Vai al contenuto

Varsavia1830

Members
  • Numero contenuti

    1155
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su Varsavia1830

  • Rank
    Essenziale
  • Compleanno 20/06/1989
  1. Varsavia1830

    Diploma Pianoforte

    Scusate se ho ripreso questa discussione. Brevemente volevo solo dire che domani ho l'esame del diploma. So che non è un argomento di interesse comune ma siccome soffro di DOC e prima di ogni esame DEVO scrivere un post, concedetemi un secondo per farlo. C'è la fifa, c'è l'euforia, c'è l'angoscia, c'è l'ironia, c'è di tutto e di più. Io non so voialtri diplomati come vi sentivate la sera prima (e questo non è topic dove parlarne, però è stato il primo con la parola "diploma" che ho rintracciato) ma devo dire che è proprio un'esperienza molto strana. Spero che vada tutto bene, vi lascio subito Addio!
  2. Varsavia1830

    Quale pezzo romantico per l'ottavo?

    Io l'ho portata all'ottavo : )
  3. Varsavia1830

    Leggere nota e diteggiatura insieme

    Eseguo sempre a memoria quindi non saprei cosa dirti XD Però in fase di studio non "leggo" i nomi delle note, il collegamento è tra segno sullo spartito e tasto, non passo per la fase "dicitura" della nota...o forse non ho capito la domanda ; )
  4. Varsavia1830

    Pianoforte e università

    Io sto frequentando sia università che conservatorio e per adesso me la cavo abbastanza bene : ) Studio chimica e tecnologia farmaceutiche (finito il secondo anno), che è un corso di laurea bello zeppo di laboratori (e durante i periodi di laboratorio si hanno 8 ore di lezioni al giorno) e sono finalmente arrivata al capolinea con il cons, cioè, finito il 10° anno mi appresto a dare l'esamone finale tra un mesetto. Mi sono organizzata così: a giugno ho dato tutti gli appelli del secondo semestre in modo da tenere l'estate per approfondire pianoforte. Ho studiato fino a consumarmi... non è stato un bel periodo ma se si vogliono portare avanti con successo le due cose trovo che (a meno di non essere dei geni) sia indispensabile una certa dedizione profonda allo studio XD E' stato ridicolo quando all'inizio dell'anno accademico 2009-2010 mi sono trovata ad avere otto ore di università dal lunedì al venerdì, più due ore di coro mercoledì e giovedì, un'ora e mezza di pianoforte martedì e un'ora e mezza venerdì. Tornavo a casa il sabato mattina (sto in appartamento nella città dove studio, che grazie a Dio ha sia l'uni che il cons) e passavo il finesettimana a studiare in modo selvaggio XD Uno si chiederà sicuramente: e quando cavolo studiavi strumento? Tranquilli, me lo sto tutt'ora chiedendo anche io.... eppure in qualche modo ce l'ho fatta e ora ho il mio programma abbastanza solido da perfezionare : ) Tradotto: non è impossibile ma bisogna farsi veramente, veramente, veramente una testa così : P
  5. Varsavia1830

    Scegliere il programma del diploma

    Anch'io porto Bach perché secondo me Beethoven non fa proprio per me : ) Mi piace da matti ma non penso che mi calzi granché... dunque porto ben due composizioni originali di Bach, una è la toccata in mi minore (pezzo carinissimo però molto molto esposto, secondo me) e una è una trascrizione Bach-Bach conosciuta praticamente solo a me, Bach, e il mio maestro, di una sonata per violino....soltanto l'adagio. So anche di persone che hanno portato sia Bach che Beethoven o___O''
  6. Varsavia1830

    Cosa state studiando....??

    Ciao ragazzi....sono ancora viva, più o meno....dopo secoli di inattività bazzico di nuovo per questo forum : ) Siccome mi diplomerò se Dio lo vorrà il 21 di settembre, sto studiando: Bach, adagio di una sonata per violino trascritto da Bach stesso per tastiera Bach, toccata e fuga in mi minore BWV 914 Franck, preludio corale e fuga (e aggiungo, morte del pianista) Ravel, jeux d'eau Chopin, sonata in sib minore op 35 Inoltre in questi giorni sto riprendendo i due concerti, Mozart K 271 e Konzertstuck di Weber ( )
  7. Varsavia1830

    Cosa state studiando....??

    Eccome se è difficile : O Da noi pianisti si porta al quinto ma è ben tosta a volerla far bene, certo a suonare tutte le note magari uno potrebbe dire che ok si fa, però diamine sempre Beethoven è : P Buondì sono tornata dopo un bel po' che non mi facevo viva ma sono un TANTINO presa. Per restare in topic sto studiando ancora Weber perché devo suonarlo in auditorium a metà mese, poi toccata e fuga in mi minore di Bach per il primo gruppo del diploma, poi sto leggendo il K 414 di Mozart sempre per il diploma (ma devo ancora decidere se lo porterò all'esame, intanto studio) e poi ho sotto un pezzo di Faurè che devo suonare martedì con la flauta a un saggio, una sonata di Beethoven per pf e vl che mi aspetta a un altro saggio finale...e per finire sto leggiucchiando Hindemith perché sono impazzita del tutto : ph34r: qualcuno ha mai suonato la terza sonata?
  8. Varsavia1830

    piccole grandi stecche crescono ^^

    Studiando in conservatorio senza possibilità di avere un pianoforte a casa per 5 giorni alla settimana (dato che resto in appartamento ergo studio SOLO nelle aule del cons, SOLO quando mi va bene, SOLO su pianoforti rigorosamente disastrati) ho sviluppato una certa elasticità e riesco a studiare (nel senso che non mi faccio troppe paranoie come facevo un tempo) su qualunque tastiera. Spesso studio su un tavolo. E' stupendo: non sbagli mai...
  9. Varsavia1830

    Memoria muscolare

    Io e il metronomo non ci capiamo, ormai da parecchi annetti a questa parte. Preferisco perfezionare la mia percezione interiore del tempo. Scelta, o non scelta, fatto sta che mi trovo bene così. Per quanto riguarda invece il discorso memoria muscolare...so di essere un caso un po' bizzarro ma se io vado in ansia le mani si fermano all'istante. E' solo grazie alla sicurezza che mi dà la memoria mentale che riesco a non avere troppa ansia e a controllare bene l'esecuzione. Ad esempio, il mio meccanismo mnemonico ha un difetto pazzesco: ci metto una vita quando so le note col cervello e con le orecchie a farle passare alle dita. Tradotto: quando leggo / memorizzo un pezzo (lettura e memoria per me vanno assolutamente insieme) lo eseguo a una lentezza esorbitante: perché il cervello pensa e controlla esattamente ogni nota (ho riscritto anch'io lunghi tempi di sonate...che palloso! ora però non credo mi sia più necessario, per fortuna XD...era solo una forma di rassicurazione!) e quindi le dita, che invece devono avere una risposta sensoriale meccanica tattile blablabla più complessa sono "a scoppio ritardato". L'aspetto positivo è che poi la memoria che ottengo è affidabile, sicura, precisa...insomma, riesce a darmi quel "tocco" di sicurezza nell'esecuzione che non avrei se suonassi con lo spartito!!!
  10. Varsavia1830

    Cosa state studiando....??

    Come mai? Di preciso..qual è la più grande difficoltà delle variazioni? Voglio dire, sarà come per tutto soggettivo, ma se chi le ha studiate o ci ha provato dovesse dire, a cosa imputerebbe le maggiori fatiche? Non che io voglia studiar le Goldberg, era per curiosità...
  11. Varsavia1830

    piccole grandi stecche crescono ^^

    Concordo in toto. O CON carta nel vero senso della parola (c'è chi ci riesce, io personalmente no, se non in fase di lettura o primo studio) o A MEMORIA, senza assolutamente spartito (a mio avviso la cosa ottimale. Per lo meno, io mi trovo benissimo quando conosco veramente bene un pezzo e lo so a memoria, non tanto per "guardarmi le mani" ma perché con un "senso" in meno da dover usare in "doppia corsia", ovvero occhi su carta e su tasti, mi pare di concentrarmi meglio sull'aspetto sonoro. : D)
  12. Varsavia1830

    Cosa state studiando....??

    Sì, ce ne sono altri? : O
  13. Varsavia1830

    Cosa state studiando....??

    : OOOO Qualcuno ha mai studiato il Konzertstuck di Weber per pf e orchestra? Non voglio studiare la marcetta .__. è bruttina .___. PS: Nessuno studia più niente? : P
  14. Varsavia1830

    lavoretti con la musica...!

    Ma infatti io più che ai bambini che vanno impostati da zero mi sarei rivolta magari a qualche più grandicello che vuol suonare ma che ha già avuto una base, o che comunque non vuol suonare per entrare in conservatorio e studiare "seriamente" tra virgolette. Non mi sentirei MAI in grado di impostare da zero qualcuno, per questo penso ci voglia molta molta molta esperienza. Io per adesso ho alcuni anni di ripetizioni alle spalle, ma comunque si tratta di un altro ambito e anche se queste esperienze si sono rivelate fortunate (i miei allievini hanno reagito benissimo, un paio sono anche stati promossi al debito scolastico -ed erano stati dati per casi fuori speranza insomma - ) nonché qualche pseudo lezione a un'amica di mia sorella (11 anni) che ha una sua maestra di pianoforte ma aveva difficoltà con il metodo di studio: in buona sostanza l'aiutavo a studiare e non mi davano assolutamente nulla, però a lei è servito e ogni tanto torna ancora da me. Il mio obiettivo sarebbe appunto avere modo di fare esperienza senza danneggiare nessuno...! : )
  15. Varsavia1830

    lavoretti con la musica...!

    Io suono alle messe di alcune feste. Mi danno una miseria ma amen. Meglio una miseria che niente. Comunque volevo trovare anch'io da insegnare, perché non ne posso più di gravare così tanto sui miei ç____ç Per non dire che è il mio sogno di sempre...
×