Vai al contenuto
Adso

Buffet Patricola

Recommended Posts

Allora qui si legge in diversi, mi fa piacere.

Mi trovi d'accordo quasi su tutto, in merito alla perfezione però bisogna stare attenti, nel senso che quello che va bene a me può non essere allo stesso livello per te o un altro, quindi la "perfezione" biusogna ritenerla molto soggettiva. Ai miei allievi dico sempre di cercare di fare del loro meglio per avere una buona intonazione a prescindere dallo strumento che hanno, ma lo stesso strumento non risulta uguale suonato da diverse persone, non credete.

Molto fa chi lo suona ma se non si ha una base di partenza buona (lo strumento) bé di strada se ne fa poca, che sia Buffet, Selmer, Yamaha o Patricola.

Io rispetto a loro posso anche dire di riuscire a suonare meglio uno strumento ma se lo strumento mi aiuta in questo credo che alla fine chi ci guadagna alla fine sono io.

Quindi valgono tutte le teorie e tutte le opinioni ma alla fine è il feeling che si trova con lo strumento che conta e sinceramente con i nuovi Patricola non è difficile ottenerlo abbastanza facilmente, questo è il mio umile pensiero che può piacere o no.Provare sempre prima per saperlo.

Ciao

Musicss80

Sono perfettamente d'accordo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

leggo sempre il forum anche se scrivo poco.. rispondendo a maestro io finora non ho mai visto uno strumento professionale dove si debbano correggere tante note.. forse sono stato fortunato.. ma posso solo dire che x suonare intonati bisogna avere un orecchio molto abituato.. l'accordatore serve solo a darci una regolata..faccio un esempio: se andiamo a suonare in Austria o Germania ci troveremmo tutti in difficoltà.. le loro orchestre hanno un pitch molto alto.. suonano quasi a 444..mentre gli americani sono intorno ai 440..mica possiamo ogni volta allungare o accorciare i nostri clarinetti..

comunque tutta questa disputa che c'è stata non ha portato a nulla di concreto.. xkè ognuno di noi conosce molti modi x suonare intonati sia con le posizioni standard sia con quelle di ripiego.. ripeto non ho ancora provato i Patricola ma molti amci che ne sono in possesso me ne hanno parlato molto bene..x quanto riguarda i buffet concordo con chi dice che l produzione degli ultimi tempi è qualitativamente scesa ma rimane pur sempre un ottimo strumento.. forse questo è solo dovuto alla troppa richiesta che hanno..

aggiungo che forse dovremmo un pò tutti rimetterci in gioco e cercare di sfruttare al max gli strumenti che abbamo tra le mani.. forse vogliamo tutto e subito ma in musica questo non è possibile.. non si deve mai smettre di studiare e sperimentare..cercare nuove soluzioni musicali e d'interpretazione..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
leggo sempre il forum anche se scrivo poco.. rispondendo a maestro io finora non ho mai visto uno strumento professionale dove si debbano correggere tante note.. forse sono stato fortunato.. ma posso solo dire che x suonare intonati bisogna avere un orecchio molto abituato.. l'accordatore serve solo a darci una regolata..faccio un esempio: se andiamo a suonare in Austria o Germania ci troveremmo tutti in difficoltà.. le loro orchestre hanno un pitch molto alto.. suonano quasi a 444..mentre gli americani sono intorno ai 440..mica possiamo ogni volta allungare o accorciare i nostri clarinetti..

comunque tutta questa disputa che c'è stata non ha portato a nulla di concreto.. xkè ognuno di noi conosce molti modi x suonare intonati sia con le posizioni standard sia con quelle di ripiego.. ripeto non ho ancora provato i Patricola ma molti amci che ne sono in possesso me ne hanno parlato molto bene..x quanto riguarda i buffet concordo con chi dice che l produzione degli ultimi tempi è qualitativamente scesa ma rimane pur sempre un ottimo strumento.. forse questo è solo dovuto alla troppa richiesta che hanno..

aggiungo che forse dovremmo un pò tutti rimetterci in gioco e cercare di sfruttare al max gli strumenti che abbamo tra le mani.. forse vogliamo tutto e subito ma in musica questo non è possibile.. non si deve mai smettre di studiare e sperimentare..cercare nuove soluzioni musicali e d'interpretazione..

Qui nessuno ha detto che la Buffet produce strumenti di scarsa qualità, però messi a confronto con un Patricola la differenza è notevole, questo almeno se si prende in considerazione la produzione intera e non solo gli strumenti scelti.

E' chiaro che tra un buon Buffet scelto tra tanti e un Patricola le differenze non sono poi così accentuate, ma se prendiamo in considerazione l'intera produzione di clarinetti Patricola e quella dei soli Tosca non penso proprio che le percentuali sarebbero a favore della Buffet, perchè non c'è la stessa omogeneità nella produzione. Se si provano 10 Tosca non se ne troverà uno uguale all'altro, se si provano 10 Patricola invece le differenze riscontrate tra uno strumento e l'altro saranno insignificanti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Qui nessuno ha detto che la Buffet produce strumenti di scarsa qualità, però messi a confronto con un Patricola la differenza è notevole, questo almeno se si prende in considerazione la produzione intera e non solo gli strumenti scelti.

E' chiaro che tra un buon Buffet scelto tra tanti e un Patricola le differenze non sono poi così accentuate, ma se prendiamo in considerazione l'intera produzione di clarinetti Patricola e quella dei soli Tosca non penso proprio che le percentuali sarebbero a favore della Buffet, perchè non c'è la stessa omogeneità nella produzione. Se si provano 10 Tosca non se ne troverà uno uguale all'altro, se si provano 10 Patricola invece le differenze riscontrate tra uno strumento e l'altro saranno insignificanti.

ciao a tutti

io non ce l'ho un Patricola,né l'acquisto sarebbe giustificato.....mi piacerebbe provarlo,per sentire la differenza con i clarinetti che ho io e che tutti insieme non raggiungono il valore di un virtuoso(valore in euro,intendo)....quando capiterà vi dirò che penso( vedo che attendete con malcelata ansia).

una cosa per l'intonazione ,però, la voglio dire: Mi sono accorto,registrandomi fin dalle prime prove con uno strumento,che anche dei clarinetti particolarmente ostici quali il piccolo Mib e quello più tremendo in Lab,piano piano ,col tempo, si addomesticano un pò eppure non mi pare di fare niente per aggiustare l'intonazione,come se s'aggiustasse da sé; so che questo non è possibile,si vede che,pur senza accorgermi ,qualcosa faccio....voglio con questo dire che se(probabilmente )passassi dal mio Rampone in Lab ,inizialmente stonato come una capretta tibetana,

ad uno strumento perfettamente intonato potrei portarmi dietro per i primi tempi,queste correzioni involontarie che faccio facendo andare fuori rotta uno strumento magari fantasticamente "afinado".

Tutto questo nella piena consapevolezza che strumenti perfetti non ve ne siano e d'aver fatto ,per oggi,abbastanza confusione

un caro saluto a tutti

:to_become_senile:

il nero

il nero

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve a tutti. Io andrò questo sabato ad acquistare un Praticola e non vedo l'ora di provarlo.

Bene!Pare che nel forum la famiglia dei Patricolisti si stia allargando a macchia d'olio e non solo sul forum, ho saputo proprio ieri che nell' orchestra di Lisbona il primo clarinetto ha una coppia di clarinetti come i miei (in rosewood) e anche nell'orchestra degli emirati arabi è sbarcata una bella coppia di "Virtuoso" in ebano. Mi raccomando appena tornerai a casa con il tuo nuovo strumento posta le tue impressioni e sopratutto facci sapere se hai scelto lo strumento in rosewood o in ebano.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Eccomi, ho acquistato ieri pomeriggio il Patricola CL2 Virtuoso SIb, ebbene dopo averne provato ben 6 in Ebano e 1 in Rosewood ho preso la mia decisione ed ho scelto l'Ebano. Ho fatto questa scelta perchè non essendo un professionista e suonando da 25 anni in una banda ho preferito la potenza di emissione dell'Ebano. Mi piace la facilità di emissione di questo strumento e il suo suono scuro. Ultimamente suono (Anzi da oggi "suonavo")con un Buffet E13L con bocchino B40 e ultimamente B40 Lira. Ma stamani con il Patricola e barilotto B3 ho voluto provare un becco B45 punto e devo dire che ho ottenuto un timbro fantastico da "lirica" diciamo e un suono ancora più scuro. Devo dire che i fratelli Patricola mi hanno anche aiutato molto nella scelta e ho seguito anche i loro consigli. Considerazione finale... ebbene ho subito instaurato un ottimo feeling con questo CLARINETTO, lo sento mio...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy