Vai al contenuto

Violinfrau

Members
  • Numero contenuti

    979
  • Iscritto

  • Ultima visita

Tutti i contenuti di Violinfrau

  1. Lezioni private di musica a Milano APERTE A TUTTI SENZA LIMITI DI ETA' - Lezioni strumentali di: Pianoforte Violino Viola Violoncello Livello base, amatoriale/professionale, perfezionamento LEZIONI SPECIALI : - Avviamento alla musica per bambini dai 2 ai 4 anni - Avviamento alla musica per bambini disabili dai 3 anni in su e ragazzi anche con handicap grave - Lezioni di strumento per bambini e ragazzi disabii, anche per chi suona già I NOSTRI PUNTI DI FORZA: - Docenti diplomati e laureati con curriculum concertistico internazionale - Programmi PERSONALIZZATI ED INDIVIDUALIZZATI - ORARI flessibili - Primo incontro gratuito I METODI: Percorso individualizzato Esempio musicale SEMPRE fornito dall’insegnante : i docenti non si limitano ad impartire consigli teorici ma suonano grazie alla presenza di due pianoforti vicini . I programmi di studio includono anche brani realizzati dagli allievi INSIEME, per incoraggiare la pratica della musica d’insieme. Verrà inoltre promossa la pratica dell’ASCOLTO. Per coloro che preparano concerti o concorsi, e anche per chi inizia un percorso musicale, ci sarà la possibilità di SUONARE DI FRONTE AD UN PUBBLICO. Zona MM3 Sondrio. scrivere a gimmy831@tin.it
  2. Violinista diplomata, laureanda in psicologia dello sviluppo , con esperienza nel campo dell'educazione speciale offre lezioni private di avviamento alla musica, anche al violino e pianoforte, per bambini dai 2 ai 4 anni e bambini disabili dai 4 anni in su. Provincia di Pavia. Se interessati scrivere a gimmy831@tin.it
  3. Brava, sono contenta che vada tutto bene! A che anno sei adesso? Cosa stai studiando di Pugnani?
  4. ciao :) ... volevo ancora farti i complimenti per il libro!

    Alessandra .

  5. So che forse sono OT, ma volevo dire una cosa a Leonora : mi piacciono le tue risposte e quello che dici, sei matura e determinata e mi piacerebbe sentirti suonare dal vivo. brava, continua così !!!
  6. Già, il ritmo è sempre stato un mio problema....e poi abbiamo provato poco prima di quel concerto.... Comunque questa registrazione non mi rappresenta più, appena riesco ne posto una più recente!
  7. Grazie a tutti e due per i complimenti Comunque adesso la registrazione è un po' vecchia, spero di essere migliorata nel frattempo...
  8. Quando ho scritto il messaggio che hai citato ero messa molto peggio di adesso.... ...nel frattempo per fortuna ho recuperato un po' ... pero' alcuni problemi mi sono rimasti, soprattutto ho lacune di base nell'uso dell'arco, sono molto rigida ed ho difficolta' in molti colpi d'arco. Direi che il problema maggiore e' la rigidita' fisica, che faccio molta fatica a superare nonostante abbia un ottimo insegnante e sia molto motivata e con tanta voglia di studiare. Ma ormai sono quasi al diploma e non so quanto riusciro' a migliorare ancora... ( ho 25 anni)
  9. Per violino solo non c'e' molto di semplice ed orecchiabile... visto che e' un concerto per la scuola, non potresti suonare appunto Thais o il Cantabile di Paganini ma senza accompagnamento? Non credo sia un problema in questo caso. Comunque Thais e' un brano semplice tecnicamente, direi da 4^- 5^ anno. Paganini e' un pochino piu' complesso ma il livello e' simile.
  10. Si' ma ci sara' qualcosa che preferite suonare...cioe' brani solistici piuttosto che in orchestra o musica da camera...le opportunita' contano, ma qui mi sembrava si parlasse di preferenze personali.
  11. Adesso 3 giorni alla settimana : lunedi' quartetto, mercoledi' violino e poi orchestra, sabato violino. Ma dovro' iniziare presto anche musica da camera, quindi i giorni diventeranno 4!
  12. Da quel poco che ho visto in un documentario mi e' sembrato fantastico!! Soprattutto dal punto di vista musicale (anche perche' quel poco che ho visto era una masterclass,quindi non poteva fare un lavoro tecnico), ha sempre una personalita' veramente coinvolgente ed e' molto comunicativo anche come insegnante!
  13. Secondo ma ve benissimo se le fai bene e concentrata.
  14. Per me la difficolta' principale e' sempre stata, ed e' tutt'ora, la tecnica dell'arco. Ancora adesso , al 9^anno, ho difficolta' in molti colpi d'arco, ad es nel balzato, ricochet ed anche nell'eseguire un legato decente... purtroppo non ho mai acquisito buone basi e sto facendo molta fatica a superare queste lacune. Ho anche delle rigidita' nel braccio destro che mi bloccano veramente e non riesco ad essere fluida e ad avere, insomma, facilita'. Ovviamente questi problemi piano piano migliorano, ma mai quanto vorrei...
  15. Per me la difficolta' principale e' sempre stata, ed e' tutt'ora, la tecnica dell'arco. Ancora adesso , al 9^anno, ho difficolta' in molti colpi d'arco, ad es nel balzato, ricochet ed anche nell'eseguire un legato decente... purtroppo non ho mai acquisito buone basi e sto facendo molta fatica a superare queste lacune. Ho anche delle rigidita' nel braccio destro che mi bloccano veramente e non riesco ad essere fluida e ad avere, insomma, facilita'. Ovviamente questi problemi piano piano migliorano, ma mai quanto vorrei...
  16. Complimenti!! Anch'io quando avevo lasciato l'uni studiavo anche 6-7 ore, poi nei mesi scorsi ho avuto problemi fisici e non potevo fare piu' di 2 ore (prima dell'ottavo!!! ).... adesso mi sono un po' ripresa e studio 3-4 ore , ma visto che sto preparando il diploma sto pensando di mettere da parte l'universita' fino a febbraio dell'anno prossimo...ma so che non lo faro'.... ... comunque per quanto mi riguarda credo che l'ideale sarebbe che riuscissi a studiare 4-5 ore regolarmente.
  17. Complimenti! Che concorso farai? Io mi chiamo Francesca.
  18. Non dico che per TUTTI sia cosi'.....ma secondo me almeno per il 90% dei bambini prodigio vale questo discorso. Anch'io sarei voluta entrare in conservatorio a 14 anni ed i miei non volevano...ma non avevo 4 ANNI!, e comunque avevo gia' vissuto un'infanzia "normale" e non ero mai stata forzata a fare niente. Quindi adesso ho dei rimpianti, ma tutto sommato sono anche felice di aver potuto scegliere da piccola. Non intendevo dire che tutti i professionisti non sono appassionati, ma che solo che non per tutti la musica e' vita (purtroppo)
  19. Ciao!! Complimenti per il tuo curriculum!!!

    Ciao ;)

  20. Ho guardato l'intervista...non so se avete notata che Masha dice che a 4 ANNI ha DECISO di iniziare il violino per continuare la TRADIZIONE DI FAMIGLIA... Trovatemi un bambino di 4 ANNI che sa cos'e' la tradizione di famiglia!!!! Non credo assolutamente che sia stata una sua scelta.... E' ovvio che quando vedi la mamma ed il papa' che suonano ti viene voglia di suonare come loro, e questa e' una bella cosa... ma a 4 anni dovrebbe essere ancora un gioco, magari fatto anche seriamente, cioe' come forma di apprendimento anche, ma principalmente il bambino dovrebbe percepirlo come un gioco e qualcosa di piacevole...
  21. Primo: quando rispondi ad un'intervista a 12-13 anni dici quello che la gente si aspetta di sentirti dire...perche' non puoi mica dire ad un intervistatore che i tuoi genitori ti obbligano a studiare, e poi perche' quella e' l'unica vita che un ragazzino prodigio conosce, e per lui e' per forza "normale".... non ne conosce altre! Un bambino che ha iniziato a dare concerti a 8 anni non sa cosa vuol dire fare altro, oppure suonare in modo non competitivo e per passione, quindi per lui questo e' normale! Secondo: Fede Rinhos.... la musica E' VITA per TE, per ME, per persone che hanno scelto di suonare per passione e perche' l'hanno voluto loro...ma la musica per molti e' UN LAVORO come tutti gli altri, non ha niente di cosi' assoluto e totalizzante. Non si puo' dire con certezza che la musica sia vita PER TUTTI!!!
  22. No, non parlo assolutmente di questo tipo di adolescenza...io non mi sono mai fatta le canne, mai drogata, non ho mai avuto interesse per cose superficiali in adolescenza, eppure l'ho vissuta come ho voluto io, tra libri, musica e amici, e non sono mai stata forzata a fare niente. E adesso un po' mi dispiace, perche' se mi avessero forzata probabilmente oggi non sarei qui a rimpiangere il fatto di non essere diventata un grande violinista...o forse avrei smesso di suonare molto prima... ma... Il mio e' solo un esempio , giusto per dire che ogni persona vive l'infanzia e l'adolescenza a modo suo, ma l'importante e' che sia LIBERA di scegliere come viverla, e scusa ma mi rifiuto di credere che un bambina scelga SPONTANEAMENTE a 9 anni di suonare tutti i capricci di Paganini o di fare molti sacrifici per raggiugere livelli cosi' alti(perche' lo sappiamo tutti che senza sacrifici NESSUNO ottiene NIENTE, neanche i cosiddetti "geni", ammesso che esistano).Questa non puo' essere una scelta libera e consapevole, perche' un bambino vuole prima di tutto divertirsi, giocare, frequentare i coetanei e magari andare a scuola ma normalmente, senza dover rinunciare ad esempio ad una festa di compleanno o ad un compito in classe perche' deve studiare violino e viaggiare per il mondo per dare concerti. Questo senza dubbio fa vivere un'infanzia ed un'adolescenza "forzate" e, che , ammesso che al bambino possano piacere, sono comunque fonte di troppo stress e troppe pressioni per l'eta' in cui lui/lei si trova. Purtroppo l'individuo non e' sempre protagonista della sua vita, ci sono genitori che si impongono molto e non lasciano spazio ai figli, e magari i figli stessi non hanno un carattere abbastanza forte per esporre le loro ragioni ed i loro veri interessi, e quindi non vivono la LORO vita, ma quella di qualcun altro. E succede spesso, purtroppo non solo quando i figli sono piccoli, ma a volte anche quando sono adulti. Non dico che non si debbano guidare i figli...ci mancherebbe! Regole chiare e decise son indispensabili per un bambino, ma c'e' differenza tra educare ed imporre....
  23. Quella che tu chiami "questa roba" non e' normale , ma del resto non e' neanche normale (cioe', consueto)essere allievi del proprio padre e/o suonare con lui, e non e' normale (uso questo termine sempre non in senso negativo ma solo per capirci!) diplomarsi a 12 anni ecc.... Cioe', nella vita dei bambini prodigio non c'e' niente di consueto... ma io continuo ad essere convinta che tutto questo per forza crei problemi nella vita di un ragazzino, soprattutto quando poi diventa adolescente, perche' non ha avuto una vita come i suoi coetanei, ha avuto troppo stress, troppe sollecitazioni anche negative, troppe pressioni ad essere perfetto, a suonare sempre meglio, a studiare sempre di piu'.... tutto questo influisce eccome, e molto spesso - se non quasi sempre- crea piccoli musicisti forzati e senza una vera passione per la musica, che percepiscono solo come un lavoro pesante e neppure sempre gratificante. Eri tu che dicevi che Masha Diatchenko parla poco di musica? Beh, io alla sua eta' ( e credo tanti musicisti che come me l'hanno sempre fatto per passione e non per imposizione) parlavo SEMPRE e quasi SOLO di musica, ero molto molto appassionata e vivevo per la musica. Non faro' la concertista nella vita... ma e' meglio fare 100 concerti all'anno a 12 anni perche' si DEVE farlo oppure diplomarsi a 26 anni ma AMARE la musica? Io scelgo la seconda.
  24. Un grande BENVENUTO a tutti i nuovi!!!
×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy