Vai al contenuto

Yeats

Members
  • Numero contenuti

    69
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su Yeats

  • Rank
    Nessuno (per adesso)

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. Yeats

    Poesia

    io non vorrei insistere, ma bisogna partire da un punto , cioè che "toseshanung" non significa "pieno di morte". "pieno di" è frutto di un intervento del traduttore, non giustificato dal termine esaminato né dal vicino "sonnige". il sintagma, reggendo sia "sole" che "morte" , crea inoltre una sorta di sinestesia , dal sapore vagamente romantico, soluzione accuratamente evitata da broch sia qui che altrove. la placida simmetria del testo di aurelio ciacchi non si riscontra nell'originale : "sonnige" è un termine evocativo , "todesahnende" l'opposto. "ahnung" , che significa sia "sospetto" che "intuizione", è un vocabolo solo tedesco , attestato dal xii secolo, e deriva verosimilmente dalla preposizione "an" , usata per esprimere prossimità spaziale o incombenza temporale (come "on" in inglese). "pieno di" suggerisce quasi l'idea opposta. l'unica soluzione che non costringa a usare goffe perifrasi (soluzione a cui avevo pensato , ma da scartare a priori) è usare un vocabolo astratto, carico di sfumature riflessive.
  2. Yeats

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    casella - nove pezzi, op. 24 lya de barberiis
  3. Yeats

    Poesia

    il punto è che traducendo "pieno di morte" l'assenza della vita umana e la presenza della luce del sole sono messe sullo stesso piano. invece non è il mare in sé ad essere "pieno di morte" , ma è la morte, cioè l'isolamento dal mondo, ad essere una "scoperta" della navigazione in mare aperto. non esistono molte alternative possibili , se vogliamo conservare questo significato. "presago di morte", a cui avevo pensato, suona artificioso , e soprattutto non permette di mantenere la costruzione latineggiante della frase : una ripresa décadent del gusto classico che "inizia" , in qualche modo, al tema del romanzo. cmq sono d'accordo, anche quell' "esiziale" è imperfetto, andrebbe rivisto.
  4. Yeats

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    Le Temps restitué - Barraqué Klangforum Wien, Sylvain Cambreling (dir.) Stefan Litwin (piano) ero incuriosito dal tema, ma l'ho trovata piuttosto noiosa, a volte perfino sgradevole. (poi magari la seconda metà era la migliore)
  5. Yeats

    Poesia

    io ho un tedesco base, e la traduzione italiana di feltrinelli che ho postato mi sembra ottima. il passaggio cruciale è questo: "...und jetzt, da die sonnige, dennoch so todesahnende Einsamkeit der See sich ins friedvoll Freudige menschlicher Tätigkeit wandelte, da die Fluten, sanft überglänzt von der Nähe menschlichen Seins und Hausens, sich mit vielerlei Schiffen bevölkerten, mit solchen, die gleicherweise dem Hafen zustrebten, mit solchen, die aus ihm ausgelaufen waren..." "...e ora che la solitudine del mare, così piena di sole e pur così piena di morte, si mutava nella serena allegrezza dell’opera umana ed i flutti, dolcemente irraggiati dalla vicinanza di uomini e case, si popolavano di ogni specie di navi, di quelle che egualmente tendevano al porto e di altre che ne erano uscite..." trad. aurelio ciacchi "...And here, as the sunny yet deathly loneliness of the sea changed with the peaceful stir of friendly human activity where the channel, softly enhanced by the proximity of human life and human living, was populated by all sorts of craft—by some that were also approaching the harbor, by others heading out to sea..." trad. jean starr untermeyer "...e ora, quando l'assolata ma esiziale solitudine del mare si mutava nell'opera umana, pacifica, allegra, quando i flutti , tenuemente avvampati dalla vicinanza di case e esseri umani , si popolavano di molte specie di navi, di certe che ugualmente attraccavano al porto, di altre che ne erano uscite..." mia traduzione (ho tradotto "todesahnende" con "esiziale", che significa più o meno "presago di morte". "pieno di morte" non funziona secondo me perché non esprime la potenzialità , la tensione del termine)
  6. Yeats

    Poesia

    ogni volta collego questi versi all'incipit de "la morte di virgilio" di hermann broch. entrambi gli autori mostrano l'opera umana nel suo spontaneo germinare ai margini della Natura. Azzurre e leggere, mosse da un lieve, appena percepibile vento contrario, le onde dell’Adriatico erano corse incontro alla squadra imperiale, quando essa, avvicinandosi lentamente alle piatte colline della costa calabra, veleggiava verso il porto di Brindisi, ed ora che la solitudine del mare, così piena di sole e pur così piena di morte, si mutava nella serena allegrezza dell’opera umana ed i flutti, dolcemente irraggiati dalla vicinanza di uomini e case, si popolavano di ogni specie di navi, di quelle che egualmente tendevano al porto e di altre che né erano uscite, ora che le barche dalle vele rossastre già d’ogni parte uscivano per la pesca serale abbandonando i piccoli moli dei molti paesi e villaggi lungo la riva lambita dalle candide onde, ecco che l’acqua si era fatta come uno specchio; e in alto si era dischiusa la perlacea conchiglia del cielo, scendeva la sera, e si sentiva l’odore del fuoco di legna dei focolari, ogni qual volta le voci della vita, un picchiar di martello o un richiamo, giungevano portati dal vento.
  7. Yeats

    Poesia

    non lo conosco, provvederò.
  8. Yeats

    Poesia

    caro pink, mi riferivo alla notevole presenza di medici fra i grandi maestri della letteratura, più di qualunque altra professione. o sbaglio?
  9. Yeats

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    tu la metti sul piano delle competenze "artigianali". ma da questo punto di vista una qualunque variazione goldberg non rappresenta un prodotto più complesso di una fiat multipla. e il grado di "oggettività" della musica colta occidentale non è superiore a quello della sintassi delle lingue , mettiamo, neolatine. la differenza è che la prima è nota a pochi, la seconda a quasi tutti. ma non credo sia vantaggioso ridurre l'essenza della musica, o della letteratura , alla propria sintassi. io ad es. prendo la bibbia molto seriamente. proprio per questo non perdo tempo a chiedermi se ciò che leggo nel genesi corrisponda alle trasformazioni geologiche del pianeta terra. vivisezionare l'affermazione di musil, secondo cui la musica è impotenza , non porta niente a te, è puro wishful thinking. musil non scrive ricettari: devi entrare nello spirito del testo , se vuoi trarne profitto. le parole di musil devono evocare nella tua testa un'immagine , un'idea, un'analogia , non un concetto o un'opinione.
  10. Yeats

    Poesia

    ahahah , sei medico anche tu! quello fra medicina e letteratura è davvero un sodalizio senza eguali.
  11. Yeats

    Poesia

    medicina.. mi sarei dovuto laureare a giugno scorso, ma tra tesi e ultimi esami è andata per le lunghe :-)
  12. Yeats

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    direi che il rapporto fra letteratura e musica è quasi identico a quello che intercorre fra musica e letteratura (dove per letteratura includo miti, fiabe, inni religiosi, ecc). tu prendi quelle opinioni in modo dogmatico, invece dovresti andare oltre il quesito "è vero/non è vero". alli stesso modo, non ti domandi se la musica di debussy sia appropriata ai versi di mallarmé (lo è, per inciso). ma sono cose che sai già, dato che hai letto tutti quei grandi autori. detto questo, va detto anche che il mondo della letteratura è composto al 99.99% da cialtroni. nella critica musicale , da quello che vedo , le percentuali sono più basse e limitate a coloro che credono di trattare una scienza oggettiva, come la matematica. nel mondo scientifico per fortuna il tasso di cialtroneria è pressoché nullo. ---- stravinsky, sinfonia dei salmi berliner philharmoniker, s. rattle
  13. Yeats

    Poesia

    aspetta pink, l' "emeritus pritchard" (nome di fantasia) non ottiene nessuna formula, ma traveste una tautologia con un linguaggio scimmiottato da quello matematico. una volta che hai arbitariamente assegnato un valore numerico a due variabili arbitrariamente definite , e hai arbitrariamente deciso che il valore complessivo di un'opera letteraria (l'area A) sia dato dal prodotto XY (e non ad esempio A = XlogY o A=XY^2) il grafico ottenuto è superfluo, non conclusivo. la scena risulta involontariamente comica perché presenta come altisonante la lettura di una pagina del tutto sgangherata... di conseguenza il gesto di stracciarla , anziché simbolico, come si vorrebbe, diventa nonsense e isterico. tornando a orazio, non solo sono d'accordo, ma la mia personale posizione è ancora più estrema. spesso si crede che la tecnica poetica corrisponda a un insieme di espedienti che aiutino a dire meglio o bene qualcosa già noto la poeta , come se non ci fosse differenza fra poesia e linguaggio quotidiano. in realtà la poesia - come quasi tutto ciò che è essenziale nel pensiero - si articola in due momenti , mai distinti con nettezza : prima l'intuizione, che implica una certa visione d'insieme , poi lo svolgimento, ovvero la fase analitica (le "sudate carte"). la tecnica non è un' eventualità, ma la prima e unica necessità dell' ispirazione , la sua stessa manifestazione e conferma. poi , naturalmente, esiste anche una letteratura che è solo belles lettres, ad esempio quella di cristina campo, così come esistono autori visionari , ma sciatti o involuti nello scrivere , come edgar allan poe o william blake. né la campo né blake sono artisti , ma ritengo il carattere intuitivo dell'arte di gran luga più prezioso rispetto a quello strettamente arigianale. lo stesso orazio, tecnicamente perfetto , non credo abbia la stoffa né di un ovidio né di uno stazio.
  14. Yeats

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    malipiero - impressioni dal vero orchestra sinfonica di roma, francesco la vecchia
  15. Yeats

    Poesia

    purtroppo dovrò deluderti, perché una traduzione di quei versi , in versi, mi porterebbe via almeno quattro ore. in questi giorni non ho tempo a sufficienza né la giusta disposizione mentale. fra 3 settimane (cioè dopo la laurea) posterò anch'io qualche versione.
×