Vai al contenuto

Sessantaquattro

Members
  • Numero contenuti

    7
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su Sessantaquattro

  • Rank
    Nessuno (per adesso)

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. + 1 cioe': la risposta interesserebbe anche a me !
  2. Ho letto il libro "Jean-Pierre Rampal musica e flauti amori miei" dello stesso Rampal e di Deborah Wise. Editore: Nuove edizioni (C) 2002. Carino ed interessante, anche se un po', forse troppo, gigione, imho. Ma non e' che ci siano in giro molti libri sui flautisti. <sorriso> Nella prefazione di Carla Moreni trovo una frase che mi intriga <citazione> per esempio di alcuni(flautisti) non fa menzione ... ad esempio di Gazzelloni. ma chi e' del mestiere PUO' BEN INTEDERNE LE RAGIONI </citazione> In effetti Gazzelloni non e' mai citato in tutto il libro. Qualcuno puo' illuminarmi su quali caa...spita sono queste ragioni? Ho googlato quanto possibile ma non ho trovato riferimenti. Qualcuno ne sa qualcosa ? Grazie. PS: giuro che non sono un troll che vuole rinfrescare "polemiche" del secolo scorso.
  3. >togli i tappini, non dovresti metterci molto ad abituarti. Grazie per l'attenzione. Come ho gia' detto (vedi il post del 12 gennaio) alla fine ho preso il tuo stesso Briccialdi di cui sono soddisfatto. Mi intriga l'idea di togliere i tappini: mi pare di aver capito che conviene toglierli uno per volta "dal fondo", cioe' prima il RE, abituarmici, poi il MI ecc. ho capito bene ? Altro dubbio: se cambiassi idea e volessi tornare indietro potrei rimetterlio/i o rischio "spifferi" ?
  4. Penso che sia venuta l'ora di far revisionare il mio flauto. E' un Jupiter 511 comperato usato un paio di anni fa e pagato qualcoa meno di 300 euro. E' un ottimo strumento (per i miei bisogni), ma ultimamente mi da problemi su alcune note. Non credo, ma non sono un esperto! che ci siano tamponi da sostituire, ma "solo" da regolare le vitine dei tasti. Qualcuno ha consigli da darmi ? Chiedendo in giro l'unica risposta che ho avuto e' stata: Vai da Dampi ! Possibile che a Milano non ci sia nessuno ? Grazie mille per ogni consiglio !
  5. grazie per la risposta a consigli per secondo flauto :-)

    ho ordinato il Briccialdi 203 (l' "entry point") che attendo per lunedi'

    Buon fine settimana !

  6. Sono un dilettante attempato (65) che dopo aver suonato da ragazzo ha abbandonato lo strumento per una trentina d'anni e da un paio d'anni lo ha ripreso. Ho due strumenti: quello suono piu' spesso (Jupiter 511, fori aperti -mai tolti i tappini- senza MI snodato) che mi soddisfa molto. E quello che ho nella casa del week-end : preso su internet per 110 euro un anno fa e da allora suonato un paio d'ore tutti i week-end (diciamo in totale un centinaio d'ore) e' un Cherrystone, fori chiusi, MI snodato (che adoro). A parte il suono che non e' un granche', ma piu' che adeguato per le mie capacita', ha risposto piu' che adeguatamente alle mie esigenze. ... fino a un mese fa quando all'improvviso ha avuto un crollo nella risposta: Per molte note c'e' un sensibile ritardo tra quando soffio e quando il suono si degna di uscire, se riesco a spiegarmi. In particolare il MI medio e' difficile da "far uscire", ma anche per altre note, che prima erano facili, adesso devo "impegnarmi" e "starci attento" Insomma: il suonarlo sta diventando piu' una sfida che un piacere. :-( Mi sembra che la situazione migliori dopo un quarto d'ora che lo suono: non capisco se e' lui che si "scalda" o se sono io che mi abituo. Credo che sarebbe da far revisionare/regolare. Sentiti un paio di negozio qui a Milano mi hanno detto che costerebbe piu' di 100 euro. Quindi piu' del flauto stesso. Adesso mi sto guardando in giro per acquistare un sostituto economico e mi chiedo se sono stato sfortunato, o tutti i flauti nel range dei 100 euro si "sbelinano" velocemente ? In tal caso avete consigli per un BUON secondo flauto ? Vorrei stare sotto i 200 euro (se possibile) Grazie !
  7. https://youtu.be/qAEjtyXSYfo Non e' propriamente un video: e' un'intervista radiofonica del gennaio 2017 di oltre 2 ore. Purtroppo e' in un francese abbastanza veloce. Michel Pahud racconta la sua vita e le sue esperienze musicali intervistato da una persona (Stephane Grant) che mi sembra intelligente. Spero di non proporre l'acqua calda (cioe' qualcosa gia' noto ai piu') ma a me e' sembrato molto interessante e volevo condividerlo.
×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy