Vai al contenuto

Madiel

Admin
  • Numero contenuti

    20452
  • Iscritto

8 Seguaci

Su Madiel

  • Rank
    Spazio siderale

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Luogo
    Daquì
  • Interessi
    Sesso, automobili e yacht di lusso, vacanze ai tropici

Visite recenti

140230 visite nel profilo
  1. Accidenti, mi è tornata la nostalgia... Questa edizione non ce l'ho in disco, mi toccherà comprarla.
  2. eh già, diventato famoso per questa parte in una serie di filmetti melensi
  3. Più o meno solo lo stesso tipo di sparate che si fanno altrove, per esempio in topic letterari, e che fanno passare la voglia di rispondere perchè poi si finisce nell'offensivo. Mah, post discutibilissimo, perchè fa un sacco di confusione tra questioni formali e di contenuto. Già il fatto che la materia e i contenuti novecenteschi squalificavano la musica ottocentesca non depone a favore del tuo paragone. Inoltre, se poi si analizzano con attenzione le opere che citi, nel complesso rispettano la forma sinfonica e anche i contenuti di una sinfonia. L'adattano ai tempi, ma non la negano! Vedi la sparizione dello scherzo nella sinfonia moderna. Detto questo, mi tiro fuori dalla discussione. Avrei da dirne, ma non ho voglia di invischiarmi in polemiche pretestuose e tanto meno ho tempo da perdere. E neppure ricopro in forum la posizione adatta per buttarmi in "guerre". Lascio volentieri il campo a voi altri. Mi associo agli auguri per @snorlax, anche se per scaramanzia andrebbero fatti a conseguimento ottenuto
  4. In genere evito le notizie di attualità musicale, ma questa è interessante: Ashkenazy si ritira (era anche ora ) https://www.harrisonparrott.com/news/2020-01-17/vladimir-ashkenazy-retires?fbclid=IwAR2Zuj-nj1UjzCbT3Ub0ul5rbnaOiQXuMdKtd9b430XmcThIvJuly-YD_aU
  5. Ah, che gran bel cd! --- Berners: Fugue in C Royal Liverpool PO, Wordsworth
  6. Concordo. Differenze di temperamento. Giusto.
  7. Stasera provo questa Schreker: Das Spielwerk und die Prinzessin varii, Coro e Filarnonica di Kiel diretti da U. Windfuhr
  8. Lavori sinfonici che non sono sinfonie: per me vanno bene lo stesso, eh, poi bisogna solo vedere se reggono
  9. Mah, non penso sia questo il punto: avere l'idée fixe per mantenere coerente il materiale mi sembra, anzi, un'ottima trovata architettonica perchè permette di non divagare. Nel romanticismo divenne una soluzione quasi obbligata di fronte alla dissoluzione della forma. Comunque, la Fantastique cerca di mantenersi nella tradizione, sui generis naturalmente! Berlioz era un riformatore della sola sostanza. Il problema sono, semmai, gli epigoni come Magnard, giusto per citarne uno che ritorna spesso, con poche idee e grandi ambizioni di rimanere nella tradizione. Mi pare, ma credo che Saint-Saens sia stato il primo in assoluto a darne una parte congrua in un pezzo sinfonico.
  10. E direi. Per esempio, si potrei citare il fatto che non ha uno scherzo (sempre che non si voglia considerare l'incipit della seconda parte come tale). L'orchestrazione presenta anche dei passaggi per pianoforte a quattro mani che sono unici nell'Ottocento, e che riappariranno solo nel secolo successivo. L'accompagnamento "ecclesiastico" dell'organo della prima parte è qualcosa di anti-sinfonico, se vogliamo è piuttosto musica d'atmosfera. La conclusione è una fuga accademica, altro fattore abbastanza singolare per l'epoca, ma non è appiccicaticcia al resto del corpo. Sì, si chiama Sinfonia perchè l'autore così l'ha denominata, ma poi non è tanto lontana da un poema sinfonico lisztiano - almeno da quelli meno descrittivi, perchè S.S. aveva il buon gusto francese di mantenere una certa astrazione. In questo caso, l'autore ha modificato la forma ai suoi voleri, ma ne ha ottenuto un capolavoro di originalità in cui convivono molte novità senza dare la sensazione di artificiosità, che ritrovo invece in molta musica "d'avanguardia" ottocentesca in cui aspirazioni e artigianato fanno a pugni e danneggiano opere potenzialmente bellissime. Sia chiaro che non ho difficoltà a scrivere, pur disprezzando il risultato complessivo, che certe pagine di quella di Franck sono perfino belle se suonate a dovere (v. le esecuzioni sopra citate di Bernstein e Martinon). Per me, però, è poco. Personalmente piace la Sinfonia di Dukas, pur trovandola un prodotto difettoso, come ho scritto sopra. E' solo questione di mettersi d'accordo senza azzannarsi. Comunque, pensandoci, i francesi tutto sommato erano allergici alla Sinfonia come genere, forse perchè considerato dai più troppo germanico. In effetti, la tendenza a scansare questa forma è presente pure in tutto il Novecento francese, stavolta in aperta polemica con il romanticismo tedesco. Gli autori che si sono cimentati sono pochi, e spesso senza troppa convinzione. Altri, come Milhaud, l'hanno rivisitata secondo la propria estetica.
×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy