Vai al contenuto

marcoap

Members
  • Numero contenuti

    49
  • Iscritto

  • Ultima visita

Visite recenti

559 visite nel profilo

I successi di marcoap

Nessuno (per adesso)

Nessuno (per adesso) (1/21)

  1. mah! vedo che ti ostini a far finta di non capire.... quello che tu dici non ha alcun senso: è una pura opinione personale: "Madiel" dice che secondo lui la mia musica non è all'altezza dei grandi del passato e/o del presente... e chi se ne frega non ce lo metti?... quando leggo le tue risposte (ora che ho capito il "soggetto") mi vien da ridere. vedi, io ho sempre detto di non aspirare ad acun trono o podio o citazione sull'enciclopedia De Agostini, per me l'importanza è fare musica e farla come dico io e come piace a me... non come piace a te o a qualcun'altro. la mia musica deve essere mia e basta... se ti piace ok altrimenti non ascoltarla. E' il discorso che facemmo su Allevi.. non vuoi ascoltarlo? bene, non lo ascoltare.... non vuoi vederlo in tv al senato? ok, cambia canale e vediti grande fratello.... il fatto che tu o qualche altro genio del forum abbiate chiamato il post "altre schifezze" magari ti fa andare in disibilio o ti fa godere ma mostra solo la tua/vostra limitatezza e arroganza. chi sei te (che neanche hai mai studiato musica tra l'altro) per giudicare e sentenziare? puoi limitarti a dire che che Allevi o Einaudi non ti piacciono... è un tuo diritto ma finisce lì. Non hai/avete alcun rispetto per il lavoro altrui e per chi non la pensa come te/voi. Infatti ti faccio notare che ci sono molti altri "uditori" come te, a cui Allevi invece piace. Ti senti migliore degli altri per credere che quello che tu pensi sia la santa verità?.. bo io mi vergognerei un tantino se avessi un egocentrismo e un "io" come il tuo. ma come ti dicevo della tua opinione non me ne importa un bel nulla. Il problema è che te e quei 2 o 3 che ti spalleggiano allontanano dal forum gente con la quale invece varrebbe la pena confrontarcisi e parlare (come il ragazzo sopra). Invece ha il monopolio uno come te che quando parla sputa solo sentenze personali con la presunzione di farle passare come oro colato. Contento te... anzi contenti quelli che frequentano il forum.... bye
  2. Guarda, onestamente comincio a pensare che non sai neanche leggere, io il diploma caro mio ce l'ho...... lo so che vorresti che tutti avessero la tua pochezza intellettuale ma grazie a Dio non è cosi. Inoltre sei talmente occupato a offendere e umiliare il prossimo che ti contraddici penosamente da solo: fino a qualche post fa dicevi che il diploma (diplomini come li chiami te) non servono, non fanno l'artista ecc ecc.. ora pur di zittirmi ti aggrappi all'autorità e il prestigio che il diploma da... che coerenza! lo so che per uno come te il cui unico passatempo, oltre a stare spaparanzato ad ascoltare Ligeti sul divano, è quello di offendere e provocare ma un pò di fantasia che diamine! Sei scontato, banale.... dai applicati un po di più. Se avessi riversato la fantasia che hai nel provocare nel comporre musica, il massimo che avresti partorito sarebbe stata la musichetta di tetris per il commodor 64. Vabbè dai... forse in un'altra vita riuscirai a dare sfogo alle tue frustazioni. Ti faccio un ultimo appunto come diceva il ragazzo giustamente alcuni post fa: se leggessi con attenzione ti accorgeresti che siamo nella sezione "Pop, Rock e altri generi" per cui i tuoi polpettoni e i tuoi pregiudizi sulla musica classica risparmiaceli. Grazie.
  3. Eh.. lo so che ti sono mancato... ma ho da fare musica al contrario tuo quindi mi perdonerai l'assenza. Nessuna solidarietà.. solo ciò che penso. Inoltre non trovo affatto corretto il fatto che hai cancellato il link postato dal ragazzo (che mi sono dovuto andare a cercare) onestamente ero interessato ad ascoltare la sua musica senza andare a fare ricerche perche cosi come mettete il link di pinco pallino e me lo posso aprire comodamente dal forum cosi vorrei fare con tutti gli altri... anche qui continui a dimostrare la tua limitatezza... vabbè ormai si è capito come ragioni...
  4. Ciao Gianmarco, ti offendi se ti dico che personalmente non ritengo affatto la tua musica scandalosa?? continua a fare e a scrivere ciò che ti piace
  5. Sono d'accordo è un evento troppo importante che merita un lungo periodo pre-meditativo per essere goduto appieno. Non vorrei ridare fuoco alle polveri ma tutti questi ultimi post mi disorientano: posso capire che c'è chi è stato contrario al concerto del Senato considerato un mausoleo inespugnabile, un tempio della "cultura" ma sulla presenza di Allevi a Sanremo non ci riscontro nulla di particolare anzi dovreste essere contenti che suoni in un posto come quello che da come parlate risulterebbe il suo habitat naturale. Non è che si cerca ogni pretesto per criticarlo?
  6. Caro Madiel, torno per l'ultima volta sull'argomento. Te dici che qua nessuno è fesso e io ti rispondo che i fatti sono fatti e le chiacchere stanno a zero. I fatti sono che io non ho chiesto niente a nessuno (a parte dei pareri) tanto meno a te. Onestamente non ho il tempo e la voglia ma anche l'interesse a convincerti del contrario e dunque pensa quello che vuoi. Credo che il fango che si vede negli altri spesso è lo specchio di quello che ci portiamo dentro (a buon intenditore poche parole). Passo e chiudo Invece ho trovato interessante il tuo intervento su Allevi solo che non ho capito perchè lo vuoi paragonare a tutti i costi con Ligeti, Berio, Schonberg ecc... sono delle cose molto diverse. Tra l'altro leggendo i post precedenti vedo che spesso si mescola l'Allevi personaggio con l'Allevi musicista... secondo me è un approccio sbagliato. Mettiamo da parte il fattore commerciale, i libricini e le cose che dice (che non so in che percentuale pensi realmente e no) perchè possono creare antipatia o risentimento e far deviare dal discorso puramente musicale. Sui brani orchestrali posso darti ragione e dire che non sono certo opere d'arte anche se ammetto di non aver visto le partiture ma di averle solo ascoltate; a mio avviso Allevi aveva trovato un suo filone che era la musica per pianoforte e avrebbe fatto bene seguitare con quella onde evitare scene come quella del Senato. Ma poi potremmo anche discutere se nella vita bisogna mettersi in gioco o provare a superare i propri limiti. "alla faccia dei diplomini che ha" e per fortuna che dicevi di rispettare gli anni di studio altrui.... mah
  7. "Bastava mettere il link anonimo dei famosi 10 secondi e chiedere: vorrei avere le vostre impressioni, che ne dite ? " Non vedo la differenza... era la stessa cosa: anche se le tracce sono a pagamento (0.99 centesimi di dollaro!!: effettivamente una cifra da far gridare allo scandalo per un lavoro di mesi e mesi..), l'anteprima è gratuita e io non ho certo chiesto di acquistare nulla... nel mio sito ci sono file da scaricare gratuitamente e nel myspace anche. Non mi sembra di aver commesso un reato o una cosa moralmente scorretta anzi... certamente se la cosa ti infastidisce è solo un problema tuo e coerentemente (ma non lo fai!!) dovresti fare di tutto per vietare link o riferimenti a case editrici, discografiche ecc (ci sono esempi di incisioni, pubblicazioni e quant'altro) che nel forum abbondano. Se è vietato per me dovrebbe esserlo per tutti. Ma non credo che questo sia un modo intelligente di condurre il forum poichè ognuno è libero di acquistare quel che vuole e se lo fa non lo fa certo perchè l'ho detto io o perchè l'hai detto tu.... "E invece che ci hai messo ?... Link dell'etichetta, l'editore (!) ed esecutori con nome cognome. L'autopromozione si fa mettendoci la faccia, è una regola del mercato." Ho inserito i dati a titolo informativo... e allora? avrei dovuto nascondere i nomi degli esecutori? perchè? a differenza tua loro lavorano nel mondo della musica da protagonisti e non da spettatori. Quando parlate di questa o quella esecuzione, di questo o quel direttore o esecutore non mi sembra che gridi allo scandalo. Tu stesso porti esempi di incisioni ed esecurori: non è pubblicità anche quella? Elogiare questo o quel musicista.. parlare di Muti o di Ughi ad esempio... non è pubblicità? quando ti fa comodo metti sul piatto un tipo di discorso ma poi dimentichi che tu stesso in due interventi precedenti avevi fatto la stessa e identica cosa. "il tuo stesso topic (identico anche nel testo) su altri 5 forum: due generalisti, un paio di fisarmonica e uno di chitarra. Il messaggio è il seguente (ho censurato per ovvi motivi i nomi): Cercando su google sono uscite 4 pagine e la metà rimandano a dei forum" aspetta, aspetta.... riesci a smentirti nella stessa frase: tu stesso dici di aver visto il mio intervento in 5 forum e subito dopo parli (anzi sparli come al solito) di ben "4 pagine di cui la metà rimandano a forum".... c'è qualcosa che non riporta... comunque questo non è l'unico forum di musica.. potrò partecipare ad altre discussioni o devo prima chiedere il permesso a te?.. Certo poi, censuriamo i nomi degli esecutori perchè hanno eseguito delle mie musiche ma parliamo a volontà di tutti gli altri, il discorso è logico ma soprattutto corretto e democratico! "E' possibile ascoltare gratuitamente delle anteprima e sarei felice di avere delle vostre impressioni. A presto" rileggiti questa mia frase che tu stesso hai postato. Credo non dover aggiungere altro per dimostrare la mia buona fede. Comunque ti ricordo che questo non è l'argomento di discussione. Il topic è su Allevi-Einaudi e mi sembri molto severo nel richiamare chi va fuori discorso ma forse le regole che imponi non valgono per te.. forse ti credi al di sopra di tutto e tutti. Ma forse credi che attaccare me possa deviare dalle tue carenze. Ps. ti saluto volentieri Allevi ma prima dimmi il tuo nome e cognome
  8. “guarda, il giudizio negativo te l'hanno dato anche persone che scrivono musica e che ne sanno molto più del sottoscritto e di te (il tuo curriculum è on line, chi vuole se lo legge). Solo che tu, come Allevi, vuoi conoscere le qualifiche del prossimo per darti sicurezza. Per dire che una cosa è pietosa non c'è mica bisogno di spaccare il capello in quattro. E se un luminare della musica ti dicesse che non vali nulla ? Solo perchè te lo dice uno che ha 20 lauree allora è giusto a priori? Se fosse come dici, tu allora dovresti parlare solo di musica e limitatamente alle tue conoscenze e alle tue capacità tecniche. Inoltre, ti ricordo che sei stato tu a chiedere giudizi su quanto metti on line, per autopromuoverti "a gratis" in questo spazio. Non il sottoscritto, che non sta a parlare dei fatti propri e non chiede giudizi a nessuno sulle sue competenze lavorative. Se hai paura delle stroncature metti 10 minuti di musica invece di 10 secondi di prova, così ti metti al riparo da critiche "ingiuste". Tanto che problemi ci sono ? Sei giovane, sano... lo hai pure scritto che gli editori non ti chiedono musica lunga e dunque non ti spremi le meningi più del dovuto ” Mamma mia come sei ripetitivo.. sembri un vecchio disco rotto... A fantasia stai proprio a zero; ora capisco perché oltre alla critica più beccia non fai altro (musicalmente parlando si intende). Il cappello non lo devi spaccare in quattro ma ammetterai che se ascolti 10 secondi di un brano dubito che ci capisci qualcosa; se non lo ammetti sei solo un superficiale con tanti pregiudizi. Comunque non è che se uno ha venti lauree ha ragione a priori ma permetterai che sia molto più attendibile e ferrato tecnicamente di te (che non mi sembri il tipo con la verità in tasca). Anche con tutta la tua presunzione ammetterai di non poterti paragonare a un esperto del settore o ad uno che ci ha studiato anni sopra. Sei come quello che si mette a vedere delle foto su internet del mondo, che compra un mappamondo e poi va dicendo in giro che è un viaggiatore e ha visitato tutto il pianeta. .E poi basta con la storia dell’autopromozione.. lo sai bene che non ci ho fatto neanche una lira e se pensi il contrario allora ti sbagli di grosso e dovresti riflettere seriamente sulla tue capacità mentali. Pensavo solo (e sbagliavo) di poter aprire delle discussioni costruttive e interessanti. Forse sopravvaluti la potenza pubblicitaria e promozionale di “questo spazio”. Anche la tua uscita sui 10 secondi dimostra che hai ben poca conoscenza sull’argomento. I brani presenti sono protetti da copyright e sono depositati con la MMc che li ha commercializzati; se mettessi i brani per intero violerei il contratto editoriale e cadrei anche in delle sanzioni. Il fatto che non ho paura di alcun che, lo dimostra il fatto che ci ho messo la mia faccia e il mio nome (e non un nick-name anonimo come te) sia sui suddetti brani e sia sul presente forum e che sul mio sito nella sezione download ed esecuzioni puoi trovare altri brani completi che non hanno vincoli di quel tipo. “il mio giudizio non conterà niente, ma il vero artista tiene conto di tutti. Di sicuro il mio portafogli non lo apro per certa musica” Certo che si tiene conto di tutti ma considerando come ti poni e come sparli allora in questo caso si può fare certamente una eccezione.... e poi è un bene che tu non apra il tuo portafogli per certa musica anche perché io “Mica posso rovinarmi la coscienza così”... Tra l’altro non mi sembra di averti mai invitato a farlo. “e no! Attento, questo non l'ho mai detto e non mi è mai passato per la testa! Vedi di rileggerti molti miei interventi in forum in tutti questi anni proprio in merito alla questione artigianale. Aggiungo, però, che non sempre 10 anni di composizione permettono di "partorire" musica memorabile. Allevi magari diventerà un buon autore di musica da film o di intrattenimento, ma da qua a dire che è un artigiano del suono credo ce ne passi! Con o senza diplomi di composizione ottenuti al massimo dei voti.” L’ho letti, l’ho letti... e sei molto chiaro su come vedi certe cose... Anche te insisti con la faccenda del genio / artigiano del suono. Guarda che non ci sono solo i primi della classe a sto mondo. Allevi ha trovato un suo filone (pianistico) che alla gente piace.. tanto basta. Non ha partorito musica memorabile ma ha avuto successo. Che a te piaccia o no c’è gente che non la pensa come te. “riecco il classico refrain alleviano: siete tutti buzzurri e brutti perchè io fatico dalla mattina alla sera e mi faccio un mazzo tanto, sono laureato e diplomato, sono un genio incompreso, io sono io e voi non siete un c**** Ma perchè voi compositori di seconda fila siete tutti così frustrati ? Ce l'avete contro le istituzioni, contro il pubblico che vi critica, contro tutti coloro che non la pensano come voi... Questo genere di approccio psicologico (sbagliato) con il prossimo dovrà essere studiato prima o poi, e magari indicato con il termine di Allevismo” Ahahahah.. bellissima sta frase che ripeti un post si e uno no.... Ti ringrazio di avermi dato del compositore di seconda fila (non pensavo sinceramente di essere già a questi livelli)!!! Io ce l’ho con le istituzioni perché le vedo e mio malgrado ci sguazzo dentro (al contrario tuo che non sai come vanno le cose: vedi post di Carletta). Il pubblico è libero di criticare (come ho detto infinite volte) ma con educazione (cosa che a certe persone manca). Tra l’altro trovo normale che un artista difenda i suoi lavori e la sua arte; è sinonimo che tiene a quel che fa. Scusa ma non mi sembra un comportamento di esclusiva Allevianità: la storia ne è piena. Non so a che punto sei con i tuoi studi ma anche scrivere in stile è un esercizio. Non c'è nulla di artistico nella riproduzione di uno o più modelli. E non occorre nemmeno un grande talento. Come ti ho già detto non condivido.. uno scrive come vuole e come si sente in quel momento della vita.. anche Stravinskij (tanto per dirne uno) ha avuto diversi periodi creativi e ha utilizzato forme e stili differenti. Tra l’altro se escludiamo tutti quelli che nel passato hanno scritto in stile allora non ci rimane nessuno... Ognuno ha avuto dei maestri che lo hanno plasmato e condizionato anche i più grandi.. (Mozart—Sarti Beethoven--- Clementi)..... a perché mai? Come perché.... se ti fa scandalo riproporre uno stile figuriamoci variare opere altrui, lì si con lo spartito dell’altro davanti... Li conosco e conosco il repertorio flautistico, va da sé che la musica da camera italiana dell'800 era totalmente marginale rispetto all'opera lirica e alla musica sacra. Immagino lo saprai. Certo però ancora oggi si suonano.... non mi sembra che siano stati aboliti e bruciati solo perché marginali. Si, è un buon metodo analitico di studio. Ma un compositore secondo te parte da tutte queste cose una ad una, scindendole? oppure ha una visione d'insieme, un pensiero unitario, in parole povere un'idea? Certo che ha un’idea ma se vuole essere vero e sincero (soprattutto con se stesso) secondo te poi si mette a ragionare su come quella idea debba essere innovativa a tutti i costi altrimenti non vale la pena di farla partorire? La musica dovrebbe venire dal cuore passando per la mente, basta.. a me non piace una cosa costruita e artificiosa ma chiaramente è un parere personale. Evidentemente non hai ben presente come si svolge un'intervista. Effettivamente no ma sinceramente non capisco che vuoi dire... “Non sono d'accordo con questo tipo di discorsi. Non posso criticare un quadro perchè non sono un pittore? Oppure se un giorno diventerò ingegnere al primo che dice di non apprezzare un mio palazzo dico di farsi 5 anni di studio per poter parlare? Un diploma o una laurea, anche se conquistati sputando sangue, non rendono immuni da critiche. Anche perchè di diplomati/laureati ne escono ogni anno parecchi, non sono mica premi Nobel.” Certo, si è liberi di criticare e dare dei pareri personali ma con il dovuto modo e rispetto dell’altro. Una critica deve essere costruttiva e non semplicemente volgare e superficiale altrimenti è solo chiacchiericcio spicciolo.
  9. "Allevi sostiene di essere il nuovo della musica classica contemporanea (definizione aberrante), mica io. Se sei nuovo devi essere originale per forza, altrimenti non sei nuovo." Se leggi i miei post passati vedrai che anche io non sono d'accordo sul fatto del "nuovo"; effettivamente nella musica di Allevi ci trovo ben poco di nuovo ma se lui dice di farne questo non vuol dire che sia un imbroglione. "Ma uno che si definisce compositore per emergere deve necessariamente proporre qualcosa di nuovo. Altrimenti tanto vale ascoltare le tonnellate di bella musica che sono già state scritte. Non è che uno fa il compositore perché è un appassionato della musica del passato e vi si riconosce. Allora fa l'arrangiatore. O il millantatore (è la tesi che stiamo sostenendo del resto, ed è quello che si legge sui giornali...)" Un compositore è anche arrangiatore ma comunque non è questo il punto. Esercizi di composizione sono i bassi numerati e non numerati, armonizzazione di una melodia ecc ecc. Quando si concepisce un brano partendo da zero dandogli una forma, una struttura, e perchè no, un'anima, allora non si può parlare di "esercizio". E ti faccio degli esempi storici. Nell' '800 in Italia c'erano dei flautisti molto virtuosi (Briccialdi, Ciardi ecc ecc) che sono passati alla storia come compositori principalmente per delle fantasie su temi d'opera (Sonnambula, Carmen, Elisir d'Amore ecc): da come ragioni, questo a te potrebbe far gridare allo scandalo. Intanto ovunque leggi (enciclopedie, libri di storia, trattati) sentirai parlare di queste persone come compositori (il conservatorio di Terni porta anche il nome di Briccialdi). Forse te non li conoscerai ma ti assicuro che in ambito flautistico sono molto eseguiti. Questo per farti uscire dalla logica estremista novecentesca dove solo il "nuovo" conta a scapito di tutto il resto. definizione di millantatore: Il millantatore è colui che ha atteggiamenti boriosi e vanagloriosi in pubblico, facendo ricorso a menzogne iperboliche o a clamorose esagerazioni, o ancora si attribuisce qualità o titoli non propri. Non mi sembra il caso di Allevi perchè: non vedo menzogne palesi o clamorose esagerazioni nei suoi discorsi ma pareri soggettivi che possono o non possono essere condivisibili; non mi sembra che si attribuisce meriti o titoli che non ha. "Scrivere dodecafonico oggi è come scrivere tonale. Esercizio di stile e niente più." Certo come no.. allora tutto è un'esercizio di stile perche bene o male è stato fatto tutto. Te guardi sono all'involucro e non alla sostanza; per te magari è facile scrivere un brano, dargli un'anima. Per te quello che conta è se quel brano è tonale, modale, dodecafonico.... guardi dall'esterno la superficie e poi snobbi. Per capire dovresti scrivere perchè dall'esterno non ci si può rendere conto. p.s. un consiglio, non ascoltare solo musica del '900! "Quali sarebbero queste diecimila cose? io ne conosco solo una... ma sentiamo, sono curioso." Le cose che possono caratterizzare un brano? sono tantissime: - lo stile - la forma - la struttura - la strumentazione - i mezzi sonori usati - il ritmo - la melodia e poi tutto un discorso più tecnico: modulazioni, progressioni, armonia, uso specifico di certe risoluzioni, cadenze, uso di accordi particolari ecc ecc.... "ti faccio notare che non hai commentato l'ultima parte della mia frase. Chissà come mai..." Anche te, chissà come mai, spizzichi qua e là, comunque non è un problema. Chi può dire se un brano è scritto con i piedi oppure no? Tu? Ad eccezione di ciò che è palese non si può dare un giudizio netto oggettivo infatti tra il bianco e il nero ci sono un'infinità di sfumature che solo una mente superficiale e condizionata può distinguere facilmente e catalogare. Nel caso di Allevi ti faccio presente che ci sono molti ascoltatori come te a cui piace e per loro quella musica di non è di certo fatta con i piedi. "tranquillo, per quel componi tu non avrai nè l'uno e ne l'altro dal sottoscritto. Mica posso rovinarmi la coscienza così" Dubito che tu sia capace di dare consigli costruttivi e obiettivi. Comunque non credere che la cosa mi preoccupi: il tuo parere conta semplicemente come quello del macellaio sotto casa. E poi.. figurati che il tuo giudizio è venuto fuori ascoltando i 10 secondi di prova dei brani... altro che superficiale... "sento i cd di compositori poco capaci che se la tirano . Aiuto i poverini a tornare con i piedi per terra" Ascolti... bravo continua ad ascoltare ma non ti credere che il tuo giudizio conti qualcosa. Prima di criticare fatti 10 anni di composizione e poi vedi... ecco perchè per te il diploma conta-non conta, non vuoldirenulla: non hai neanche la pallida idea dei sacrifici, l'impegno, la dedizione che ci vuole per ottenerlo. Vedi il mondo da un oblò e spari sentenze: bello e soprattutto comodo! "Burp, il mulo in certe occasioni mi tenta molto e tu lo sai.... però per me il valore del prodotto musicale contempla anche il suo contorno, dalla confezione al libretto interno." giustissimo. "non so se vi rendete conto che con tutta sta polemica gli fatte una tonnellata di pubblicità ?" dubito che con la stima che la gente di questo forum manifesta per Allevi, la presente discussione possa incrementargli le vendite. "Beh almeno lui non si autodefinisce il nuovo genio e non fa il malato di mente quando suona." aspetta, Allevi non si è mai autodefinito genio o Mozart, a farlo sono stati giornalisti e opinionisti (probabilmente per un discorso commerciale)
  10. "Fin qui sono d'accordo. Non capisco se parli dei compositori perché sei un compositore ma non fa nulla..." Ah! mi hai beccato! lo ammetto... vendo pesce al mercato e quando ho tempo posto su un forum di musica. "Dimentichi però una cosa importante. Un compositore deve essere originale per forza. E' molto facile imitare uno stile, non ci vuole né fantasia, né una particolare abilità. Dai un modello a un buon artigiano e riuscirà a farti una copia fedele. Il mondo dell'arte è pieno di "falsi", lo è da sempre. Ma l'opera d'arte è solo quella che nella sua essenza esprime la personalità di chi l'ha creata. Oggi possiamo anche tollerare che un compositore, un Mozart del Piceno, si metta a tentare l'ennesimo tentativo di recupero della tonalità, il neo-neo-neo-classicismo." Come si vede che non sei un compositore... Ti sfido a citarmi un libro di composizione o armonia dove è scritto: SE NON SEI ORIGINALE, SE NON SEI INNOVATIVO, SE NON FAI COSE "STRANE", NON VALI NULLA. Ma che credi che un compositore anche se non "originale" (cosa intendi poi per originale questo è un altro paio di maniche) stia con lo spartito di Bach o Mozart davanti a scopiazzare e fare copie cambiando qualche nota qua e là? Ma hai una vaga idea di quello che dici? "Falsi"? ma in quale farfugliamento ideologico sei andato a inciampare? Secondo te se io scrivo tonale faccio un falso? Allora possiamo annoverare solo uno-due compositori per corrente e tutti gli altri sono falsi che hanno passato i loro anni a copiare i loro colleghi. Quanto affermi è grave e dimostra una certa barriera mentale. Cerco di capire il tuo discorso: OPERA D'ARTE---PERSONALITA'..... dunque un'opera d'arte per essere tale deve esprimere la personalità di un compositore: appare limitato ma comunque non trovo il nesso con "deve essere originale per forza". Non si tratta di imitare uno stile ma di scrivere nel modo in cui uno si riconosce.... se io mi riconosco nel tonale perchè lo sento più vicino a me, perchè ne sono appassionato, perchè che ne so, scriverò in tonale. Idem se mi sento vicino alla dodecafonia o a quello che tu vuoi. Poi posso anche trovare tecniche e artefizi "originali" ma ti assicuro che uno che si intende di musica saprà riconoscere le particolarità di un brano e di un compositore anche se quest'ultimo non è "originale" perchè ci sono almeno diecimila cose che possono caratterizzare l'arte di un compositore. "Ci sarà un motivo se tutto il mondo musicale si esprime così, quand'è ovvio che se si presentasse veramente un genio della musica saremmo tutti ai suoi piedi e a godere della sua arte inimitabile." Allevi NON è un genio... il tuo umorismo spicciolo sul "Mozart del Piceno" è fuori luogo. Allevi scrive musica e tanto basta. Tra Allevi e Mozart non c'è il minimo nesso e il giornalista che l'ha definito tale è un Facci all'inverso. "Ovviamente saprai che Stockhausen, Berio, Ligeti quando erano in vita facevano tutto esaurito ovunque nel mondo, ovviamente saprai che Kurtag, Lachenmann, Reich attirano folle di amanti della loro musica (ti posso assicurare, molto più "sold out" di Allevi). Il loro non è un fenomeno mediatico, è arte. Se sostieni che quella musica ha un senso solo "nell'accademia", probabilmente dovresti informarti meglio." Dove hai letto che ho scritto che la musica di Berio o Ligeti ha senso solo in accademia? "Certo non aspettarti che qualcuno metta un proprio file audio solo per dimostrare di essere meglio di Allevi. Un compositore dedica ore di lavoro per un'esecuzione davanti a un pubblico che partecipa, magari scrive per un'orchestra d'archi, oppure per una grande orchestra sinfonica, oppure per un teatro d'opera, non certo per creare un file da appendere in forum. Del resto il Mozart del Piceno non viene qui a proporci ascolti." E chi deve dimostrare di essere meglio di Allevi? (non credo comunque che ce ne siano molti). Resta il fatto che il confronto è sempre positivo. E poi dimmi: ti sembra facile trovare "una grande orchestra sinfonica" che esegua un tuo pezzo? (a meno che tu non sia Morricone o un altro affermato compositore internazionale)... oggi come oggi neanche i professori di composizione dei conservatori trovano orchestre che eseguano i loro brani e soprattutto gratuitamente. Può anche darsi che i compositori presenti in questo forum scrivano per "una grande orchestra sinfonica" ma allora farebbero bene a postarlo qui il loro midi almeno evitano che il loro pezzo resti per 80 anni nel cassetto e poi venga utilizzato come carta da fuoco senza che nessuno l'abbia mai ascoltato. "E poi anche tu... perché ci vuoi zittire? Insomma se segui un po' la musica contemporanea sicuramente avrai da parlare anche di altri compositori e fare paragoni e confronti." L'argomento è Allevi.... quindi si parla di Allevi. Apri un altra discussione se vuoi parlare di Berio o Ligeti. "beh, se ti senti realizzato con i minuetti buon per te. Però se ti criticano mica devi prendertela." Non è detto che non lo sia.. mi realizzo anche a scrivere una tarantella o un saltarello se riescono bene. Scusa secondo te mi dovrei realizzare solo con "una grande orchestra sinfonica"? Tra l'altro per un compositore non è facile proporre e far eseguire le proprie musiche quindi trovo naturale ad esempio scrivere per formazioni da camera. E a scanso di equivoci lo ribbadisco, scrivo nel modo che più mi piace e più sento vicino (in questo momento della mia vita... magari tra 5 o 10 anni scriverò diversamente). "oppure, più emplicemente, musiche belle e musiche brutte. Musiche ben scritte e musiche scritte con i piedi." Eh, Eh... qui cadi nel soggettivo... una musica può essere brutta per te ma bella per me e viceversa.... non sarei così convinto che quello che a me piace (inteso per qualunque persona) sia il bello "universale". Figurati che c'è gente che segue la DeFilippi. "mah... " mah... "mah... " mah... "insomma, siamo al solito commento alleviano: chi siete voi per criticare me ? Io sono io, voi non siete un .... diceva il Marchese del Grillo, dall'alto della sua posizione sociale. Ma non è che questo tuo commento è un riflesso condizionato dopo le vecchie polemiche verso il tuo cd?" Eh si ... devo essere ripetitivo: preferisco di gra lunga una critica costruttiva a una falsa stima. Il modo con cui ti poni è un altra faccenda ma anche questo te l'ho detto più e più volte. "Primo: il sottoscritto non compone; secondo: non farei un tipo di musica così popolare da guadagnare miliardi; terzo: ben vengano i soldi, ma senza esagerare, e comunque esistono tante maniere per autopromuoversi; quarto: non mi esibirei mai in un concerto, neppure sotto tortura" Fammi capire.... non suoni, non componi.... che fai oltre a criticare? Aspetta aspetta.... ti ho scoperto..... sei il taxista severo e pregiudizievole amante di Gustav Mahler che dopo aver ascoltato il cd di Allevi crollò piangendo ai suoi piedi...
  11. Infatti lo è: Bloch era di origine ebraica e nel brano ci sono molti spunti che richiamano a quella tradizione... molto carno davvero!
  12. "Si ma oggi siamo nel 2009 non nel '700. Uno che si fregia del titolo di "compositore"deve proporre qualcosa di nuovo non robetta che scopiazza (male) gli stilemi del passato. Vuoi dire che Allevi e Ligeti sono parenti?" Ti rispondo per pietà.. Un compositore scrive quello che vuole e come vuole. Un compositore scrive nel modo in cui si sente realizzato. Un compositore scrive secondo il suo gusto e il suo ingegno. Un compositore non deve sentirsi obbligato a scrivere brani in cui il piano è suonato con bacchette cinesi o con i denti solo per sentirsi apprezzato dalle "lobby accademiche". Se uno scrive un pezzo, lo scrive perchè vuole comunicare qualcosa nel '700 come nel 2009, il modo con cui lo fa è a suo libero arbitrio. Se uno scrive un brano con il fine di fare contento qualcuno (ad eccezione di se stesso ovviamente) allora non è altro che una bandieruola. Allevi e Ligeti non sono parenti ma come disse qualcuno prima di me, non esiste una musica di serie A e una musica di serie B (concettualmente parlando) ma esistono semplicemente delle musiche diverse. Non si può parlare di "nuovo" fine a se stesso solo per finire in qualche libro di storia della musica: non serve, la vita è adesso. Riguardo il reality Uto-Giovannino: "tipica obiezione banale e scontata. Se a uno non piace la gente che si ammazza a Gaza non può dire niente, può solo cambiare canale..." Sarà banale e scontata ma molto vera. Riguardo la guerra a Gaza io nemmeno accosterei gli argomenti: un concerto non ha nulla a che vedere con gente che muore. E comunque si può parlare quanto si vuole, fare cortei e magari bruciare bandiere israeliane in piazza ma il risultato è sempre lo stesso: la guerra continua e la gente muore. Se si vuole fare veramente qualcosa è inutile parlare ma bisogna fare fatti: andare sul posto in una ONG, aiutare in un ospedale, portare medicine e alimenti ecc. Se uno parla solamente è un ipocrita e cosa peggiore è inutile. Comunque come detto la guerra non ha nulla a che vedere con il concerto al Senato. Ughi è liberissimo di sentire e vedere ciò che vuole: nessuno lo ha legato alla sedia a vedere Allevi. "l'ha fatto, l'ha fatto." Eccome... ha legnato Allevi come se fosse una sua colpa l'aver accettato l'invito di suonare al Senato e ha speso si e no due parole contro gli organizzatori. E' come dire che ha attaccato 10 Allevi e 2 gli organizzatori quando semmai avrebbe dovuto fare l'inverso. Da Ughi una "spruzzata" di veleno fine a se stessa come quella non me l'aspettavo. Perchè non parla della riforma che è bloccata da anni, dalla confusione che c'è tra nuovo e vecchio ordinamento, dei professori di conservatorio con la terza media che per magia sono diventati professori universitari...... e potrei continuare all'infinito tanto è triste la situazione accademica in Italia. "questa non l'ho capita" Semplice: tra uno che fa e uno che parla solamente io sto sempre dalla parte di chi fa. Allevi potrà non essere un genio, potrà anche non saper dirigere ma intanto si dà da fare e lavora. Stimo uno che dirige le proprie musiche pur non essendo un "Muti" piuttosto che uno che si fa dirigere le proprie musiche da altri. Come stimo uno che scrive proprie musiche e ha il coraggio di proporle piuttosto che uno che dopo anni e anni di studio non ha concepito neanche una canzoncina. Ho lanciato l'invito un paio di volte ai vari geni presenti in questo forum di postare delle loro musiche, dei loro lavori ma con pacche cameratesche e risolini superficiali declinano tutti con garbo. Sarei curioso di ascoltare qualche composizione di gente che senza problemi parla dei lavori altrui usando termini come "merda", "inutile", "liquame" ecc. sempre ammesso e non concesso che abbiano fatto qualcosa. Infatti sarebbe molto triste se queste persone avessero concepito come loro unico strumento artistico quello della critica. "Terza media forse...scarsi a suonare decisamente no, basta vedere le graduatorie dei concorsi. una volta c'erano un sacco di italiani, adesso solo russi e giappini." Ok.. è colpa di Allevi? se adesso i russi ci sovrastano alla grande è colpa di Allevi o del sistema accademico? come detto in precedenza: perchè Ughi non se la prende con così tanta foga con i suoi colleghi che insegnano nei conservatori? perchè non se la prende con i politici che da anni hanno fatto una riforma che ancora non si sa se e quando partirà? perchè non denuncia i tagli che vengono fatti alla cultura ogni anno? Probabilmente è più conveniente e anche più facile attaccare Allevi. Ma vi propongo una domanda: se Allevi domani mattina scomparisse dalla faccia della terra, migliorerebbe il sistema? migliorerebbero i conservatori? la musica avrebbe più attanzione da parte dei politici? NON credo proprio. "Dite quello che volete, ma io l'altra sera ho speso 20 € per il concerto di Sokolov in prima fila, e per Pinnock con i Brandeburghesi anche meno (15 €). Non ho intenzione di spenderne 35 per vedere A. dall'ultima fila del loggione." Ok.. e chi ti costringe? non andarci... se ai concerti di Sokolov la gente ci andasse in massa anche pagando 50 euro a biglietto credimi che non avresti pagato solo 20 euro. Se ai concerti di Allevi non ci andasse nessuno il prezzo scenderebbe: è una legge di mercato tra domanda e offerta. Comunque è sempre il solito discorso ipocrita: se ai concerti di Madiel ci andassero migliaia di persone anche lui farebbe pagare 35 o 40 euro a biglietto.. i soldi sono belli e utili per tutti.
  13. infatti il tutto sta nel dire se la musica di Allevi sia ANCHE musica classica oltre che con influenze pop e jazz.... e l'esempio di Clementi regge benissimo perchè se leggi i post che mettono, non si fa altro che una gara a chi fa più il sapientone snobbando questo e quello solo per un discorso puramente formale... è una vera tristezza. sembrano tutti figli di Schoenberg.... P.s.: il pezzo che mi hai postato è una brutta copia di "O fortuna" della Carmina Burana....
  14. Mi permetto di entrare in questo "orgasmo" generale per fare alcune considerazioni: in merito al genere pop delle composizioni di Allevi è stato detto molto ma anche molto discutibilmente... con il buon Madiel si era arrivati a dire che il genere alleviano è un ibrido di vari stili e la cosa mi sta bene. Tuttavia continuo a leggere di gente che definisce Allevi unicamente pop per la semplicità delle sue composizioni: vorrei chiedere a queste persone in quale libro di armonia o composizione è indicato il numero minimo di modulazioni, polarizzazioni e cambi armonici al di sotto del quale una musica è pop e al di sopra del quale è classica. Trovo molto superficiali certi discorsi e la banalità con cui si affrontano. Ho fatto decine di esempi di composizioni del '700, '800 ecc che armonicamente e strutturalmente parlando sono semplici e piuttosto dirette ma non per questo pop.... infatti secondo il vostro ragionamento se mettiamo a confronto una sonata per piano di Beethoven con una sonatina per piano di Clementi allora possiamo affermare che Clementi faceva musica pop il che è una sciocchezza ovviamente. Anche sul fatto che Allevi si ispiri ad altri autori non lo considero uno scandalo: mi permetto di ricordare infatti che Haendel (tanto per fare un esempio) ha abbondantemente attinto, elaborato e scopiazzato da altri autori eppure è considerato uno dei più grandi compositori della storia... Rimango dell'idea che Allevi non dica di fare musica classica per una semplice operazione commerciale perchè è ovvio che ai quindicenni e agli adolescenti in generale non gliene importa un fico secco se Allevi fa pop o altro anzi... secondo me sarebbe più "fico" e venderebbe di più se facesse e dichiarasse di fare solo pop. Infatti la cosa se da un lato non gli fa vendere di più, dall'altro lato gli ha inamicato un certo ambiente accademico: non lo trovate controproducente al massimo? La spiegazione secondo me è semplice: a torto o a ragione lui crede in quel che dice senza secondi o terzi fini. Sulla diatriba tra Ughi e Allevi inoltre trovo sconcertanti diverse affermazioni: 1 - se il concerto al senato non è piaciuto al sig. Ughi, bastava cambiare canale e vedere che ne so.. la De Filippi.... 2 - il sig. Ughi se la prende con la persona sbagliata: non mi sembra che Allevi abbia sfondato la porta del senato a testate per suonare ma è stato invitato a farlo. Il sig. Ughi se la prendesse con chi lo ha fatto suonare e ha organizzato l'evento. 3 - trovo sempre e comunque onorevole che uno suoni e diriga le proprie composizioni; è evidente che Allevi NON è un direttore d'orchestra ma d'altro canto ha diretto principalmente sue opere quindi... non mi sembra che abbia diretto l'Aida alla prima della Scala tanto per essere chiari... 4 - anche sull' affermazione "in altri tempi non sarebbe neanche entrato in conservatorio" o "è un nano" ecc.. vorrei che il sig. Ughi se la prendesse con le persone giuste... è colpa di Allevi se si è diplomato in conservatorio?.. NO..casomai è il sistema, il conservatorio ad avere dei seri problemi e soprattutto chi ci insegna. Ughi se la prendesse con i suoi collegni che ci insegnano e che formano i giovani non con chi esce da li. Il sig. Ughi deve capire che il problema, se c'è, sta comunque a monte e non a valle e facesse anche un pò di autocritica a sto punto già che c'è. E comunque anche "in altri tempi" non mi sembra che uscissero solo geni dal conservatorio anzi... molti avevano si e no la terza media ed erano pure scarsi a suonare.
  15. mm.... puoi ascoltare qualcosina su: http://it.youtube.com/watch?v=Yf1VfahBBSk non è granchè.. sò che ci sono delle registrazioni americane tipo su: http://www.emusic.com/search.html?mode=x&a...amp;x=0&y=0 ma io nn le ho ascoltate..
×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy