Vai al contenuto

L'Organaro

Members
  • Numero contenuti

    20
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su L'Organaro

  • Rank
    Nessuno (per adesso)
  • Compleanno 24/07/2002

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Luogo
    Osimo
  • Interessi
    Organo per sempre

Visite recenti

93 visite nel profilo
  1. L'Organaro

    Organo: come iniziare?

    Grazie! Proseguirò!😉
  2. L'Organaro

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    Toccata e fuga in Re minore, J.S.Bach
  3. L'Organaro

    Poesia

    RACCONTO NATALIZIO DI UN RAGAZZO (scritto interamente in osimano) Quanno è venuto al monno el Redentore Se fece da per tutto un gran rimore. Era finito el tempo de j’affanni Che l’omo avea sofferto per tant’anni. Le malatie restava e j’altri guai, Che affligge el monno e non finisce mai; Ma, quanno apparve in Celo qû la Stella La vita a tutti già apparì più bella. Più bella, perché c’era la speranza Che tutti i mali – che sempre ce rvanza - Iddio li vede, e ajuta a sopportarli E ce dà forza per pudé scaccialli. Perché, invece dell’odio e del rancore C’insegna a praticà solo l’amore. E l’amore tra j’òmmeni è un segreto Che fa passà ogni giorno un po’ più lieto. Cum’è successo questo grande evento Che fece gambià el munnu nt’un momento? State a sentì: ve lo racconto io Che l’ho imparato, per grazia di Dio, Nte i libbri de la Storia Universale Ndó che se rconta tutto quanto el male Ma pure el bè. Ma, dopo, lo scordamo Pr’andà dietro alle trappole; e imparamo Solo le cose storte; e po’ succede Tutto quel putiferio che se vede. Dècca, donca, la storia se cum’è. ‘Na giuvinetta fatta proprio bè Andava a cavà l’acqua gió a la fonte Quanno vide calà gió da quel monte Uno che avéa le lale spalancate Tutto allegro, le chiome inalate, Che je disse: ”Marietta, sta a sentì “Una gran cosa, e nun te impaurì. “El Signore te vole che sii madre “D’un fijo che Dio stesso ha già per padre”. “Ma io, Signore, disse Mariettina, “So granna pogo più d’una bambina, “Nun me vojo spusà. Resto zitella, “Cuscì la vita a me pare più bella. L’angelo Gabrielle – che era quello - “È proprio questo tuo voto si bello “Che il Signore ha veduto: e t’ha rcapato, “Senza che el core tuo resta macchiato”. Disse Maria: ”Se ciò vole el Signore “Èccheme pronta adesso, e a tutte l’ore”. Nt’un momento, Maria divenne madre De quel gran Fijo che Dio ha già per Padre. E il Signore je diede per sustegno Un Omo che fra tutti era il più degno: Giuseppe, un giovinetto cume lia Proprio un gran Santo – e non digo bugia - Cumpagno tanto dolce e affezionato Che Madre e Fijo ha sempre governato. E quanno fu la notte de Natale Che el Bambino nascette, tale e quale Cume vedete, drento di una grotta, Ce stava, a faje caldo, un sumarello E un bò Mansueto cume quello. Tanti angeli cantò: “Gloria lassù, “E pace in tera a j’òmmenni quaggiù” Quella notte fu giorno a Betlemme, E fu luce, lassù, a Gerusalemme. C’era, pogo lontano, sei pastori Che tenéene le pegore, là fori Da le stallette, e stàvene dormendo. Vede una luce; e, subito scotenno Da dosso el sonno, s’è levati in pia Per vedé mejo ssa gran meravia. Sente una voce: “Andate gió a la grotta “E portate al Bambino una ricotta”. Se méttene in cammino; e porta invece Un agnello, e un furmaggio d’ogni spece. A vedésse davanti quella scena Del presepio, el Bambino, e tutta piena De luce quella grotta, sté buttati In ginocchio, lì avanti, e – la Madonna Je presenta Gesù. Solo una gonna Lo ricopria; ma era tanto bello Che nun se trova un altro come quello. Lo cominciò a bagiallo e a riferije I guai de lora e de le sue famije. Gesù non parla; ma sa le carezze Je Raddolcisce tutte le amarezze. E la madre je dice “Andate puro, “Che qualche grazia ve la fa sicuro”. E quelli, ripartiti con gran fede Quel che la grazia portarà sta a vede. Ce crederete? Dopo de quel giorno, I lupi che giravene lì intorno A le pegore, nun s’è visti più, Trattenuti dal nome di Gesù. Ccuscì pòle succede ai giorni nostri. Se j’òmmeni nun fusse tanti mostri Scatenati, e sentisse la parola Che viè da sto presepio, in una sola Giornata, gambiarissimo ogni cosa. Senza spine vedrissimo ogni cosa. Senza odio e superbia, ogni persona Se metterìa a fa l’opera bona De dà una mà a chi soffre, e fra j’amici Passerìa j’anni e i mesi più felici. Osimano: lingua dialettale del mio paese.
  4. L'Organaro

    Buone feste !

    Perfetto! C'ho acchiappato😉. Grazie! Auguri anche a te e alla tua famiglia!!!!😃
  5. L'Organaro

    Organo: come iniziare?

    Nonostante sia da gennaio che nessuno si esprime voglio dare raccontare come mi ci sono avvicinato. Inizialmente volevo imparare a suonare la chitarra (vedendo mio padre suonarla). Nella mia parrocchia c'è sempre stato un organo (che ora perde colpi) che non veniva mai utilizzato in quanto il mio coro, che trovava come direttore mio padre, e alla tastiera mio fratello, con la presenza straordinaria a volte del flauto suonato da mio fratello (c'erano anche chitarre suonate da amici di mio padre e un coro numeroso dove vi era anche il resto della famiglia), non cantava affianco all'organo ma in un altro punto della Chiesa. Per anni suonammo così finchè non decidemmo di utilizzarlo, vedendolo sempre fermo. Mio fratello faceva studi alla scuola civica musicale di organo così espresse le sue qualità mettendosi come organista. Nel frattempo, capendo sempre di più l'importanza della Messa, togliemmo le chitarre e il basso. Il coro diminui le sue presenze (in termini di numero di persone presenti) dato che giovani che ne facevano parte si sposarono o partirono per studi. Rimase quindi con coro che non aveva nulla da invidiare perchè le voci cresciute si erano perfezionate di pareccchio, e con la presenza dell'organo. Venne poi aggiunto il violino quando mio fratello (l'altro) lo imparò. Io volevo imparare la chitarra ma come mi diceva mio padre è inutile perchè non si servirà a niente, mentre l'organo serve per sostituire mio fratello nel caso fosse assente. Un certo fascino per questo strumento già lo ebbi quando vedevo mio fratello suonare pezzi musicali utilizzando toni differenti: pensai che l'organo racchiudeva un orchestra. Perciò iniziai glu studi ma che andavano a singhiozzo perchè a volte facevo in tempo ad esercitarmi a volte no. Quindi alla fine della terza media lasciai gli studi perchè non sapevo come sarebbero state le superiori. Ora, dopo tre anni, ho capito che il tempo per esercitarmi che ne ho, e anche parecchio, così ho deciso di ricominciare il prossimo anno. Sembrerebbe strano ricominciare in quarto superiore e lasciare in primo, ma ho scoperto di avere una capacità, nello studio, di apprendere ed imparare le cose molto velocemente (basti pensare che in primo per l'interrogazione di storia studiai 50 pagine in un'ora tutto il giorno prima e ci presi 9! Che secondo la scala di valutazione di quella prof, 9 vuol dire interrogazione immacolata, approfondita, senza errori). Stavolta ho intenzione di finirli gli studi, quindi ovviamente mi impegnerò molto di più.
  6. L'Organaro

    Buone feste !

    Felici Feste a tutti!!! Ecco il video Persephone (spero che intedevi questo, ce ne sono parecchi):
  7. L'Organaro

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    Il bello della diretta 😂
  8. L'Organaro

    PRESENTAZIONI

    No, no. Ahahaha. Lo suono, però in dialetto è chiamato 'organaro'
  9. Jonh Sebastian Bach

    1. Wittelsbach

      Wittelsbach

      Stasera a Messa l'organista all'offertorio ha eseguito il preludio a Nun komm der heiden Heiland, ossia il BWV 599, quello con cui si apre il mitico Orgelbuchlein. Alla fine della celebrazione, un altro ancora: il Lob sei dem allmächtigen Gott BWV 602. Entrambi sono giustamente preludi corali del tempo d'Avvento.

    2. Madiel

      Madiel

      E per concludere in bellezza un po' di Star Wars :cat_lol:

    3. L'Organaro

      L'Organaro

      BWV 599: ci sta per il periodo corrente.

      Star wars: non ci sta 😄

  10. L'Organaro

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    Questa dovete assolutamente ascoltarlo! Quando si dice che l'organo è davvero un'orchestra!😮
  11. Nella basilica di S.Giuseppe da Copertino, nella mia città, per allenarmi per una lezione di scuola di musica.
  12. L'Organaro

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    Toccata e fuga in Re Minore di Jonh Sebastian Bach, organo Star wars con l'organo
  13. L'Organaro

    PRESENTAZIONI

    Mi sono già presentato nelle 'presentazioni' in generale ma qui mi sento più a casa. Ho lasciato organo da un po' di tempo ma voglio ricominciare e stavolta concludere. Mi restava più difficile e quasi 'noioso' dover suonare anche il pianoforte nonostante avessi imparato l'organo e fare del solfeggio (diventato poi cantato e poi ritornato normale). Ma in questo tempo la voglia mi è tornata specialmente quando vedo altri suonare l'organo o mio fratello il pianoforte. Quindi ho intenzione di riscrivermi alla scuola civica musicale per organo ed impararlo come si deve.
  14. L'Organaro

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    Toccata & Fugue in D Minor "Dorian" (Scrolling) - YouTube di Jonh Sebastian Bach, organo
  15. L'Organaro

    1000 messaggi

    Ahhah, ok
×