bene o comunque permettersi di studiare come si studiano i pezzi di solito...varianti..metronomo...

e secondo me,lo scopo della prova sta proprio nel dimostrare di aver acquisito tali capacità da capire l'intenzione di un pezzo in poco tempo e anche in poche battute..quindi l'interpretazione è la cosa fondamentale secondo me,+ delle note giuste,che,parliamoci chiaro,in genere sono fattibili vista la relativa difficoltà dei pezzi che assegnano.

e sentire uno che fa le note tutte pulite ma non ci mette niente "di proprio" o comunque non rispetta dinamiche e quant'altro lo troverei...inutile!

noi studiamo per 3 lunghi anni pezzi da repertorio come sonate di beethoven o capolavori del romanticismo e tardo romanticismo......e qualcosa dovremmo pur aver imparato...e secondo me tutto ciò è da riflettere in quella prova...

tutto qua.

io non mi preoccupo,proprio come varsavia grazie a musica da camera se vogliamo anche quella "fai da te" nel senso che da 1 paio d'anni mi capita di essere richiesta per accompagnare strumentisti ai saggi,ho sviluppato una migliore capacità di lettura e di sintesi,e proprio come diceva sempre varsavia non avendo sempre tempo per mettersi a studiare bene bene le parti,capita di dover trovare "sul momento" soluzioni interpretative per non rendere il pezzo solo una serie di note in fila...

per cui...l'esercitazione pura e semplice a me sembra quasi ridicola...

è + questione di "esperienza"...

e quella di fa col tempo sia in sensno cronologico sia in senso di "numero"...

nel senso che io prima non sapevo nemmeno cosa voleva dire suonare con un altro strumento...

però "a furia di farlo" diciamo che ho capito almeno "le basi"...

però non l'ho fatto in 20 anni ma...dopo prove e straprove con ogni strumentista...seppure in pochi mesi...

non so se mi spiego!

bacioni!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno a tutti,



si avvicina ormai per me l'esame di ottavo al conservatorio. Qualcuno mi saprebbe dare qualche titolo di possibili brani per la prova in tre ore? Magari quello che è toccato a voi o a vostri amici...Vorrei farmi un'idea della difficoltà e della tipologia della prova.



Grazie


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho unito la tua discussione ad una già esistente che potrebbe esserti utile. Benvenuto! ~♫


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Flaux. Sì avevo già letto questa conversazione scorrendo nell'elenco. Mi interessava più che oltre qualche esempio concreto di pezzo assegnato o assegnabile. La difficoltà è cosa abbastanza soggettiva!


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...