Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'esperienze'.

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • MUSICA CLASSICA
    • Generale
    • Opera lirica
    • Musica da Camera
    • Legislazione
    • Sondaggi
    • Audizioni/Corsi/Concorsi/Master
    • Concerti
    • Mercatino "Vendo" & "Cerco"
    • Sezione Ricerca Musiche
    • Bacheca Messaggi
  • SOLO TASTIERE
    • Pianoforte
    • Organo
    • Clavicembalo
  • SOLO ARCHI
    • Violino
    • Violoncello
    • Viola
  • SOLO FIATI
    • Clarinetto
    • Flauto
    • Tromba, Trombone, Corno ...
    • Oboe & Fagotto
    • Sassofono
    • Banda
  • ALTRI STRUMENTI
    • Chitarra
    • Canto
    • Coro
    • Percussioni
    • Arpa
  • NON SOLO MUSICA CLASSICA
    • Di tutto di più
    • Altre musiche
  • X MODERATORI

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


MSN


Sito Internet


Yahoo


Skype


Luogo


Interessi


Facebook

Found 2 results

  1. Ciao a tutti, sono Laura e sono nuova in questo forum. Vorrei raccontarvi le mie esperienze e la mia storia con lo studio del violino. Quando avevo 12 anni, (ora ne ho 27) mi sono appassionata molto al violino e decisi quindi di iniziare a suonarlo, studiando musica. Le mie lezioni di violino duravano 35 minuti, una volta a settimana. Premetto che non studiavo molto, purtroppo, sono consapevole di questo mio grande errore, ma diciamo che anche le insegnanti che ho avuto non sono state di grande aiuto. Vi spiego; come dicevo, le lezioni duravano 35 minuti per 70 euro al mese. Il solfeggio era praticamente inesistente, avrò fatto 2 lezioni totali di cose basi che avevo già fatto alle medie (fortunatamente). Se volevi fare solfeggio, dovevi pagare ulteriori soldi in più. I libri di esercizio erano il curci primo corso e il pozzoli per solfeggio (usato pochissimo). Una volta è capitato che la mia insegnante è stata mezz'ora al cellulare e io sono rimasta lì ad aspettare finisse la telefonata...insomma già le lezioni duravano poco immaginate se poi l'insegnante stessa si mette al telefono. Per motivi miei familiari ed economici, ho interrotto le lezioni per diversi anni. Dopo qualche anno però ho ripreso ad andare a lezione in una scuola di musica nel mio paese. Ricordo perfettamente come se fosse ieri che un giorno ho chiesto alla mia insegnante come avrei potuto fare se avessi voluto iscrivermi al conservatorio, lei mi ha risposto che i libri costavano parecchio (ma che mi vieni a dire??), che non mi conveniva perchè era difficile, che costava molto e che non ero del livello adatto per iscrivermi. Questa stessa insegnante, su un esercizio per spratichire il quarto dito, visto che erano le prime volte, trovavo difficoltà nell'usare il mignolo, lei mi dice di usare il terzo dito al posto del quarto se non ci riuscivo. Mi domando che razza d'insegnante direbbe una cosa del genere? Ti pago per cosa? Da lì allora, non ho più frequentato lezioni di violino ma con gli anni mi sono pentita, ho questo rimpianto di non aver potuto studiare lo strumento che amo come avrei voluto. Come dicevo prima, anch'io ho sbagliato perchè mi esercitavo molto poco e ne sono consapevole, ma anche le insegnanti che ho avuto non sono state delle migliori. Ora vorrei ricominciare seriamente a studiare il violino da autodidatta. So che è lo strumento più difficile ma le basi alla fine ce l'ho. Sono arrivata al secondo livello del curci, vorrei sapere quale libri mi consigliavate per ricominciare e soprattutto senza insegnante se è possibile da soli riuscire a raggiungere un livello alto. Dimenticavo di dirvi che dopo tutti questi anni, non mi hanno mai insegnato i cambi di posizione, io so suonare solo in prima. Grazie per chi leggerà e chi risponderà. Scusate la lunghezza, buona giornata a tutti!!!
  2. Più volte, negli ultimi tempi, mi è capitato di sottolineare in qualche post che questo è un forum prevalentemente discocentrico. Non lo dico con un'accezione negativa, perché non mi sogno assolutamente di rinnegare le migliaia di dischi che compongono la mia cara discoteca e che aumentano in continuazione. Ma mi sembra che, per un forum dedicato in generale alla musica classica, ci siano ben poche discussioni sulla fruizione della musica dal vivo. Qualche recensione ogni tanto nell'apposito, asfittico topic, e poco altro. Eppure la musica dal vivo ha da sempre un'importanza straordinaria per la percezione del fatto musicale, con il rilievo specifico che assumono, oltre al fatto in sè che l'interprete è lì davanti e suona anche per te, aspetti legati anche alla vista, all'olfatto, all'ambiente, al pubblico, al costume in generale. Non sto a fare discorsi celibidachiani perché non voglio indirizzare l'attenzione su questioni pseudofilosofiche o su comparazioni, alle quali altre volte abbiano dedicato spazio, fra i pro e i contro della musica registrata e di quella dal vivo. In modo più prosaico, perché so che molti dei partecipanti al forum comunque sono frequentatori abituali di sale da concerto, mi piacerebbe che, così come condividiamo esperienze di ascolti discografici e di acquisti di dischi e libri, condividessimo anche aneddoti, esperienze particolari, curiosità, note di costume, ricordi legati alla partecipazione a concerti o ad altri momenti di musica dal vivo.
×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy