Vai al contenuto

Madiel

Admin
  • Numero contenuti

    19312
  • Iscritto

  • Ultima visita

5 Seguaci

Su Madiel

  • Rank
    Extraterrestre

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Luogo
    Daquì
  • Interessi
    Sesso, automobili e yacht di lusso, vacanze ai tropici

Visite recenti

116893 visite nel profilo
  1. Madiel

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    Questa è archeologia!
  2. Madiel

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    Infatti, penso che la buona filologia sia anche una via di mezzo, che non porta alla sterilità e alla maniera. Giusto ieri notte mi sono sentito un video della BWV 78 con Herreweghe, con un organico assai ridotto, la musica sembrava una radiografia. Bello, però alla fine noioso. Suzuki all'inizio mi piaceva pure, almeno per quel poco che avevo sentito, poi mi è sembrato diventare sempre più cerebrale e alla fine non mi ha interessato più. Non è tanto una questione di freddezza, perché quando vuole nelle sue interpretazioni c'è scatto e umanesimo. E' la concezione complessiva ad essere cervellotica, cioè riguarda quello che il direttore vuole far esprimere alla musica. E' Bach, ma nello stesso momento è il suo contrario.
  3. Madiel

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    Neanche nell'edizione del 1985 erano pessimi solisti e coro, solo che l'esecuzione era avvolgente e calda come un iceberg e la registrazione opaca, distante E' il genere di filologia che fa male alla salute Rilling è così amorevole, umanista, nel suo modo di concepire Bach. Chiede ai suoi esecutori un suono pieno, ma non grasso alla Richter per intenderci, che mi piace molto e che tutto sommato soddisfa le istanze filologiche, inoltre rende la musica con una estrema naturalezza. E poi i suoi cantanti sono, in genere, eccellenti.
  4. Madiel

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    Gardiner II sarebbe diverso da quello orrendo per Archiv ? Suzuki mi piace appena come interprete bachiano, sembrava chi sa cosa all'inizio, poi è divenuto sempre più pedante e forzatamente spirituale, oltre che costa un botto
  5. Madiel

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    Io ce l'ho nell'altra edizione per Hansler della Bach-Ediscion: eccellente sotto ogni aspetto, per me Rilling è un grande. Mi sono proposto di raccogliere, col tempo, tutte le sue cantate bachiane, ma è una impresa che al momento mi spaventa per motivi intellettuali. Mi sono limitato a quelle profane, a un paio di quelle sacre, alla Messa e a un paio di oratori. Ultimamente giravo attorno alla Cantata n.78, magari ci farò un pensierino a breve.
  6. Madiel

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    Il Concerto di Bliss è moderatamente interessante, una strana via di mezzo tra certo neoclassicismo del periodo, direi pure certo oggettivismo costruttivista di marca franco-tedesca, e le istanze espressive tipiche della musica inglese più accademica. Né carne e né pesce, lavoro che non può accontentare i gusti dei più e che oggi è finito di conseguenza dimenticato. Escluso quello di Vaughan Williams (per me un capolavoro almeno nella versione per due pianoforti), è senz'altro il concerto per pianoforte inglese coevo più importante, almeno per il rispetto della forma (escludo di proposito la Sinfonia concertante di Walton, perché sui generis). Sargent mi sa che lo prende un po' sul pesante, i direttori britannici di vecchia scuola mi rendono diffidente a priori in questo repertorio, non mi hanno mai convinto. Ricambio con Vivaldi: Concerto per due violoncelli RV 531 Europa Galante, Biondi C'è poco da dire, senz'altro una esecuzione troppo elettrica nei movimenti veloci ma recupera nel placido Largo. Però, quanto sono bravi!
  7. Madiel

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    Tu vai con Vivaldi, io rilancio con Dutilleux Dutilleux: Timbres, espace, mouvement (1978) Orchestre National de Lyon, Serge Baudo
  8. Madiel

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    Testimonianza di momento folle della filologia
  9. Madiel

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    Eccome, gradisco tutti e due, tra i miei pezzi preferiti Certo, però, che sono un abbinamento un po' stridente perchè Dutilleux tendeva a limare il suono, invece Milhaud a squadrarlo. Facendo un paragone pittorico, grosso modo Dutilleux era un impressionista, mentre Milhaud un cubista. Ricambio con questo Vivaldi: Concerto per due mandolini RV 532 Europa Galante, Biondi Il cd è molto bello, ma trovo il suono estremamente aggressivo (specie nei primi due concerti RV 532 e 558). Eccessivi scarti ritmici quasi "jazz", esagerazioni espressive nel fraseggio e altre cose che Vivaldi probabilmente si poteva solo sognare e che nelle partiture non ci sono. E' tutto sopra le righe, mi pare un Vivaldi ubriaco Che diamine, è pur sempre musica del Settecento...
  10. Madiel

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    Vivaldi: Concerto "dedicato a Sua Altezza Reale di Sassonia" RV 576 Europa Galante, Biondi
  11. Madiel

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    Penderecki: Anaklasis London Symphony Orchestra diretta dall'Autore
  12. Madiel

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    E' così che si fa, due grandi a confronto! Io, invece, in questi giorni di estrema calura fuori stagione mi sto limitando ad ascolti barocchi. Ho anche la fissa per questa, che ti dedico Schuman (quello con le "n" giuste ): Symphony No.10 "American Muse" (1976) St Louis Symphony Orchestra diretta da Leonard Slatkin
  13. Madiel

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    Vivaldi: L'estro armonico op.3 The English Concert, Pinnock
×