Vai al contenuto

giordanoted

Members
  • Numero contenuti

    4760
  • Iscritto

  • Ultima visita

2 Seguaci

Su giordanoted

  • Rank
    Io e pochi eletti
  • Compleanno 21/06/1971

Profile Information

  • Sesso
    Maschio

Visite recenti

5358 visite nel profilo
  1. giordanoted

    Cosa state ascoltando ? Anno 2019

    Grazie del commosso ricordo. Ora ascolterò senz'altro le Nachtmusiken con particolare attenzione. La musica d'altronde ha questo dono - certo, anche altre arti, ma la musica di più credo, forse per il suo speciale legame col tempo, con il vanire delle cose - di fissare istanti emotivi, di inchiodarci alla vita, nonostante tutte le sventure. Alle bellezze e alla forza della vita. Grazie ancora caro Wittels.
  2. giordanoted

    Cosa state ascoltando ? Anno 2019

    No non la conosco! Domani la assaggio, Kirill potrebbe essere il mio profeta...
  3. giordanoted

    Cosa state ascoltando ? Anno 2019

    Mahler, sinfonia n. 7 (Bernstein, New York Philharmonic) Niente, nemmeno Lenny riesce a schiudermi il mondo di questa sinfonia, non ci entro dentro come dicono quelli non vecchi a differenza di me. Mi sembra un guazzabuglio, non ci capisco letteralmente niente, mi perdo. Una selva intricata, da cui si staglia solo lo Scherzo, che mi appare con una sua struttura logica e una sua centralità melodica. Tutto il resto sembra una ridda di contraddizioni, di giustapposizioni, quasi di improvvisazioni jazzistiche, e io col jazz ho grossi, grossi problemi. Tra l'altro, devo dire, non mi sembra nemmeno abbia temi o motivi memorabili. Ad esempio nell'ultimo movimento, essendo un rondo, c'è un motto che sì, ciclicamente ritorna, ma mi sembra di sfondare una porta aperta dicendo che è banale e tronfio. E va bene che sappiamo che il tronfio e il banale mahleriani non sono così ingenui, che hanno una loro vitalità, però qui mi sembra che il materiale di partenza sia poco ispirato, c'è poco da fare. Perfino i campanacci, che nella Sesta ci stanno a pennello, qui sembrano buttati dentro alla "viva il parroco" ( @Wittelsbach ti prego torna a usare questa locuzione in una prossima recensione operistica).
  4. giordanoted

    Cosa state ascoltando ? Anno 2019

    Oggi si assegna il premio "ensemble stonato del secolo". Vince Chiara Banchini per l'album Arcangelo Corelli, Sonate a Violino e Violone o Cimbalo op. V, Parte Prima Pubblicato da Harmonia Mundi. Complimenti. P.s. L'op. V di Corelli è sublime, e persino attraverso l'intonazione "ad sensum" della Banchini (per non parlare dei tempi imbambolati) emerge come tale. Sì lo so, l'intonazione non è tutto, nulla è tutto, anche Knapp stonava, ok, prevengo tutte le obiezioni, ammetto tutte le colpe e vengo fuori con le mani alzate. Diciamo che a sto giro il premio lo vince la Banchini, la prossima volta prometto che premio Furt (ma devo trovare l'incisione giusta, non v'è che l'imbarazzo della scelta).
  5. giordanoted

    Cosa state ascoltando ? Anno 2019

    Acqua... anzi, diluvio... effettivamente è molto difficile anche per un bravo detective e spulciatore d'archivi indefesso... Per consolarti ti dedico questo
  6. giordanoted

    Cosa state ascoltando ? Anno 2019

    È un superclassico. L’adoro, opera ed esecuzione.
  7. giordanoted

    Cosa state ascoltando ? Anno 2019

    Nella storia della musica che sto leggendo (quella di cui non farò il nome nemmeno sotto tortura, mi spiace @Majaniello - ti sfido a scovarla...) c'è un capitolo di demolizione del povero (in tutti i sensi, era sempre spiantato...) Erik Satie, dove viene citata con qualche affettuosa condiscendenza questa cosuccia, che non mi dispiace... A tutti i dadaisti del forum
  8. giordanoted

    Cosa state ascoltando ? Anno 2019

    Sì davvero bello, poetico, e senza un'oncia di artificiosità o ruffianeria che si può riscontrare in altri autori di musica "esotica". Anche il balletto "La Coronela" incluso nello stesso cd è molto interessante, anche se essendo più esteso ci sono parti meno intense, ma anche lì ci sono una spontaneità e una sincerità che meritano a questo autore l'epiteto (per certi versi fuorviante però) di "De Falla messicano". Eccellenti le esecuzioni della direttrice urugayana Ben-Dor.
  9. giordanoted

    Cosa state ascoltando ? Anno 2019

    Silvestre Revueltas Itinerarios Santa Barbara Symphony diretta da Gisèle Ben-Dor Un vero diario di viaggio sinfonico, musica pittorica e paesaggistica della più alta caratura.
  10. giordanoted

    Le recensioni operistiche discografiche di Wittelsbach

    ahahah grazie Lurch...! Letta d'un fiato, alla Fricsay...
  11. giordanoted

    Le recensioni operistiche discografiche di Wittelsbach

    Che musicista Fricsay... anche operistico... il suo Don Giovanni per me è il migliore... Chissà che combina in Rigoletto
  12. giordanoted

    Le recensioni operistiche discografiche di Wittelsbach

    ahaha, la mia curiosità cresce a dismisura...
  13. giordanoted

    Le recensioni operistiche discografiche di Wittelsbach

    Ahahahahah! Sei ben fortunato, caro amico, avrei chiesto a nessun altro se non a te di rivedere da cima a fondo il libretto, componendo una nuova versificazione, sicuramente molto più di mio gusto di quella approntata dal vecchio Illica. O vita crudele, quanti sogni destinati a restare nel cassetto!
  14. giordanoted

    Cosa state ascoltando ? Anno 2019

    Ho ascoltato poco fa la migliore edizione di The Planets di Holst a mia conoscenza, e che quindi è senz'altro la migliore in assoluto. Si tratta di quella diretta da Charles Dutoit con l'orchestra di Montreal. Dutoit affronta la partitura non come un baraccone fantascientifico, o un "sonic spectacular" (come su copertina CBS di Bernstein) per incassare royalties, (ogni riferimento a Mehta o al secondo Karajan è del tutto voluto) ma come un lavoro finissimo che so di Debussy. Studia effetti timbrici particolarissimi, indugia in atmosfere celesti, evidenzia l'uso dell'organo, insomma prende molto sul serio questo lavoro eterogeneo. Così, come si dice, sembra di "ascoltarlo per la prima volta", ma proprio nel senso che Dutoit dà l'impressione di eseguire il pezzo con lo scrupolo e la solennità di una première. E tocca vertici impensati in Venus e Neptune. Ora passerò all'ascolto di Ode to death, del medesimo compositore.
  15. giordanoted

    Le recensioni operistiche discografiche di Wittelsbach

    Il tuo amico Giordano... ecco perché non mi piace lo Chenier! Perché qui i Giordani in ballo sono due! È una crisi di gelosia la mia!
×