Vai al contenuto

Occhio

Members
  • Numero contenuti

    161
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su Occhio

  • Rank
    Qualcuno
  • Compleanno 11/05/1985
  1. Occhio

    Metodi...

    Eh già... negli studi per tamburo ogni autore scrive i rulli come gli pare! Ma in fondo questo è un bene, visto che anche nella letteratura (leggi: passi d'orchestra) ogni compositore indica i rulli come vuole...
  2. No, non ti sbagli... E' parecchio difficile, per questo ho parlato di una "lunga avventura": ci metterò un casino di tempo a studiarlo. Se poi hai sentito l'incisione di She-e Wu ti prendi sicuro uno spavento: è spaventosamente veloce... (ma in realtà è lei che "esagera", il concerto funziona benone anche a velocità più umane).
  3. Occhio

    Metodi...

    Ho letto alcune cose anh'io da quel libro a suo tempo... devo dire niente male, soprattutto per la scrittura "abbreviata".
  4. Ho iniziato oggi a studiare il bellissimo concerto per Marimba e Orchestra d'Archi di Eric Ewazen!!! Sarà una lunga avventura...
  5. Wow! Altro che farti piccolo piccolo! Innanzitutto (come saprai senz'altro meglio di me) lo zarb è uno strumento di tradizione classica, di un'altra cultura (quella persiana) ma pur sempre classica! Inoltre è uno strumento estremamente difficile, con una complessissima tecnica! Posso chiederti con chi studi?
  6. Dunque, se posso aggiungerei un mio personalissimo parere a questo discorso: non fissarti troppo sulla tecnica, non è tutto! Quello che devi ottenere studiando la tecnica è un vocabolario da poter utilizzare nelle situazioni musicali. Quello che serve (almeno nella stragrande maggioranza della musica colta), su questo argomento, è una doppia acciaccatura eseguita stretta. Dunque è meglio concentrarsi sul maneggio ssd o dds che permette di ottenerla, e non su sss o ddd che (pur essendo un ottimo esercizio tecnico) è inadatto a questo scopo...
  7. Ovviamente per far venire questo tipo di rudimenti non esiste altro mezzo che la costante pratica... Credo che il metodo sia quello che usano tutti: ti metti il metronomo ad una velocità decisamente bassa, dove le mani vanno tranquille senza nessuno sforzo (anzi, "annoiandosi" un po'), poi alzi la velocità piano piano (io alzo di un solo bpm alla volta) finchè senti che non ce la fai più. Vedrai che di giorno in giorno raggiungerai velocità sempre più alte. Per quanto riguarda le acciaccature doppie con maneggio sss, beh, direi che non sono acciaccature doppie! Cioè, è impossibile farle suonare come vere acciaccature, che puoi ottenere solo con i maneggi dds o ssd, o al massimo dsd o sds se stai suonando forte! Ricordati che nel tamburo ruullante in ambito classico (quindi NON RUDIMENTALE) tutte le acciaccature vanno suonate strette nel 90% dei casi, e l'unico maneggio per farlo è dds o ssd.
  8. Uhm... spiegati meglio: con "rulli a tre" intendi la doppia acciaccatura (in inglese "drag")?
  9. Occhio

    Quiz

    Oh beh, senza alcun dubbio! Certamente rientra nella schiera degli strumenti per così dire "effettistici" o "coloristici", e non è possibile eseguirvi nulla di realmente tecnico o virtuosistico. Ciò non toglie che il suo suono è affascinante e utlizzabile in molteplici situazioni. Per non parlare dell'aspetto estetico: chi del pubblico riesce a vederti in genere si esibisce in espressioni allibite niente male...
  10. Occhio

    Quiz

    Beh, questa non è troppo difficile dai: trattasi di uno spring drum!
  11. Beh, l'organico è sempre pianoforte e percussioni... se il percussionista sei tu, un pianista non è difficile da reperire! Sulla difficoltà non ci sono dubbi: ma tieni conto che qualsiasi brano "di letteratura" (cioè presentabile in concerto) peresenta sempre un certo grado di difficoltà... non esistono brani da concerto "facili"!!!
  12. Occhio

    Metodi...

    Oh beh, non temere: appena sarai ad un livello un po' più alto dovrai cominciare ad affrontare qualche studio vero. E vedrai che al 99% saranno gli studi del Goldenberg. Se posso chiedere... chi è il tuo maestro?
  13. Occhio

    Metodi...

    Ahahahah! Beh dai, la parola "grave" non è di certo la più adatta. E' solo che non esiste (o quasi) percussionista che nei primi anni di studio non abbia fatto i due metodi di Goldenberg (e non perchè siano metodi di chissà quale spessore, ma solo perchè questa è la prassi...). Non temere: i tuoi insegnanti porranno senza dubbio rimedio a questo quanto prima!
  14. Occhio

    Metodi...

    Ma come? Ancora niente Goldenberg (sia di tamburo che di tastiere)???? Ahi ahi ahi...
×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy