Vai al contenuto

FLAUTO NUOVO


clod
 Condividi

Recommended Posts

Settimana scorsa ho provato i seguenti flauti all silver:

1)Powell con testata solist (stesso flauto che usa Trevisani)cosi mi ha detto il rivenditore(Io sapevo Muramatzu 18kt).

2)Pearl Cantabile

3)F M C

4)Miyazawa 1SS RHE MZ-9 light 0,38

5)Miyazawa 2SS RHE MZ-9Heavy0.45

&)Muramatzu DS RHE 0,42

Il primo che ho escluso,il FMC,era difettato,cosa che neanche il rivenditore se ne era accorto,vabbè.

Poi il pearl,bel suono da subito ma non avrebbe reso dopo.Il powell non mi sono trovato con la testata,e la meccanica,ma non ho un giudizio definitivo,cmq lo escludo.

Sono indeciso tra i due miyazawa piu x quello light bel suno su tutti i 3 registri,e il Muramatzu ottimo flauto anche se molti lo sconsigliano x la scarsa meccanica.

Dovro ancosa provare i Gosse.spero mi vada bene.......e di non pentirmi in futuro sulla scelta.

Link al commento
Condividi su altri siti

  • Risposte 97
  • Creato
  • Ultima Risposta

Top utenti di questa discussione

Top utenti di questa discussione

Settimana scorsa ho provato i seguenti flauti all silver:

1)Powell con testata solist (stesso flauto che usa Trevisani)cosi mi ha detto il rivenditore(Io sapevo Muramatzu 18kt).

2)Pearl Cantabile

3)F M C

4)Miyazawa 1SS RHE MZ-9 light 0,38

5)Miyazawa 2SS RHE MZ-9Heavy0.45

&)Muramatzu DS RHE 0,42

Il primo che ho escluso,il FMC,era difettato,cosa che neanche il rivenditore se ne era accorto,vabbè.

Poi il pearl,bel suono da subito ma non avrebbe reso dopo.Il powell non mi sono trovato con la testata,e la meccanica,ma non ho un giudizio definitivo,cmq lo escludo.

Sono indeciso tra i due miyazawa piu x quello light bel suno su tutti i 3 registri,e il Muramatzu ottimo flauto anche se molti lo sconsigliano x la scarsa meccanica.

Dovro ancosa provare i Gosse.spero mi vada bene.......e di non pentirmi in futuro sulla scelta.

Nel valutare i flauti considera anche la meccanica. I nuovi Muramatsu montano delle viti-perno in acciaio brunito che, con il tempo tendono a ossidarsi bloccando la meccanica. Basta dare un'occhiata alle viti. Se vedi che la 'testa' della vite è di colore bluastro, vuol dire che è di acciaio brunito. Ora, non tutte le viti-perno si ossidano facilmente -dipende dall'umidità, la sudorazione etc. etc.- ma quelle che montavano gli stessi Muramatsu, un tempo, erano di acciaio inossidabile e offrivano delle garanzie maggiori. Perche la Mura ha fatto questo cambiamento? Perché la lavorazione dell'acciaio inossidabile è più difficile e dispendiosa. In sostanza, la nuova politica di Aoki della Muramatsu punta alla vendita di un prodotto che per lavorazione costa meno ma che, sul mercato, per la fama che ha la ditta, è sempre caro.

Link al commento
Condividi su altri siti

Nel valutare i flauti considera anche la meccanica. I nuovi Muramatsu montano delle viti-perno in acciaio brunito che, con il tempo tendono a ossidarsi bloccando la meccanica. Basta dare un'occhiata alle viti. Se vedi che la 'testa' della vite è di colore bluastro, vuol dire che è di acciaio brunito. Ora, non tutte le viti-perno si ossidano facilmente -dipende dall'umidità, la sudorazione etc. etc.- ma quelle che montavano gli stessi Muramatsu, un tempo, erano di acciaio inossidabile e offrivano delle garanzie maggiori. Perche la Mura ha fatto questo cambiamento? Perché la lavorazione dell'acciaio inossidabile è più difficile e dispendiosa. In sostanza, la nuova politica di Aoki della Muramatsu punta alla vendita di un prodotto che per lavorazione costa meno ma che, sul mercato, per la fama che ha la ditta, è sempre caro.

Il rivenditore ha detto che quei flauti "difettati" non vengono piu' fabbricati.Quello era un numero di serie 72000.....

Quindi il rapporto qualita-prezzo,meglio i miyazawa???

Link al commento
Condividi su altri siti

Perche la Mura ha fatto questo cambiamento?

Ciao sapphire. Come al solito intervengo su di una piccola curiosità.

Un tempo i Muramatsu, almeno in alcuni Conservatori erano tutt'altro che stimati.

G. Tassinari ha strarotto le balle ad un mio amico che aveva un professionale ina rgento perchè lo cambiasse per il diploma.

Al tempo, almeno a Milano, andavano di moda gli heynes.

LA domanda è: solo moda?

Sicuramente progressi e mancati progressi tecnici ci sono stati, di qui e di la.

Ma non pensi che anche la moda influenzi molto il successo di un marchio?

ciao

Link al commento
Condividi su altri siti

Ciao sapphire. Come al solito intervengo su di una piccola curiosità.

Un tempo i Muramatsu, almeno in alcuni Conservatori erano tutt'altro che stimati.

G. Tassinari ha strarotto le balle ad un mio amico che aveva un professionale ina rgento perchè lo cambiasse per il diploma.

Al tempo, almeno a Milano, andavano di moda gli heynes.

LA domanda è: solo moda?

Sicuramente progressi e mancati progressi tecnici ci sono stati, di qui e di la.

Ma non pensi che anche la moda influenzi molto il successo di un marchio?

ciao

Certamente che lo influenza. Un tempo andavano di moda i flauti dal timbro abbastanza scuro: gli Hammig, come quello di Gazzelloni. Gli Haynes perché lo suonava Rampal ebbero anche un grande successo da parte dei flautisti. Io suono su un K&F in argento 997 e mi citrovo benissimo. Prima suonavo su un Muramatsu SR molto bello, prima ancora su un Muramatsu AD e prima prima ancora, quando decisi di cambiare il mio Yamaha perché era arrivato di cottura, su un Muramatsu R80 che era l'antenato del GX (corpo in argento e meccanica argentata). I flautisti si affezionano anche alle marche e sono 'conservatori'. A prescindere dal suono, per il quale ognuno ha i suoi gusti, io oramai pretendo, dallo strumento una resa meccanica soddisfacente. Prediligo le meccaniche senza viti di registrazione e caminetti saldati. Per la cronaca: la bellissima meccanica senza viti di registrazione, la Muramatsu la montava solo su strumenti altamente professionali: il DN e l'SR (pur con qualche differenza) in argento e sul 14KT. L'SR in argento è l'unico strumento che monta caminetti saldati, un tempo li montava anche il 14kt. Adesso le meccaniche Muramatsu sono, essenzialmente tutte uguali. Quella del DS è uguale a quella del 24kt.

Link al commento
Condividi su altri siti

Il rivenditore ha detto che quei flauti "difettati" non vengono piu' fabbricati.Quello era un numero di serie 72000.....

Quindi il rapporto qualita-prezzo,meglio i miyazawa???

Io credo che i Myazawa abbiano raggiunto un ottimo livello di costruzione. Un tempo erano strumenti molto leggeri e sbrazzini, adesso la scelta è più ampia. Io ne ho provato uno e mi è piaciuto molto: un 14kt.

Link al commento
Condividi su altri siti

Io credo che i Myazawa abbiano raggiunto un ottimo livello di costruzione. Un tempo erano strumenti molto leggeri e sbrazzini, adesso la scelta è più ampia. Io ne ho provato uno e mi è piaciuto molto: un 14kt.

Il light è leggero con un suono molto caldo e chiaro,infatti,credo andro su quello.

L'Heavy lo trovo con un suono,scuro,non so.

:mellow:

Link al commento
Condividi su altri siti

Per la cronaca: la bellissima meccanica senza viti di registrazione, la Muramatsu la montava solo su strumenti altamente professionali: il DN e l'SR (pur con qualche differenza) in argento e sul 14KT. L'SR in argento è l'unico strumento che monta caminetti saldati, un tempo li montava anche il 14kt. Adesso le meccaniche Muramatsu sono, essenzialmente tutte uguali. Quella del DS è uguale a quella del 24kt.

Aggiungo anche che, nel listino Muramatsu non c'è più un solo modello di flauto d'oro con caminetti saldati.

Link al commento
Condividi su altri siti

Incredibile,ho comprato un flauto senza conoscere tutte queste cose!Alla fine mi sono affidato solo al suono e ho preso un Muramatsu ds discendente al si perchè aveva i suoni acuti molto caldi.Vi sembra una buona scelta,almeno per uno studente?

Come puoi aver notato, io ho criticato i Muramatsu da un punto di vista costruttivo-meccanico e sono molto critico sulle scelte della famosa ditta giapponese. Il suono dei Muramatsu è comunque bello e sono sicuro che ti trovi bene con quello strumento. Per uno studente poi, è sempre un flauto da professionisti solo che, a mio avviso, dal punto di vista della manutenzione, necessita di maggior cura. Le aste in acciaio brunito o acciaio brunito dorato, necessitano di una più frequente oliatura e pulizia. Per il resto durerà anni.

PS Sempre per la cronaca. L'oliatura nei vecchi flauti Muramatsu non era necessaria. Erano infatti strumenti costruiti senza che essa fosse prevista. Il mio primo Muramatsu poi, ha avuto bisogno di una revisione meccanica dopo 6 anni e, il famoso riparatore rimase felicemente stupito di quanto tempo durassero i tamponi originali Muramatsu. Il mio ultimo Muramatsu: un SR, classificato come il top dei flauti in argento, necessitava invece, annualmente della pulizia delle aste che, a causa del posto umido dove vivo e di una sudorazione molto acida (ma ce l'ho sempre avuta) e per il fatto di essere di acciaio brunito, si ossidavano facilmente con conseguenti blocchi o rallentamenti di chiavi.

Link al commento
Condividi su altri siti

I nuovi Muramatsu non li conosco personalmente, ma vi posso garantire che quelli un po' datati hanno una meccanica favolosa! Io ne uso uno dell'80 e quando l'ho comprato il mio riparatore ha dovuto solo ritamponarlo!!! Dopo vent'anni di utilizzo! Tra l'altro dopo qualche mese ho dovuto cambiare il tappo di sughero che, con mio grandissimo stupore, ERA ANCORA QUELLO ORIGINALE... Un tappo di sughero che dura vent'anni! Quel flauto lo aaaaaaaaaaaaaamoooooooooooooo...

Link al commento
Condividi su altri siti

I nuovi Muramatsu non li conosco personalmente, ma vi posso garantire che quelli un po' datati hanno una meccanica favolosa! Io ne uso uno dell'80 e quando l'ho comprato il mio riparatore ha dovuto solo ritamponarlo!!! Dopo vent'anni di utilizzo! Tra l'altro dopo qualche mese ho dovuto cambiare il tappo di sughero che, con mio grandissimo stupore, ERA ANCORA QUELLO ORIGINALE... Un tappo di sughero che dura vent'anni! Quel flauto lo aaaaaaaaaaaaaamoooooooooooooo...

condivido in pieno. Un tempo la meccanica Muramatsu era straordinaria.

Link al commento
Condividi su altri siti

Guest Joachim
Nel valutare i flauti considera anche la meccanica. I nuovi Muramatsu montano delle viti-perno in acciaio brunito che, con il tempo tendono a ossidarsi bloccando la meccanica. Basta dare un'occhiata alle viti. Se vedi che la 'testa' della vite è di colore bluastro, vuol dire che è di acciaio brunito. Ora, non tutte le viti-perno si ossidano facilmente -dipende dall'umidità, la sudorazione etc. etc.- ma quelle che montavano gli stessi Muramatsu, un tempo, erano di acciaio inossidabile e offrivano delle garanzie maggiori. Perche la Mura ha fatto questo cambiamento? Perché la lavorazione dell'acciaio inossidabile è più difficile e dispendiosa. In sostanza, la nuova politica di Aoki della Muramatsu punta alla vendita di un prodotto che per lavorazione costa meno ma che, sul mercato, per la fama che ha la ditta, è sempre caro.

Come puoi aver notato, io ho criticato i Muramatsu da un punto di vista costruttivo-meccanico e sono molto critico sulle scelte della famosa ditta giapponese. Il suono dei Muramatsu è comunque bello e sono sicuro che ti trovi bene con quello strumento. Per uno studente poi, è sempre un flauto da professionisti solo che, a mio avviso, dal punto di vista della manutenzione, necessita di maggior cura. Le aste in acciaio brunito o acciaio brunito dorato, necessitano di una più frequente oliatura e pulizia. Per il resto durerà anni.

PS Sempre per la cronaca. L'oliatura nei vecchi flauti Muramatsu non era necessaria. Erano infatti strumenti costruiti senza che essa fosse prevista. Il mio primo Muramatsu poi, ha avuto bisogno di una revisione meccanica dopo 6 anni e, il famoso riparatore rimase felicemente stupito di quanto tempo durassero i tamponi originali Muramatsu. Il mio ultimo Muramatsu: un SR, classificato come il top dei flauti in argento, necessitava invece, annualmente della pulizia delle aste che, a causa del posto umido dove vivo e di una sudorazione molto acida (ma ce l'ho sempre avuta) e per il fatto di essere di acciaio brunito, si ossidavano facilmente con conseguenti blocchi o rallentamenti di chiavi.

dunque anche tu ci sei caduto, non immaginavo... il famoso riparatore non ti ha avvertito in tempo?

vogliamo anche spiegare il probabile perchè della doratura sull'acciaio brunito (perchè così per il tempo della garanzia -finchè non si consuma la doratura- non ci sono reclami)?

non so, ho come un déja-vu, come se su tutto questo (modelli/marche di flauti, problemi dei muramatsu...) avessimo già scritto molti post -e pensare che a volte basterebbe consultare l'indice o usare la funzione CERCA prima di aprire un nuovo topic :o

Link al commento
Condividi su altri siti

dunque anche tu ci sei caduto, non immaginavo... il famoso riparatore non ti ha avvertito in tempo?

vogliamo anche spiegare il probabile perchè della doratura sull'acciaio brunito (perchè così per il tempo della garanzia -finchè non si consuma la doratura- non ci sono reclami)?

non so, ho come un déja-vu, come se su tutto questo (modelli/marche di flauti, problemi dei muramatsu...) avessimo già scritto molti post -e pensare che a volte basterebbe consultare l'indice o usare la funzione CERCA prima di aprire un nuovo topic :o

si se ne era già parlato..........eccome!

Comunque i concetti vanno ribaditi,a quanto pare; le informazioni che ho riportato sono poi attendibili perché me le ha fornite Aoki stesso della Muramatsu su mia richiesta.

Link al commento
Condividi su altri siti

dunque anche tu ci sei caduto, non immaginavo... il famoso riparatore non ti ha avvertito in tempo?

vogliamo anche spiegare il probabile perchè della doratura sull'acciaio brunito (perchè così per il tempo della garanzia -finchè non si consuma la doratura- non ci sono reclami)?

non so, ho come un déja-vu, come se su tutto questo (modelli/marche di flauti, problemi dei muramatsu...) avessimo già scritto molti post -e pensare che a volte basterebbe consultare l'indice o usare la funzione CERCA prima di aprire un nuovo topic :o

Ma infatti questo non e un topic per parlare della meccanica Muramatsu, stiamo dicendo queste cose per aiutare un nostro "forum-mate" a scegliere il flauto... Meglio dire le cose che postare un link... no?

Link al commento
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Condividi

  • Chi sta navigando   0 utenti

    • Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy