Vai al contenuto

Starless74

Members
  • Numero contenuti

    5
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su Starless74

  • Rank
    Nessuno (per adesso)

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. Mistero risolto: l'inno che cercavo è Holy Spirit, Ever Dwelling. Grazie a tutti. 🙂
  2. Credo di averla ascoltata tutta e, sebbene alcuni brani richiamino molto lo stile della citazione di Banks, il tema in questione non c'è.😕 Comunque mi riascolterò la versione da te linkata. 😊
  3. Ciao a tutti, credo (o almeno spero) che questo sia il thread giusto per la seguente richiesta: Cerco tra voi un qualche esperto di Herbert Howells che mi sappia dire il titolo di questo brano; qui è eseguito al pianoforte ma la fonte di cui dispongo afferma trattarsi di uno dei suoi inni sacri.🤔 Naturalmente, mi sono chiesto se non fosse effetivamente un brano per pianoforte o clavicordo e perciò ho già scandagliato invano: Howells' Clavichord (Books I e II) e Lambert's Clavichord Op. 41 (Julian Perkins - Prima Facie, 2017) e vari altri brani sparsi eseguiti da Margaret Fingerhut (Piano Works - Chandos, 2013) ma l'opera di Howells è talmente vasta che temo di star cercando il proverbiale ago nel pagliaio.😕 Ringrazio in anticipo chi saprà aiutarmi. 😊 Qui, per chi se lo chiedesse, l'esecutore - non particolarmente brillante e registrato assai male - è Tony Banks del gruppo rock Genesis, dal primo album From Genesis To Revelation (1969) :
  4. Salve a tutti, questo è il mio primo post. 😊 Sto portando avanti una ricerca del tutto personale su alcuni inni liturgici e/o profani inglesi e mi sono imbattuto in «Come my Way, my Truth, my Life» («Vieni, mia Via, mia Verità, mia Vita») su testo del poeta George Herbert (1593–1633), musicato nel tempo da vari compositori inglesi, i più famosi tra i quali probabilmente Ralph Vaughan-Williams e Herbert Howells. Ne esiste in particolare una versione musicata (così c'è scritto) da Alexander Breth-Smith, Di quest'autore non riesco a trovare nulla in rete; l'unica cosa che so è che la sua versione dell'inno è sicuramente anteriore al 1968, poiché venne citata dal gruppo rock Genesis in una registrazione di quell'anno. A chiunque avesse di Breth-Smith notizie biografiche (anche minime) sarei grato se me le segnalasse qui. Grazie in anticipo.😊 P.S.: vi allego qui sotto un'esecuzione di Roger Drabble (voce bianca) e Malcolm Archer (organo), del 2007.
×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy