Vai al contenuto

Ives

Members
  • Numero contenuti

    6568
  • Iscritto

Su Ives

  • Rank
    Lunare

Profile Information

  • Sesso
    Maschio

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. La discografia ufficiale del Quartetto Italiano è stata recentemente riassunta da un monumentale cofanetto di 37 cd con tutte le loro registrazioni per la Philips, la Decca e la Deutsche Grammophon. Poi c'è qualche ristampa dei dischi Emi. Ora è arrivata questa testimonianza storica inestimabile: la Audite ha scoperto a Berlino molti inediti registrati per la Rias, la radio fondata dalle forze di liberazione statunitensi nel dopoguerra. Ne è uscito questo triplo cd che arricchisce di molti pezzi il patrimonio discografico della formazione italiana (Donizetti, Cherubini, Shostakovich) e ce ne presenta un ritratto giovanile, con tutta la sua sobrietà e la purezza del suo classicismo. L’opera 77 di Haydn è un modello d’eleganza, Ravel e Schumann sono di una raffinatezza senza pari. Bellissimo anche Schubert, illuminato da un fraseggio efficacissimo. E poi c’è la scelta di difendere un repertorio italiano allora completamente sconosciuto, dal settecento ai contemporanei. Il quartetto in fa magg. di Cherubini e il Quarto di Malipiero sono eseguiti mirabilmente. Troppo "cigolante" l'approccio a Shostakovich (il n. 7) @Snorlax
  2. Dahl Alto Saxophone Concerto John Harle, alto saxophone The New World Symphony Michael Tilson Thomas
  3. Bliss Meditations on a Theme by John Blow BBC Symphony Orchestra Sir Andrew Davis
  4. Tra le novità, disponibili su qobuz e Spotify, segnalo questa: @giordanoted in particolar modo. Compatta, originale, potente, bella. Magari chi è abituato a esecuzioni hip, non rimarrà folgorato...
  5. Molto bravo, lo si apprezza a maggior ragione quando dirige un'orchestra minore e non di tradizione come la Sinfonica di Galizia. Ha fatto un egregio lavoro con questa compagine:
  6. Quale? Quello in studio Sony anni '60 con la New York Philharmonic, quello anni '70 con la LSO (coevo al video), o il tardo DGG con la Israel Philharmonic? Le caratteristiche sono più o meno simili in tutte le edizioni, quello registrato live in Israele ha però un suono molto più secco. Io prediligo quello mediano con la LSO, splendido, di cui c'è pure quest'altra testimonianza video anni '60: Nella seconda parte mi pare ci fosse la Quinta di Sibelius. Famose queste prove con un'orchestra giovanile tedesca:
  7. Stravinsky Le Sacre du Printemps Capriccio for Piano & Orchestra Symphony of Psalms Michél Beroff - piano The English Bach Festival Chorus London Symphony Orchestra Leonard Bernstein Royal Albert Hall, London April 8, 1972
  8. Cowell Hymn and fuguing Tune no. 10 Celia Nicklin - oboe Academy of St. Martin in the Fields Sir Neville Marriner
  9. Ives Symphony No. 3 "The Camp Meeting" Academy of St. Martin in the Fields Sir Neville Marriner
  10. Buone esecuzioni, però oggi le trovo un pò "meccaniche" non hanno la pastosità, la morbidezza e i colori degli strumenti d'epoca. Per le Sonate, l'ensemble Zefiro con Bernardini, davvero favolose (ristampate recentemente dall'originale Astrée).
  11. Rachmaninov The Bells, Op. 35 Armstrong/Tear/Shirley-Quirk London Symphony Orchestra & Chorus André Previn
  12. Shostakovich Symphony No. 6 Estonian Festival Orchestra Paavo Järvi
  13. Copland Lincoln Portrait James Earl Jones - speaker Seattle Symphony Orchestra Gerard Schwarz
  14. Ives

    Necrologi

    La facevo defunta da tempo 😮 Da ricordare anche in Wagner, Strauss e Mozart. RIP
×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy