Vai al contenuto
Pacific231

Cosa state ascoltando di..Jazz?

Recommended Posts

6 ore fa, Nitriero Cavalleone dice:

Nemmeno io sapevo molto di lui, lo conoscevo di nome o poco più. Credo che valga la pena di approfondire qualcosa, data la sua versatilità. Quel pezzo che hai postato è molto interessante, e pare che il relativo cd, pieno di ospiti illustri e variamente ispirato, contenga diversi altri spunti degni di nota. Tra l'altro è considerato uno dei suoi dischi migliori, se non il migliore in assoluto in ambito jazzistico.

Sicuramente. Credo che in Francia sia una sorta di istituzione al pari di Martial Solal, altro musicista che apprezzo molto e del quale ho alcune incisioni. 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ancora in Francia con il grande Michel Legrand, musicista un po' sottovalutato, da una bella ristampa della collana Jazz in Paris:

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Oggi ho trovato, ad un prezzo irrisorio, una copia fisica dello splendido Jazz At The Pawnshop vol. 2 di Arne Domnérus. Con quest'arietta fresca che ha ripreso a soffiare in questi giorni, un saltino in atmosfera svedese ci sta tutto... :)

Ne avevamo già accennato quindi non mi dilungo. Ora mi manca il primo volume... la ricerca continua.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Nitriero Cavalleone dice:

Oggi ho trovato, ad un prezzo irrisorio, una copia fisica dello splendido Jazz At The Pawnshop vol. 2 di Arne Domnérus. Con quest'arietta fresca che ha ripreso a soffiare in questi giorni, un saltino in atmosfera svedese ci sta tutto... :)

Ne avevamo già accennato quindi non mi dilungo. Ora mi manca il primo volume... la ricerca continua.

Mi ricordo di questi volumi che vantano un'ottima resa sonora oltre al buon valore artistico del contenuto. 

In questo momento, sono in pausa di acquisto, in attesa di recarmi in un posto dove ho già adocchiato uno o due pregevoli negozi per qualche chicca di non facile reperibilità.

Non sono in pausa di ascolti, naturalmente. ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Le radici di Kamasi Washington...;)

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao. Si prega di aiutare a scoprire che canzone qui suona? L'inizio della canzone con 1:00:48

Mi dispiace per il tuo italiano si traducono in un translate.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, Valdemaro dice:

Ciao. Si prega di aiutare a scoprire che canzone qui suona? L'inizio della canzone con 1:00:48

Mi dispiace per il tuo italiano si traducono in un translate.

 

E' la mitica Il Giovanotto Matto del grande Ernesto Bonino, uno dei pionieri dello swing in Italia:

:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
11 ore fa, Nitriero Cavalleone dice:

E' la mitica Il Giovanotto Matto del grande Ernesto Bonino, uno dei pionieri dello swing in Italia:

:)

Grazie mille! :bye:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

...e che mi sono appena acceso un sigaro caraibico.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ultimamente sono stato assente dal forum e dall'ascolto della musica classica. In compenso ho un po' ripreso altri ascolti, tra cui, complice l'estate, la mia amata musica brasiliana che in fondo è sempre un po' jazz.
Sono andato a riascoltarmi gli immensi Stan Getz e Joao Gilberto, Astrud Gilberto (una voce semplice, imperfetta, infantile, spontanea, dolcissima che non smette mai di stupirmi e di affascinarmi), Vinicius e Toquinho (un maestro della chitarra che continua ad essere stranamente ed ingiustamente sottovalutato), e i più sperimentali Vinicius Cantuaria, Egberto Gismonti, Nana Vasconcelos  e Ivo Perelman.
Durante tutte queste peregrinazioni, fatte di ascolti dei miei dischi ma anche di svisate improvvise sul Tubo, mi sono imbattuto in questa chicca di cui non avevo mai sentito parlare:

Un disco breve e fulminante, da quel che leggo anche (purtroppo) abbastanza raro, pubblicato nel 1975 da un trio piuttosto interessante. Merita un ascolto, anche perché è abbastanza breve e accessibile anche a chi non è molto dentro questi suoni meravigliosi,  sempre in bilico tra arcaicità e sperimentazione come forse solo la musica brasiliana sa essere.
La formazione:
Berimbau, Voice, Percussion – Naná Vasconcelos Contrabass, Guitar, Piano, Voice – Novelli Guitar, Organ, Voice – Nelson Angelo

Impreziosito anche dalla stupenda copertina di Folon ^_^

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Di Astrud non posto i classici, essendo ben noti a tutti. Ho trovato interessante il confronto tra una sua esecuzione "pop" di questa canzone e la versione più sperimentale di Ivo Perelman. I titoli sono diversi (nella versione della Gilberto il titolo richiama il ritornello) ma il brano è lo stesso:

Peccato che non sia disponibile sul Tubo la versione tratta dall'album "Ivo", capolavoro di Perelman (infatti in questo live, tronco dell'inizio, manca l'esposizione del tema, ripreso verso la fine) , ma anche questa versione rende bene l'idea. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nel parlare di Toquinho chitarrista sottovalutato, mi riferisco soprattutto a dischi come questo:

(purtroppo non riesco più a postare le playlist, ma l'album è disponibile sul Tubo per intero) ;)

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

..belli i classici, però... sto ascoltando da un paio di giorni questo:

cover-10.jpg

 

E' un disco live in via di pubblicazione, non ancora presente nei vari Spotify, Qobuz, ecc. ma disponibile al download solo sul sito dell'autore (alessandrodanna.com), ovviamente nella versione hires 24/96.
Eseguito da giovani di talento, reinterpreta famosi standard jazz (McCoy Tyner, Wayne Shorter, Monk, ecc.).
Godibilissimo dal punto di vista artistico.... ma la vera sorpresa è la registrazione.
Ormai convinto che nulla avrebbe ormai potuto stupirmi sul fronte della qualità tecnica in sala di incisione, ho trovato questo disco forse unico da questo punto di vista.
Posizionamento degli strumenti ben focalizzata e timbrica di questi estremamente reale. Chi segue i concerti dal vivo sa di cosa parlo.
Contrabbasso, piano elettrico, chitarra e batteria riprodotti alla perfezione, ma la cosa ancor più straordinaria e che questa qualità è replicabile su qualsiasi catena hifi, quindi indipendente da questa.
Da quando ascolto questo disco è come se avessi effettuato un upgrade dell'impianto, e proprio per questa ragione lo consiglio a coloro che effettuano dimostrazioni o devono vendere la propria catena hifi:  presentatelo con questo disco, il potenziale acquirente non avrà dubbi sulla qualità di quello che gli state proponendo.

Mi scuso per i toni per qualcuno esagerati, ma in 40 anni d'ascolti ho sfiorato pochissime volte simile qualità.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Stamattina mi sono svegliato con questa in testa. Avete presente quelle "musiche del risveglio" che poi vi perseguitano per tutta la giornata? :lol:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×