Vai al contenuto

glenngould

Members
  • Numero contenuti

    2916
  • Iscritto

  • Ultima visita

Tutti i contenuti di glenngould

  1. Oh mamma, è proprio l'opposto di quello che penso io! In ogni caso, sono d'accordissimo invece su Vickers, tra gli altri uno dei miei cantanti preferiti
  2. Il problema, o se volete una fissazione personale, che ho sempre riscontrato è la difficoltà di trovare un buon tenore, soprattutto per il brano di apertura. Ecco perché preferisco, per la parte tenorile, la registrazione di Klemperer con il mitico Wunderlich. Per la parte di contralto c'è maggior scelta a mio parere: oltre alla grande Ferrier, ci sono la Ludwig, la Baker e altre che sicuramente ora dimentico. La versione con baritono non la considero nemmeno, anche se, in effetti è stata prevista da Mahler stesso. Tuttavia non mi ha mai convinto questa scelta, probabilmente dettata più da motivazioni esterne che musicali.
  3. Me lo sono chiesto anche io, a dire il vero. Magari per l'accoppiata Baker-King che sulla carta sembra promettere bene
  4. glenngould

    Confronti

    Io piuttosto mi chiedo perché ti si vede così di meno qui in forum (Metto la faccina così, in mancanza degli altri componenti della comunicazione verbale, si capisce che non è una riprensione, ma un - maldestro - tentativo di dire che mi mancano i tuoi interventi)
  5. Strauss appena tornato da un giro in vespa. Copertina che sembra provenire dritta dritta da quelle collane dove il direttore Alberto Lizzio è alla guida dell'Orchestra Slavonica. E invece no, c'è - nientepopodimeno - che MTT e la LSO
  6. Che coincidenza! È da tempo che sono alla ricerca di questo disco sperando di trovarlo (usato) in offerta e proprio ieri facevo un giro "esplorativo" per controllare i prezzi.
  7. Vista la prima stagione, vista la seconda a metà, poi ho letto il riassunto su Wikipedia 😁 Comunque sono pienamente concorde con la tua descrizione su BB: nessun personaggio è stilizzato o abbozzato, anche un Mike o un Saul sono studiati nel dettaglio
  8. Ha anche il numero d'opus uguale, nonché incipit, passaggio a sol maggiore e siamo solo al 3° minuto!
  9. Tanta, tanta roba... Ne approfitto per dare il buon anno a tutti
  10. Tanti auguri al Maestro Bruno Canino:
  11. Sempre di Mendelssohn anche il Rondò capriccioso op.14 o la Fantasia op.28
  12. Mendelssohn, 3 Fantasie op.16 in totale durano 12 minuti
  13. Dispiace. Ti dedico questo che di solito ascolto in quei momenti:
  14. Per una volta anche tu vai d'accordo con Glenn Gould, la magia del 2020 😃
  15. Sì, grossomodo sono queste le fasce orarie nelle quali si può suonare in un condominio. Purtroppo a volte il problema è avere a che fare con dei vicini che, nonostante il regolamento, ti fanno storie comunque. Parlo purtroppo per esperienza personale
  16. Proprio lui. Dice che dava i brividi al suo uditorio quando eseguiva i tremoli...da quello che sappiamo di certo, invece, uscì con le ossa rotte da un "duello" con Beethoven Duello pianistico, si intende...
  17. Ma dai, nel 2020 quasi 2021 esiste ancora qualcosa che può scandalizzare?
  18. Parlami un po' di questo compositore...
  19. YouTube mi suggerisce questa sonata di Luca Mosca: suonata magistralmente dal grandissimo Bruno Canino. Ricorda Prokofiev e Scriabin. La descrizione della sonata è di Luca Mosca stesso. @Madiel @Majaniello al quale potrebbe piacere
  20. Oh mamma, Snorl, io questo disco l'ho consumato a furia di ascoltarlo Anche se, nonostante sia un gouldiano convinto, non la ritengo un'esecuzione di riferimento, quanto piuttosto un documento che ricalca la filosofia gouldiana applicata al concerto in questione (è interessante leggere le considerazioni fatte proprio sul libro "L'ala del turbine intelligente"). Oltretutto, ed è interessante anche sottolineare questo, il primo a non essere convinto dell'esecuzione fu proprio Bernstein, ma, e qui sta la grandezza di questo musicista, asseconda il pensiero di Gould per provare una strada non battuta fino ad allora. Ecco, Gould potrà non piacere ed è sacrosanto pensarla come si vuole, ma ha il pregio di non essere mai banale: la sua visione si basa su un'estetica ben precisa e da quella parte la sua riflessione che si manifesta poi nelle scelte musicali e nell'interpretazione. Per il resto non preoccuparti che da parte mia non ci saranno fustigazioni: da bravo protestante ho ben chiara la funzione del secondo comandamento sul non farsi scultura o immagine da adorare
  21. No, non lo conoscevo. Grazie per la segnalazione!
  22. La scena mostra la natura ambigua di Scarpia bigotto/satiro. Lo scavo psicologico del Barone fatto da Puccini è magistrale. (chissà se Scarpia avesse avuto instagram...qualche like sarebbe scappato anche a lui ) Per rientrare in tema Te Deum, io rimango affezionato a quello di Charpentier
×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy