Vai al contenuto

kraus

Members
  • Numero contenuti

    10160
  • Iscritto

  • Ultima visita

Risposte risposto da kraus

  1. 1 minuto fa, Majaniello dice:

     

    Ragazzi, e vi giuro che benchè sia sulla buona strada non sono completamente rinco, io tra la faccina sorridente e l'icona di Youtube non ho nulla! Me l'avranno disattivato per evitare che io lo possa usare coi pipponi :cat_lol:

    Allora sarà una contromisura ad personam, perché ora come ora io ce l'ho. Böh...

  2. Spoiler
    4 minuti fa, Majaniello dice:

    @Ives domanda tecnica, come hai fatto a mettere lo spoiler? io da quando hanno aggiornato il forum non vedo più l'icona nell'editor.

     

    C'è, c'è (è tra la faccina sorridente e l'icona di YouTube) :D Curiosamente, però, se provo a modificare un messaggio - questo, per esempio - l'editor va in onda in forma ridotta e compaiono solo alcune funzioni, tra cui non figura lo spoiler.

  3. 16 minuti fa, Wittelsbach dice:

    Qui da noi c'è stato un certo Quint che sosteneva che la Pastorale fosse "orchestrata male" e cose del genere!

    Me lo ricordo, ma più che qui in un altro forum (ormai sepolto dalle intemperie del web, e quindi non più rintracciabile), dove era scatenato e dichiarava a destra e a manca di non sopportare proprio Beethoven in blocco (mica solo la Pastorale), e se volete vi presento pure un mio amico artista, pittore ed espositore, che non regge Beeth, pur amando la musica classica e in particolare quella barocca.

    Che fare? Что делать? Vabbuò, riformuliamo il tutto come segue: conosciamo gente che odia e/o critica Mozart e altri che odiano e/o criticano Beethoven, ma nessuno che odi e/o critichi entrambi. Qualcuno avverta anche Bach, se del caso.

  4. 2 ore fa, Persephone dice:

    E a proposito del concerto k268 caro @kraus, l'ho ascoltato stamattina poi , trovandolo bello come tu stesso dici, ho fatto una breve ricerca di notizie sul web e sono rimasta sorpresa !

    Lo definirono proprio "brutto" ! E addirittura di dubbia appartenenza al genio di Salisburgo.

    Altro che spolpare , si trattò di una vera e propria mattanza. 

    Anche Luigi Della Croce, nella monografia sui Concerti di Mozart, prende quest'opera con le molle: "Press'a poco tutti gli studiosi mozartiani, salvo pochissime eccezioni come il Saint-Foix [...], sono concordi nel riconoscere le banalità dell'orchestrazione e la scarsissima consistenza tematica, in particolare, del secondo movimento, mentre restano ancora un po' perplessi di fronte al primo, impregnato di genuino spirito mozartiano, e al rondò, che pure reca qualche scintilla geniale, in un contesto però alquanto grigio rispetto ai concerti della miracolosa fioritura del 1775".

    Ma, per citare Ligabue parafrasandolo, il peggio doveva ancora venire perché, se questo concerto è stato considerato un "lavoro in tandem" (con Mozart a scrivere i temi e qualche abbozzo di sviluppo e il violinista bavarese Johann Fridriech Eck, a scrivere il resto), che dire del falso strafalso Concerto Adelaide (per gli amici KV 294a, per i catalogatori KV C 14.05)?

    Questo sarebbe pure datato (26 maggio 1766) e dedicato alla Principessa Adelaide di Francia (da qui il suo nome), ma in realtà è stato composto di sana pianta dal violinista Marius Casadesus nel 1933. Dunque anche Mozart ha il suo Adagio di Albinoni... 

  5. LDC narra un gustoso aneddoto su quest'aria... Una sorta di anticipazione della contesa relativa al Valzer di Diabelli, anche se stavolta si trattava di versi (improvvisati da Carpani) e non di un tema. Invitati a musicarli, i più importanti compositori di allora si cimentarono nel confronto, tra cui Danzi, Salieri, Mozart jr., Czerny, Vanhal, Weigl, Kozeluch e Zingarelli (con ben 10 versioni). E naturalmente pure Beethoven, che ci si mise particolarmente d'impegno.

  6. 33 minuti fa, giobar dice:

    Continuiamo col festeggiato, se lo merita!

    Quartetto per archi n. 7 in fa maggiore op. 59 n. 1 "Razumovsky"

    Alban Berg Quartet

    Il genio si manifesta, prepotente, dalle primissime battute, con quel tema fra lo scanzonato e lo svagato buttato lì dal violoncello solo, senza lasciarti immaginare quali pazzeschi sviluppi avverranno da lì a poche note :o Capolavoro sommo e ABQ al top.

    Concordo in toto. È miracoloso quel Quartetto. 

  7. 40 minuti fa, Persephone dice:

    Tanti Auguri Ludwig !

    Hai 250 anni ma la tua musica è fresca come un fiore appena sbocciato.

    Se fossi stata tua coetanea probabilmente ti avrei fatto la corte nonostante il tuo carattere un po' ....ruvido.

    A tutti voi , in particolare a @Kraus 

    Persy 🌹

    Grazie amica mia :) A proposito, l'altro giorno Beeth si è lamentato via medium del 2020 ("Was für ein Jahr für meine 250 Jahren!", ossia più o meno "Ma proprio in un anno del genere doveva capitare il mio duecentocinquantenario!"). Va capito, dodici mesi fa già pregustava i negozi di dischi pieni di collezionisti in cerca della sua opera omnia e delle sue rarità e invece si è dovuto accontentare di un bicencinquantenario in tono minore (fa minore, per la precisione).

    Cosa posso scegliere come controdedica? Proviamo questo concerto che forse non hai ancora ascoltato, anche se con Beeth c'entra poco:

     

    Questo concerto è stato spolpato dai critici, ma a me piace una cifra, particolarmente il 1° movimento.

  8. 2 ore fa, giobar dice:

    Ma lo hai comprato? Se non lo hai ancora fatto, considera che su Presto-classical vendono il download a prezzo ridicolo in formato flac

    Ancora none, per Natale è già prevista una scorpacciata di boxini e preferivo aspettare ancora (il formato flac m'interessava poco, preferisco avere tutto in carne e ossa (anzi, in cartone e laser) o ascoltare la musica su Youtube. In ogni caso grazie mille per la segnalazione ;) 

  9.  

    Alkan Edition: Alkan/ Bowyer/ Maltempo, Alkan/ Bowyer/ Maltempo: Amazon.it:  Musica

    Il problemino tecnico è sempre l'istesso: ma se la Brilliant mi pubblica pacchi e pacchi di musica alkaniana, a icché serve procurarsi il box, se non per avere la soddisfazione puramente fisica di avere il cofanetto con le relative note e ammirarlo sullo scaffale? (Scaffale, poi... Non ho più posto manco per me in casa, figurarsi aggiungere altre amene confezioni alla mia collezione! Sarò il primo individuo ad essere sfrattato da' suoi stessi dischi) 

  10. Vabbè, cara Brilliant, lo so che mi coccoli e mi lüsinghi col tuo canale tubaceo, ma onestamente, con tutto il bene che ti voglio, non posso materialmente mettermi insieme con una casa discografica.

    Il fatto gli è che, da giorni e giorni, la major diamantata mi stuzzica suggerendomi di ascoltare Alkan - la cui musica non mi dispiace - e alla fine, dagli dagli, ho ceduto alle sue avances. E sentiamo questa Grande Sonate con annessi pezzettini accessori:

    A chi dedichiamo l'ascolto? Boh... C'è qualcuno qua in giro che apprezza Alkan? Chi fosse interessato mi avvisi via fax.

  11. 8 minuti fa, Yeats dice:

    ascolterei volentieri un poema sinfonico in stile neoclassico con questo soggetto: un signore che, svegliandosi, si ritrovi trasformato in una funzione geometrica sul foglio di qualche (non famoso) professore universitario. nom potrebbe essere un'opera né un balletto perché non dovrebbe assolutamente vedersi :lol:

    Perché non puntare più in alto? Un'opera lirica in 3 atti minimo :D 

  12. Verdi fa zum pa pà? E allora Beethoven fa perepé perepé: 

    Beethoven grande anche nel piccolo, autore di composizioni tutt'altro che trascurabili e men che mai di tutto riposo per gli esecutori: dovessi rinascere, non vorrei mai materializzarmi in una banda che debba suonare le composizioni beethoveniane per detto organico (una volta mi han proposto di reincarnarmi in una funzione matematica; l'idea non mi dispiace poi tanto, ci sto pensando). 

    Sono infatti particolarmente arditi alcuni passaggi in cui si presentano all'improvviso modulazioni che mai ci si aspetterebbe di incontrare in un'opera apparentemente disimpegnata, che ai più evoca feste paesane e tartine scroccate alla volée dai clarinettisti in prima fila durante i rinfreschi.

    Anche questo lotto di sorprendenti composizioni conferma che Beethoven fa parte di un mondo adulto, dove - alla Paolo Conte - si sbaglia da professionisti, ma "fossero tutti capaci di commettere simili errori!" (cit.) 

    E passando da un pepperepé all'altro, mi sparo a dovere questa

    La Vittoria di Wellington e la Sconfitta (o forse il Pareggio) di Beethoven? Per me, se ariva ai carci de rigore, jaa fa. Composizione davvero singolare, persino farsesca, che vede il Beeth alle prese con quel tipo di opere celebrative comunissime ai colleghi meno in vista, ma alquanto inusuali per lui. 

    Metti un cannone nel motore ma, a dispetto della citazione che trovi poche battute dopo l'inizio, il compositore "non è un bravo ragazzo", nemmeno un po', e a un bel momento sbotta con tutta l'orchestra in una sorta di inseguimento musicale che a qualcuno ha ricordato (ahi, dura terra) il Sacre. 

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy