Vai al contenuto

Diego Marone Bianco

Members
  • Numero contenuti

    36
  • Iscritto

  • Ultima visita

Tutti i contenuti di Diego Marone Bianco

  1. ad oggi la situazione non è migliorata, anzi è leggermente peggiorata. La tendinite persiste e fa male! Ho avuto modo di valutare che è iniziata quando ho preso a suonare regolarmente in clarinetto in La; si vede che, per il mio fisico, 1 oretta in più al giorno di clarinetto in La ha causato 'sta tendinite. A sto punto provvederò utilizzando un collarino per lo studio ...
  2. qualcuno di voi ha per caso da passarmi (o mi sa dire dove acquistare) questa partitura? Anticipatamente ringrazio, Diego
  3. Negli ultimi giorni mi è comparsa una fastidiosa tendinite localizzata nella zona mano dx, esattamente tra pollice e polso. Ritengo sia uscita dal momento che nell'ultimo mese ho intensificato le ore dedicate allo strumento ed inoltre perché ho suonato molto il clarinetto in La, più pesante di quello in Sib. A prescindere dall'aspetto medico (mi sono rivolto al mio medico curante, e sto seguendo una terapia), vorrei sapere se anche voi avete avuto esperienze simili e come le avete risolte. Nella fattispecie, mi chiedevo se l'utilizzo di un collarino, che immagino diminuisca la pressione esercitata sul pollice dx che sorregge lo strumento, possa risolvere il problema. Ancora, mi chiedevo se questa tendinopatia possa essere legata all'utilizzo del clarinetto in La che, chiaramente, richiede un posizionamento leggermente diverso delle dita.
  4. Ciao. Lascio la risposta tecnica, relativa al connubio bocchino/ancia, a persone molto più qualificate del sottoscritto, quali Maestro in primis. Ti dico però una cosa. Anche io anni fa sono stato lontano dal clarinetto circa 2 anni (mi ero diplomato circa 6 anni prima). Riniziare è stato difficile, molto difficile e demoralizzante. Le dita si ripresero abbastanza bene, ma il suono stentava ad essere quello di una volta. Ho risolto la problematica armandomi di stanta pazienza, ed adottando questo trucco: note lunghe, scale ed arpeggi, alternando legati e staccati, pp e ff, etc etc. Vedrai che così risolvi il problema del suono secondo me. In bocca al lupo, ciao.
  5. Ciao Zorba. non essendo un professionista, non riesco a fugare tutti i tuoi dubbi, specialmente non so quali professionisti lo suonino in orchestra! Posso però affermare che, secondo me, è uno strumento con una notevole potenza di suono!!! non ho mai provato un prestige, quindi non sono in grado di fare un confronto ma, rispetto all'RC che tuttora ho, il Patricola è molto più potente ... Per darti l'idea, come paragonare un'automobile 3 cilindri con un 6 cilindri Ancora, è vero che è stata recentemente sostituita la boccoletta del portavoce; questo aggiornamento dovrebbe servire, se non ho capito male, a migliorare l'emissione di alcune note. Se comunque hai bisogno di sapere quali professionisti utilizzano PAtricola in orchestra, basta che contatti gli stessi Patricola, che sicuramente ti daranno questa info.
  6. Sono stato proprio questa mattina presso i Patricola. Al solito sono stati estremamente gentili, mi hanno risolto in tempo zero un problemino che, stupidamente, non sono stato in gradi risolvere da solo e, già che ero lì, mi hanno "AGGIORNATO" il mio Virtuoso con le ultime novità. La prima consiste in una differente boccola del portavoce; trovo che già prima era molto buona, adesso lo strumento mi da l'impressione di essere ancora più sonoro! Inoltre, hanno studiato dei nuovi barilotti; sono senza ghiere, e mi è stato spiegato (senza che entrassimo in spiegazioni teniche) che rendono il suono più potente ed equilibrato. Nei prossimi giorni farò un po' di prove son questo nuovo barilotto e vi farò sapere le mie impressioni. Una cosa però ci tengo a dirla: ad 1 anno di distanza dall'acquisto del mio Patricola, tenendo anche conto del fatto che quotidianamente suono 1 ora e non di più (è un hobby, non ci lavoro), resta comunque certo il fatto che il mio strumento è incredibilmente ancora nuovo! intendo che, come meccanica e come stato delle chiavi, non si distingue da uno nuovo. Sono veramente soddisfatto, con l'ancia giusta diventa veramente un mostro !!!
  7. Ciao Arnold. Io utilizzo, come te, un Patricola. E gli abbino un B40 con fascetta in pelle Rovner light ed ance Vandoren blu 3 oppure V12 3 e 3,5. Il suono che ne esce mi garba assai, molto pieno, ho la possibilità di suonare bene sia i ppp che i fff, discreto staccato, con l'ancia buona ottimi anche gli acuti.Ti ho riportato la mia esperienza che, magari, testandola, ti trovi bene anche te.
  8. dopo anni ed anni duranti i quali ho sempre e solo utilizzato Vandoren blu n° 3 su un B40, incuriosito dai vostri post, ho provato altre ance. Non mi sono trovato affattot bene con Rico, Marca, Ricotti, e neppure con le Vandoren Rue le Pic 56. Invece, le Vandoren V12 mi hanno risolto un sacco di problemi, e vi piego il perchè. Personalmente la Vandoren Blu ne trove buone 1 su 10. Chiaro che, quella buona, va davvero bene, e dura anche parecchio. Invece, per le V12, ne vanno bene 7-8 su 10. Durano di meno, e qualitativamente le trovo leggermente inferiori alle blu, ma del pacchetto non butto via praticamente nulla. 71 dovessi dare dei voti: Vandoren blu - qualità 9/10 - quantità 2/10. Vandoren V12 - qualità 8/10 - quantità 7/10 Saluti
  9. Ciao Maestro. mhhhhh ... per il glissato - anche io glisso normalmente da sol a do e poi "scivolo via " con il pollice dal foro dietro per arrivare al Re. Ma, a quel punto, per portare il suono su su fino al Sol acuto, vai soltanto di gola? Per le posizioni degli acuti finali - sol-sol#-la-la#-si-do ... usi per tutti le posizioni canoniche?
  10. Volevo sapere se qualcuno di voi ha da passarmi le posizioni che utilizza per salire fino al Do acuto alla fine del pezzo menzionato. Chiaramente non rimandatemi alle classiche tabelle con le posizioni, quelle le ho pure io e già le utilizzo; mi piacerebbe capire che posizioni utilizzate voi altri e valutare se sono migliori di quelle che adopero io. Grazie in anticipo, Diego p.s. sempre nello stesso pezzo, il glissato tra sol3-sol4 mi sta dando filo da torcere ... in particolare, non trovo proprio semplice dare continuità al glissato nel passaggio do-re. Io ci sto lavorando in questo modo; da sol a re vuoto, quindi cambio ditteggiatura e dal re posizione standard fino al Sol4. Chiaro che si sente, purtroppo, una leggera mancanza di continuità dovuta al cambio di ditteggiatura del re
  11. Ciao DDI. Sono circa 25 anni che suono il clarinetto; dopo due Buffet RC sono passato, l'anno scorso, ad un Patricola. Cosa ne penso? Sicuramente sono soddisfatto. Non noto, rispetto a Buffet, una perdita di qualità e di prestazioni come taluni sostengono. Nel passaggio da Buffet a Patricola ho avuto piccole difficoltà dovute alla posizione della chiave del Mib, che è strutturata diversamente che nei clarinetti Buffet. Dopo 1 anno posso assicurarti che è studiata meglio sul Patricola che sul Buffet. Il suono 1: completamente diverso! E' molto bello, scuro. Ma, se devo essere onesto, gli RC mi davano una qualcosina in più come timbro. Tuttora, ogni tanto rispolvero il mio RC (il primo amore non si scorda mai ...); riesco ad ottenere dei piccoli vibrati che con il PAtricola non ottengo, piccolissime cose appena appena percettibili, che rendono il suono più vivo sull'RC che sul PAtricola. Il suono 2: come dinamica il PAtricola è eccezionale. Rispetto all'RC di prima riesco a spingere molto di più con i forti. Meccanica: dopo 1 anno è ancora perfetta. I tamponi sono ancora perfetti. Le chiavi silenziose come quando l'ho comperato. Altro argomento che devi conoscere, è che quando ho acquistato il mio Patricola, ho telefonato ai Signori Patricola che mi hanno organizzato una giornata presso la loro fabbrica, durante cui ho potuto comodamente provare una 15 di strumenti. Sai quello che comperi. Tutti gli strumenti erano simili, ne ho poi scelto uno in particolare che mi pareva rispondesse meglio alle mie esigenze, ma dirti se sinceramente se c'era differenza con gli altri ...
  12. ... concerto, mi garba tantissimo quello di Copland :-)
  13. Ciao Flap. L'anno scorso ho sostituito pure io il clarinetto, così come stai facendo te. Ero tentato dall'acquistare un altro Buffet RC, dato che negli anni ne ho utilizzati due con cui mi sono trovato bene. Se non che, girando qua e là di forum in forum, ho letto commenti lusinghieri anche su Selmer e Patricola. Sono andato in fabbrica dai Patricola, data la vicinanza chilometrica a loro, e sono tornato a casa con un clarinetto nuovo: personalmente, non lo ritengo spartano e trovo abbia una ottimo suono; anzi, lo valuto qualitativamente superiore ai 2 Buffet da me posseduti. Sia chiaro, non ti sto dicendo di acquistare Patricola perchè è il clarinetto migliore, solo non escluderlo a priori, potrebbe riservarti delle belle sorprese come capitato a me :-)) Diego
  14. oh già, Rovner light anche x me, Nevohteeb, ottime prestazioni e prezzo davvero contenuto.
  15. Tuttavia quando ci si trova ad un concorso dove il livello generale è altissimo, anche una piccola cosa può fare la differenza Bravo Maestro, ben detto. Al di là di tanti riflessioni che ho letto su questo post, alcune con una loro validità scientifica, altre molto estrose, e qui mi fermo, va detto che secondo me uno strumento buono è uno strumento buono, punto. Se un clarinettista passa da un clarinetto in plastica da studio, ad un Patricola piuttosto che un RC piuttosto che un Selmer REcital, avrà senzìaltro degli indubbi vantaggi, al di là di tutte le considerazioni riportare in questo ed altri post. Chiaro è che un professionista, deve invece valutare quale strumento sia il più adatto al suo stile di suonare. Dateglu un tosca ad una capra,. sempre capra resterà
  16. Ciao,stò cercando la partitura Clarinetto/pianoforte del Concertino per clarinetto di Donizetti.Fammi sapere se ce l'hai.Grazie mille.Ciao!

  17. Ciao. B45 con Vandoren normali misura 1,5 ? Mi rendo conto tu abbia problemi di potenza, troppo morbida quella misura di ancia sul B45. Dovresti decisamente salire, come consigliato da Sauro, su delle 2,5 / 3. La mia esperienza personale mi porterebbe anzia dirti 3 tutta la vita, se non 3,5. Io, infatti, sul B45 ho sempre utilizzato Vandoren normali 3 piuttosto che 3,5. Saluti, Diego
  18. non sapevo esistesse la versione per cl. ed orchestra, infatti le avevo suonate per cl. e pf. Mi ricordo bene la fighetta finale, carina e d'effetto!
  19. Alcuni amici mi hanno invitato a preparare un pezzo insieme a loro; si tratta di diversi violinisti, inoltre c'è un violista ed un violoncellista. Il violoncellista è diplomato, il violista ha un buon livello, i violinisti sono eterogenei: da chi ha un buon livello a chi è decisamente ad un grado iniziale. Ad oggi ci siamo trovati due volte ed abbiamo suonato insieme l'Adagio del concerto di Mozart; lo trovo troppo "pesante" per il livello medio dei violinisti. Pertanto, avete dei consigli da darmi su che pezzi si potrebbero suonare? Non per forza è necessario suonare pezzi originali, si tratta di un'associazione musicale il cui unico intento è passare qualche ora insieme. Se avete delle idee (o delle partiture), fatemi sapere, grazie in anticipo. Diego
  20. Quoto in toto quanto ti è stato detto dai colleghi; la scelta del bocchino è decisamente personale, e non per tutti valgono le stesse regole. Ad esempio, io mi trovo molto molto bene con il B40, mentre ho a casa sostanzialmente inutilizzati un B40 profilo 88 ed un B40 Lira. Il primo non mi permette la stessa facilità di legato e di suonare gli acuti che mi da il B40 normale, mentre il secondo mi fa ottenere un suono decisamente inferiore come qualità. Ti conviene andare in un grosso negozio musicale, prenderti tutto il tempo del caso, e provare diversi bocchini suonando le stesse cose; dovresti renderti conto di che cosa fa al caso tuo. Diego p.s. pensa che il mio M° ai tempi mi aveva vivamente consigliato un B45, successivamente io ho provato altri bocchini in conservatorio, e sono passato al B40. Scelta che si è rivelata felice, tant'è che il mio M° non ha avuto nulla da obiettare, anzi ha quotato la mia scelta.
  21. le variazioni di Rossini, quelle in Do. Non troppo difficili da suonare da rischiare, molto carine da ascoltare per un pubblico non educato alla musica classica.
  22. Vengo subito al dunque; trovo che, se non trovo un'ancia perfetta, il mio suono non sia + limpido come una volta. Devo dire che questa è una mia sensazione, che ultimamente ho fatto 2 concerti con piano ed 1 con pf e vlc, e gli altri a mia esplicita domanda mi hanno risposto che il suono usciva molto pulito. Però non mi esce dalla testa che sia presente questo fruscio, specialmente sui pp. LA cosa non la sento più quando utilizzo le 3 ance "buone" che ho messo da parte, con le quali sento il suono pulitissimo anche sui pp. Capita o è capitato anche voi questo fenomeno? Pensavo, non è con il passare degli anni ho magari cambiato senza accorgermi il mio modo di suonare, pertanto adesso dovrei usare delle ance più morbide? (uso Vandoren B40 c0n Vandoren blu n° 3 prevalentemente) Grazie, Diego
  23. Ciao. Ultimamente sono rimasto molto deluso dal fatto che, pur avendo acquistato 3 confezioni di ance Vandoren n° 3 blu, ne ho trovata giusto 1 che andasse bene per un concerto. Scoraggiato dalla cosa, ho voluto nell'ultimo mese acquistare altre ance per capire se ci sono dei prodotti migliori. Ho acquistato delle Marca, e non mi hanno soddisfatto, ho preso delle Rico confezione da 5 e pure mi hanno deluso, infine ho preso delle Rigotti n° 3 e n° 3 1/2. Le sto usando in questi giorni. Personalmente, trovo che richiedano un utilizzo maggiore di fiato rispetto alle Vandoren, ma devo dire che, per studio, vanno praticamente tutte bene. Apprezzo, inoltre, il fatto che danno un suono potente sia sui bassi che sugli acuti; ancora, non mi soddisfano sui piani (trovo che ci sia un fruscio di fondo che no nriesco ad eliminare). Inoltre le sento molto meno lisce rispetto alle Vandoren; non sono mai stato bravo a sistemare le ance, ma dovrò imparare, penso che sistemandole, le Rigotti aumentino decisamente le loro prestazioni. Comunque, a conclusione di tutto, ritengo che, nel mio caso, le Vandoren rimangono il prodotto migliore, qualitativamente parlando; purtroppo, per una Vandoren che va bene, ce ne sono almeno 8/9 che non vanno bene. Ma, d'altra parte, quando ho la fortuna di trovare un'ottima Vandoren, la porto avanti un sacco di tempo. Che dire, se vuoi provare fallo, e fammi poi aspere che cosa ne pensi. Diego
  24. ... io ho sempre usato una banalissima lametta "da barba" per alleggerire le ance ... forse allora capisco x' ho sempre tribolato :-( Proverò a comperare della carta vetrata a grana finissima x vedere se avrò dei giovamenti.
×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy