Vai al contenuto

glenngould

Members
  • Numero contenuti

    2908
  • Iscritto

  • Ultima visita

Tutti i contenuti di glenngould

  1. Invece per me è stato il primo ascolto in assoluto del pezzo in questione e in generale del Martinon versione compositore. Ho sempre un po' di strizza ad accostarmi ai direttori/compositori soprattutto quando li stimo tantissimo sul podio. Però devo dire che probabilmente partivo già pesantemente prevenuto e che quindi l'ascolto è stato tutto sommato un piacevole passatempo. Ho fatto giusto un paio di ricerche e ho visto che il catalogo di Martinon è abbbastanza nutrito e che il pezzo in questione è del '46 quando il nostro aveva 36 anni ed era già all'opus 47 (giusto per dare a Cesare quel che è di Cesare!)
  2. Dai non fare il modesto, sono curioso di sentire e vedere (la partitura) Per il resto, grazie @Snorlax per la dedica. Purtroppo non sto ascoltando nulla in questo periodo da poter controdedicare, mi rifarò in seguito
  3. Sarei curioso di sentire la tua orchestrazione. Riusciresti a caricarla?
  4. La cosa divertente è che a volte vedi i malcapitati che cercano disperati di spegnere il cellulare o di staccare la chiamata in tutti i modi senza riuscirci
  5. Ora vogliamo il video postato in Cosa state ascoltando!
  6. glenngould

    Mahler

    Da te, collezionista incallito, non mi sarei mai aspettato una sola edizione della Nona! In ogni caso, oltre a quella di Fischer, puoi provare con la classica di Karajan, con Bernstein (NYP) e Gielen
  7. Quest'ultima copertina entra di diritto nella discussione sulle copertine più brutte! Bentrovati a tutti!
  8. Rispondo sia a te che ad @Ives. Sì, il punto è che mi incuriosisce la presenza di Wit in molti dischi consigliati e, dato che è un direttore da me conosciuto solo di nome, avrei piacere di saggiare in modo diretto
  9. Questa è una proposta interessante. Ho notato come spesso Wit sia tra le reference di Hurwitz. Credo che l'ascolterò dato che l'unica edizione di questa sinfonia ce l'ho diretta dal classico Chailly
  10. glenngould

    Necrologi

    Provo un grande dispiacere per questa perdita, quasi come se fosse venuto a mancare un amico o una persona con la quale si ha confidenza. Complice il fatto, credo, che Lupu sia stato uno dei miei primi ascolti dell'adolescenza, soprattutto quando rimanevo ore ad ascoltare il canale FM della Filodiffusione. Ogni volta che passava qualcosa suonato da lui, mi sembrava, appunto, di ritrovare un vecchio amico. Spero di rivederci nella prossima vita, stavolta dal vivo
  11. Insieme all'altro con Respighi e Petrassi e Dallapiccola!
  12. Per esperienza personale da EVITARE Mahler se non si vuole avere bambini iperattivi. La migliore musica per un neonato è la voce della mamma
  13. Concordo e consiglio Bernstein per affinità con il compositore e per prezzo più abbordabile. Un'altra integrale davvero ben fatta è quella diretta da Gielen. In questo caso il prezzo è meno abbordabile.
  14. glenngould

    Necrologi

    Tanto di cappello. Condoglianze
  15. Bravissimo, concordo. Tra l'altro ho sempre molto apprezzato anche la sua Quinta
  16. Ciao, una domanda: il primo tempo della 570 è una scelta tua? Perché in alternativa ci sarebbero di Mozart altri primi tempi di sonata più "tranquilli" (es. la K283 in Sol maggiore). Poi, tanto dipende anche dal tuo livello perché un mese potrebbe essere sufficiente anche per quella che hai indicato. Per quanto riguarda lo studio, un grosso aiuto alla memorizzazione ti viene dalla comprensione della struttura della forma sonata e dalla comprensione delle modulazioni usate da Mozart per collegare prima e seconda area tematica. Questo è ti aiuterebbe anche nell'interpretazione...visto che non devi solo pigiare dei tasti Io non sono pianista professionista, al massimo rientro nella categoria dei dilettanti (-issimi), però questo è il piccolo aiuto che posso darti! Oltre ad augurarti un buon successo!
  17. Ho ascoltato i primi due movimenti e devo dire che, fin qui, la parte che ho sottolineato corrisponde perfettamente. Mentre ascoltavo il secondo movimento ho avuto ancora di più conferma che il diretto erede spirituale di Mahler sia stato Berg proprio in virtù della complessità polifonica che ad un certo punto ti fa perdere qualsiasi punto di riferimento (quale voce ascolto?). Solti rende bene questa complessità di fatto facendo emergere tutte le voci. Ascolterò anche il terzo e il quarto movimento a breve
  18. Durante il primo ascolto non mi era sembrato che limitasse più di tanto, anzi, mi era parso che ci andasse giù pesante...evidentemente non ho nelle orecchie i veri tromboni!
×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy