Vai al contenuto

Ramin Bahrami


fabriz
 Condividi

Recommended Posts

Presso il Teatro Comunale il 26 novembre:

Ramin Barhami

L'arte della fuga di Johann Sebastian Bach

prezzo unico 10 €uri

io ci sarò, ovviamente.

:who-let-rip: questo pianista un mi garba punto!

Per quanto lui si ostini a presentare dei programmi bachiani, secondo me suonerebbe molto meglio qualcosa di più "pestone" e meno difficile. Le GoldbergS che ho sentito l'anno scorso erano quanto meno invereconde (nell'accezione peggiore del termine).

Link al commento
Condividi su altri siti

Beh...a me questo giovane pianista non dispiace, anche se è facile ed ingeneroso fare paragoni con il supremo interprete di Bach: Glenn Gould. Comunque, c'è qualche informazione in più sul concerto che farà qui a Bologna? Non mi dispiacerebbe andarlo a sentire...

ciao,

Alice

puoi tranquillamente andare alla biglietteria del comunale per prendere i biglietti. Mi pare sia in piazza respighi 2. In ogni caso guarda qui: http://www.tcbo.it/

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 1 month later...

A questo stesso concerto avevo assistito io a Roma, a fine Marzo 2007, al Parco della Musica, nella sala Goffredo Petrassi (quella da 700 posti).

Davvero un giovane genio, ci ha offerto ben 4 bis, e non ho perso l'occasione per farmi autografare da lui il cd dell'"Arte della Fuga" alla fine del concerto.

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 2 weeks later...
Ehm... Lo scorso settembre ho fatto più di un'ora di fila per poter entrare gratuitamente ad ascoltare le sue Goldberg..................... Mi credete che alla quinta variazione me ne volevo andare??? Velocissime, senza senso e con abbellimenti personali troppo forzati.. NO COMMENT:::::::::

Ti credo... io ho resistito solo perché avevo pagato dodici euro di biglietto :ph34r:

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 1 month later...

Questa sera Ramin Bahrami terrà un concerto per gli Amici della Musica di Palermo, in programma sempre l'Arte della Fuga (peccato, avrei voluto ascoltarlo anch'io nelle Goldberg). Il concerto si terrà alle ore 21:15 al teatro Politeama, sono proprio curiosa di ascoltare il programma per cui ha ottenuto i consensi maggiori...

Link al commento
Condividi su altri siti

Questa sera Ramin Bahrami terrà un concerto per gli Amici della Musica di Palermo, in programma sempre l'Arte della Fuga (peccato, avrei voluto ascoltarlo anch'io nelle Goldberg). Il concerto si terrà alle ore 21:15 al teatro Politeama, sono proprio curiosa di ascoltare il programma per cui ha ottenuto i consensi maggiori...

Allora poi ci racconti!!

Sono curiosa di conoscere il tuo giudizio su di lui :girl_smile:

Link al commento
Condividi su altri siti

Allora poi ci racconti!!

Sono curiosa di conoscere il tuo giudizio su di lui :girl_smile:

Sono un po' perplessa, non vorrei essere stata influenzata dai giudizi negativi che avevo letto su di lui, ma l'esecuzione di Bach che ho ascoltato ieri sera mi è parsa un po' sbiadita, monotona, imprecisa e priva d'intensità.

Le cose che mi hanno colpito di più:

  • ha suonato con lo spartito.
  • a volte sottolineava il tempo oscillando con il busto a mo' di metronomo e i ritmi puntati ballando con le spalle.
  • ogni contrappunto era caratterizzato da un tipo di colore (sempre lo stesso) e alla fine terminava sempre (a parte due contrappunti contati) con un crescendo.
  • i bis che non mi sarei mai aspettata dopo un programma del genere: omaggio a Frank Sinatra, omaggio a Elvis Presley (gli arrangiamenti non erano neanche tanto eccezionali) e infine la giga dalla prima partita di Bach tirata via a tutta velocità un po' alla rinfusa.

Mi dispiace essere così critica verso un altro pianista ma quello che mi pare più di tutto azzardato è il paragone con la straordinaria personalità di Glenn Gould di cui ieri sera non ho visto neanche l'ombra.

Link al commento
Condividi su altri siti

Sono un po' perplessa, non vorrei essere stata influenzata dai giudizi negativi che avevo letto su di lui, ma l'esecuzione di Bach che ho ascoltato ieri sera mi è parsa un po' sbiadita, monotona, imprecisa e priva d'intensità.

Le cose che mi hanno colpito di più:

  • ha suonato con lo spartito.
  • a volte sottolineava il tempo oscillando con il busto a mo' di metronomo e i ritmi puntati ballando con le spalle.
  • ogni contrappunto era caratterizzato da un tipo di colore (sempre lo stesso) e alla fine terminava sempre (a parte due contrappunti contati) con un crescendo.
  • i bis che non mi sarei mai aspettata dopo un programma del genere: omaggio a Frank Sinatra, omaggio a Elvis Presley (gli arrangiamenti non erano neanche tanto eccezionali) e infine la giga dalla prima partita di Bach tirata via a tutta velocità un po' alla rinfusa.

Mi dispiace essere così critica verso un altro pianista ma quello che mi pare più di tutto azzardato è il paragone con la straordinaria personalità di Glenn Gould di cui ieri sera non ho visto neanche l'ombra.

Sono più o meno le stesse cose che ho pensato anche io... a me nelle GoldbergS ha dato l'impressione di voler a tutti i costi stupire con alcune variazioni suonate "alla Rachamaninov" :ph34r: con pedaloni e pestoni vari sulla tastiera. In generale l'ho trovato sciatto, poco curato, non lo so, ma mi sembra che questa musica abbia bisogno di un'attenzione millimetrica, non può essere presa all'ingrosso come invece mi è parso che abbia fatto Bahrami. Oh, poi comunque alla fine lui fa il concertista internazionale e io no :D , però non mi ha convinto in ogni caso.

E stendiamo un velo pietoso sui biS... (ma fa sempre gli stessi?!? :ph34r: )

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 3 months later...
Nessuno è stato a sentirlo alla Maratona Bachiana di Milano di qualche settimana fa? Non vorrei essere l'unico ad avere un giudizio positivo su questo pianista.

Su internet ho trovato questa intervista secondo me interessante:

http://www.ilsussidiario.net/articolo.aspx?articolo=2288

Ciao

Anto

Io ho ascoltato la prima serata, con le Goldberg, ma devo dire che mi trovo d'accordo con chi mi ha preceduto nel considerare un po' approssimativa la sua esecuzione.

Link al commento
Condividi su altri siti

con il supremo interprete di Bach: Glenn Gould.

..e Glenn Gould sarebbe un supremo interprete bachiano? A me non piace per niente.

Se di esecuzione al pianoforte stiamo parlando sono sempre per il buon S. Richter o per Weissemberg nelle Variazioni Goldberg.

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 4 years later...

Ciao a tutti il 17 Aprile Ramin Bahrami suonerà al PARCO DELLA MUSICA DI ROMA e mi piacerebbe andarlo a sentire con in programma BACH e SCARLATTI . che ne dite? ho letto che l' 80% di voi reputa questo giovane .. scadente nel suonare bach ...se nn peggio... è davvero così??

Io mi son trovato ad ascoltare alla radio delle Goldberg già iniziate che facevano veramente schifo ed è uscito fuori alla fine che era lui, quindi neanche a dire che sono stato influenzato dai pareri degli altri.

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 2 weeks later...

Bahrami non sa suonare.

adesso questa cosa secca così mi pare un po' eccessiva :D

in effetti, quali che siano i motivi del suo successo, lui fa il concertista e noi (o per lo meno io) no :ninja:

Comunque, caro gingolino, ti consiglio di optare per un altro concerto... Io avevo il biglietto omaggio per lo stesso programma e non ho voluto neanche spenderci i soldi di benzina per arrivare fino al teatro (15 km) :lol:

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 8 months later...

Mamma mia quanto tempo che manco !!!! questa estate Ramin Bahrami ha suonato vicino a dove sto io in Toscana a Prato e lo sono andato finalmente ad ascoltare con mooolta curiosità così mi sono fatto un'idea. Allora , ha suonato direi discretamente dai non facciamo i gelosi perchè lui è li dove è arrivato in termini di popolarità ecc , lo suona a suo modo ,un pò troppi pedali devo dire nei finali i quali fanno un gran effetto nel pubblico e poi recentemente l'ho visto nuovamente su Raitre per presentare invenzioni e sinfonie dove ha suonato la 1-4-8-15 invenzioni a 2 voci . e io studiandole bene in passato ho sentito un obrobrio di note letteralmente!! nessun "piano" quando ci voleva e nessun " staccato Bachiano ", lui legava tutto! e anche qui finali con il pedale . Il programma della serata si alternava con sonate di Scarlatti ( INSENTIBILI ) e ho detto tutto! Lui interpreta BACH a modo suo questo è certo ed è questo che gli ha dato tanto successo io credo. programma :

Domenico Scarlatti
Aria in re min. K 32
Sonata in sol magg. K 289

Johann Sebastian Bach
Suite francese n. 5 in sol magg. BWV 816

Domenico Scarlatti
Sonata in re magg. K 282

Johann Sebastian Bach
Suite inglese n. 2 in la min. BWV 807

Domenico Scarlatti
Sonata in fa diesis magg. K 319
Sonata in re magg. K 278
Sonata in do magg. K 159

Johann Sebastian Bach
Aria variata (alla maniera italiana) in la min. BWV 989
Concerto nach italienischen Gusto BWV 971

Link al commento
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Condividi

  • Chi sta navigando   0 utenti

    • Nessun utente registrato visualizza questa pagina.
×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy