Vai al contenuto

vuoto assoluto

Members
  • Numero contenuti

    149
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su vuoto assoluto

  • Rank
    Qualcuno
  • Compleanno 23/09/1964
  1. Non so se ripasserai mai da queste parti, ma lascia che ti dica questo: ho letto e riletto tanti tuoi post su vari topic... un plauso per la lucidità, l'equilibrio e per le idee debbo fartelo.

  2. vuoto assoluto

    Video chitarra

    o classici, ve piacciono , o no ste interpreti ?
  3. vuoto assoluto

    Video chitarra

    ridiamo vita al topic...
  4. se il genere ti risulta arduo da assimilare, ce n'è a bizzeffe cmq per praticare e provare piacere a suonare. Come è possibile dare consigli a riguardo ? Ti piace il ragtime ? Scaricati qualche brano di Scott Joplin al piano e vedi se ti chiappa... ti piace il jazz ? qua ci sono decine di nomi : Oscar Peterson, Keith Jarrett, Chick Corea, Herbie Hancock, Stefano Bollani, e poi Errol garner. Scaricati un cd per uno e fatti un'idea. Ti piace il rock, il pop, la new age ? ascolta R. Clayderman G. Allevi, George Winston , Liz Story, L. Einaudi, Keith Emerson, Rick Wakeman. Se ti piace il classico spostati verso il topic dedicato al Pianoforte nella sezione dedicata al genere classico. magari c'è una corrente artistica vicina alla tua sensibilità.(debussy ad.es.) Ti fai dare un po' di titoli e ti butti nell'ascolto.. io non so che altro dirti. Auguri, spero che trovi la tua strada.
  5. i truzzi, le truzze... ma mia figlia di 5 anni fa gli stessi discorsi con le sue amiche. e non scherzo. maronna mia. ma ci fa o ci è ? ma quanti anni ha ? spero non più di 10, m,a occhio, ho come paura che si avviii verso i 15...vuol dire che diventerà adolescente a 20. a 50 sarà matura per fare un discorso profondo...ovviamente saprà già tutto di sesso, poverina, ma di maturità affettiva ce ne vuole. che bello essre diventati adulti. so proprio acerbi sti pupattoli/e. Lo dico con tenerezza.
  6. la rivoluzione del linguggio musicale e il suo arretramento e primitivizzazione è iniziato nei primi del 900. il blues, la percussione è entrata nela mondo della musica di massa e ha ha portato il sano distacco, tra una aristocrazia di gusto e di ceto ad una socializzazione maggiore della musica. Il senso di appartenenza che molta musica popolare porta con sè, la classica non c'ha. Forse è tempo che se lo trovi, altrimenti resterà il piccolo pollicino che crede di essere un gigante. Sul marketing in generale c'è solo gente di soldi per i soldi. Ci siamo dentro tutti, nessuno verginello vedo in giro. Qui a venezia continuano a propinare soprattutto le stagioni di Vivaldi con poche variazioni sul tema, da 30 a sta parte perchè fa tanti schei grazie ai turisti che scorazzano a bizzeffe. Non ci vedo niente di orientamento di gusto. solo bisness. Se il musico vol magnà deve fà quello che il suo datore gli impone di ssonà. venezia grande salvadanaio del mondo e anche della cultura, in cui l'aspetto massificante in cui entra anche certa musica classica, sonata e risonata ad oltranza, per rimpolpare la casse. Niente da criminalizzare. il mercato funzia così. dopdichè se i crimson non piacciono, mica mi ammalo. e radiogaga e altrettante cose...altri personali veli pietosi. qualcuno mi trovi nel linguaggio del 900 della cosiddettta torre d'avorio, capace di emozionare come certi brani degli U2, o altri che non cito per non scandalizzare. Il pulsare del ritmo, la ripetizione, la creazione di certe atmosfere capaci di portare in alto nelle vette di certe emozioni, che (prendo ad es. un qualsiasi brano elettronico dagli anni 50 finio ad oggi), non è monnezza, come volete voi farci credere. ragassi miei, i neri afroamericani hanno portato i ritmi tribali delle origini dentro il ns. intelletto e noi con la batteria abbiamo fatto miracoli. Non solo con ionisation Ma da Max Roach a Stewart Copeland la creatività è esplosa in punti che alle torri d'avorio è sfuggita di mano. mi spiace, io credo che se chiedete ad un metallaro (e io non sopporto il metal e derivati) cosa gli danno certi brani, lui non vi saprà rispondere, ma non solo perchè è analfabeta musicalmente, ma c'è qualcosa che parla alle persone che usano aspetti della propria emotività per avvicinarsi alla musica, Di immediato, di primordiale, di dionisiaco che altre culture musicali, figlie della ns, trad.ne classical chic, hanno rifiutato. mi direte: meno intelletto e più corpo, più danza e meno speculazione ? I neri ci hanno fatto vedere che sì. E noi, figli dell'industrializzazione, dell' industria musicale che cmq in nome della propria sopravvivenza ha coinvogliato masse a grandi concerti in giro per il mondo abbiamo ascoltato anche questo messaggio subliminale. Tutto è strumentalizzabile. Anche certe colonne sonore di fantascienza fiction anni 70 che usavano musiche elettroniche di nicchia per vendere. Volete il libro dell'eternità ? tenetevelo. Su questa terra tutto passa e ciò che resta è figlio di chi fa più spintoni per imporla. per questo la verità sulla musica è anche un fatto politico, di potere, non di purismi spacciati per verità platoniche. A me piace pensare che in paradiso saremo liberi da classismi musicali. Splenderà una sinfonia di cicciofrasquita e una canzone di belin belino.... se capite l'eufemismo. liberi di fruire come si vorrà.
  7. non ce l'ho con te miaskoswsky... ma zeitnote e l'ironia beffarda di madiel. cmq kontakte eletroacustico non è male. scherzavo. ma a provochescion rispondo.
  8. guarda, mentre ti rispondo sto ascoltando Kontakte inversione elettroacustica. E no go paroe. h sì, perchè se uno era trincerato dietro gli studi di colonia caspita era un innovatore del linguaggio, mentre dei poveri giovanuncol con una chitarra elettrica e una batteria erano solodei mentecatt. mi facci lu piacer..grazie. stii zitto.
  9. se non sbaglio su FM c'è la filodiffusione e ìi si ascolta musica classica 24 ore su 24. i king crimson non credo si ascoltino più da nessuna parte...tanto per fare un es. sono passati di moda ? tutto molto relativo.
  10. celtica, sono canzoni popolari che vengono da ballate di origine anglosassone, scozzese, irlandese, che vengono riarrangiate in chiave moderna, a volte con strumenti tradizionali, flauti, flautini, strumenti a corda, cornamuse di vario tipo e voci spesso femminili, ma non solo a volte. Chi ha cercato di muoversi a partire da semplici armonie che provengono da questo mondo musicale ha anche usato strumenti elettronici: Enya, lorena Mckennit, per citare le più blasonate. Niente di eccezionale. Musica evocativa, suggestiva, che spesso si ritrova anche in certi film di genere fantasy alla signore degli anelli....si capisce ? niente che richieda mastodontici sforzi per essere fruito, ma è un prodotto che ha diversi livelli qualitativi di interpretazione. I Nightnoise sono, imho, ottimi compositori ed esecutori di questo genere. E, come al solito, hanno il loro successo di nicchia. Quando le cose si fanno bene, il più delle volte non si ha grossi consensi. non serve essere Stockausen per non essere considerato da grandi platee consapevoli, o meno
  11. emo ? what's emo ? emo è un prefisso greco o latino che significa sangue. laccio emo-statico emo-filia che altro è ? Anche a me piace la musica celtica... sono emo - tivo ? boh.
  12. non so. dipende dall'impegno personale di ciascuno ad impegnarsi a diffondere ciò in cui crede. Associazioni, circoli etc...etc.. ciò che fa massa fa scheo veloce per chi detiene il monopolio mediatico. La fatica per un piacere più profondo, o per qualche ideale più importante non paga subito e forse non diventerà mai al centro dei riflettori.
  13. http://www.youtube.com/watch?v=qtnR0tM8z60 forse madiel ha ragione. ma questi son volponi : che ce fanno o ce sono, non cambia molto... pensano sicuramente al conto in banca, a far sesso e... a che altro ? dante è assai conosciuto, nonostante benigni... questi sono usciti dalle scuole private finanziate dalle destre , con ragassi privi di educazione, a causa dell'ssenza genitoriale fuori per bisness...
  14. riguardo al video tubato sopra...si tratta solo di ragazzi che cercano la loro identità nel gruppo e vogliono differenziarsi per trovare la loro identità. E' un processo che esiste da sempre. Analizzato da tutte le scienza umane e pedagogiche. Magari in mezzo c'è qualcuno che ama la classica, ma in gruppo preferisce identificarsi come emo (fa sangue inzomma). il gusto per approfondire le cose, la musica, i libri...non fa cultura di massa, e chi vuole percorrere viaggi solitari soffre molto di più e allora quantitativamente sono una minoranza...ma anche chi ascolta musica leggera,che richieda uno sforzo di ascolto in più, o il jazz o il folk, sono una minoranza...ricordatevelo. non siete gli unici pollicini o brutti anatroccoli. penso...
  15. l'ho visto. lacrimuccia per firth of fifth, spectral mornings e altri brani da brivido. Erano anni che non andavo più a vedere concerti.
×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy