Vai al contenuto

Ives

Members
  • Numero contenuti

    7294
  • Iscritto

Risposte risposto da Ives

  1. 51dCYiUHrmL._AC_.jpg

    Da spotify. Brutta era 30 anni fa e brutta rimane 30 anni dopo. E' stato il disco con il quale ho conosciuto quest'opera, ma oggi sinceramente lo boccerei senza appello. Leppard aveva una frequentazione assai assidua con questo oratorio fin dagli anni '50 e credo esistano delle riprese audio con Vickers e la Sutherland al Covent Garden (ovviamente piene di tagli). Lo riprese anche quando collaborò con la Minnesota Orchestra. Qui siamo in UK a fine anni 80 ma sembra di essere 30 anni prima (eccetto i tagli, la partitura è quasi completa):  la direzione è slentata e pedante, musicalmente piattissima e pesante, privo di nerbo e grigissimo il colore orchestrale, troppo gravido l'accompagnamento al cembalo, a cui saltuariamente si aggiunge un organo. Del cast si salva poco e niente, forse solo la gradevole Burrowes, ma in un ruolo minore. Il resto sono tutti cantanti a fine carriera e in grande difficoltà: Tear è totalmente afono e si sforza enormemente; la Watts incappa in vibrati enormi; la Baker è completamente disseccata; Luxon allora in un breve periodo di fama discografica è ruvidissimo e sfocato. Come pure Shirley Quirk ha perso tutto il suo tono da baritono elegante. Anche il coro è anonimo e non si ricopre certo di gloria.

  2. Chi era Converse? Ce lo spiega Hurwitz. Un autore americano dall'idioma tardo-romantico (Wagner, Tchaikovsky, primo Strauss), anche se in seguito sviluppò un'inclinanzione leggermente più moderna, formandosi alla scuola del New England. Studiò anche in Europa con Rheinberger e fu maestro di Hohvaness. Un bel disco Naxos della Falletta con i suoi poemi sinfonici ispirati a testi di Whitman e Keats...e alla 10000000 automobile Ford 😁

    81mvAYltBjL._SS500_.jpg

  3. On 22/11/2020 at 17:42, kraus dice:

    Qualcuno ha acquistato, ascoltato e apprezzato l'opera omnia berlioziana? (Per questo Natale er cofanone da 27 sarta, ma potrebbe essere tra i papabili per una qualche prossima occasione e/o ricorrenza).

    Hector BERLIOZ - Official website | Hector Berlioz - Official website

    E' complessivamente buono. Questi box vanno giudicati, secondo me, nella loro interezza. Poi se valutiamo incisione per incisione, può esserci di meglio (Fantastique sicuramente, ad esempio).

  4. 15 ore fa, giobar dice:

    Georg Friedrich HANDEL
    Acis and Galatea

    Sophie Daneman - Patricia Petibon
    Paul Agnew
    Les Arts Florissants
    William Christie

    Secondo ascolto in pochi giorni. Delizioso. Christie riesce a mantenere un tono fiabesco e aereo che conquista.

    Per quanto mi riguarda, edizione notevole, da affiancare o da scegliere tra la "vecchia" Archiv di Gardiner e la recente Chandos di Curnyn. Superba la concertazione di Christie e il "tappeto sonoro" che stende per i cantanti (tutti bravi), trasparente, nitido e mobilissimo amplificando al massimo grado ogni sfumatura espressiva. Les Arts Florissants memorabili come sempre e nutritissimo il continuo con due tiorbe, cembalo e organo. Non è indicato su che edizione ci si basi per la partitura, perchè dopo il duetto finale del primo atto c'è un piccolo coretto sullo stesso testo ("Happy we") che non risulta in altre incisioni. La parte di Damon, quasi sempre appaltata a un tenore, è qui cantata da un soprano leggero come la Petibon (che canta benissimo le due arie).

  5. Segnalato dall'amico bruckneriano @Snorlax qualche giorno fa. E' un librone, una sorta di Bibbia bruckneriana, scritta dal noto musicologo William Carragan. Descrive tutti i lavori di Bruckner in tutte le edizioni e versioni disponibili. E' una grande risorsa, ma forse si scade un pò nel fanatismo e nella musicologia esornativa.

    redbook_mockup-color-e1576042961232.jpg

  6. 3 ore fa, Majaniello dice:

    Ma di Kurtag che mi dite?

    Kafka-Fragments è per me una delle composizioni più belle del '900, almeno tra quelle per voci e strumento e sicuramente la più rappresentativa di Kurtág, anche come dimensioni e durata. Un po' come i brani per pianoforte Jatékok, sono la summa delle varie anime della musica Kurtág, tesa tra estrema rarefazione e tensione verso un paesaggio umorale inconfondibile.

    91uRHkynWiL._SS500_.jpg

    614X7e3o63L._AC_SX522_.jpg

  7. 13 ore fa, Wittelsbach dice:

    Fortuna che non l’avevo visto prima! L’ascolto di questo cofanetto, come ho ricordato un’altra volta, è legato a uno dei miei momenti più penosi: era fine luglio 2017, ero in un viaggio di lavoro e fui lasciato con un whatsapp dalla mia ragazza, che era malata di cancro e mi supplicò di starle vicino ugualmente. Sarebbe morta a 28 anni il luglio dell’anno dopo. Da allora Bantock sta riposto in un angolo nascosto del mio scaffale.

    Che tragedia! Ci credo che non lo ascolti più...

  8. Il ciclo mahleriano IDEALE, personalissimo di Hurwitz. Con anche i lieder e con attenzione alle novità degli ultimi anni.

    1) Honeck (Exton)

    2) Fischer (Channel)

    3) Haitink (Philips/Decca)

    4) Kubelik (DG)

    5) Stenz/MelbourneSO (ABC)

    6) Gielen (Hanssler)

    7) Bernstein (Sony)

    8)Wit (Naxos)

    9) Karajan (DG)

    10) Sanderling (Berlin Classics)

    Das Lied von der Erde) Klemperer (EMI)

    Das Klagende Lied) Tilson Thomas (RCA)

    Des Knaben Wunderhorn) Chailly (Decca)

    Kindertotenlieder e altri) Baker/Barbirolli (EMI)

    518b0jV5c6L._AC_.jpg

    Assoluta novità, mai vista nè sentita...🤔 mentre il ciclo di questo Stenz a Colonia registrato dalla Oehms mi ha detto poco, tutto abbastanza superficiale.

  9. Lo avevo segnalato qualche ora fa. Hurwitz è un fan dichiarato di Ivan Moravec e non si fa scappare la ghiotta occasione di recensire questo bellissimo box celebrativo della Supraphon dedicato al misconosciuto (almeno da noi) pianista ceko, specialista soprattutto in Chopin e Debussy. 11CD + 1 DVD Terrific 😆

    2261.jpg?1604351340

    @hurdy-gurdy

     

  10. 1 ora fa, kraus dice:

    :D Devo farmi preparare una maglietta con sopra il video (non un'immagine, no: proprio il video) di Hurwitz che canta e sbatte la testa sul gong. Ma fatta in modo che, ogni volta che qualcuno clicca sulla maglietta stessa, il video parta da 21:40.

    😁 anche una gif animata non sarebbe male...nel frattempo:

    Le cantate di JSB. We're up to BWV5! Wo soll ich fliehen hin con la curiosità della "tromba da tirarsi" utilizzata nell'aria finale per basso (ovviamente l'edizione Rilling scelta da Hurwitz la sostituisce con la tromba):

    SlideTrumpet2.jpg

    71Iv++W96BL._SX466_.jpg

  11. Una IDEALE discografia del Ravel orchestrale...

    Sheherazade-Overture: Boulez (Sony)

    Pavane: Silvestri (EMI/Warner)

    Rapsodie espagnole: Haitink (Philips/Decca)

    Ma mere l'oye: Martinon (EMI/Warner)

    Daphnis et Chloe: Monteux (Philips/Decca)

    Tzigane: Haendel/Ancerl (Supraphon)

    Piano Concerto Left Hand: Larrocha/Foster (Decca)

    Piano Concerto: Argerich/Abbado (DG)

    Bolero: Bernstein/ONF (Sony)

    Minuet Antique: Tortelier (Chandos)

    Valses nobles et sentimentales: Munch (Sony)

    Une Barque sur l'ocean: Ozawa (DG)

    Alborada del gracioso: Paray (Mercury)

    La Valse: Cluytens (EMI/Warner)

    Le Tombeau de Couperin: Ormandy (Sony)

    Direi di andare direttamente a 21.40 😁

  12. On 18/11/2020 at 17:11, Snorlax dice:

    Mi permetto di ricordare - perchè a sua volta me l'aveva segnalato @Ives se non erro - un'ottimo ciclo sinfonico brahmsiano, a capo della sua attuale orchestra, i gloriosi bostonians.

    Vero, bellissimo: maturità, equilibrio, suono cristallino, plasticità di fraseggio esemplari e con dinamiche variatissime e sempre coerenti col disegno formale e il carattere delle sinfonie. L'approccio è sicuramente molto tradizionale. I Bostonians suonano divinamente bene! Si trova tranquillamente su Spotify.

    81O5Sr6yR2L._SS500_.jpg

    Notare come il nome del music director sia scritto piccolino, mentre è stampato bello grande e in giallo il nome dell'orchestra, povero Andris 😆

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy