Vai al contenuto

superburp

Members
  • Numero contenuti

    13086
  • Iscritto

  • Ultima visita

Tutti i contenuti di superburp

  1. Io ho quella di Klemperer del '66, quella di Böhm della collana Eloquence e una di Toscanini. Quella che preferisco è la versione di Böhm, molto salda e pesante (in senso buono, perchè un pezzo simile non lo vedo - anzi sento - eseguito con mollezza).
  2. Un altra sinfonia molto bella è la 4° di Schumann e non mi dispiace la sinfonia in tre movimenti di Dukas.
  3. superburp

    FilmS musicali

    Io ho anche un film su Beethoven della Walt Disney (mi pare che il titolo corretto sia "Il genio ribelle") e l'attore è lo stesso che ha fatto Francesco Giuseppe nei film di Sissi. Alla fine è piacevole da guardare, la ricostruzione degli ambienti è buona. Certo è molto romanzato. Amadeus e Shine mi piacciono molto, invece mi hanno detto che Musikanten di Battiato sia una delle più grandi schifezze della storia del cinema. Chiudo con "A torto o a ragione" che non è proprio un film musicale visto che tratta del processo di "denazificazione" di Furtwängler, ma ci sono alcuni estratti delle registrazioni della 5° di Beethoven e della 7° di Bruckner molto belli e Harvey Keitel che recita benissimo.
  4. Io ho un cd con le prove orchestrali della Traviata dove Toscanini canta (e le canta... contrabbassi compresi !).
  5. Scusate, non capisco perchè sia venuto fuori un doppione.
  6. Io è da un po' che causa studio ancora non ho finito il 3° e ultimo movimento di un concerto per oboe (o clarinetto, devo ancora decidere) e archi. In più ho una marea di pezzi iniziati e lasciati dopo un movimento (un quartetto per archi, un quintetto per fiati, un trio per corno, violoncello e pianoforte, un concerto per violino, violoncello, pianoforte e orchestra, ecc. ecc.). Ma per fortuna il mio è solo un hobby, non ho nessuno che mi corre appresso !
  7. Difficile votare un solo compositore, ce ne sono talmente tanti di bei concerti... Di Beethoven adoro il 4° e il 5°, di Brahms il 2°, di Schumann l'unico, di Mozart il KV 365 per due pianoforti, ecc. Due concerti che mi piacciono molto e non sono inseriti nel sondaggio sono i due di Weber.
  8. Un'altra sinfonia che mi piace veramente tanto è la 5° di Bruckner.
  9. Io ho sentito un brano di Klemperer diretto da lui stesso - un valzer tratto da una sua opera - molto bello. Poi mi piace molto il Te Deum di Furtwängler e trovo abbastanza interessanti le sue sinfonie.
  10. superburp

    Chi dei due?

    Non è che un sondaggio in un forum sia il verbo divino, eh...
  11. Sì, ho quella del '53 (lo diedero insieme all'integrale delle sinfonie con Repubblica). Quella del '39 non la conosco, vedrò di procurarmela. Con cosa è abbinata nel cd della Naxos?
  12. Ma nelle Quattro stagioni non c'è solo il clavicembalo del basso continuo?
  13. superburp

    Lohengrin

    Mi pare che per il Lohengrin ci sia anche Sawallisch, che dovrebbe essere ottimo. Io ho Kubelik e confermo che si tratta di una bellissima esecuzione. Per Wagner in generale io sono per la vecchia scuola tedesca (Furtwängler, Knappertsbusch, Böhm, ...).
  14. Mio padre ha un 33 giri con delle registrazioni di Previtali e lì c'è forse la mia registrazione preferita dell'ouverture del Tancredi (insieme a quella di Chailly, più bella per i tempi, un po' meno per il suono, un po' troppo pesante).
  15. E aggiungiamo Celibidache. Comunque Toscanini per me il meglio lo dava nell'opera e in particolare in Verdi. La sua sinfonica non raggiunge per me gli altri grandi direttori del secolo. P.S.: Mai sentito quant'è brutto con Toscanini l'inizio dell'Egmont?
  16. C'è un cd della Naxos con una 5° di Beethoven molto interessante (meno bella la 7°, anche per motividi qualità dell'audio). Come direttore di sè stesso non ho letto grandi cose su Strauss, pare tendesse a moderare molti effetti orchestrali che lui stesso aveva scritto. Io ho sentito qualcosa della Sinfonia delle Alpi e preferisco Böhm. Quello dei compositori-direttori è comunque un discorso vecchio: capita spesso che un grande direttore abbia timori nel dirigere i suoi stessi lavori (penso anche a Furtwängler).
  17. Basta vedere i suoi video delle Quattro stagioni, dove fa finta di suonare il clavicembalo (che continua a suonare anche quando lui toglie le mani dalla tastiera per dirigere). Francamente se le sarebbe potute risparmiare queste cose.
  18. Mamma mia... Rimasi di stucco la prima volta che lo sentii. Comunque per Bruckner adoro Furtwängler perchè mi pare l'unico, almeno tra quelli che ho sentito, che non si lascia prendere dalla maestosità, specialmente dei finali, per rallentare i tempi e dare un senso di monumentalità troppo statica, ma invece tiene tempi molto "vivi" che personalmente mi entusiasmano (per fare un esempio dico il finale dell'8°). Per la quarta anch'io confermo che Böhm è ottimo (è stato il mio primo acquisto per Bruckner) così come mi piace molto l'integrale di Jochum per la DG. Per la n.°0 invece preferisco a Barenboim la registrazione che si trova anche su Karadar di Rozdeneski (o come cavolo si scrive!).
  19. superburp

    Chi dei due?

    Furtwängler indiscutibilmente per me. Toscanini non mi dispiace, ma mi sembra una macchinetta. Per esempio l'altro giorno ho risentito la sua settima di Beethoven con la NBC e nell'ultimo movimento, pur andando più veloce, non raggiunge l'effetto travolgente di Furtwängler (soprattutto quello della registrazione dal vivo del '43). E non dico nulla sulla quinta di Beethoven registrata a Berlino nel '43... Che finale...
  20. Uno su Busoni. Busoni e Ysaye erano in Spagna per una tournée. Arrivati in una città (non ricordo quale fosse), Ysaye fu invitato da un collezionista di strumenti per ammirare la sua collezione. Tra questa vi era anche il più piccolo violino del mondo. Ysaye allora pensò bene di farsi prestare lo strumento per andarlo a suonare sotto la finestra di Busoni. Questi aveva il terrore di diventar pazzo. Sentendo suonare i capricci di Paganini ad una velocità folle corse per strada temendo di essere ammattito, pensando di essersi immaginato quei suoni come faceva Schumann in preda alla follia.
  21. Veramente bella questa discussione. Questi aneddoti mi hanno sempre divertito. Inizio con uno su un incontro tra Schumann e Wagner (non ricordo proprio le parole esatte, ma i concetti sono quelli): Wagner e Schumann si incontrarono in un salotto ed ebbero uno scambio di idee durante tutta la sera. Wagner, come suo solito, sommerse il suo interlocutore con la sua logorroicità. Alla fine della serata Wagner commentò: "Schumann è un compositore interessante, ma come persona è insopportabile. Sono stato tutta la sera a parlare e lui non ha detto una parola". E il commento di Schumann: "Questo Wagner, parla sempre!"
  22. Non sempre, però ogni tanto... Grazie del benvenuto.
  23. Ciao a tutti, è la prima volta che scrivo qui. Personalmente sono molto "in fissa" con la seconda di Brahms. E un'altra che mi piace molto è la prima di Weber.
×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy