Vai al contenuto

Eliogabalo

Members
  • Numero contenuti

    144
  • Iscritto

  • Ultima visita

Tutti i contenuti di Eliogabalo

  1. Non potevo fare a meno di notare che il tenore teneva spesso gli occhi incollati sul direttore, anche nel grande duetto finale. M'è parsa una cosa da principianti e m'ha seccato un po'. Non capisco l'ovazione calda e convinta che hanno ricevuto. Qualche anno fa il pubblico della Scala non era cattivissimo con gli interpreti che osavano essere "discreti" anziché "eccellenti"?
  2. Eliogabalo

    Il Donizetti brutto

    Il titolo è ovviamente una provocazione, anche se lo stesso Massimo Mila si diceva perplesso dei languori estetici di alcuni rispetto a opere verdiane non propriamente eccelse: ammetteva quindi che anche i nostri numi operistici potessero, talvolta, toppare. Donizetti ha scritto una settantina di opere, di cui tre o quattro sono molto celebri e forse nemmeno una dozzina ha un discreto successo. Il resto sembra, almeno a me, un "hic sunt leones". In tal senso, del mitico gruppo "Rossini Donizetti Bellini Verdi Puccini" è il compositore con la percentuale più infelice. Leggendo la sua biografia, tra l'altro, sembra che raccogliesse una manciata di fiaschi per ogni successo. Molto incostante. In genere ascolto un paio di opere al giorno, preferibilmente quelle che non ho mai sentito. Il mio culto è per Rossini. Non mi trovo certamente agli antipodi rispetto a Donizetti come potrebbe essere per un pucciniano e così via. Epperò, avventurandomi fra i vari "Torquato Tasso", "Imelda de' Lambertazzi", "Maria de Rudenz", "Zoraida in Granata" (questa non male in verità), "Gli esiliati in Siberia" e molte altre oggi destinate a gente piuttosto strana, ho scoperto di non divertirmi se non a brevi tratti particolarmente ispirati. C'è molta banalità fra queste dimenticate. Mi dicevo però che, in duecento anni, il pubblico ha dimenticato un capolavoro come "Ermione" di Rossini! Ovviamente non sto parlando di "Roberto Devereux", "Elisabetta al castello di Kenilworth" e financo "La romanzesca e l'uomo nero" che ho amato. Insomma, secondo voi è così infondata la battuta del "Donizetti Dozzinetti"? Ha scritto opere proprio brutte, che nel dimenticatoio stanno discretamente bene? Ci sono ascolti donizettiani che vi hanno delusi?
  3. Eliogabalo

    RICHARD WAGNER

    Io con Wagner ho un problema di natura estetica - nulla a che spartire con la musica. Mi riferisco alle rappresentazioni. Mentre con gli altri operisti riesco a vedere tranquillamente i loro personaggi e le loro scene sul palcoscenico o sullo schermo, continuo a non reggere rappresentazioni di spettacoli wagneriani. Adoro la sua musica, naturalmente. E' il mio preferito. Ma mi sono accorto di goderla molto di più se seduto sulla mia poltrona, a occhi chiusi. Il che è strano. Proprio Wagner è l'operista la cui rappresentazione è capitale. Ma tra brunhildi sovrappreso o sigfridi col doppiomento, e tra Lohengrin su un cigno palesemente robotico (o senza cigno!!) e Maestri Cantori in giacca e cravatta, io sprofondo verso la forma concertistica dei drammi wagneriani. Banale! Ma che farci? parte i suoi drammi sono leggermente irrappresentabili, parte i registi moderni sono usciti di senno. E questo solo con Riccardone (per fortuna ... ?). Una Tosca di duecento chili, o in tuta di pelle, non mi ha mai sconvolto.
  4. [media]http://www.youtube.com/watch?v=M6clckVtMqo Inter deos ...
  5. Questo apogeo a chi (probabilmente domattina) capiterà sotto di me : [media]http://www.youtube.com/watch?v=hkrGhpKZN6o Mi muove sempre qualcosa nell'anima.
  6. E' una vita che non l'ascolto, non mi sconvolge ormai più. La musica colta era, è e sarà sempre nel mio cuore. Però il suo impegno (nonché il suo guardaroba) continuano a piacermi.
  7. [media]http://www.youtube.com/watch?v=P-Q9D4dcYng La sentii la prima volta una notte, alle 2 e mezza, in una strada deserta mentre tornavo a casa in macchina con due amici.
  8. Gio. B. Pergolesi, STABAT MATER. A chi ha qualche fastidio - e al caro utente sotto di me.
  9. Aha io stavo ascoltando la III! per la precisione [media]http://www.youtube.com/watch?v=X35SS6LcbBk&feature=fvwrel
  10. Continua la manìa per gli archi ... (l'altro ieri ho detto a una mia amica violinista che l'avrei incatenata alla mia scrivania per costringerla a sviolinare Paganini alla mia mercé.)
  11. Io sto seriamente per morire [media]http://www.youtube.com/watch?v=ge5CiAAdTxs&feature=related riconoscete da che opera viene la satira?
  12. [media]http://www.youtube.com/watch?v=T4fqC8FvDPU Alle signore del Forum e alle signore dei signori! (amando follemente la Horne)
  13. [media]http://www.youtube.com/watch?v=XEZXjW_s0Qs&feature=context-vrec A chi sta sorseggiando un caffè o ne ha ancora il sapore in bocca.
  14. Oh grazie! Ricambio col (forse) mio pezzo preferito in assoluto: [media]http://www.youtube.com/watch?v=ZlKvv83qFhQ (Perennemente indeciso fra questo e il valzer dei fiori, ma è sempre lui il vincitore)
  15. ---> contemporaneamente et Con Otello, l'unico Verdi che tuttora apprezzo.
  16. [media]http://www.youtube.com/watch?v=z42GrmR4U2Y&feature=g-vrec A chi sotto di me. Dopo attenta e lunga meditazione, ho compreso di avere un innamoramento potente verso quartetti di archi/concerti per violino ec.
  17. Ai nottambuli: [media]http://www.youtube.com/watch?v=7lOSvvsXTus che di vellutato e sonnolento ha poco. Però sarebbe bellissimo sognare sir Fastaff
  18. Anche musicisti facevano così. Mi viene in mente quel geniaccio di Rossini, oppure Bellini, coi grandi prestiti Zaira-Capuleti e Montecchi.
  19. Così si procederebbe per piani di lettura, un po' come (mi perdoni Dante-dio) con la Commedia. Questa idea velata mi piace molto, darebbe molto in profondità alla classica storia d'amore e morte.
  20. Ma come, nessuno s'è ricordato della trama inafferrabile del Trovatore? Io non sono ancora certo di chi sia figlio di chi! E meno male che la Leonora ha un ruolo separato/compartimento-stagno, sennò complicherebbe ancora di più le cose. Poi ciò che prova e ha davvero dentro la mia adorata Tosca lo sa solo lei. Ma sono CONVINTO che lei reciti dall'inizio alla fine. Finge quando fa la gelosa pensando alla Attavanti (ha sentito Angelotti che confabulava col Mario: come non capirlo dalle informazioni che sbotterà poi indispettita). Finge durante la tortura. Finge addirittura quando scanna Scarpia, come estremo gesto istrionico. E lei SA che il salvacondotto è un bluff, ma non lo dice a Mario (e viceversa: che lui si aspetti la tragedia imminente lo si deduce dalla didascalia 'triste' mentre Tosca fantasticheggia sul loro futuro, per convincersi). Il pianto sul corpo di Mario è falso - ma in tutto l'ultimo atto lei appare euforicamente esaltata, esagitata. Il suo suicidio è il programmato suggello della sua carriera teatrale. Per questo amo quell'opera e il suo folle intreccio: perché lei sa e finge sempre, e Angelotti, Scarpia e Mario muoiono, e lei si uccide, per un vezzo teatrale che fa volutamente sconfinare nella vita reale. Che c'è di più istrionico, plateale e premeditato di Oh Scarpia, avanti a Dio! - ?
  21. Io per Sibelius vado con [media]http://www.youtube.com/watch?v=3S_ItXpjWNE&feature=related ma in fondo come non favorire [media]http://www.youtube.com/watch?v=9t0FBQ3xeVA Dedicato con piacere agli amanti di Sibelius sopra di me. EDIT: in ritardo spaventoso, ma fa niente
  22. Vedo dai risultati che qui molti trovano il tenore un ometto arrogante, o succube del soprano, o un illuso. Bene, bene!
  23. [media]http://www.youtube.com/watch?v=zITT5cff5lU A chi si sente in pace - e a chi capiterà sotto di me.
×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy