Vai al contenuto

Alberto

Members
  • Numero contenuti

    15
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su Alberto

  • Rank
    Nessuno (per adesso)
  • Compleanno 03/10/1982
  1. Infatti è di nuovo qui! :o

    Bentornato! ;)

  2. auguri...cm dice siloti...non si sa mai ! :P

  3. Ultimo Click: 3rd October 2004 - 06:47 PM (record)

    cmq auguri...non si sa mai! :o

  4. Ciao! Io ho votato Mozart.... ero così indeciso con Rachmaninov però... oltre a quelli scritti da Kogan (ehi Kogan, il K481 non è mica un conc per piano!quale intendevi?) aggiungerei il K482, il K488(magnific!!) il K503 (ancora più magnific!!)e poi via, il K449! Di Rahmaninov naturalmente mi sarei riferito al secondo e terzo concerto!! Sono contento di aver visto anche Poulenc!! vero, gran bei concerti quei due!!!! cito anche Rimsky-Korsakov ed il suo concerto in do diesis minore, certo non alla stregua degli altri, molto breve, ma essenziale, piaceva molto a Rachmaninov!! (anche se coi suoi condivide poco) E poi aggiungo anche il primo concerto di Shostakovich, che è davvero MERAVIGLIOSO !!!!!! poi avete ragione, ne mancano così tanti.... ciao!! p.s ehi pensate un po' i conc degli altri abbreviati....tipo "Moz25" "BEE3" "Prok1"... eheheh (..scherzo...!) ma da dove arrivava poi quell'abbreviazione di Rachmaninov? avevo visto anche un cd in cui compariva persino in copertina abbreviato così!
  5. Olà! beh il mio giudizio di 'insuperabilità' sulla Mullova era soggettivo, nel senso che come violinista mi piace molto, sono andato anche a sentirla un po' di volte e, sì proprio mi piace come violinista! ... logico che non si può mica dire sia la migliore in assoluto, così come non si può mica dire qual'è il miglior pianista, no? Ora del conc di Mendelssohn ho scritto quella versione perchè, con lei, la conoscevo e mi piaceva... certo ora terrò in considerazione quello che mi hai detto! Anche perchè di questo concerto non conosco tante versioni, tantomeno quelle che hai proposto tu! Tra l'altro anche Gardiner mi piace molto, con Bach soprattutto, però in effetti, come dici, ha quel modo sempre un po' 'pesante' ... cercherò!... grazie! ciao!
  6. Alberto

    Il pianoforte

    Ciao!!! cavoletti, anche tu sei andata a sentire Schiff!! beh io sono andato più di un anno fa, però sì me lo ricordo quel suono, stupendoooooooo.......come dici tu!! Effettivamente non saprei perchè quel cambio nel tuo concerto, quando l'ho sentito io Schiff ha suonato Beethoven l'op.110, quella con la fuga finale, Schubert la sonata in la magg.D959 e due sonate di Haydn (per cui ha cambiato pianoforte)! ma in effetti lì da te era sempre Beethoven.. mah.. non può essere magari che ha diviso la seconda e la quarta sonata, un pochetto più 'classiche', dalle altre? Ma lo sai che Schiff andrò di nuovo a sentirlo ad ottobre? l'ho scoperto giovedì. Apre la stagione dell'Unione Musicale qui a Torino, suonerà le variazioni Goldberg!!!! beh, credo che questa volta non cambierà pianoforte, no? che bello risentirò quel suono stupendoooo !!!! ciao!
  7. Beh, si probabilmente un po’ eccessivo… comunque, giusto perché è venuto fuori il discorso su Liszt, l’ho riascoltato un po’, qualche oretta per rinfrescarmelo… non mi odiare per la risposta!! eh in ogni caso i critici a cui ti riferisci indicavano Liszt come uno dei più grandi pianisti esistiti (vero senza dubbio!), ma in quanto al più grande compositore pianistico … bah… premetto che, come già avevo scritto da un’altra parte, ogni artista ha contribuito in modo diverso nella storia della musica in relazione al periodo, alla sua esperienza d’arte e di vita, a tante cose, le quali tutte hanno giocato un ruolo nella formazione delle opere che ha scritto, dove poi una componente fondamentale è certo stata la personalità stessa dell’autore. Quindi certo è sommariamente sbagliata l’introduzione di paragoni e giudizi (non soggettivi..) fuori luogo tra autori diversi, i quali, come sempre è stato, hanno avuto considerazioni diverse su cosa è la musica e sugli elementi che concorrono alla sua manifestazione (bla bla bla… che volete, mi è venuta così!!) Ora nel caso di Liszt affermo senza dubbio che ci troviamo di fronte ad uno dei più influenti compositori e pianisti romantici dell’Ottocento, ma tra l’essere un compositore e pianista d’eccezione e l’essere invece una pietra miliare, assoluta, della storia della musica è molto diverso!!! Nel senso se intendiamo la ‘musica’ come un insieme di valori estetici (tra cui anche tecnici senza dubbio!), formali, etici e filosofici (..vabbè un po’ di paroloni, ma spiegare mi vien un po’ lungo!), è soprattutto l’equilibrio instaurato tra questi aspetti all’interno di un’opera che concorre a determinare la presenza dell’arte, intesa come universale e senza tempo. Inoltre, soprattutto nel caso del Romanticismo, sappiamo come un ruolo determinante sia giocato da quella dicotomia, negativa all’approccio, tra componente per così dire spontanea-impulsiva della musica e componente di remplissage-riempitivo (in cui invece, ad esempio, osserviamo Mozart, che ancora romantico non è, dare molto del meglio di sé, o Beethoven, che ultimamente, addirittura, lavora in ogni sonata sulla struttura stessa della forma-sonata, per raggiungere una più completa ‘unità’ strutturale ed un vertice artistico senza precedenti) Non basta una bravura trascendentale per l’arte, quanto mai per quella romantica, nemmeno una serie sterminata di ‘tziganismi’ o qualche melodia lacrimevole da consolazione… mi riferisco ad uno stile sempre del tutto traboccante di sentimento, ma ridondante e più o meno vuoto nella forma e nel significato, e squilibrato nell’imposizione di vertici espressivi fulminei assoluti e spasmodici, e monotono e reiterato nella scrittura esorbitante di arguzie tecniche, pur stucchevoli. Naturalmente è anche sempre sbagliata la generalizzazione, infatti ritengo un’opera eccezionale la sonata in si minore, e le musiche per organo di Franz, e la ‘sinfonia di Faust’ (…tutte già ampiamente con un piede nel ‘900)! E poi comunque per un critico che acclama, ne trovi sempre uno che critica (…per l’appunto…). Dal caro Gould: “eh, Liszt, sempre tanto affascinante quanto deludente” Mah, chissà quante critiche che mi farete !!!! dai mica volevo essere polemico!!! E poi anch’io ascoltandolo Liszt, non nego mica di provare un certo piacere dalla sua musica!! anche quella che ho criticato, che ho in casa, naturalmente! Ehi poi sono sempre pronto (…spero!) a cambiare idea! Ciao!
  8. anche questo non lo conosco... provvederò.. edizione? comunque, visto che come violinista per me è insuperabile... Viktoria Mullova, Neville Marriner, Academy of St. Martin-in-the-Fields. ciao!
  9. Alberto

    Il pianoforte

    son contento che vengano fuori tante idee ed opinioni in merito! info: posso chiedervi se, come pianisti, studiate o studiavate abitualmente su più pianoforti differenti? grazie!
  10. Beh, visto che, giustamente, si continuano ad aggiungere autori .. denuncio la mancanza di Schubert !!!! Liszt anche a me piaceva molto, ma ora invece non mi va un gran che di avvicinarlo ad altri come Mozart o Beethoven, o anche Schumann o tutti gli altri..
  11. Saggia opinione! è vero, si cambia nel corso del tempo! Anch'io pochi anni fa ero tutto preso da Rachmaninov! (è molto bella anche la sua musica per pianoforte e violoncello, la conosci?? un po' più rara del resto, però...) praticamente lo consideravo divino e lo ascoltavo moltissimo... ora un po' meno, anche se ho scoperto altri autori! beh, certo rimane un grandissimo! Anch'io apprezzo molto la musica del '900, Ravel (Gaspard de la nuit!...) e Debussy.. (certo Debussy ricordo le difficoltà all'inizio per ascoltarlo).. per me i suoi brani più grandi sono i Preludi.. !! Des pas sur la neige... mi fa venire i brividi ogni volta che lo sento... ma ogni brano è davvero unico! Dei pianisti russi, oltre a Rachmaninov, apprezzo molto le poche cose scritte da Shostakovich, soprattutto i preludi e fughe! poi certo anche Prokofiev, e Tchaikovsky... .. sono invece un po' restio per Scriabin, tu che ne pensi? Beh, al contrario invece io apprezzo molto Bach, oltre alla musica del '900 (con cui ha tante differenze, ma anche molte analogie)! Lo considero assoluto, in ogni senso; nella storia della musica occupa davvero il primo posto ! (... ehi, anch'io sono sempre pronto a cambiare idea! !.. naturalmente ) ciao!! Alberto
  12. Alberto

    Schumann

    Ehi, perchè non risponde nessuno! beh io certo non scarterei nessuno di questi brani!! Schumann è davvero troppo bello coi suoi polittici - tema e variazioni! Invece la fantasia è praticamente una sonata, con struttura piuttosto complessa (infatti, almeno per me, è molto più difficile da ascoltare degli altri brani! Per questo, senza nulla togliere, li preferisco!! credo che questo si rifletta anche nella difficoltà di suonarla...) Comunque io ho votato gli Studi sinfonici perchè sono meravigliosi e delle volte non riesco neanche ad ascoltarli tanto sono belli... rispetto agli altri brani hanno dei cambiamenti espressivi e di colore molto affascinanti!! Naturalmente si parla per tutte e quattro di opere d'arte assolute.. ehi manca anche la Kreisleriana op.16!!! ciao!!!
  13. Alberto

    Il pianoforte

    sono del tutto d'accordo!! io ho un pianoforte digitale giusto per questioni di costo & condominio, altrimenti.... sono contento che abbiate risposto in molti alla mia domanda!! beh comunque io non volevo chiedervi se è meglio comprare un pianoforte digitale o normale, o quali aspetti bisogna considerare in un pianoforte... visto che ci sono tanti pianisti, volevo solo sapere se c'era un aspetto che alcuni consideravano molto importante o che potesse pregiudicare la bellezza di un pianoforte.. ma mi sembra più che sufficiente la risposta di Chiara, che farebbe molto attenzione al suono! Effettivamente poi i parametri da giudicare sono molti, come anche avete indicato... l'altranno sono andato ad un concerto di Andras Schiff qui da me, sapete quello si porta dietro due pianoforti e durante il concerto in uno suona i brani del '700 (Haydn quella volta) e poi va nell'altro e suona quelli dell'800 ! ! altro che digitale!!! ciao!!
  14. Alberto

    Il pianoforte

    Ciao!! beh io che non sono pianista e che indegnamente mi intrufolo fra di voi, posso chiedervi, dovendo scegliere magari di comprare un pianoforte, quale sarebbe l'aspetto che guardereste prima di tutto??
×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy